La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE AVANZATO anno accademico 2011/2012 Prof. Mario Campobasso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE AVANZATO anno accademico 2011/2012 Prof. Mario Campobasso."— Transcript della presentazione:

1 SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE AVANZATO anno accademico 2011/2012 Prof. Mario Campobasso S.p.a. unipersonali Patrimoni destinati 1

2 Due tecniche di limitazione del rischio dimpresa Società di capitali unipersonali (moltiplicazione dei soggetti giuridici) Patrimoni destinati (moltiplicazione dei patrimoni) Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 2

3 Art bis (Patrimoni destinati ad uno specifico affare).- La società può: a)costituire uno o più patrimoni ciascuno dei quali destinati in via esclusiva ad uno specifico affare (c.d. Patrimonio destinato operativo); b)convenire che nel contratto relativo al finanziamento di uno specifico affare al rimborso totale o parziale del finanziamento siano destinati i proventi dellaffare stesso, o parte di essi. (Finanziamento destinato) Tipologia dei patrimoni destinati Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 3

4 Patrimonio destinato operativo LAFFARE Art bis, 2° comma. Salvo quanto disposto in leggi speciali, i patrimoni destinati ai sensi della lettera a) del primo comma non possono essere costituiti per un valore complessivamente superiore al dieci per cento del patrimonio netto della società e non possono comunque essere costituiti per lesercizio di affari attinenti ad attività riservate in base alle leggi speciali. Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 4

5 Patrimonio destinato operativo IL LIMITE DEL 10% DEL PATRIMONIO NETTO Costituzione con destinazione di Riserve Attivo: Tot. 200 Terreni e fabbricati 100 depositi bancari 100 Passivo: Tot. 200 Patrimonio netto Capitale 20 Riserve 20 __________ Debiti 160 Attivo: Tot. 200 Terreni e fabbricati 100 depositi bancari 100 di cui: 4 P.D. Passivo: Tot. 200 Patrimonio netto Capitale 20 Riserve 20 di cui: 4 P.D. _________ Debiti 160 Diventa … Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 5

6 Patrimonio destinato operativo LA CONGRUITA DEL PATRIMONIO Art ter La deliberazione di costituzione deve indicare… c) Il piano economico-finanziario da cui risulti la congruità del patrimonio rispetto alla realizzazione dellaffare, le modalità e le regole relative al suo impiego, il risultato che si intende perseguire e le eventuali garanzie offerte ai terzi Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 6

7 Patrimonio destinato operativo APPORTI DI TERZI Art ter La deliberazione di costituzione deve indicare… d) Gli eventuali apporti di terzi, le modalità di controllo sulla gestione e di partecipazione ai risultati dellaffare; e) La possibilità di emettere strumenti finanziari di partecipazione allaffare, con la specifica indicazione dei diritti che attribuiscono; Se i titoli sono diffusi tra il pubblico degli investitori non professionali, la contabilità dellaffare deve essere revisionata da una sociatà di revisione. Disciplina organizzazione di categoria 2447 octies Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 7

8 Patrimonio destinato operativo COSTITUZIONE Art ter, 2° comma. Salvo diversa disposizione dello statuto, la deliberazione di cui al presente articolo è adottata dallorgano amministrativo a maggioranza assoluta dei suoi componenti. Art quater La deliberazione prevista dal precedente articolo deve essere depositata e iscritta a norma dellart Opposizione dei creditori entro 60 gg. Art quinquies. La decisione è iscritta nei registri relativi ai beni immobili o mobili registrati compresi nel P.D. Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 8

9 Effetti della separazione patrimoniale I creditori del patrimonio generale non possono rivalersi sui beni del patrimonio destinato, salvo che nella parte dei frutti o proventi destinati alla società; I creditori del patrimonio destinato non possono rivalersi sui beni del patrimonio generale; La separazione non opera per le obbligazioni da fatto illecito; Gli amministratori devono menzionare la destinazione degli atti al patrimonio destinato; La società è obbligata a tenere contabilità separata del patrimonio destinato. Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 9

10 Inadempienza-Incapienza A) Il patrimonio generale è in bonis– Il patrimonio destinato è inadempiente (art novies) B) Il patrimonio generale è sottoposto a fallimento – Il patrimonio destinato è capiente (art. 155 l. fall.) C) Il patrimonio generale è sottoposto a fallimento – Il patrimonio destinato è incapiente (art.156 l.fall.) Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 10

11 11 Finanziamento destinato art decies

12 Finanziamento destinato IL CONTRATTO Il contratto deve indicare: Una descrizione delloperazione che consenta di individuarne lo specifico oggetto; le modalità ed i tempi di realizzazione…; Il piano finanziario delloperazione, indicando la parte coperta dal finanziamento e quella a carico della società; I beni strumentali necessaria alla realizzazione delloperazione. Il tempo massimo di rimborso, decorso il quale nulla più è dovuto al finanziatore Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 12

13 Finanziamento destinato Le garanzie N.B.: La società può garantire: Il rimborso del finanziamento: garanzia (satisfattiva) che può essere solo parziale; Lesecuzione del contratto e la corretta e tempestiva realizzazione dellaffare: garanzia indennitaria che può essere anche prevista per tutti i danni subiti. Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 13

14 Finanziamento destinato DIRITTI DEL FINANZIATORE Al finanziatore può essere riconosciuto il diritto di effettuare controlli. Fuori dallipotesi di cartolarizzazione previste dalle leggi vigenti, il finanziamento non può essere rappresentato da titoli destinati alla circolazione. Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 14

15 Finanziamento destinato La separazione patrimoniale Condizioni di separazione: Iscrizione del contratto nel registro delle imprese Adozione di contabilità separata Oggetto di separazione: I proventi dello specifico affare Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 15

16 Differenza con la disciplina del patrimonio destinato operativo Non è previsto : La valutazione di congruità del patrimonio; Il diritto di opposizione dei creditori; il controllo notarile sul contratto. Ai fini delliscrizione può essere tuttavia necessario un atto pubblico o scrittura privata autenticata. che la società risponda con tutto il patrimonio delle obbligazioni da illecito (ma la regola si può ricavare analogicamente). Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 16

17 Finanziamento destinato FALLIMENTO DELLA SOCIETA Rende impossibile la prosecuzione dellaffare Non rende impossibile la prosecuzione dellaffare Il creditore si insinua per lintero importo art decies, 6° comma Il curatore può subentrare nel contratto Il finanziatore può offrire di proseguirlo personalmente o di affidarne a terzi la gestione (art. 72-ter l.fall.) Altrimenti si applica lart decies, 6° comma Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 17


Scaricare ppt "SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE AVANZATO anno accademico 2011/2012 Prof. Mario Campobasso."

Presentazioni simili


Annunci Google