La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Grandi e medie imprese toscane e gruppi dimpresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Grandi e medie imprese toscane e gruppi dimpresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni)"— Transcript della presentazione:

1 Grandi e medie imprese toscane e gruppi dimpresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni)

2 1) I gruppi dimpresa in Toscana: una visione dinsieme

3 I gruppi dimpresa in Toscana IL QUADRO GENERALE In Toscana, oltre 12 mila società di capitali appartengono a gruppi, per un totale di quasi 300 mila addetti Queste incidono per il 20,8% sul totale delle società di capitali toscane, per il 48,7% in termini occupazionali un fenomeno diffuso anche in Toscana, ma in maniera più limitata rispetto alla media nazionale e – soprattutto – alle regioni del Centro-Nord Le imprese che appartengono a gruppi in qualità di controllanti (circa per 85 mila addetti) pesano per il 13,3% sul totale delle società di capitali toscane in gruppo, e per il 29,1% in termini di addetti (Italia 20,1%) Il vertice delle imprese toscane controllate è localizzato in regione84,6%(addetti58,6%) in altra regione 8,4%(addetti20,3%) allestero 7,0%(addetti21,0%) maggior radicamento locale (o localismo?) del fenomeno e minore apertura a contesti extra-locali del sistema economico regionale sotto il profilo considerato, in particolare per quanto riguarda il grado di proiezione internazionale dello stesso

4 I gruppi dimpresa in Toscana LA DIFFUSIONE SETTORIALE Il fenomeno si caratterizza per una più marcata connotazione in senso terziario delle iniziative imprenditoriali operanti allinterno di gruppi In Toscana, le imprese industriali in gruppo sono (il 30,8% delle imprese toscane in gruppo)

5 I gruppi dimpresa in Toscana DISTRIBUZIONE SETTORIALE DEGLI OCCUPATI Il contributo occupazionale delle società di capitali in gruppo a carattere industriale è in Toscana (41,5%) simile al dato nazionale, ma nettamente inferiore a quello registrato nelle regioni del Nord-Est (50,8%) In Toscana, gli addetti delle imprese industriali in gruppo sono 121 mila (il 48,1% degli addetti totali alle imprese toscane industriali)

6 2) I gruppi dimpresa in Toscana: un focus sulle grandi e medie imprese manifatturiere

7 Focus grandi e medie imprese toscane POPOLAZIONE DI RIFERIMENTO Analisi realizzata a partire da un elenco di unità locali manifatturiere toscane con almeno 50 addetti appartenenti ad imprese manifatturiere (anche non toscane) di grandi dimensioni (almeno 250 addetti) Sono state selezionate 158 unità locali toscane manifatturiere toscane di medie e grandi dimensioni (93 con sede in Toscana), che occupano quasi 45 mila addetti e rappresentano circa il 15% delloccupazione manifatturiera regionale Le 158 unità locali selezionate appartengono a 113 imprese, tutte di grandi dimensioni (almeno 250 addetti): di queste, 56 hanno sede in Toscana Delle 113 imprese selezionate, 107 appartengono a gruppi (94,7%) e – di queste – 49 sono capogruppo (58 compaiono invece come controllate) Le 107 imprese in gruppo fanno capo, a loro volta, a 100 gruppi, 43 semplici (in cui esiste una sola capogruppo) e 57 complessi (in cui esistono più capogruppo, di diversa rilevanza e livello gerarchico) In 36 casi la capogruppo è costituita da unimpresa con sede in Toscana, in 51 da unimpresa localizzata in altra regione italiana ed in 13 da unimpresa estera

8 Focus grandi e medie imprese toscane IMPRESE CONTROLLATE E STRUTTURA GRUPPI I 100 gruppi selezionati controllano in totale imprese: 556 (il 28,2%) fanno capo a gruppi con vertici localizzati in Toscana I gruppi «complessi» si rivelano, come era lecito attendersi, più articolati rispetto a quelli «semplici»: nel caso di capogruppo Toscana, 19 imprese i complessi, 10 i semplici La struttura dei gruppi «eterodiretti» – più spesso di quelli con vertice toscano – è di natura complessa (67% vs. 58%) e maggiormente articolata in termini di numero di imprese: questo secondo aspetto vale non solo per i gruppi complessi, ma anche per quelli semplici

9 Focus grandi e medie imprese toscane DIMENSIONI DELLE IMPRESE IN GRUPPO Le imprese toscane appartenenti ai gruppi considerati evidenziano un differenziale negativo in termini di addetti (ma non di fatturato) rispetto ai corrispondenti valori medi delle imprese extra-regionali, sebbene più contenuti rispetto a quanto evidenziato da Istat con riferimento al complesso delle società di capitale toscane in gruppo Il differenziale negativo è invece evidente, sia in termini di addetti che di fatturato, soprattutto per le capogruppo Le imprese capogruppo si confermano realtà aziendali maggiormente strutturate, sia in termini di addetti che di fatturato, rispetto alle controllate

10 Focus grandi e medie imprese toscane GRUPPI: DISLOCAZIONE TERRITORIALE I gruppi presi in esame sono composti per il 9,8% da imprese con sede in Toscana (la metà nel capoluogo) Al di fuori dei confini regionali, marcata presenza nelle regioni settentrionali (soprattutto con riferimento alle strutture di vertice) e, soprattutto, allestero In Toscana, forte concentrazione territoriale: quasi del tutto sprovviste di imprese appartenenti a tali gruppi le province di PO, PT, MS e GR Gruppi a forte sviluppo extra-regionale e largamente «internazionalizzati»: circa due imprese su tre sono estere

