La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Luomo come guscio vuoto La questione antropologica alla luce della Caritas in Veritate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Luomo come guscio vuoto La questione antropologica alla luce della Caritas in Veritate."— Transcript della presentazione:

1 1 Luomo come guscio vuoto La questione antropologica alla luce della Caritas in Veritate.

2 2 Questa presentazione trae spunto dallinteressante riflessione fatta dal professore Donati sotto la pineta di Calarossa nel mese di agosto del 2009.

3 3 1.La carità come relazione 2.La carità principio di organizzazione sociale 3.Verso il binomio società civile & famiglia 4.Rapporto carità & verità

4 4 1.La carità come relazione

5 5 POPULORUM PROGRESSIO LO SVILUPPO DEI POPOLI 26 marzo 1967 PER UNO SVILUPPO INTEGRALE DELL'UOMO VERSO LO SVILUPPO SOLIDALE DELL'UMANITÀ

6 6 Lenciclica Caritas in Veritate propone un nuovo modo di pensare in risposta a una richiesta che era già stata fatta da Paolo VI nella Populorum Progressio (1967), quando ha affermato che il mondo ha bisogno di un pensiero nuovo.

7 7 Il Papa nellenciclica ha presente coloro che sostengono che si sta passando (e si dovrebbe andare) verso il posthumanum, il transhumanum, cioè coloro che propongono il superamento della categoria dellumano, perché – a loro dire – lumano è troppo debole e possiamo, con la scienza e la tecnologia, attingere un livello superiore di capacità e potenza.

8 8 È chiaro che lumano tende a superarsi, a eccedersi; lumano tende sempre al sovraumano. Il problema è come ci tenta. Oggi lumano tenta di attingere il sovraumano non già attraverso lo spirito, cioè sviluppando le proprie potenzialità spirituali, ma attraverso la tecnologia, i consumi, lo sviluppo economico, il benessere materiale, ecc. anziché cercarlo nello spirituale, nel soprannaturale.

9 9 Idea al centro della Populorum Progressio di Paolo VI La carità è la principale forza che muove il mondo, muove tutto, è la chiave dello sviluppo della persona, è la chiave dello sviluppo dei popoli, è la chiave dello sviluppo dellintera umanità. E Il dato fondamentale della Caritas in Veritate è lo stesso: la carità (…) è la principale forza propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell'umanità intera (n. 1)

10 10 Qual è la novità introdotta dallenciclica di papa Benedetto XVI? Che la Carità, al di là di una bella immagine più o meno sentimentale, non è un mero sentimento, non è un atto individuale di generosità, non è un fatto privato, non è solo una virtù, ecc. ecc. La novità dellenciclica stà nel vedere la Carità come una relazione o come ciò che dà vera sostanza alle relazioni.

11 11 La rivelazione cristiana sull'unità del genere umano presuppone un'interpretazione metafisica dell'humanum in cui la relazionalità è elemento essenziale (n. 55). E la qualità delle relazioni che fa lumano. Lumano si definisce attraverso la relazionalità. Se la persona non si realizza nella relazionalità [non cè umanità. Lumano è lì, non nellindividuo come individuo. La relazione è costitutiva della persona.

12 12 La creatura umana, in quanto di natura spirituale, si realizza nelle relazioni interpersonali. Più le vive in modo autentico, più matura anche la propria identità personale. Non è isolandosi che l'uomo valorizza se stesso, ma ponendosi in relazione con gli altri e con Dio. L'importanza di tali relazioni diventa quindi fondamentale. Ciò vale anche per i popoli. È, quindi, molto utile al loro sviluppo una visione metafisica della relazione tra le persone, n. 53) Queste espressioni non sono mai state scritte in unenciclica.

13 13 Uno sviluppo autenticamente umano deriva dalla condivisione dei beni e delle risorse Come assicurarlo?

