La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il concordato preventivo ( artt. 160- 186 L.F.) Dott. Eduardo Grimaldi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il concordato preventivo ( artt. 160- 186 L.F.) Dott. Eduardo Grimaldi."— Transcript della presentazione:

1 Il concordato preventivo ( artt L.F.) Dott. Eduardo Grimaldi

2 Recenti interventi normativi - D.L. 14 marzo 2005, n. 35 (c.d. decreto competitività): in vigore dal 17 marzo 2005, convertito in legge con modifiche dalla L. 14 maggio 2005, n D.lgs. 9 gennaio 2006, n. 5 (c.d. riforma fallimentare) - D.lgs. 12 settembre 2007, n. 169 (c.d. decreto correttivo): in vigore dal 1° gennaio D.L. 22 giugno 2012, n. 83 (c.d. decreto sviluppo): in vigore dal 11 settembre 2012, convertito in legge con modifiche dalla L. 7 agosto 2012, n. 134.

3 Definizione Nuovi strumenti di regolazione giudiziali e stragiudiziali della crisi dimpresa a)Liquidazione volontaria ; b)Cessione dellintero complesso aziendale; c)Accordi di ristrutturazione dei debiti (ex art. 182 bis L.F.); d)Piani attestati di risanamento (ex art. 67, c. 3, lett. d), L.F.) Il concordato preventivo è una procedura concorsuale che scaturisce da una proposta negoziale del debitore (imprenditore) e consente di evitare il fallimento. Altre alternative al fallimento sono ad esempio:

4 …obiettivi delle nuove procedure Evitare il fallimento Evitare la disgregazione dellimpresa in crisi e la dispersione degli intangibles (tutela del going concern ) Valorizzare la natura privatistica degli accordi tra debitore e creditori

5 … confronti: - la disciplina del concordato preventivo ha diversi aspetti in comune con quella del fallimento: divieto di inizio o prosecuzione di azioni esecutive sul patrimonio del debitore (art. 168 L.F.), sospensione del corso degli interessi, compensazione (art. 169 L.F., che rinvia agli artt. 45 e da 55 a 63 L.F.). Concordato preventivo crisi più gravi (anche insolvenza) Accordi di ristrutturazione crisi tendenzialmente reversibili Piani attestati di risanamento squilibrio finanziario - il concordato preventivo, gli accordi di ristrutturazione ed i piani attestati di risanamento sono procedure graduate in funzione della gravità della crisi

6 Concordato preventivoAccordo ex art. 182 bis L.F. Necessario almeno lo stato di crisi Necessario solo lo stato di crisi No presupposti formali Necessaria votazione dei creditori Non esiste votazione ma è necessario laccordo con il 60% dei crediti – no rispetto par condicio creditorum Relazione del professionista su veridicità dei dati aziendali e fattibilità del piano Relazione del professionista su veridicità dei dati, attuabilità dellaccordo e idoneità ad assicurare il pagamento dei creditori estranei Omologa del Tribunale con funzioni accentuate (c.d. cram down) Omologa del Tribunale con funzione di verifica formale Ombrello protettivo per il debitore Mancanza di protezione per il debitore … confronti

7 Presupposti Presupposto soggettivo : imprenditore commerciale, con i requisiti di cui allart. 1 L.F. (è stato abrogato il requisito della meritevolezza) Presupposto oggettivo : lo stato di crisi (manca una definizione legislativa) o lo stato di insolvenza. In generale, per stato di crisi si può intendere una situazione in cui, pur non essendovi necessariamente inadempimenti, si presenta unoggettiva alterazione dellequilibrio economico e/o finanziario e/o patrimoniale dellimpresa di origine strutturale, ovvero così profonda da rendere impossibile la prosecuzione della normale attività economica e probabile linsorgenza dello stato di insolvenza. Lo stato di insolvenza è definito dallart. 5 L.F. Controllo di legittimità del Tribunale

