La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IMBALLAGGI E AMBIENTE Parte 1 La gestione degli imballaggi pre e post-consumo in Italia Dott. Eugenio Bora – CONAI Università degli Studi di Parma Corso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IMBALLAGGI E AMBIENTE Parte 1 La gestione degli imballaggi pre e post-consumo in Italia Dott. Eugenio Bora – CONAI Università degli Studi di Parma Corso."— Transcript della presentazione:

1 1 IMBALLAGGI E AMBIENTE Parte 1 La gestione degli imballaggi pre e post-consumo in Italia Dott. Eugenio Bora – CONAI Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Scienza e Tecnologia del Packaging

2 2 1- La gestione degli imballaggi pre e post-consumo in Italia Imballaggi e Ambiente Gestione Imballaggi - Imballaggi e rifiuti di imballaggi natura, consumi, responsabilità e doveri - La gestione degli imballaggi in Italia: il sistema CONAI - Consorzi dei Materiali normativa, struttura, gestione e risultati ARGOMENTI

3 3 Imballaggi e rifiuti I rifiuti sono un grave problema sociale, economico, ambientale: limballaggio ha una quota rilevante In Europa, la Commissione europea ha emesso alcune Direttive sui rifiuti e sugli imballaggi, recepite in Italia nel 1997 con il Decreto Ronchi e da aprile 2006 con il decreto Norme in Materia Ambientale: Decreto legislativo 152/06 (D.lgs 152/06) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. rifiuti e legislazione

4 4 I rifiuti urbani (RU) in Italia circa 32 milioni di tn anno 2005 Composizione Imballaggi 20 % (stima) acciaio0,4% alluminio0,2% carta/cartone7% legno1% plastica5% vetro7% Fonte: APAT-ONR, report 2006 Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. Rifiuti Urbani

5 5 Gli imballaggi Gli imballaggi: hanno una presenza pervasiva e trasversale a tutti i settori economici; sono percepiti in modo consapevole dal consumatore finale specie quando se ne deve disfare; possono essere reintrodotti efficacemente nel ciclo produttivo, una volta utilizzati. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

6 6 Gli imballaggi LE FUNZIONI DELLIMBALLAGGIO Quando si acquista un prodotto, di solito si acquista anche un imballaggio…. …che facilita il trasporto, la conservazione e la protezione della merce, luso e le prestazioni del prodotto....nonché linformazione e la comunicazione. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

7 7 Gli imballaggi vengono suddivisi in PRIMARI, SECONDARI e TERZIARI. Limballaggio PRIMARIO costituisce lunità di vendita per il consumatore. Per esempio: la bottiglia dellacqua, la lattina delle bibita, lastuccio in cartoncino della pasta… Limballaggio SECONDARIO è il raggruppamento di un certo numero di unità di vendita. Sono, ad esempio, imballaggi secondari gli espositori che troviamo sugli scaffali dei supermercati, le cassette dellacqua, il film plastico che racchiude più confezioni (fardello)… Infine, limballaggio TERZIARIO, limballaggio di trasporto come il pallet o le grandi casse. Gli imballaggi TIPOLOGIE DI IMBALLAGGI Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

8 8 Imballaggi in Europa (stime) 2004 EU 15 Immesso al consumo kt EU 10 EU metallicartalegnoplasticavetro Italia5,2%36,1%23,4%17,7%17,5% 6,3%39,4%15,8%17,1%21,4% Fonte: Rapporto Rifiuti 2006, APAT-ONR Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

9 9 Imballaggi in Europa (EU 15) stime 2004 %tn/abitante Austria1,8140 Belgio2,5145 Danimarca1,4159 Francia18,6200 Germania23,4178 Italia17,4200 Olanda4,8192 Regno Unito15,2155 Spagna11,1162 Svezia2,2110 Altri1,6- Tot100 Imballaggi immessi al consumo: 68 milioni di tn Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