14 14 Affidandolo soltanto al progresso tecnico e alle relazioni di convenienza che creano di fatto interdipendenze. SCELTA A Come ottenere la condivisione dei beni e delle risorse?

15 15 SCELTA B Cercandolo nel potenziale della Carità da cui emerge un bene condiviso: una nuova interazione tra le coscienze e le intelligenze che apre alla reciprocità (questo bene che emerge è la Carità). Come ottenere la condivisione dei beni e delle risorse?

16 16 Il rischio del nostro tempo è che all'interdipendenza di fatto tra gli uomini e i popoli non corrisponda l'interazione etica delle coscienze e delle intelligenze, dalla quale possa emergere come risultato uno sviluppo veramente umano

17 17 2. La carità principio di organizzazione sociale

18 18 Lo sviluppo è impossibile senza uomini retti, senza operatori economici e uomini politici che vivano fortemente nelle loro coscienze l'appello del bene comune. (n.71) La verità apre e unisce le intelligenze (n.4) Sono necessarie sia la preparazione professionale sia la coerenza morale. Quando prevale l'assolutizzazione della tecnica si realizza una confusione fra fini e mezzi, l'imprenditore considererà come unico criterio d'azione il massimo profitto della produzione; il politico, il consolidamento del potere; lo scienziato, il risultato delle sue scoperte. (n.71)

19 19 È solo così che la carità, può diventare un principio di organizzazione sociale. In caso contrario, lenciclica indicherebbe unassoluta e pura utopia. Dire agli economisti, agli imprenditori, ai banchieri, ai finanzieri, ai petrolieri, che il mondo deve essere guidato dalla carità, non avrebbe senso. Ma neanche avrebbe senso rivolgersi ai politici, e in generale a nessuno degli attori dello stato e del mercato.

20 20 Se io fossi un uomo politico o un attore economico del mercato e del profitto, e leggessi questa enciclica senza aver presente questo, molto facilmente direi: è bella come i fuochi dartificio che si fanno in certe ricorrenze e feste, o per divertirsi. Insomma, come può la carità diventare un principio di organizzazione sociale, e quindi economica, politica, ecc.?

21 21 Il Papa parte dalla questione sociale per farla diventare una questione antropologica: chi è luomo? chi è la persona? La soluzione di tale questione va ricercata nella categoria della relazione. Limportanza di tali relazioni diventa quindi fondamentale. Ciò vale anche per i popoli (n. 53). Questo è il leit motive di tutta lenciclica.

22 22 Il principio della relazionalità come fondamento dello sviluppo della persona umana, viene applicato, alleconomia, alla politica, alla famiglia, alle tecnologie, allidea del progresso, alle imprese di ogni tipo, ecc. ecc. E quindi il problema è il passaggio da questa visione teologica e anche, se vogliamo, filosofica/ontologica/epistemologica, alla sua concretizzazione operativa in tutte le dimensioni della vita sociale.

23 23 Prima di entrare in alcune manifestazioni pratiche, ricordiamo che la Chiesa non ha soluzioni tecniche da offrire e non pretende « minimamente d'intromettersi nella politica degli Stati ». Ha però una missione di verità da compiere, in ogni tempo ed evenienza, per una società a misura dell'uomo, della sua dignità, della sua vocazione. Senza verità si cade in una visione empiristica e scettica della vita, incapace di elevarsi sulla prassi, perché non interessata a cogliere i valori talora nemmeno i significati con cui giudicarla e orientarla. (n.9)

24 24 La fedeltà all'uomo esige la fedeltà alla verità che, sola, è garanzia di libertà (cfr Gv 8,32)Gv 8,32 e della possibilità di uno sviluppo umano integrale. Per questo la Chiesa ricerca la verità, l'annunzia instancabilmente e la riconosce ovunque essa si palesi. Questa missione di verità è per la Chiesa irrinunciabile. (n.9)

25 25 La sua dottrina sociale è momento singolare di questo annuncio: essa è servizio alla verità che libera. Aperta alla verità, da qualsiasi sapere provenga, la dottrina sociale della Chiesa l'accoglie, compone in unità i frammenti in cui spesso la ritrova, e la media nel vissuto sempre nuovo della società degli uomini e dei popoli. (n.9)

26 26 3. Verso il binomio società civile & famiglia

27 27 Il Papa nella Caritas in Veritate fa con grande chiarezza un affermazione molto importante che il binomio Stato&Mercato sta uccidendo la socialità, quindi sta uccidendo la relazionalità fra le persone.