8 Legittimato a proporre il concordato preventivo è solo il debitore (non i creditori, ai quali tuttavia spetta lapprovazione della proposta). Inoltre, la proposta, salva diversa disposizione dello statuto (art. 152 L.F.): - nelle società di persone : è approvata dai soci che rappresentano la maggioranza assoluta del capitale; - nelle società di capitali : è deliberata dagli amministratori, con verbale redatto da notaio e deposito ed iscrizione presso il registro delle imprese. Legittimazione attiva

9 Organi della procedura Tribunale fallimentare Giudice Delegato Commissario Giudiziale - Decide se ammettere il debitore alla procedura - Revoca lammissione alla procedura di concordato - Emette la sentenza dichiarativa di fallimento - Provvede sul giudizio di omologazione - Decide sui reclami avverso i provvedimenti del Giudice Delegato - Emette provvedimenti relativi al Commissario Giudiziale - Presiede ladunanza dei creditori - Autorizza le attività eccedenti lordinaria amministrazione - Riferisce al Tribunale in caso di mancata approvazione del concordato - Ha funzione di giudice istruttore nel giudizio di omologazione - Vigila sullamministrazione dei beni del debitore durante la procedura - Verifica lelenco dei creditori e dei debitori presentato dallimprenditore - Redige la relazione ex art. 172 L.F. - Convoca i creditori per ladunanza ex art. 174 L.F. - Esprime parere motivato sullomologazione - Sorveglia sulladempimento del concordato dopo la sua omologazione

10 Se la domanda non è conforme Il Tribunale può concedere 15 giorni per far integrare il piano o dichiarare inammissibile il concordato e verifica se ci sono le condizioni per dichiarare il fallimento del debitore (art. 162 L.F.) Se la domanda è conforme I creditori (eventualmente suddivisi in classi) votano se approvare o meno il concordato Il Tribunale in composizione collegiale verifica le condizioni per lomologazione Se non sono raggiunte le maggioranze richieste Il Tribunale non approva il concordato e verifica se ci sono le condizioni per dichiarare il fallimento del debitore (art. 179 L.F.) Se sono raggiunte le maggioranze e sussistono gli altri requisiti richiesti Se gli obblighi concordatari sono adempiuti Il Tribunale omologa e si apre lesecuzione del concordato Se gli obblighi concordatari non sono adempiuti Il debitore ottiene lesdebitazione Il concordato è risolto e il Tribunale verifica se vi sono le condizioni per dichiarare il fallimento del debitore Limpresa in crisi presenta la proposta di concordato preventivo al Tribunale fallimentare competente Il Tribunale, sentito il P.M. e il debitore, esamina la proposta per accertarne la regolarità e la correttezza delleventuale suddivisione in classi dei creditori Fasi: Il Tribunale ammette il debitore al concordato, nomina gli organi della procedura, fissa ladunanza dei creditori e limporto del deposito per le spese di procedura.

11 art. 160 L.F. ( Presupposti per lammissione alla procedura ): Limprenditore che si trova in stato di crisi può proporre ai creditori un concordato preventivo sulla base di un piano che può prevedere: a) la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma, anche mediante cessione dei beni, accollo, o altre operazioni straordinarie, ivi compresa lattribuzione ai creditori, nonché a società da questi partecipate, di azioni, quote, ovvero obbligazioni, anche convertibili in azioni, o altri strumenti finanziari e titoli di debito; b) lattribuzione delle attività delle imprese interessate dalla proposta di concordato ad un assuntore; possono costituirsi come assuntori anche i creditori o società da questi partecipate o da costituire nel corso della procedura, le azioni delle quali siano destinate ad essere attribuite ai creditori per effetto del concordato; c) la suddivisione dei creditori in classi secondo posizione giuridica e interessi economici omogenei; d) trattamenti differenziati tra creditori appartenenti a classi diverse. La proposta può prevedere che i creditori muniti di diritto di privilegio, pegno o ipoteca, non vengano soddisfatti integralmente, purché il piano ne preveda la soddisfazione in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione, avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione indicato nella relazione giurata di un professionista in possesso dei requisiti di cui all'art. 67, terzo comma, lettera d). Il trattamento stabilito per ciascuna classe non può avere leffetto di alterare lordine delle cause legittime di prelazione. Ai fini di cui al primo comma per stato di crisi si intende anche lo stato di insolvenza. Presupposti per lammissione (art. 160 L.F.)