10 10 Gli imballaggi in Italia Acciaio (6% fusti) Alluminio Carta e cartone Legno Plastica* Vetro Rigidi accoppiati (all-car-pla) 365 Flessibili da converter (all-car-pla)1.530 Altro 40 TOTALE Fatturato Mln 2006 Produzione Export Import Utilizzo Quantità kt Settori di impiego Food 38% Bevande 34% Non food 28% Aziende, nr Addetti, nr (stime) Fonte CONAI-Istituto Italiano Imballaggi Struttura produttiva Lindustria dellimballaggio in ITALIA *Esclusi sacchi RSU Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. imballaggi

11 11 Responsabilità POST CONSUMO Ciclo di vita del prodotto Responsabilità di prodotto Responsabilità di processo La gestione degli imballaggi: responsabilità e doveri Dalla responsabilità di processo alla responsabilità di prodotto: IPP (Integrated Product Policy) Per tutti i prodotti, lattenzione del legislatore si è andata focalizzando sullintero ciclo di vita del bene: non solo sulla produzione, la distribuzione e il consumo del bene, ma anche sul fine vita del prodotto (post consumo). Responsabilità Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. responsabilità

12 12 La gestione degli imballaggi: responsabilità e doveri In unottica di sviluppo sostenibile, è stata definita, nella legislazione italiana (Dlgs 152/06, art. 219) ed europea riguardante gli imballaggi, una SCALA GERARCHICA delle attività relative alla sostenibilità ambientale: PREVENZIONE RIUTILIZZO RICICLO RECUPERO DI ENERGIA A supporto delle decisioni, va utilizzata, ove possibile, lAnalisi del Ciclo di Vita (LCA, Life Cycle Assessment). Doveri Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. doveri

13 13 Prevenzione PREVENZIONE significa riduzione, in particolare attraverso lo sviluppo di prodotti e di tecnologie non inquinanti, della quantità e della nocività per l'ambiente dei materiali costituenti gli imballaggi: dalla fase del processo di produzione, a quella della commercializzazione, della distribuzione, dell'utilizzazione e della gestione post-consumo. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. Scala Gerarchica

14 14 Riutilizzo Il RIUTILIZZO ovvero qualsiasi operazione di riempimento o reimpiego di un imballaggio già utilizzato, per un uso identico a quello per il quale è stato concepito. Esempi tipici: -le bottiglie che vengono restituite dal consumatore e riempite di nuovo dal produttore di bevande; - i palletts riutilizzati nellindustria e commercio. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. Scala Gerarchica

15 15 Riciclo e Recupero di Energia RICICLO (o riciclaggio): ritrattamento in un processo di produzione dei rifiuti di imballaggio per la loro funzione originaria o per altri fini, compreso il riciclaggio organico ad esclusione del recupero di energia. Cioè: da carta si ottiene carta, da plastica..plastica ecc…. RECUPERO DI ENERGIA: lutilizzazione di rifiuti di imballaggio combustibili quale mezzo per produrre energia mediante incenerimento diretto con o senza altri rifiuti ma con recupero di calore. Riciclo + Recupero di Energia = RECUPERO Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. Scala Gerarchica

16 16 Analisi del ciclo di vita (LCA*) Una nuova coscienza ecologica degli individui, delle aziende produttrici e dei legislatori ha introdotto luso del LCA, ossia uno strumento che permette di valutare gli impatti ambientali dei prodotti e dei beni, da quando nascono a quando vengono smaltiti o recuperati (largomento LCA è trattato nella Parte3). Obiettivo: farli costare il meno possibile allambiente. Il concetto di eco-sostenibilità, ossia di riduzione dei costi ambientali, comporta un ripensamento del prodotto e considera tutto il suo ciclo di vita: dalle materie prime alla produzione, al design, alla vendita, fino alluso e al suo smaltimento come rifiuto (dalla culla alla tomba, come suol dirsi) o al suo recupero (dalla culla alla culla). *Life Cycle Assessment Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 1.. Scala Gerarchica