28 28 Cosè la società civile secondo lenciclica? Il Papa richiama il pensiero della Centesimus annus (1991), laddove Giovanni Paolo II dice: bisogna considerare tre attori, il mercato, lo stato e la società civile. SOCIETA CIVILE STATOMERCATO

29 29 Tutto il processo della modernità è la costruzione del mercato (lib) regolato dallo stato (lab): il compromesso lib–lab. fra i liberali e i socialisti. Noi siamo dentro questo modello. La nostra società sviluppa il mercato e poi ridistribuisce qualcosa sotto forma di welfare ai poveri, fa uguaglianza sociale, uguaglianza di opportunità di concorrere nel mercato attraverso la regolazione dello stato. SOCIETA CIVILE STATOMERCATO SOCIETA CIVILE STATOMERCATO

30 30 Tutta la nostra società sta andando avanti così. Più mercato, più opportunità individuali, più competizione, più produttività, più efficienza, ecc. ecc. a patto che lo stato possa regolare tutto questo e ridistribuire risorse assicurando, fin dove può, luguaglianza di opportunità, luguaglianza di partenza ecc. ecc. SOCIETA CIVILE STATOMERCATO

31 31 Se noi continuiamo per questa strada, dice lenciclica, noi uccidiamo la società, perché questo assetto uccide le relazioni interpersonali, uccide le relazioni associative nella società civile. Lidea di fondo è che bisogna rovesciare il processo di sviluppo della società. SOCIETA CIVILE STATOMERCATO SOCIETA CIVILE STATOMERCATO

32 32 Detto molto in sintesi, lo sviluppo della società moderna è guidato da stato e mercato. Il problema quindi è compiere questo passaggio: passare dal primato del binomio stato/mercato al primato del binomio famiglia/società civile. Dove società civile è distinta dal mercato. SOCIETA CIVILE STATOMERCATO

33 33 La grande novità dellenciclica – dovuta al contributo di alcuni studiosi – sta nel far vedere che esiste tutta una tipologia di realtà organizzative che stanno fra il mercato di profitto e la società civile, le quali sono di tipo solidaristico, non solo nel senso mutualistico e caritativo nel senso tradizionale del termine, ma nel senso che sono capaci di imprenditorialità e di costruzione di nuovi modelli di azione sociale per il bene comune, per esempio le organizzazioni di privato sociale.

34 34 Non si tratta di mettere in risalto la possibilità di avere delle piccole realtà caritative, ma di attingere una visione molto più grande, che coinvolge lintera società. È da questo punto di vista che si deve comprendere laffermazione del Papa secondo cui il problema decisivo è la complessiva tenuta morale della società (n. 51). Quello che il Papa dice è che la società (civile) non regge più. Non a caso il Papa dice: occorre che gli uomini tessano delle reti di carità (n. 9).

35 35 Ecco allora un altro punto essenziale dellenciclica quando afferma che lagire umano non deve guardare solo alladempimento degli obblighi comandati (dalla legge), né avere solo il motivo del guadagno, ma deve e può adottare un altro principio- guida: quello della reciprocità.

36 36 La città dell'uomo non è promossa solo da rapporti di diritti e di doveri (cioè: diritti e doveri vuol dire come prescritto per legge dallo stato e in base alle regole del mercato), ma ancor prima e ancor più da relazioni di gratuità, di misericordia e di comunione. La carità manifesta sempre anche nelle relazioni umane l'amore di Dio, essa dà valore teologale e salvifico a ogni impegno di giustizia nel mondo (n. 6).