12 Il piano concordatario può prevedere la suddivisione dei creditori in classi secondo posizione giuridica e interessi economici omogenei, attribuendo a ciascuna classe di creditori trattamenti differenziati (art. 160 L.F.), con riferimento non solo alla percentuale ma anche ai tempi ed alle modalità di pagamento. Omogeneità giuridica : si fa riferimento alle categorie di crediti (prededucibili, privilegiati speciali e generali, chirografari, postergati) ed allordine di preferenza già definiti dal legislatore; Omogeneità di interessi economici : criterio più elastico, che può tenere conto di fattori quali: mercato, entità del credito, natura merceologica, ruolo del creditore (se lavoratore dipendente, fornitore o finanziatore), volontà del creditore di proseguire o meno nel rapporto con il debitore, ecc. Esistono dubbi sulla possibilità di formare classi trasversali tra i creditori privilegiati, sulla base dellomogeneità di interessi. Il principio cardine è che non si può comunque alterare lordine di graduazione dei privilegi. Le classi di creditori

13 Il piano di concordato può prevedere il non integrale soddisfacimento dei crediti muniti di privilegio, pegno o ipoteca, a condizione che: - il soddisfacimento previsto nel piano sia non inferiore a quello realizzabile sul ricavato in caso di liquidazione (ovvero di fallimento), tenendo conto della collocazione preferenziale del credito ; - il valore di mercato attribuibile al cespite oggetto di prelazione sia indicato in una relazione giurata di un professionista in possesso dei requisiti ex art. 67 L.F.; - non sia alterato lordine delle cause legittime di prelazione. Superamento, a certe condizioni, del principio della par condicio creditorum Il Tribunale vaglia la correttezza dei criteri di formazione delle classi e dei trattamenti differenziati previsti (art. 163 L.F.): è importante, quindi, che il piano indichi con chiarezza la composizione ed i criteri di formazione delle classi. Che tipo di controllo? - verifica che non vi sia alterazione dellordine dei privilegi; - verifica che laggregazione in classi dei privilegiati pagati non integralmente sia avvenuta correttamente, in particolare sulla base di una perizia giurata redatta da un esperto; -per quanto riguarda i chirografari, i criteri di controllo sono meno definiti: secondo alcuni, il Tribunale dovrebbe controllare che la suddivisione sia funzionale alla riuscita del piano, non discriminatoria e non finalizzata ad una mera manipolazione del voto. Falcidia dei creditori privilegiati (art. 160, 2° comma, L.F.)

14 ClassePrivilegioSoddisfazioneFalcidia% Pagamento IArt bis n ,25-100,00% IIArt bis da n. 2 a n , ,7395,00% III Art n. 1 (contributi per assicurazioni obbligatorie) , ,2145,00% IV Art n. 7 (Tributi indiretti ed irap/ires ultimi 2 anni) 4.572, ,2040,00% VFornitori Chirografari26.500, ,0033,33% VI Finanziatori Chirografari (Banche) , ,0029,30% Un esempio di formazione delle classi

15 Domanda di concordato (art. 161) È proposta nella forma del ricorso al Tribunale fallimentare competente (luogo in cui limpresa ha la propria sede principale). Deve essere sottoscritta dallimprenditore, nel caso di impresa individuale, o dai legali rappresentanti, nel caso di società. Alla predisposizione del piano e degli atti allegati ex art. 161 L.F. partecipano: -il debitore; -i professionisti (advisor legale e commerciale); - i professionisti incaricati di fornire le attestazioni di cui allart. 161, 3° comma, L.F. ed allart. 160, 2° comma, L.F., qualora sia prevista la falcidia concordataria dei creditori privilegiati.

