La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA TERRA Riferimento: Guerrieri G., Pennacchi F. Sediari T., Istituzioni di Economia e Politica Agraria, Edagricole, Bologna, 1995 CAPITOLO 10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA TERRA Riferimento: Guerrieri G., Pennacchi F. Sediari T., Istituzioni di Economia e Politica Agraria, Edagricole, Bologna, 1995 CAPITOLO 10."— Transcript della presentazione:

1 LA TERRA Riferimento: Guerrieri G., Pennacchi F. Sediari T., Istituzioni di Economia e Politica Agraria, Edagricole, Bologna, 1995 CAPITOLO 10

2 PROPRIETA TERRIERA E POLITICA AGRARIA - Proprietà terriera e regime politico: - la tradizione liberista; - la tradizione socialista. - Lo Stato può intervenire sui meccanismi di formazione e distribuzione della proprietà terriera - Agevolazioni fiscali - Credito fondiario - Norme sui contratti agrari - Interesse della politica verso i problemi della proprietà terriera - Molto elevato fino agli anni 80 - Oggi meno rilevante – progresso tecnologico -> dagli interventi sulla proprietà a quelli sullimpresa.

3 LA BONIFICA (1) - Bonifica: il passaggio da un iniziale regime fondiario e ordinamento ordinamento agricolo con esso interdipendente ad altro regime fondiario ed altro connesso ordinamento agricolo (Serpieri) - Opere di miglioramento e trasformazione fondiaria: dominio privato (fino al 1920). - Legge 1 marzo 1924: bonifica come trasformazione fondiaria di pubblico interesse - Legge Serpieri - T.U. n. 215 del 13 febbraio 1933 (bonifica integrale) - Bonifica, poteva essere a carico dello Stato - Opere di miglioramento fondiario: eseguite dai proprietari - Concetto di integralità: programmazione integrata.

4 LA BONIFICA (2) - Bonifica oggi: obiettivo il territorio, non solo lagricoltura. - Legge 183/89: norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo. - Programmazione di intervento per bacini idrografici - Principi della 183/89: - Difesa del suolo a carattere interdisciplinare ed intersettoriale - Definizione di un ambito territoriale di intervento con il bacino idrografico - Piano di bacino quale strumento di programmazione e pianificazione - Legge 8 giugno 1990 n. 142: nuovo ordinamento sulle autonomie locali – Modifica del Titolo V° della Costituzione - Accordi di programma: per assicurare il coordinamento delle azioni

5 LA RIFORMA AGRARIA - Le riforme agrarie: - riforme di tipo liberale; - riforme di tipo contadino; - riforme di tipo collettivista. - La riforma agraria in Italia; - i problemi strutturali dellagricoltura in Italia; - i principali provvedimenti legislativi; - gli interventi a favore della proprietà coltivatrice.

6 RIORDINO FONDIARIO - Caratteri della proprietà fondiaria in Italia: frammentazione e polverizzazione. - Inconvenienti della frammentazione e polverizzazione. - RIORDINO FONDIARIO: interventi per incidere su queste forme anomale della proprietà: - permute cura della frammentazione - riunioni particellari - ricomposizione fondiaria (misura PSR) - cura della polverizzazione - mantenimento dellunità aziendale nella successione (maso chiuso in Alto Adige, Legge 57/94 legge sulla montagna) - minima unità colturale (Codice Civile) - prepensionamento (misura PSR)

7 ACCERTAMENTO PROPRIETA TERRIERA - Catasto fondiario: - nato con duplice scopo: scopo civile e fiscale - oggi solo scopo fiscale - proprietà giuridica: solo presunzione, non prova - catasto non probatorio (stati germanici) - conservatoria delle ipoteche: accertamento giuridico della proprietà

8 FORME DI POSSESSO - La tecnologia e i mutamenti del mercato richiedono un rapido adattamento strutturale delle aziende agricole - Gli interventi di riordino della proprietà comportano grandi difficoltà - Scarsa diffusione delle cooperative di conduzione dei terreni - Importanza delle forme contrattuali (superamento dei problemi legati alla cessione del diritto di proprietà): - affitto - contratti associativi - enfiteusi