17 17 Il sistema CONAI e Consorzi dei Materiali: normativa e struttura Il D.lgs 152/06, che recepisce la Direttiva Europea 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggi, definisce per gli imballaggi Obiettivi di riciclo e recupero Obblighi per le imprese (e la Pubblica Amministrazione) listituzione di CONAI e dei Consorzi dei Materiali Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

18 18 Il decreto riguarda: tutti gli imballaggi immessi sul mercato nazionale: primari, secondari e terziari tutti gli operatori economici della filiera: produttori di materiali e di imballaggi utilizzatori di imballaggi (industria e commercio) D.Lgs 152/06 (Titolo II, Gestione degli Imballaggi, art ) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

19 19 Il decreto stabilisce : PRINCIPI GENERALI :CHI INQUINA PAGA RESPONSABILITA CONDIVISA I produttori e gli utilizzatori sono responsabili della corretta gestione ambientale degli imballaggi, La Pubblica Amministrazione deve organizzare sistemi adeguati di raccolta differenziata íin modo efficiente ed economico ía copertura omogenea del territorio Il cittadino deve effettuare la raccolta differenziata come indicato dalla Pubblica Amministrazione D.Lgs 152/06 (Titolo II, Gestione degli Imballaggi, art ) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

20 20 Obiettivi 2008 (D.lgs 152/97, art. 220, allegato E) entro 2008 Obiettivi 2002 (D.Lgs 22/97) Recupero 50% Riciclo 25-45% recupero min. 60% riciclo 55% - 80% * % su immesso al consumo 60% vetro 50% metalli 60% carta 26% plastica 35% legno Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

21 21 PRODUTTORI Fornitori di materie prime Fabbricanti e trasformatori Importatori di imballaggi vuoti e di materiali di imballaggio PRODUTTORI Fornitori di materie prime Fabbricanti e trasformatori Importatori di imballaggi vuoti e di materiali di imballaggio UTILIZZATORI Addetti al riempimento Commercianti e distributori Utenti di imballaggi Importatori di imballaggi pieni UTILIZZATORI Addetti al riempimento Commercianti e distributori Utenti di imballaggi Importatori di imballaggi pieni Obblighi per le imprese (D.lgs 152/06, art. 221) DEVONO …….principalmente -conseguire gli obiettivi di recupero e riciclo -costituire il CONAI …se no provvedere autonomamente al recupero dei propri imballaggi (non avendo più lobbligo di iscriversi al CONAI) DEVONO …….principalmente -conseguire gli obiettivi di recupero e riciclo -costituire il CONAI …se no provvedere autonomamente al recupero dei propri imballaggi (non avendo più lobbligo di iscriversi al CONAI) IMPRESE Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

22 22 CONAI Consorzio Nazionale per il Recupero degli Imballaggi (D.lgs 152/06, art 224) E retto da statuto approvato con decreto ministeriale Non ha fini di lucro E costituito in forma paritaria da produttori e utilizzatori di imballaggio TARGET Raggiungere gli obiettivi globali di recupero e riciclo Assicurare la cooperazione tra i consorzi dei materiali Ripartire tra i produttori e gli utilizzatori i costi Elaborare ed aggiornare il programma generale di prevenzione ….. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

23 23 CONAI: Programma Generale di Prevenzione (D.lgs 152/06, art. 225) Il CONAI deve presentare ogni anno il Programma Generale di Prevenzione (PGP), contenente risultati raggiunti e previsioni per gli anni seguenti, su: -Prevenzione -Obiettivi di riciclo e recupero - Comunicazione - Situazione gestionale, economica e finanziaria. Il PGP è redatto sulla base dei dati contenuti negli analoghi Piani Specifici di Prevenzione (PSP) dei Consorzi dei Mataeriali. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