16 Consiste in un vero e proprio piano liquidatorio, di risanamento e/o ristrutturazione (stessa logica del piano attestato ex art. 67, ma orizzonte temporale potenzialmente più lungo in quanto ha natura consensuale) finalizzato alla ristrutturazione dei debiti o alla soddisfazione dei crediti (anche parziale) attraverso qualsiasi forma. In particolare, il debitore (dotato di ampia libertà operativa) può prevedere anche il ricorso: ad operazioni straordinarie; allattribuzione ai creditori di azioni o quote di società (trasformando così i crediti in capitale di rischio), di obbligazioni, anche convertibili, o altri strumenti finanziari o titoli di debito; all assunzione del concordato (con attribuzione allassuntore delle attività delle imprese coinvolte nel piano) da parte di una società partecipata dai creditori o anche appositamente costituita nel corso della procedura, le cui azioni siano destinate ai creditori per effetto del concordato.

17 … le forme di concordato in sintesi Con cessione di beni, con garanzia, misto (forme tradizionali) + Mediante effettuazione di operazioni straordinarie

18 Atti allegati alla domanda di concordato (art. 161) a) Relazione aggiornata sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dellimpresa; b) Elenco/stima attività e creditori (con indicazione crediti e cause di prelazione); c) Elenco dei titolari diritti reali o personali su beni dellimpresa; d) Valore beni/creditori particolari di soci illimitatamente responsabili; e) Piano contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta; f) (Eventuale) proposizione transazione fiscale e/o previdenziale; g) Relazione predisposta da un professionista designato dal debitore con i requisiti di cui allart. 67 L.F.; h) Deposito delle scritture contabili (art. 170 L.F.).

19 a) Relazione aggiornata sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria Bilancio straordinario ad una data immediatamente anteriore al deposito del ricorso + Relazione sulla gestione con descrizione cause della crisi (anche se non espressamente previsto)

20 b) Stato analitico - estimativo delle attività ed elenco dei creditori Quantificazione attivo concordatario (anche valutato al going concern ) + Ricostruzione gerarchia creditori (importo dei rispettivi crediti ed elencazione delle cause di prelazione)

21 c) Elenco titolari diritti reali o personali sui beni dellimpresa Detenuti dal debitore a titolo di: ProprietàPossesso

22 d) Valore beni e creditori particolari dei soci illimitatamente responsabili Indicazione obbligatoria solo nel caso di presentazione del ricorso da parte di società con soci illimitatamente responsabili Onere sussistente in relazione a soci potenzialmente fallibili

23 e) Piano Il contenuto del piano deve essere ispirato alla analiticità, in quanto deve contenere la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta

24 f) Eventuale proposta di transazione fiscale e/o previdenziale Possibilità di inserire nel piano proposta ad hoc per la ristrutturazione dei debiti erariali e previdenziali, da sottoporre alle Agenzie fiscali, agli Enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie e/o al concessionario della riscossione Il decreto correttivo estende tale opportunità anche al debitore che propone un accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis, l.f.

25 -Sono esclusi dallaccordo i tributi costituenti risorse proprie dellUE, lI.V.A. e le Ritenute operate e non versate (ma non i relativi accessori), delle quali la proposta può prevedere unicamente la dilazione di pagamento -La stessa possibilità di transazione è ora prevista (a seguito delle modifiche introdotte dal D.L. 185/2008, c.c. decreto anti-crisi) anche per i contributi amministrati dagli enti gestori di forme di assistenza obbligatorie e per i relativi accessori (ad esempio INPS) -La proposta di transazione va presentata contestualmente a quella di concordato preventivo Condizione: - se il credito tributario o contributivo è privilegiato (es. art. 2752/2778 n. 18 c.c.), il trattamento economico non può essere inferiore a quello offerto ai creditori aventi grado di privilegio inferiore o posizione giuridica ed interessi omogenei a quelli delle agenzie fiscali; - se si tratta di crediti in chirografo (es. somme aggiuntive per omissioni contributive), il trattamento economico non può essere differenziato rispetto a quello degli altri creditori chirografari Secondo il Trib. di Milano si tratta di norma endoconcorsuale: lAgenzia delle Entrate ed il Concessionario restano dunque soggetti allesito della votazione concordataria, anche se contrastante con il proprio voto.