37 37 Si insiste molto sulla fraternità. Però qui nellenciclica, il Papa quello che ci tiene a dire è che il dono e la fraternità non devono essere categorie marginali, cioè per gli emarginati. Il dono, la fraternità, la gratuità, la misericordia, ecc. non possono essere delle realtà indirizzate solo o principalmente ai poveri, ai tossici, agli emarginati, ai drop-out di vario genere, ma devono essere anche un principio di organizzazione delle imprese economiche, dei sindacati, delle associazioni dei consumatori, delle relazioni internazionali, ecc.

38 38 4. Rapporto carità & verità

39 39 La base di questa relazionalità è quello del rapporto fra carità e verità. La carità diventa un principio di organizzazione sociale, quindi non privatistico o soggettivo, se e solo se è strettamente connessa con la verità. È la verità che fa passare la carità da fatto privato, intimo, individuale a fatto sociale, a fatto di organizzazione della società. Dice il Papa: Senza la verità, la carità viene relegata in un ambito ristretto e privato di relazioni (n. 4).

40 40 È proprio ciò che lenciclica vuole, non dico combattere - il termine sarebbe troppo duro -, ma certamente intende criticare e superare: cioè lidea che la carità sia una relazione per un ambito ristretto e privato di rapporti umani. La carità deve diventare un principio sociale, di organizzazione sociale: per ottenere questo, le occorre la verità, perché senza la verità la carità rimane unemozione. Solo se cè un interscambio tra verità e carità, cioè se si pensano relazionalmente, allora si ha un cambiamento sociale.

41 41 Il nuovo umanesimo è legato a questo nesso, a questa connessione inscindibile, tra verità e carità che è quella che caratterizza lumano. La relazionalità di cui parla il Papa, quando afferma che la metafisica dellhumanum ha nella relazionalità un elemento essenziale (n. 55), è quella relazionalità che ha come suo costitutivo il nesso tra carità e verità.

42 42 Il Papa insiste molto sullidea della civilizzazione del mercato. Cosa vuol dire civilizzare il mercato? Vuol dire fondamentalmente che il profitto non può essere il fine esclusivo dellattività economica. Di qui lidea che il Papa esprime per cui le aziende non dovrebbero rispondere solo agli azionisti. Lenciclica su questo dice no!: le imprese economiche, dalle banche alle aziende, non possono - non possono! - rispondere solo agli azionisti, devono rispondere a tutti gli stakeholders che, come sapete bene, sono tutti i portatori di interessi.

43 43 Gli operatori di mercato si dovrebbero interrogare e regolarsi di conseguenza. Attenzione: non viene negato il valore del profitto, perché anche le organizzazioni non- di-profitto devono fare profitto se vogliono andare avanti, nessuno va avanti se spende più di ciò che ricava.

44 44 (Esempio della bioetica per far cogliere lì limportanza della relazionalità) Una conseguenza dellapproccio relazionale sulla procreazione artificiale è questa: se è vero che ciò che caratterizza lhumanum è la relazione, allora il problema della procreazione umana sta nel fatto che lidentità del bambino è umana nella misura in cui ha una sua dignità la relazione che lo ha generato. Per cui non si può dire che la procreazione artificiale possa essere usata da un individuo o da due individui a prescindere dalla relazione che dà dignità al figlio. Questa è soltanto una delle tante applicazioni che si possono avere delle applicazioni del principio relazionale.

45 45 Senza verità, la carità scivola nel sentimentalismo. L'amore diventa un guscio vuoto, da riempire arbitrariamente. È il fatale rischio dell'amore in una cultura senza verità. (n.3)


Scaricare ppt "1 Luomo come guscio vuoto La questione antropologica alla luce della Caritas in Veritate."

Presentazioni simili


Annunci Google