La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Master in Meteorologia Applicata Master Universitario di I livello 2002-2003 Rolando Rizzi Direttore, MMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Master in Meteorologia Applicata Master Universitario di I livello 2002-2003 Rolando Rizzi Direttore, MMA."— Transcript della presentazione:

1 Master in Meteorologia Applicata Master Universitario di I livello Rolando Rizzi Direttore, MMA

2 MMA: Raccordi con altre iniziative MMA segue l'istituzione del Corso di Laurea triennale in Fisica dell'Atmosfera e Meteorologia (Classe 25 - Scienze e Tecnologie Fisiche) presso lUniversità di Bologna. La proposta è stata favorita dal forte interesse espresso dall'Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente (ARPA) e dalla disponibilità ad collaborare alla sua organizzazione e gestione. MMA si avvale inoltre della iniziativa portata avanti presso l'Università degli Studi di Ferrara con il Corso di Laurea triennale in Meteorologia ed Ambiente.

3 MMA: Collaborazioni MMA rappresenta uno sforzo costruttivo di tre componenti: 1) La componente accademica, rappresentata dai docenti e ricercatori delle Università di Bologna e Ferrara, e tra di essi dei presidenti del Corsi di Laurea sopra citati;

4 MMA: Collaborazioni 2) La componente dei servizi regionali, Servizio Meteorologico Regionale (SMR) dell'ARPA, che partecipa attivamente allorganizzazione della didattica e degli stage e contribuisce con il suo personale qualificato, tra cui lo stesso Direttore dello SMR. 1) La componente della ricerca, con la partecipazione di personale dell'istituto ISAC (Istituto per lo Studio dell'Atmosfera e del Clima) del CNR.

5 MMA: Obiettivi Settore pubblico: il sistema nazionale delle Agenzie Ambientali, sia nella componente meteo-idrologica, sia nella componente di meteorologia e modellistica a supporto della qualità dellaria; le strutture tecniche di protezione civile, difesa del suolo e monitoraggio, prevenzione e protezione dellambiente (sistema nazionale dei Centri Funzionali regionali e nazionale); il sistema degli enti locali (province, comuni e comunità montane) e delle loro strutture tecniche di protezione civile, difesa del suolo e monitoraggio, prevenzione e protezione dellambiente.

6 MMA: Obiettivi Settore privato: ditte che costruiscono strumenti meteorologici; che producono software per la gestione di reti di misura; che effettuano valutazioni e certificazioni ambientali; Il Centro Euro-Mediterraneo di previsione del Clima Enti di Cooperazione Internazionale nel settore della meteorologia: –ECMWF (European Centre for Medium- range Weather Forecasts) –EUMETSAT –WMO (OMM)

7 MMA: Obiettivi Proseguimento degli Studi: Laurea Specialistica? Varie proposte in valutazione –LS a livello regionale in Fisica Applicata –LS (Fe, Bo, Pd)? MMA rappresenta a tuttoggi lunica possibilità di proseguire gli studi.

8 Attività didattica frontale Tecniche di previsione del tempo e nowcasting (6) Fisica delle nubi (3) Radarmeteorologia (3) Uso di dati satellitari in meteorologia (6) Principi di modellistica numerica (6) Climatologia e metodi statistici (6) Complementi di dinamica dell'atmosfera e dell'oceano (3) Strato limite planetario e modellistica della qualità dell'aria (6) Laboratorio di strumentazione meteorologica e standard di misura (6)

9 Altra attività didattica La sicurezza nei luoghi di lavoro (2) Visite e seminari (30 ore) Stage (500 ore) 6 CFU = 42 ore frontali +10 ore esercitazioni + 28 project work + 70 studio individuale

10 Corpo docente Rolando Rizzi, Uni. Bologna, Direttore di MMA; Stefano Tibaldi, Uni. Bologna, Direttore ARPA-SMR; Franco Prodi, Uni. Ferrara, Direttore ISAC-CNR; Marina Caporaloni, Uni. Bologna; Franco Mattioli, Uni. Bologna; Ennio Tosi, Uni. Bologna; Pier Paolo Alberoni, ARPA-SMR; Carlo Cacciamani, ARPA-SMR; Tiziana Paccagnella, ARPA-SMR; Davide Cesari, ARPA-SMR; Marco Deserti, ARPA-SMR; Vincenzo Levizzani, ISAC-CNR; Francesco Tampieri, ISAC-CNR Alessandro Battaglia, Uni. Ferrara.

11 Master 2003-Situazione Fase di ideazione iniziata nellAprile 2002 Approvato dalla Giunta di Ateneo e dal FSE nellOttobre 2002 Bandi di accesso fine Ottobre 2002: ammessi candidati con i seguenti titoli: –Lauree in Fisica, Matematica, Astronomia, Ingegneria Ambiente e Territorio, Scienze Ambientali e Scienze Geologiche –Laurea Triennale in Fisica e tecnologie fisiche (classe 25) –Laurea triennale in Scienze Ambientali (classe 27) –Laurea triennale in Ingegneria per lAmbiente e il Territorio (classe 8)

12 Master 2003-Situazione 22 domande; 12 studenti in corso regolare (8-12 studenti previsti) Inizio delle attività didattiche: 13/01/2003 Esperienza a tuttoggi assai positiva La prova della validità della esperienza è legata alla capacità di inserirsi nel mondo del lavoro. MMA rappresenta a tuttoggi lunica possibilità di proseguire gli studi.

13 Master 2004-Situazione Proposto il 15 Maggio 2003 Modifiche rispetto al 2003 per personalizzare la didattica Riformulazione Budget 30 Giugno Approvazione (?) Giunta di Ateneo:Agosto Bando Fondo Sociale Europeo (?):Settembre Bando MMA (?) Dicembre 2003

14 Master 2004-Situazione E importante che lUniversità ed il Consorzio Symposium siano sensibilizzati alla problematica dello sviluppo delle discipline meteorologia/fisica atmosfera/fisica ambientale/climatologia… In questa fase sono sufficienti dichiarazioni di interesse/intenti. Contattate il direttore se siete interessati a contribuire alla buona riuscita del master MMA-2004:


Scaricare ppt "Master in Meteorologia Applicata Master Universitario di I livello 2002-2003 Rolando Rizzi Direttore, MMA."

Presentazioni simili


Annunci Google