24 24 Obblighi per i produttori (D.lgs 152/06, art. 221 e 223) devono aderire ai Consorzi dei Materiali del sistema CONAI, che oggi sono i seguenti, ma che domani possono essere diversi e più numerosi: ACCIAIOALLUMINIO CARTA (CNA) (CIAL) (COMIECO) LEGNOPLASTICAVETRO (RILEGNO) (COREPLA) (COREVE).... per evitare una situazione di monopolio i produttori possono organizzare un sistema autonomo di gestione dei propri rifiuti di imballaggi o di restituzione degli stessi.... altrimenti Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

25 25 Sono retti da statuti approvati con decreto ministeriale Non hanno fini di lucro TARGET Razionalizzare ed organizzare: il ritiro dei materiali provenienti dalla R. D. la raccolta dei rifiuti di imb. secondari e terziari su aree private il riciclaggio e il recupero Elaborano annualmente i Programmi Specifici di Prevenzione (PSP) e le relative Relazioni di Gestione Consorzi dei Materiali ( D.lgs 152/06, art. 223) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: normativa e struttura

26 26 CONAI: la gestione Nasce nellottobre 1997 Gestione privata (controllo pubblico); Responsabilità condivisa (Produttori di imballaggi- Confezionatori- Distributori); Larga partecipazione delle imprese ( ) ; Tutte le tipologie di imballaggio (domestici, industriali e commerciali) ; CONAI - Consorzio Nazionale Imballaggi : Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

27 27 La gestione della Prevenzione Gli strumenti: leva economica: - contributo ambientale e posizione di prelievo - esenzione circuiti a rendere fertilizzazione esempi virtuosi: progetto PENSARE FUTURO: - dossier prevenzione: volume annuale* - oscar dellimballaggio diffusione cultura della sostenibilità: - seminari per università e scuole; studi a sostegno dellindustria del riciclo (LCA, analisi della gestione integrata dei rifiuti, tracciabilità ecc….) * Dossier Prevenzione, esempi documentati di casi reali, consultabile nel sito Internet Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

28 28 Dossier Prevenzione Il Dossier è un volume annuale che presenta una selezione di casi virtuosi nel campo degli imballaggi. Lobiettivo è di valorizzare e diffondere le diverse esperienze di prevenzione tra le altre imprese, e di promuovere una cultura di prevenzione tra il largo pubblico dei consumatori. Viene presentata unampia varietà di categorie di prodotti. Il Dossier: mostra come le imprese affrontano il tema della prevenzione; informa le aziende riguardo ai modi possibili di fare prevenzione, per trasferire al loro interno gli esempi illustrati; rappresenta uno strumento di analisi a livello nazionale ed europeo. Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

29 29 Dossier Prevenzione Esempio della distribuzione delle attività di prevenzione descritte nei Dossier (2006) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

30 30 Dossier Prevenzione: esempi La tanica pesa circa il 30% in meno rispetto al tipo di tanica usato in precedenza, ed è prodotta in parte con materiale riciclato. È monomateriale in tutte le sue componenti (tanica, tappo ed etichetta), facilitando così la raccolta differenziata e il riciclaggio. FACILITAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI RICICLO RISPARMIO DI MATERIA PRIMA Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

31 31 CONAI e la Prevenzione: Comunicazione e Formazione Campagna Nazionale Un futuro più leggero senza il peso dei rifiuti Campagne Locali Riciclando si impara : seminari per insegnanti delle scuole medie inferiori (circa 3000 insegnanti) Seminari per corsi di laurea e master post universitari Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

32 32 CONAI: finanziamento del sistema Iniziale: adesione quota una tantum a costituzione del fondo consortile Permanente: Contributo Ambientale CONAI applicato con due fasi di prelievo: al momento della prima cessione dellimballaggio (dallultimo produttore al primo utilizzatore) al momento dellimport di imballaggi pieni o vuoti Lexport è esente Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

