La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Grande Guerra in Friuli. In Italia la guerra comincia nel 1915 quando il 26 aprile la delegazione italiana firma il Patto di Londra. In cambio di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Grande Guerra in Friuli. In Italia la guerra comincia nel 1915 quando il 26 aprile la delegazione italiana firma il Patto di Londra. In cambio di."— Transcript della presentazione:

1 La Grande Guerra in Friuli

2

3 In Italia la guerra comincia nel 1915 quando il 26 aprile la delegazione italiana firma il Patto di Londra. In cambio di determinati riconoscimenti a livello territoriale, dichiara di entrare in guerra a fianco della Triplice Intesa.

4 Ben presto la guerra pensata come una guerra di movimento si trasforma in guerra di posizione…

5 Le trincee

6 Il fronte in Friuli

7 Udine

8 A Udine, la capitale della Guerra, ebbe sede il Comando Supremo di Luigi Cadorna e su una lapide nel "regio ginnasio liceo" cè scritto "In questa tranquilla sede di classici studi dal giugno 1915 all'ottobre 1917 il Comando supremo vigilò sull'ultima guerra massima e radiosa dell'italico Risorgimento".

9 Udine, carro armato in Viale Venezia il 2 novembre 1917

10 Piazza Vittorio Emanuele. Camion austriaco precipitato dalla salita del Castello. 5 maggio 1918.

11 In questa cartolina d'epoca, l'affollata piazza Mercatonuovo durante l'invasione austriaca di Udine.

12 Udine, concerto della banda militare austriaca in piazza Vittorio Emanuele durante l'invasione.

13 Udine durante l'invasione. Da destra a sinistra: Magg. Co. Galler-com' di settore, Ten. Col. nobile dottor Alfredo Manussidi Montesole Com. del distretto e città di Udine, Ten. Col. nobile Vallentsits. Di ritorno dalla cerimonia dell'instaurazione dell'amministrazione comunale di Udine.

14 Invasione austriaca di Udine. Gli austriaci tolgono le campane dal Duomo. 18 luglio 1918

15 Udine durante l'invasione. Cannone nel Piazzale di Porta Venezia ai primi di Novembre 1917.

16 Udine, viale Venezia, davanti alla fabbrica birra Moretti. Gli austriaci, prima di ritirarsi, caricano sui loro camion i macchinari ivi trasportati da Lubiana per produrre salumi, ecc.

17 Udine, piazza XX Settembre dopo la liberazione primi di novembre del 1917

18 Molti che parteciparono alla guerra, furono poi spinti a scrivere di essa. E quindi troviamo molti poeti fra cui fra gli italiani Ungaretti e Marinetti.

19 San Martino del Carso Di queste case non è rimasto che qualche brandello di muro. Di tanti che mi corrispondevano non è rimasto neppure tanto. Ma nel cuore nessuna croce manca. E' il mio cuore il paese più straziato Giuseppe Ungaretti

20 Bombardamento ogni 5 secondi cannoni da assedio sventrare spazio con un accordo tam- tuuumb ammutinamento di 500 echi per azzannarlo sminuzzarlo sparpagliarlo allinfinito nel centro di quei tam-tuuumb spiaccicati (ampiezza 50 chilometri quadrati) balzare scoppi tali pugni batterie tiro rapido Violenza ferocia regolarità questo basso grave scandere gli strani folli agitatissimi acuti della battaglia Furia affanno orecchie occhi narici aperti attenti forza che gioia vedere udire fiutare tutto tutto tara-tatatata delle mitragliatrici strillare a perdifiato sotto morsi schiaffffi traak-traak frustate pic-pac-pum- tumb bizzzzarrie salti altezza 200 m della fucileria Giù giù in fondo allorchestra stagni diguazzare buoi buffali pungoli carri pluff plaff impennarsi di cavalli flic flac zing zing sciaaack ilari nitriti iiiiii scalpiccii tintinnii 3 battaglioni bulgari in marcia croooc-craac [LENTO DUE TEMPI] Sciumi Maritza o Karvavena croooc craaac grida degli ufficiali sbataccccchiare come piattttti dotttttone pan di qua paack di là cing buuum cing ciack [PRESTO] ciaciaciaciaciaak su giù là là in-torno in alto attenzione sulla testa ciaack bello Vampe vampe vampe vampe

21 vampe vampe vampe ribalta dei forti die- vampe vampe tro quel fumo Sciukri Pascià comunica telefonicamente con 27 forti in turco in tedesco allò Ibrahim Rudolf allô allô attori ruoli echi suggeritori scenari di fumo foreste applausi odore di fieno fango sterco non sento più i miei piedi gelati odore di salnitro odore di marcio Timmmpani flauti clarini dovunque basso alto uccelli cinguettare beatitudine ombrie cip-cip-cip brezza verde mandre don-dan-don-din-béèé tam-tumb-tumb tumb tumb-tumb-tumb-tumb Orchestra pazzi bastonare professori dorchestra questi bastonatissimi suooooonare suooooonare Graaaaandi fragori non cancellare precisare ritttttagliandoli rumori più piccoli minutissssssimi rottami di echi nel teatro ampiezza 300 chilometri quadrati Fiumi Maritza Tungia sdraiati Monti Ròdopi ritti alture palchi loggione 2000 shrapnels sbracciarsi ed esplo-dere fazzoletti bianchissimi pieni doro Tumb-tumb 2000 granate protese strappare con schianti capigliature tenebre zang-tumb-zang-tuuum- tuuumb orchestra dei rumori di guerra gonfiarsi sotto una nota di silenzio tenuta nellalto cielo pallone sferico dorato sorvegliare tiri parco aerostatico Kadi-Keuy. Filippo Tommaso Marinetti

22 4-8 agosto 1916: conquista di Gorizia.

23 24 ottobre 1917: disfatta di Caporetto.

24 4 novembre 1918: armistizio fra Italia e Austria-Ungheria

25 Quello che ci resta dalla guerra…

26 Il tempio Ossario, monumento dedicato ai caduti della I Guerra Mondiale. Incisi sulle pareti ben nomi di soldati italiani esumati dai tanti cimiteri militari disseminati sul fronte del Friuli. Il Tempio Ossario

27 Il Sacrario di Redipuglia

28 Fogliano Redipuglia possiede il più grande sacrario militare che custodisce oltre centomila salme dei caduti del primo conflitto mondiale. Si tratta di un monumento nazionale, il simbolo del paese. Il grande monumento è posto alle pendici del Monte Sei Busi, con alla base la tomba del Duca d'Aosta e quelle dei suoi generali, mentre disposte su 22 gradoni seguono le salme dei caduti identificati e all'ultimo gradone quelle dei caduti ignoti. Sulla parte più alta del monumento dominano tre grandi croci di bronzo.

29 Presentazione a cura di Valentina Stel classe V A Tur. IPSSCART STRINGHER UDINE ANNO SCOLASTICO


Scaricare ppt "La Grande Guerra in Friuli. In Italia la guerra comincia nel 1915 quando il 26 aprile la delegazione italiana firma il Patto di Londra. In cambio di."

Presentazioni simili


Annunci Google