11 Focus grandi e medie imprese toscane LOCALIZZAZIONE CAPOGRUPPO E TERRITORIO La distribuzione territoriale dei gruppi cambia fisionomia in maniera significativa a seconda della localizzazione del vertice I gruppi con vertice toscano mostrano un maggior radicamento territoriale (che emerge ancora più nettamente in termini occupazionali): il relativo grado di internazionalizzazione resta comunque particolarmente elevato Solo 10 dei 100 gruppi presi in esame sono composti da imprese interamente localizzate in Toscana Ben 52 sono invece composti almeno per il 50% da imprese estere Tutti e 51 i gruppi con vertice non toscano sono prevalentemente costituiti da imprese extra-regionali

12 Focus grandi e medie imprese toscane LARTICOLAZIONE SETTORIALE DEI GRUPPI La «matrice industriale» dei gruppi considerati appare evidente soprattutto in termini di addetti e fatturato, aspetto che non sorprende data la natura manifatturiera delle imprese si partenza In termini di imprese, tuttavia, la struttura dei gruppi presi in esame risulta già ampiamente terziarizzata Questo processo di «terziarizzazione» appare più accentuato nei gruppi con vertice toscano

13 Focus grandi e medie imprese toscane Il PROCESSO DI TERZIARIZZAZIONE I principali settori «terziari» cui appartengono le imprese che compongono i gruppi analizzati sono: distr. commerciale (98) servizi «avanzati» (95) attività immobiliari (50) trasp. e logistica (24) ict e comunicazione (21) Malgrado i gruppi con vertice toscano mostrino – come visto in precedenza – una struttura più fortemente terziarizzata, quelli con vertice extra-regionale esprimono una più ampia articolazione di competenze e leve strategiche infra-gruppo sotto il profilo in esame

14 Focus grandi e medie imprese toscane LE PERFORMANCE: GRUPPI Nel biennio post-crisi finanziaria, le performance dei gruppi considerati hanno seguito nel complesso le vicende del ciclo macroeconomico Soprattutto nel 2010, i relativi andamenti sono comunque risultati tendenzialmente migliori rispetto a quelli riferiti al complesso delle società di capitali manifatturiere Nel 2009, i gruppi «toscani» evidenziano una tenuta migliore rispetto a quanto registrato nei casi in cui la capogruppo sia extra- regionale: nel 2010, invece, la fase di ripresa appare meno diffusa

15 Focus grandi e medie imprese toscane LE PERFORMANCE: IMPRESE IN GRUPPO Anche considerando landamento di fatturato delle imprese toscane in gruppo si osserva un andamento nel complesso simile a quanto visto in precedenza per linsieme dei gruppi presi in esame Le imprese toscane in gruppo con vertice extra- regionale esprimono tuttavia, soprattutto nel 2010, risultati migliori rispetto a quelle operanti in gruppi con vertice toscano Passando da un logica «di gruppo» ad una logica «di impresa», le considerazioni svolte sullandamento registrato dal fatturato non cambiano in maniera significativa: landamento del biennio appare generalmente migliore rispetto al complesso delle società di capitali manifatturiere toscane gruppi ed imprese toscane in gruppo con vertice localizzato in regione hanno espresso, nel 2010, una minore reattività rispetto a gruppi ed imprese toscane con vertice extra-regionale

16 Focus: grandi e medie imprese CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE (1) Elevata propensione delle medie e grandi imprese manifatturiere prese in esame ad operare in gruppo: i gruppi di appartenenza presentano tendenzialmente caratteristiche strutturali proprie di modelli organizzativi più «evoluti» I gruppi con vertice extra-regionale presentano caratteristiche più accentuate di tali fattori: maggior frequenza di gruppi complessi, più elevato numero medio di imprese in gruppo, maggiori dimensioni delle imprese al vertice del gruppo I gruppi presi in esame si caratterizzano per una elevata apertura verso lesterno dei confini regionali, che si esprime: in una prevalenza di gruppi con capogruppo extra-regionale in una struttura dalla forte proiezione internazionalie (elevata incidenza, anche nel caso dei gruppi con vertice toscano, di imprese estere)

17 Focus: grandi e medie imprese CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE (2) I gruppi con vertice toscano evidenziano comunque un maggior grado di radicamento sul territorio regionale rispetto a quelli eterodiretti: in generale, i gruppi considerati evidenziano inoltre una forte concentrazione territoriale nel capoluogo regionale Pur rispondendo ad una matrice di impronta industriale/manifatturiera, i gruppi considerati evidenziano un rilevante sviluppo a valle rispetto alle attività più strettamente produttive, con una pronunciata articolazione di imprese di servizi: i gruppi con vertice extra-regionale presentano una maggiore diversificazione delle attività terziarie incorporate rispetto ai gruppi con vertice toscano I gruppi considerati, e le imprese toscane che ne fanno parte, hanno evidenziato performance relativamente migliori rispetto a quelle registrate più in generale – nel corso dellultimo biennio – dal sistema manifatturiero regionale: gruppi ed imprese con vertice toscano hanno tuttavia manifestato una minore reattività, nella fase di recupero, rispetto a gruppi ed imprese in gruppo con vertice extra-regionale

18 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Grandi e medie imprese toscane e gruppi dimpresa Firenze, 16 maggio 2012 Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Riccardo Perugi Massimo Pazzarelli (elaborazioni)"

Presentazioni simili


Annunci Google