La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Legno CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELLEDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Legno CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELLEDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni."— Transcript della presentazione:

1 Legno CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELLEDILIZIA STORICA AA Arch. Elisa Adorni

2 LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia del terreno possono modificare le caratteristiche dei legni La tradizione costruttiva del legno conosceva la variabilità e i limiti del materiale; Es. la forma caratteristica dei legnami veniva adattata alla funzione strutturale nelle costruzioni Stav-Kirke di Borgund, Norvegia, 1150

3 CARATTERISTICHE DEL LEGNO: Essenza, Stagionatura, Posizione del taglio, Direzione delle fibre, numero di fibre per sezione unitaria, Umidità assoluta e relativa rispetto allambiente, Attacchi da insetti e muffe, marciume, Difetti (inclinazione delle fibre, nodi, cipollature…) Resistenza a rottura trazione nella direzione delle fibre circa 400 kg/m3 Peso specifico circa kg/m 3 Il legno è il materiale da costruzione che ha il maggior rapporto resistenza/peso

4 CARATTERISTICHE MECCANICHE - elevata deformabilità - buon rapporto resistenza/massa volumica - basso impatto ambientale - bassa sensibilità ai fenomeni di fatica - buone capacità di dissipazione energetica durante i sismi - rottura di tipo fragile per trazione e flessione – scarsa tenacità - deperibilità agli agenti atmosferici - variabilità dimensionale e di caratteristiche con lumidità e la temperatura - disomogeneità

5 Durame: parte molto resistente allattacco di funghi e insetti. Dotato di minore permeabilità, quindi non facilmente trattabile con impregnati per la preservazione. Alburno: parte più esterna costituita da cellule giovani. Ha minore resistenza e rigidità. Legno di reazione: parti che durante laccrescimento hanno subito sollecitazioni meccaniche che ne hanno alterato la struttura degli anelli e la composizione. Difetti: fibra ondulata, arricciata. Nodi.

6 Classi di resistenza del legno: valutazione dei difetti Alterazioni della crescite: difetti e sintomi

7 FESSURE: danni da ritiro che si formano in seguito a tensioni originate nella pianta viva DIFETTI DEL LEGNO: CIPOLLATURA: separa nettamente due anelli di accrescimento consecutivi. Difetto tecnologico assai grave.

8

9 NODO: porzione dei rami incluse all'interno del fusto. Costituiscono un difetto dal punto di vista tecnologico, dato che sono elementi di discontinuità.

10 FIBRATURA: dovrebbe essere rigorosamente assiale e parallela in tutto il tronco. Possono esistere spesso anomalie più gravi: fibratura elicoidale, fibratura intrecciata o fibratura irregolare. Le tavole che ne sono affette tendono a deformarsi (più precisamente a svergolarsi) con lessiccazione.

11

12 TAGLIO DEL LEGNO:

13

14 TIPOLOGIE COSTRUTTIVE PIÙ ANTICHE: Palizzate e pareti Costruzione a parete realizzate per tronchi sovrapposti in orizzontale ( block bau) Tipologie dappoggio della struttura

15 TIPOLOGIE COSTRUTTIVE PIÙ ANTICHE: I sistemi a ossatura portante: il tronco come pilastro e trave Telaio portante con ossatura in legno Struttura a telaio e casa a colombage (Francia) controventata da elementi diagonali

16 TIPOLOGIE COSTRUTTIVE PIÙ ANTICHE: I sistemi a ossatura portante: il tronco come pilastro e trave Casa a colombage: tamponamento in muratura a vista, frapposta allossatura lignea

17 TIPOLOGIE COSTRUTTIVE PIÙ ANTICHE: I sistemi intelaiati e a pannelli: innovazione e industrializzazione Sistemi industrializzati Balloon Frame e Platform

18 LE CONNESSIONI STRUTTURALI: Connessioni a tutto legno Connessione strutturale: unisce due o più elementi in modo permanente e sicuro così da permettere la richiesta interazione strutturale dellelemento e la costruzione stessa. 3 tipologie: 1) giunzione per accostamento; 2) giunzione per sovrapposizione di sezioni dimezzate; 3)giunzione a incastro FOTO

19 LE CONNESSIONI STRUTTURALI: Connettori metallici I giunti a tutto legno si utilizzano solo in costruzioni legate allapplicazione di tecniche tradizionali, oggi si utilizzano dispositivi in acciaio: 1)Connettori a tasselli; 2)Connettori a gambo cilindrico (oppure, viti, chiodi...); 3)Connettori a piastre; FOTO

20

21 LE CONNESSIONI STRUTTURALI: Unioni incollate Elementi assemblati per incollaggio con adesivi strutturali. Devono garantire unioni resistenti e durevoli in relazione alle condizioni ambientali e allesposizione alle alte temperature. (Attenzione allumidità del legno!) Legno lamellare incollato Elementi di grandi dimensioni, elementi curvi ed elementi portanti Lamelle di spessore 25-50mm e lunghezza 1.5-5m Connessione a dita e incollaggio

22 Legno lamellare: sistemi di connessione ed esempi di applicazione Cantine Rotari (Mezzocorona) Casa degli Elefanti nello Zoo di Kölner

23 ELEMENTI COSTRUTTIVI DEI SISTEMI IN LEGNO: Colonne e pilastri in legno -Possono essere interrotti a ogni piano o continui su più piani - Possono avere diversi vincoli e scaricare su plinti, fondazione continua in c.a. o trave cordolo in legno - Fenomeni di instabilità possono derivare dalla snellezza e da vincoli inadeguati Vengono assemblati elementi semilavorati o prefabbricati. Le dimensioni e le forme sono soggette a vincoli di produzione e trasporto

24 ELEMENTI COSTRUTTIVI DEI SISTEMI IN LEGNO: Travi in legno -La trave in legno più semplice ha la forma del tronco o del legno squadrato - il legno lamellare può assumere forme diverse, dettate da esigenze strutturali - Travi snelle possono essere soggette a fenomeni di instabilità e inflessioni laterali.

25

26

27 Solaio tradizionale con piano in pianelle Travetti: dimensioni circa 8x8, interasse 30 cm Orditura secondaria Travi: dimensioni circa 25x25, interasse 150 cm Orditura primaria

28

29

30 Deformazioni plastiche a tempi lunghi per carichi permanenti in solai lignei e conseguenti lesioni

31

32 ELEMENTI COSTRUTTIVI DEI SISTEMI IN LEGNO: Capriate in legno

33 Travetti: dimensioni circa 8x8, interasse 30 cm Orditura secondaria Travi: dimensioni circa 20x20, interasse 150 cm Orditura primaria Capriate interasse circa 350 cm Tetto tradizionale con piano in pianelle

34

35

36

37

38

39

40 Cordolo (o radice) in legno per lappoggio delle travi e la legatura dei muri

41

42

43 Edificio antisismico con struttura in legno controventata

44

45 Fine dellesposizione


Scaricare ppt "Legno CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELLEDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni."

Presentazioni simili


Annunci Google