26 I requisiti del professionista: requisiti per la nomina di curatore (art. 28) Avvocati, dott. e rag. comm., studi professionali (con individuazione del professionista), soggetti che hanno svolto funzioni di amm. e controllo in s.p.a Ante correttivo Post correttivo (1.1.08) requisiti per lattestazione dei piani ex art. 67 Avvocati, dott. e rag. comm., studi professionali (con individuazione del professionista), iscritti al registro dei revisori legali g) Relazione del professionista (art.161) È scelto direttamente dal debitore ed è indipendente

27 Deve garantire autonomia di giudizio ed imparzialità Deve essere indipendente dal debitore Il professionista è indipendente quando non è legato allimpresa e a coloro che hanno interesse alloperazione di risanamento da rapporti di natura personale o professionale tale da comprometterne lindipendenza di giudizio; in ogni caso deve avere i requisiti di cui allart c.c. e non deve, neanche per il tramite di professionisti associati, aver prestato negli ultimi cinque anni attibvità di lavoro subordinato o autonomo in favore del debitore ovvero partecipato agli organi di amministrazione o di controllo

28 - Il DL Sviluppo ha introdotto sanzioni penali (art. 236 bis L.F.) per il professionista che nelle relazioni o attestazioni espone informazioni false ovvero omette di riferire informazioni rilevanti prevedendo la reclusione da due a cinque anni e la multa da a euro; - potrebbe incorrere in responsabilità civile verso la parte debitrice, quindi per riflesso anche verso i creditori (responsabilità extracontrattuale) se lattestazione rilasciata dovesse risultare non veritiera per imperizia o negligenza; - la colpa non è ravvisabile quando lesperto è stato ingannato dal comportamento omissivo della stessa debitrice che potrebbe aver nascosto passività o esposto attività inesistenti. Responsabilità del professionista:

29 … la responsabilità civile del professionista La legge non specifica grado e contenuto della responsabilità (verso il ceto creditorio) Responsabilità extracontrattuale ex art verso singoli creditori Responsabilità contrattuale verso imprenditore che fallisce Mitigazione ex art. 2236: responsabilità solo in caso di dolo o colpa grave in presenza di problemi di particolare difficoltà

30 Documentazione allegata al domanda di concordato Piano di ristrutturazione e di soddisfazione dei creditori Analisi veridicità dati aziendali Valutazione fattibilità piano Giudizio su proposta di concordato Oggetto della relazione

31 Principi di redazione della relazione adeguati standard di diligenza professionale Procedure previste per il controllo contabile e principi di revisione Giudizio di veridicità dei dati aziendali; verifica dellesistenza dei beni materiali, immateriali, dei crediti, dei contratti e di tutti gli elementi posti a fondamento della domanda di ammissione Controllo di merito su adeguatezza del piano e bontà del business plan Giudizio di fattibilità del piano: comprendere la tipologia di crisi ed i relativi fattori causali per verificare le strategie proposte e lasciar prevedere la realizzazione del piano proposto.