33 33 MATERIALEEURO/TON ACCIAIO15,49 ALLUMINIO25,82 CARTA30,00 LEGNO4,00 PLASTICA72,30 VETRO10,32 CONAI: finanziamento del sistema Valori unitari del Contributo Ambientale CONAI Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione Dicembre 2007 Per un totale di circa 360 milioni di euro

34 34 CONAI : finanziamento del sistema un UTILIZZATORE acquista 1000 scatole di plastica* da un PRODUTTORE FATTURA 1000 x 0,25 = 250 (Costo + contributo CONAI) 0,5 ton x 72,30**= 36,15 totale = 286,15 pagamento CONAI CONSORZIO PLASTICA un UTILIZZATORE acquista 1000 scatole di plastica* da un PRODUTTORE 286,15 euro 36,15 euro CONSORZIO PLASTICA fattura * Scatola: 0,5 kg peso 0,25 prezzo ** 72,30 /ton contributo per plastica esempio Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

35 35 CONAI : le diverse gestioni degli imballaggi primari e secondari-terziari La gestione degli imballaggi primari (contenuti negli RU) viene effettuata con gli strumenti definiti dallAccordo ANCI*-CONAI (convenzioni ecc…); mentre quella degli imballaggi secondari e terziari attraverso il sistema delle Piattaforme. * Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

36 36 La gestione dei primari (RU) Imballaggi R.D. Centri di selezione Centri di RICICLO Cittadini: sono chiamati a partecipare attivamente alla raccolta Comuni: organizzano sul territorio la raccolta differenziata e ne danno comunicazione ai cittadini Consorzi di Filiera: si prendono carico del materiale raccolto e ne garantiscono lavvio a riciclo recup. energ. CONAI contributo Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

37 37 2.Il sistema CONAI COME SI RACCOGLIE: alcuni esempi… alluminio acciaio carta/cartone vetro legno isole ecologiche plastica lavatrici, televisori ecc.. alluminio acciaio vetro plastica carta/cartone alluminio acciaio plastica vetro carta/cartone alluminio acciaio vetro plastica carta/cartone più usato meno usato La gestione dei primari (RU) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

38 38 Accordo Quadro ANCI-CONAI MAXMIN % max impurezze materialeeuro/ton ACCIAIO80,4736,8820 ALLUMINIO411,28167,6415 CARTA93,8788,0615 LEGNO13,416,7110 PLASTICA307,34190,5520 VETRO30,9815,495 Corrispettivi per la raccolta differenziata 2007 Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

39 39 La gestione dei secondari e terziari Una combinazione di sistemi differenti: Sistema indipendente: es. supermarket e grandi imprese: raccolta effettuata da privati (i dati delle quantità raccolte e recuperate sono comunicati al CONAI) Sistema CONAI: le imprese possono conferire i propri rifiuti di imballaggio a piattaforme convenzionate pagando solo i costi di trasporto. Il sistema provvede poi al recupero e riciclo. Al 31/12/2006: circa 433 piattaforme Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: gestione

40 40 Imballaggi immessi al consumo (migliaia di tonnellate) Il Sistema CONAI Risultati Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: risultati

41 41 Risultati Riciclo degli imballaggi Kton % Acciaio ,5 Alluminio 72638,652,5 Carta ,7 Legno ,8 Plastica ,4 Vetro ,4 Totale , su immesso al consumo Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: risultati

42 42 Risultati Recupero e riciclo degli imballaggi Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: risultati

43 43 Risultati Imballaggi: trend del recupero vs discarica (migliaia di tonnellate) Imballaggi e Ambiente Gestione imballaggi 2.. CONAI: risultati 2007


Scaricare ppt "1 IMBALLAGGI E AMBIENTE Parte 1 La gestione degli imballaggi pre e post-consumo in Italia Dott. Eugenio Bora – CONAI Università degli Studi di Parma Corso."

Presentazioni simili


Annunci Google