La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE PECULIARITA DEL MERCATO SLOVENO Lara Cernetic Direttrice JAPTI- Ufficio di Rappresentanza dellEconomia slovena, Milano Ancona 9 giugno 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE PECULIARITA DEL MERCATO SLOVENO Lara Cernetic Direttrice JAPTI- Ufficio di Rappresentanza dellEconomia slovena, Milano Ancona 9 giugno 2010."— Transcript della presentazione:

1 LE PECULIARITA DEL MERCATO SLOVENO Lara Cernetic Direttrice JAPTI- Ufficio di Rappresentanza dellEconomia slovena, Milano Ancona 9 giugno 2010

2 JAPTI – Agenzia Pubblica della Repubblica di Slovenia per lImprenditoria e gli Investimenti Esteri DIPARTIMENTO PER GLI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI E LINTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Investimenti Diretti Esteri Servizi per gli investitori (informazioni, selezione dei siti, organizzazione delle visite ecc.) Supporto allinvesitore Image building Consulenza Supporto per lottenimento degli incentivi finanziari Internazionalizzazione delle imprese Portale internet per le aziende slovene Servizi e consulenza per I buyers esteri Acooglienza e organizzazione di delegazioni commerciali Cofinanziamento di Business Clubs Attività a favore delle PMI slovene Consulenza per le PMI e le MI Supporto allo sviluppo iimprenditoriale e promozione dello spirito imprenditoriale La rete degli uffici JAPTI allestero Milano Düsseldorf Istanbul Bucharest Shanghai Kazan Sao Paulo

3 La SLOVENIA in generale Stati dellUESlovenia Area: 20,273 km2 Capitale: Lubiana (Ljubljana) 2 milioni di abitanti Stato membro dellUE - Maggio 2004 Euro - Gennaio 2007 Area Schengen - Dicembre 2007 Presidenza UE – primo semestre 2008 membro OCSE Tasso di crescita medio negli ultimi 10 anni, 4%; 6,4% nel 2007,3.5% nel 2008, nel ,1% Entrato in vigore l'accordo per evitare le doppie imposizioni fiscali

4 SLOVENIA – congiuntura economica 2009 PIL prezzi correnti EUR 36.4 milioni PIL crescita reale 0.9 % PIL pro capite EUR 17,886 PIL pro capite*, EUR 23,100 *in termini di potere dacquisto reale 86.8% EU-27 Limportazioni crescita reale 4.1 % Lesportazioni crescita reale 1.8 % INFLAZIONE, annuale media 1.5 % Tasso di disoccupazione (metodo ILO) 6.7% Source: Institute of macroeconomic analysis and development, 2010

5 LExport sloveno Trend positivo delle esportazioni Oltre il 70% delle esportazioni sono destinate ai paesi UE Lexport: 19,8 miliardi di euro nel 2008; il 60 % del PIL IDE – I settoriIDE – I Paesi esteri presenti in Slovenia

6 LInterscambio Commerciale tra la Slovenia e lItalia Linterscambio tra la Slovenia e Italia nel 2009: mio l importazioni slovene dallItalia : mio, Lesportazioni slovene vs LItalia: mio Linterscambio nel primo semestre 2009: Il calo di -32,9% nelle importazione slovene dallItalia Il calo di -27,7% nelle esportazioni slovene vs litalia

7 Il Sistema Fiscale in Slovenia Imposta sul reddito delle persone giuridiche 20% Detrazioni fiscali – dal 20% al 40% dellammontare degli investimenti in R&S; –detrazioni per lassunzione di particolari tipologie di dipendenti; –fino al 30% dellinvestimento in macchinari/attrezzature e inv. a lungo termine; Imposta sui redditi da interessi, dividendi e rendite finanziarie 20 % sugli interessi 20% sui dividendi 0-20% sulle rendite finanziarie IVA 20% - aliquota standard; 8.5% - aliquota ridotta Imposta sulla proprietà 0% Imposta sulle cessioni di beni immobili 2% Contributi per la previdenza sociale 16.1% a carico del datore di lavoro; 22.1% a carico del lavoratore dipendente Imposta sul monte salari Abolita nel 2009 Imposta sul reddito tre scaglioni in base al reddito: 16%, 27% e 41%