9 AFFITTO (1) - La principale forma contrattuale è laffitto (20% in Italia tra le forme di possesso dei terreni) - Dal punto di vista giuridico è un contratto di locazione - Piccolo affitto proprietario coltivatore e affittuario (aumento della superficie dellazienda) - Grande affitto affittuario non coltivatore (rivolto alla globalità dellazienda) - Contratto di affitto (tre aspetti fondamentali, oggetto di forti contrasti nel passato ): - durata - canone - miglioramenti fondiari

10 AFFITTO (2) - Primo periodo : - concezione liberista con spiccata posizione di vantaggio del proprietario - durata libera da 1 a 30 anni - il proprietario poteva non accettare le migliorie (minor somma tra speso e migliorato) - Secondo periodo : - affermazione del diritto di impresa dellaffittuario; - laffittuario può essere autorizzato dal giudice, anche contro il volere del proprietario ad effettuare miglioramenti fondiari: indennità in base al migliorato. - durata max 30 anni; inizio del periodo di proroghe; - canone: libera contrattazione, ma cominciano ad emergere leggi per la definizione di un canone equo, anche se solo a titolo indicativo - Terzo periodo: 1960 ad oggi: - crescente potere vincolante del potere legislativo - numerose legge varate: 567/62, 11/71, 814/73, 176/78, e 203/82: paura dei proprietari di non riavere la terra a seguito delle numerose proroghe, che hanno scoraggiato la diffusione del contratto di affitto - equo canone: operazione impossibile - Legge 203 del 3 maggio durata (art. 1-4): 15 anni con rinnovo tacito, se il proprietario non invia la disdetta - canone di affitto (art. 8-15): fissato per legge, derivante da una moltiplicazione del reddito dominicale, fissato dalle Commissioni tecniche provinciali - miglioramenti fondiari (art ):procedura complessa che coinvolge lAssessorato regionale competente - art. 45: patti in deroga (articolo più importante della legge), il contratto di affitto torna ad essere libero.

11 CONTRATTI ASSOCIATIVI - Sono contratti nei quali gli attori dei rapporto contrattuale concorrono alla realizzazione della produzione in forma compartecipativa. - Ognuno apporta uno o più specifici fattori della produzione ed ad ognuno compete una parte del prodotto ottenuto. - Limportanza di queste forme, oggi: - dal p.d.v. storico: trasformazione dei sistemi agrari (es. appoderamento) - dal p.d.v. economico: dibattito economico-agrario - Contratti agrari (dal p.d.v. normativo): - mezzadria o colonia parziaria appoderata; - colonia parziaria; - compartecipazione agraria - soccida mista e conferimento al pascolo

12 CONTRATTO DI MEZZADRIA - Contratto di mezzadria: a) Capitale tutto del proprietario; b) Lavoro tutto del mezzadro; c) Prodotti divisi a metà; d) Spese colturali divise a metà; e) Direzione tecnica ed amministrativa del proprietario. - Diversità da Regione a Regione. - Codice Civile: contratto di associazione. - Concedente e mezzadro (famiglia). - Difficoltà di adattamento allevoluzione del sistema economico a partire dal dopoguerra: questione mezzadrile.

13 ENFITEUSI, USI CIVICI E PROPRIETA COLLETTIVE - Enfiteusi : contratto perpetuo o a tempo lunghissimo, spesso misurato a generazioni, stipulato tra un proprietario e un lavoratore (enfiteuta); questultimo assumeva la gestione del fondo con lobbligo di miglioramento, dietro pagamento di un canone annuo. - Usi civici (molto diffusi in Italia): su territori appartenenti ad un privato proprietario, le popolazioni di un paese avevano diritto di trarre utilità varie: far legna, utilizzare le ghiande, utilizzare altri prodotti, ecc. - Proprietà Collettive (prendono il nome di: associazioni agrarie, università agrarie): coesistenza di diritti di proprietà di un gruppo di individui facenti parte di una collettività. - Demani Comunali : terre possedute dai Comuni non come proprietà propria, ma come demanio universale; si tratta di una proprietà collettiva del Comune su cui gli abitanti esercitano i loro diritti.


Scaricare ppt "LA TERRA Riferimento: Guerrieri G., Pennacchi F. Sediari T., Istituzioni di Economia e Politica Agraria, Edagricole, Bologna, 1995 CAPITOLO 10."

Presentazioni simili


Annunci Google