32 Funzione della relazione Garanzia (quasi) esclusiva per i creditori Elemento di regolarità e di validità della domanda di concordato Supporto per le valutazioni del tribunale

33 AMMISSIONE ALLA PROCEDURA (art. 163) Il giudizio di ammissibilità: a)spetta al tribunale; b)si estrinseca nella verifica della: I. sussistenza del presupposto soggettivo ed oggettivo, (si noti che è limprenditore a dover fornire la prova del tipo di disequilibrio in cui si trova la sua attività; II. completezza e regolarità della domanda e dei suoi allegati, con possibilità di richiedere integrazioni; III. regolarità procedurale dellesame compiuto dal professionista asseveratore, senza però entrare nel merito delle sue conclusioni; IV. correttezza della formazione di eventuali classi di creditori, segnalando la necessità di rivederne la formulazione; V. sussistenza dei presupposti per il soddisfacimento non integrale dei privilegiati incapienti. Nel caso in cui dichiari inammissibile la proposta di c.p., il Tribunale, su istanza del P.M. (a cui va sempre comunicata la proposta di c.p.) o di un creditore, accertati i presupposti soggettivi (allart. 1) e lo stato dinsolvenza (art. 5), dichiara il fallimento del debitore.

34 Il Tribunale, accertata la completezza e regolarità della documentazione e correttezza dei criteri di formazione delle diverse classi, emette decreto con il quale dichiara aperta la procedura di concordato. Contestualmente dispone: la nomina degli organi della procedura: Giudice Delegato e Commissario Giudiziale; la convocazione dei creditori non oltre 30 giorni dalla data del provvedimento e stabilisce il termine per la comunicazione di questo ai creditori; un termine, non superiore a 15 giorni, entro il quale il debitore deve depositare la somma che si presume necessaria per sostenere i costi dellintera procedura.

35 AMMINISTRAZIONE DEI BENI DURANTE LA PROCEDURA (art. 167) Durante la procedura il debitore conserva lamministrazione dei suoi beni e lesercizio dellimpresa, sotto la vigilanza del commissario giudiziale. In generale, limpresa ammessa al concordato può compiere tutti gli atti relativi alla gestione della stessa, ma, a partire dal decreto di ammissione alla procedura, per alcuni di essi è necessaria lautorizzazione scritta del giudice delegato (es. mutui, compromessi, alienazioni beni immobili ed in genere gli atti eccedenti lordinaria amministrazione). In mancanza di autorizzazione, tali atti sono inefficaci rispetto ai creditori anteriori al concordato e possono comportare la revoca dellammissione alla procedura ex art. 173 L.F.

36 CONVOCAZIONE E ADUNANZA DEI CREDITORI (ARTT. 171 E 174 L.F.) Il Commissario Giudiziale deve procedere alla verifica dellelenco dei creditori e dei debitori sulla base delle scritture contabili (verifica documentale) e comunica ai creditori con raccomandata o telegramma la data delladunanza e le proposte del debitore. Nelladunanza il Commissario illustra la relazione predisposta ai sensi dellart. 172 L.F. (cause del dissesto, condotta del debitore, garanzie offerte dai creditori) e le proposte definitive del debitore (la proposta è modificabile fino allinizio delle operazioni di voto). E fondamentale che i creditori forniscano un consenso informato alla proposta di concordato. Creditori ammessi alladunanza: * creditori chirografari, le cui ragioni di credito trovino titolo e causa anteriori alla data del decreto di ammissione; * creditori il cui credito non è ancora esigibile; * creditori il cui credito è stato contestato; * creditori il cui credito non è compreso nellelenco allegato dal debitore ma di cui si abbia comunque conoscenza.

37 Non hanno diritto al voto i privilegiati di cui sia previsto il pagamento integrale, salvo che: - ne sia previsto il pagamento differito (che dovrebbe includere la corresponsione di interessi) o in natura, oppure -abbiano rinunciato, in tutto o in parte, al diritto di prelazione. Non hanno diritto al voto, altresì, e sono esclusi dal computo delle maggioranze il coniuge del debitore, i suoi parenti e affini fino al quarto grado, i cessionari o aggiudicatari dei loro crediti da meno di un anno prima della proposta di concordato. I creditori privilegiati di cui si propone il pagamento non integrale sono equiparati ai chirografari per la parte residua del credito (art. 177 L.F). In adunanza ciascun creditore può esporre le ragioni per le quali non ritiene conveniente la proposta di concordato e contestare i crediti concorrenti. Il debitore ha facoltà di rispondere e contestare a sua volta i crediti. il Giudice Delegato può ammettere ai soli fini del voto e del calcolo delle maggioranze i crediti contestati.