8 La Qualità delle Risorse Umane Tradizione Industriale Storica; Alto livello distruzione: il 16% di laureati, il 62% di diplomati; Ottima conoscenza delle lingue straniere (inglese, tedesco, italiano, serbocroato). Minimo salariale Salari medi operaio: 700; operaio specializzato: 1.000; ingegnere: 1,700; ingegnere informatico: 2,200. Fonte: IMD World Competitiveness Yearbook 2008

9 Il costo del lavoro SETTORE Dipendente non qualif. () Dipendente qualificato () Dipendente altamente qualif. () Ingegneri e specializz. () Ind. Automobilistica Ind. Farmaceutica e chimica Ind. Elettronica e elettrica Ind. ICT (Tecnologia Informatica e delle Comunicazioni) Logistica & Distribuzione Ind. Meccanica e metallurgica Fonte: Adecco, JAPTI, 2009

10 La Qualità delle infrastrutture (1) Infrastrutture molto sviluppate: intersezione tra i Corridoi europei 5 e 10 Porto di Koper-Capodistria –sito ideale per un centro di distribuzione o base logistica –uno degli scali portuali più sviluppati dellAdriatico –La più breve rotta marittima tra lEuropa Centrale e lAsia

11 Infrastrutture molto sviluppate nellarea dintersezione fra il Quinto ed il Decimo Corridoio Trans-Europeo. Distanze dalle principali città europee: Vienna (A) 370 km Budapest (H) 440km Monaco (D) 420 km Sarajevo (BiH) 500 km Zagabria (CRO) 130 km Milano (I) 495 km Trasporto su strada: –417km di autostrade 142 km di superstrade. Per il 2010 è previsto il completamento della rete autostradale. Trasporto aereo: –3 aereoporti internazionali (Ljubljana, Maribor e Portorose) –Laeroporto principale Ljubljana-Brnuk è situato a 25 km dalla capitale slovena. La Qualità delle infrastrutture (2)

12 IDE in Slovenia (1) Brigl & Bergmeister Danfoss DHL Deloitte&Touche Ernst&Young GKN Driveline Gfk Lafarge Perlmooser Microsoft Mobilkom Renault (F) Unicredit (I) Goodyear (USA) Novartis (CH) San Paolo IMI (I) Reiffeisen Bank (A) Lafarge Perlmooser (A) IBM (USA) Gruppo OVS (I) Oracle PriceWaterhouseCoopers Palfinger Pfeiderer Safilo Group Sandoz (Novartis Pharma) Sun Roller Schenker S&T Titus International Fonete: Banca di Slovenia, 2009 Unicredit (I) Safilo Group (I) Johnson Controls (D) Bosch-Siemens (D) Gruppo Bonazzi (I) Société Générale (F) MOL (H) KBC (B) Generali group (I)

13 IDE in Slovenia (2) Fonte: Banca di Slovenia, 2009 Nel miliardi di Euro ___________________________

14 IDE: Dove Investire… Logistica & Distribuzione ICT Turismo Shared service centers Mercato finanziario Industria chimica e farmaceutica Tecnologie del settore ambiente Energie rinnovabili Nanotecnologie e nuovi materiali Settore automobilistico Industria meccanica Industria Elettronica ed elettrica NUOVE TECNOLOGIE, Ricerca&Sviluppo, Servizi e Produzione ZONE INDUSTRIALI e COMMERCIALI PARCHI TECNOLOGICI – AREE DI RICERCA

15 Il Bando Pubblico per lIncentivazione degli Investimenti Diretti Esteri (1) Lo scopo del bando: Riduzione delle spese iniziali degli investitori esteri, Creazione di nuovi posti di lavoro, Trasferimento di know-how e tecnologie, Supporto alle regioni meno sviluppate della Slovenia.

16 Attività Valore dellinvestimento Posti di lavoro creati Produzione1mil. 25 Servizi0.5mil. 10 Ricerca&Sviluppo0.5mil. 5 Bando Pubblico JAPTI 2009 per lincentivazione degli investimenti diretti esteri : Risultati del 2009 : » 12 investimenti » 621 nuovi posti di lavoro Finanziamento a fondo perduto fino al 30% dellinvestimento Il Bando Pubblico per lIncentivazione degli Investimenti Diretti Esteri (2)

17 Il Bando Pubblico per lIncentivazione degli Investimenti Diretti Esteri I costi sovvenzionabili (3) Costi di creazione di nuovi posti di lavoro, creati direttamente con il progetto dinvestimento, calcolati per un periodo di due anni Costi relativi agli investimenti materiali in immobilizzazione: Edifici e attrezzature; Dotazione urbanistica e infrastrutturale dei terreni; Acquisto, costruzione e modernizzazione degli edifici; Acquisto delle nuove macchine e attrezzature (PMI anche usato). Costi relativi agli investimenti immateriali (acquisizioni di brevetti, licenze, know-how o conoscenze tecniche non brevettate) Solo per PMI sono compresi anche i costi relativi a studi preliminari e consulenze, legati allinvestimento, fino ad una quota del 50% dei costi effettivamente sostenuti.

18 Il Bando Pubblico per lIncentivazione degli Investimenti Diretti Esteri (4) Nel 2010 sono a disposizione ancora 4,5 mio di euro: 2 milioni sono già stati erogati alla prima scadenza, il 14 aprile. Termini per la presentazione delle domande: - 9 giugno settembre novembre febbraio aprile giugno settembre 2011

19 Decreto legge sugli incentivi finanziari per gli IDE ARTICOLO 22 - Procedura speciale per lottenimento degli incentivi finanziari al di fuori dei Bandi Pubblici Caratteristiche del progetto dinvestimento: investimento maggiore di 12m di Euro almeno il 50% in più di nuovi posti di lavoro in base ai criteri stabiliti dal Bando JAPTI 2010 impatto significativo sullo sviluppo delleconomia slovena valutata da una commissione ad hoc costituita presso il Ministero dellEconomia Per ulteriori informazioni contattare il dipartimento per gli Investimenti Diretti Esteri della JAPTI:

20 La Legge speciale per lo sviluppo della regione del Pomurje Persona di riferimento nella regione del Pomurje: RRA Mura d.o.o. Sig. Feri Gonc Gli incentivi fiscali Le imprese che assumono le persone disoccupate da almeno un anno possono dedurre il 70% dei costi dei salari dalla base imponibile In base al target group dei gruppi di disoccupati previsti dalla legge slovena, vengono romborsati in tutto o in parte i costi della previdenza sociale Il 70% dei costi dei salari possono essere dedotti dalla base imponibile per le imprese che investono nelle nuove tecnologie

21 E un istituzione finanziaria pubblica, il cui compito principale e quello di favorire l'accesso al credito delle PMI Slovene. Nel corso del 2009 ha concesso garanzie per un ammontare pari a 72 milioni di Euro a copertura di prestiti bancari per un valore di oltre 100 milioni di Euro; il Fondo ha inoltre stanziato 11,5 milioni di Euro destinati al rimborso degli interessi agevolati. In totale, le aziende slovene che hanno potuto usufruire di tali agevolazioni finanziarie sono state piu 450. Nel 2010 metteranno a disposizione delle imprese 62 milioni di Euro per le garanzie sui prestiti e 8,5 milioni di Euro per i tassi dinteresse agevolati. Contatti: FONDO IMPRENDITORIALE DELLA RS

22 I vantaggi del mercato sloveno È vicino ai mercati dellEst ed è molto legata ai mercati balcanici in via di sviluppo; Pressione fiscale sugli utili molto più bassa – 20%; Basso costo dei fattori produttivi: per le utenze industriali lenergia elettrica costa quasi il 20% in meno che in Italia; Frammentazione delle organizzazioni sindacali; Burocrazia snella ed efficiente; Logistica: infrastrutture stradali molto efficienti; Sviluppo di nuove zone industriali e artigianali; Bandi pubblici per gli investimenti diretti esteri; Un sistema bancario trasparente con la presenza dei due gruppi italiani più importanti; La risorsa delle minoranze etniche: sia quella slovena in Italia sia quella italiana in Slovenia, i cui appartenenti parlano correttamente entrambe le lingue.

23 Grazie per lattenzione JAPTI Ufficio di Rappresentanza dellEconomia slovena Sede di Milano Lara Cernetic Direttrice Galleria Buenos Aires Milano Tel: Fax:


Scaricare ppt "LE PECULIARITA DEL MERCATO SLOVENO Lara Cernetic Direttrice JAPTI- Ufficio di Rappresentanza dellEconomia slovena, Milano Ancona 9 giugno 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google