38 In tutta la procedura di concordato preventivo non è prevista una fase di verifica e di graduazione dei crediti : ciò comporta che laccertamento dei crediti contestati e limpugnabilità delle deliberazioni con quorum contestato può avvenire solo tramite il contenzioso ordinario; Il decreto di omologazione del concordato non determina alcun giudicato sul credito, ovvero sullesistenza, entità e rango dei crediti, e sugli altri diritti implicati dalla procedura. Lattività di ricognizione dei crediti avviene comunque: - ex art. 161 L.F.: il debitore deve presentare con il ricorso […] lelenco nominativo dei creditori, con lindicazione dei rispettivi crediti e delle cause di prelazione ; - ex art. 171 L.F.: il commissario giudiziale deve procedere alla verifica dellelenco dei creditori e dei debitori con la scorta delle scritture contabili presentate a norma dellart. 161 L.F., apportando le necessarie rettifiche ; - ex art. 176 L.F.: il G.D. può ammettere provvisoriamente in tutto o in parte i crediti contestati ai soli fini del voto e del calcolo delle maggioranze, senza che ciò pregiudichi le pronunzie definitive sulla sussistenza dei crediti stessi.

39 MAGGIORANZA PER LAPPROVAZIONE DEL CONCORDATO (artt. 177 – 178 L.F.) Il concordato è approvato se riporta il voto favorevole dei creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Qualora il piano preveda la suddivisione dei creditori in classi, è necessario che abbiano aderito alla proposta di concordato anche il maggior numero delle classi. Sono ritenuti validi ai fini delladesione alla proposta di concordato e necessari ai fini del calcolo delle maggioranze, i voti ricevuti nei 20 giorni successivi alla chiusura del verbale delladunanza dei creditori. Il DL Sviluppo ha inserito il principio del silenzio/assenso. Il Tribunale, riscontrata in ogni caso la maggioranza dei crediti ammessi al voto, in sede di omologazione, può approvare il concordato nonostante il dissenso di una o più classi di creditori, se la maggioranza delle classi ha approvato la proposta e qualora ritenga che i creditori appartenenti alle classi dissenzienti possano risultare soddisfatti dal concordato in misura non inferiore rispetto alle alternative concretamente praticabili (c.d. regola del cram down ). Analogamente, in caso di mancata formazione delle classi, il Tribunale può omologare il concordato, qualora vi siano creditori dissenzienti che rappresentano il 20% dei crediti ammessi al voto e contestano la convenienza della proposta.

40 OMOLOGAZIONE DEL CONCORDATO (art. 180) Il Tribunale, una volta accertato il raggiungimento delle maggioranze richieste, fissa unudienza in camera di consiglio mediante provvedimento da affiggersi allalbo del Tribunale per la comparizione del debitore e del Commissario Giudiziale. Tale provvedimento deve essere notificato a cura dellimpresa in crisi, al Commissario Giudiziale e agli eventuali creditori che hanno dissentito in sede di votazione, nonché affisso allalbo del Tribunale. Il termine per costituirsi è quello di almeno 10 giorni prima delludienza fissata, depositando memoria difensiva contenente le eccezioni processuali e di merito non rilevabili dufficio, nonché lindicazione dei mezzi istruttori e dei documenti prodotti. Nel medesimo termine il Commissario Giudiziale deve depositare il proprio motivato parere. Il Tribunale deve omologare il concordato preventivo se non sono proposte opposizioni con decreto non soggetto a gravame. In caso di opposizioni (creditori dissenzienti, esclusi, qualsiasi interessato) il Tribunale, assunti i mezzi istruttori, può omologare ovvero dichiarare il fallimento del debitore, ricorrendone i presupposti (artt. 1 e 5 L.F.), su istanza del creditore o del P.M., con separata sentenza emessa contestualmente al decreto. Avverso il decreto che omologa o respinge il concordato può essere proposto reclamo alla corte di appello. Con il decreto di omologazione in caso di cessione dei beni si applicano le disposizioni di cui allart. 182 L.F.

41 CHIUSURA DELLA PROCEDURA (art. 181) La procedura di concordato preventivo termina con il passaggio in giudicato del decreto di omologazione. In ogni caso il decreto deve intervenire nel termine di 6 mesi dalla presentazione della proposta di concordato, termine prorogabile una sola volta di 60 giorni (secondo la Suprema Corte tali termini sono ordinatori).

42 EFFETTI ED ESECUZIONE DEL CONCORDATO (ARTT. 185 E 186 L.F.) Il concordato omologato: è obbligatorio per tutti i creditori anteriori alla pubblicazione nel registro delle imprese del ricorso di cui allart. 161 L.F.; esdebita limprenditore in crisi. Con lomologazione del concordato limprenditore individuale riacquista la piena capacità di agire e la società concordataria non si scioglie automaticamente. Il concordato si considera eseguito quando è posto in essere lultimo adempimento previsto dalla proposta.

43 REVOCA DELLAMMISSIONE (ART. 173 L.F.), RISOLUZIONE E ANNULLAMENTO DEL CONCORDATO (ART. 186 L.F.) In corso di procedura, il Commissario Giudiziale può chiedere la revoca dellammissione al concordato, se il debitore ha occultato o dissimulato parte dellattivo, dolosamente omesso di denunciare uno o più crediti, esposto passività insussistenti o commesso altri atti di frode. La revoca può avvenire anche se il debitore ha compiuto atti non autorizzati ex art. 167 L.F. o comunque diretti a frodare le ragioni dei creditori, o se in qualunque momento vengono a mancare le condizioni prescritte per lammissibilità del concordato. Nei predetti casi può essere dichiarato il fallimento del debitore, accertati i presupposti di cui agli artt. 1 e 5 L.F. su istanza di un creditore o del P.M. Intervenuta lomologazione, ciascun creditore può chiedere la risoluzione del concordato per inadempimento, purché tale inadempimento non sia di scarsa importanza ovvero gli obblighi derivanti dal concordato sono stati assunti da un terzo con liberazione immediata del debitore. Il ricorso per la risoluzione deve essere proposto entro un anno dalla scadenza del termine fissato per lultimo adempimento previsto dal concordato. Intervenuta lomologazione, ciascun creditore o il Commissario Giudiziale possono chiedere l annullamento del concordato quando si scopre che è stato dolosamente esagerato il passivo, ovvero dissimulata o sottratta una parte rilevante dellattivo. Il ricorso per lannullamento deve essere proposto entro 6 mesi dalla scoperta del dolo e non oltre 2 anni dalla scadenza del termine fissato per lultimo adempimento previsto dal concordato.

44 ULTERIORI NOVITA INTRODOTTE DAL DL SVILUPPO IN VIGORE DAL Presentazione separata del ricorso di concordato e della proposta, piano e documentazione di cui allart. 161 L.F.; Inefficacia delle ipoteche giudiziali iscritte nei 90 giorni che precedono la data della pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese; Disciplina dei contratti in corso di esecuzione (art. 169-bis L.F.); Precisazioni in tema di prededucibilità dei crediti (art quater L.F.) e disciplina in tema di finanziamento e di continuità aziendale nel concordato preventivo (art quinquies L.F.); Disposizioni in materia di riduzione o perdita del capitale della società in crisi (art. 182-sexies L.F.); Disciplina del concordato con continuità aziendale (art. 186-bis L.F.).


Scaricare ppt "Il concordato preventivo ( artt. 160- 186 L.F.) Dott. Eduardo Grimaldi."

Presentazioni simili


Annunci Google