La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modena, 13-15 Maggio 2012 ORGANIZZATO DA TAVOLA ROTONDA: il ruolo delle istituzioni nello sviluppo di una mobilità di massa sostenibile ed energeticamente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modena, 13-15 Maggio 2012 ORGANIZZATO DA TAVOLA ROTONDA: il ruolo delle istituzioni nello sviluppo di una mobilità di massa sostenibile ed energeticamente."— Transcript della presentazione:

1 Modena, Maggio 2012 ORGANIZZATO DA TAVOLA ROTONDA: il ruolo delle istituzioni nello sviluppo di una mobilità di massa sostenibile ed energeticamente sicura. Quali iniziative nel breve e nel medio periodo? LA SFIDA DELLA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA, LA RISPOSTA DEGLI OPERATORI Nadia Amitrano – Servizio Innovazioni tecnologiche ASSTRA - ROMA

2 2 2 I PRINCIPALI DATI DEL TPL ITALIANO [Fonte: Dati ASSTRA - Anno 2010] Il settore del Trasporto Pubblico Locale italiano si compone di oltre operatori, produce un giro di affari di circa 9 miliardi di Euro ed impiega lavoratori. Operatori1.170 Passeggeri trasportati5,4miliardi Chilometri prodotti2 miliardi Addetti Mezzi di trasporto (gomma e metropolitano) Ferrovie regionali (esclusa FS)830 treni Totale valore della produzione9 miliardi

3 3 3 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA [Fonte: Elaborazioni ASSTRA - dati 2010] I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati197 Quota di mercato trasporto urbano95% Quota di mercato trasporto extraurbano75% Mezzi di trasporto (gomma e metropolitano) Ferrovie regionali830 treni Estensione rete km Chilometri prodotti1,65 miliardi Addetti Comuni serviti5.000 Passeggeri trasportati5,2 miliardi 15 milioni/giorno Totale valore della produzione8,2 miliardi

4 4 MERCATO URBANO DEI MEZZI DI TRASPORTO Il mercato urbano dei mezzi di trasporto nellultimo biennio (distribuzione % degli spostamenti motorizzati) [Fonte: 8° Rapporto sulla mobilità urbana in Italia – ASSTRA, Hermes – 2011]

5 TOTAL CNT Underground CNT Tram ASSTRA (2011)437Trolleybus ASSTRA (2008)39.471Bus FONTEUNITAVEICOLILOFFERTA

6 6 6 LOFFERTA DEL VETTORE AUTOBUS E LA FONTE DI TRAZIONE Il numero degli autobus nel 2008 si è mantenuto costante rispetto ai due anni precedenti. Crescono le percorrenze con autobus a metano per i veicoli di classe I (15,3%) e con autobus elettrici. Per i veicoli di classe II invece, la principale fonte di trazione si conferma il gasolio (99% del totale). [Fonte: 8° Rapporto sulla mobilità urbana in Italia – ASSTRA, Hermes – 2011] DINAMICA DEI MEZZI ( ; NUMERI INDICI)

7 77 LOFFERTA DEL VETTORE AUTOBUS LIVELLO DI EMISSIONI Nellanno 2010 si registra ancora una bassa percentuale di veicoli a basso impatto ambientale e di converso unalta quota di autobus in dotazione Pre 0, euro 0, Euro 1 (20%) [Fonte: 8° Rapporto sulla mobilità urbana in Italia – ASSTRA, Hermes – 2011]

8 8 ETA MEDIA Tra il 2006 ed il 2009, si è registrato un aumento delletà media degli autobus adibiti al trasporto pubblico urbano, indicatore fondamentale per la valutazione delladeguatezza e qualità del servizio reso allutenza. Tale tendenza, ovviamente figlia di una politica di investimenti pubblici poco generosa verso il settore, impatta negativamente sulla gestione corrente del trasporto pubblico in termini di un acuirsi dei costi manutentivi ed in termini di consumi, senza poi considerare la componente ambientale.

9 9 1)Abbattere la congestione 9 LA DOPPIA SFIDA 2)Ridurre linquinamento Allarme spazio Allarme inquinamento

10 10 ALLARME SPAZIO: IL TASSO DI MOTORIZZAZIONE Il tasso di motorizzazione colloca lItalia al secondo posto nelle statistiche europee tra i paesi con il maggior numero di autovetture per abitante ed al primo posto in un confronto internazionale sulle aree urbane. [Fonte: Isfort ed EMTA Barometer] Valore massimo Roma: 678 auto ogni 1000 ab.

11 11 ALLARME SPAZIO: Il TRASPORTO PUBBLICO PER COMBATTERE LA CONGESTIONE Per trasportare persone occorrono automobili a fronte di 37 jumbo (autobus tipo 24 metri), che occupano a loro volta circa 1/10 dello spazio rispetto alle auto private. 11 [Fonte: UITP Proposta Progetto EBSF – 2008/2012]

12 12 1. MILANO, TORINO, GENOVA, BOLOGNA, FIRENZE, ROMA, NAPOLI, PALERMO nelle otto più grandi città italiane Rispetto alle emissioni urbane totali nelle otto più grandi città italiane 1, i trasporti contribuiscono per più del 65% delle emissioni di PM 10, di ossidi di azoto e di ammoniaca; per più del 85% delle emissioni di benzene; per il 50% delle emissioni di composti volatici non metanici; per più dell80% delle emissioni di monossido di carbonio. La mobilità è un fattore di pressione ambientale notevole negli agglomerati metropolitani con effetti negativi sul benessere, sulla salute e sulla vita dei cittadini. ALLARME INQUINAMENTO: LINCIDENZA DELLA MOBILITÀ SULLE EMISSIONI INQUINANTI IN AMBITO URBANO (Fonte: Rapporto Apat Qualità dellambiente urbano)

13 13 ALLARME INQUINAMENTO: LIMPATTO DELLE EMISSIONI DEL TPL Nello scenario urbano limpatto dellinquinamento del TPL è marginale rispetto a quello delle altre categorie: le emissioni di CO, CO2 degli NOx e del benzene sono trascurabili rispetto a quelle prodotte dal traffico privato, le emissioni di PM10 prodotte dagli autobus rappresentano solo una quota marginale (circa il 7%) della flotta circolante. 13 [Fonte: Elaborazioni ASSTRA su Dati Euromobility - CNR Istituto Inquinamento Atmosferico]

14 14 ALLARME INQUINAMENTO: CONFRONTO EMISSIONI PROCAPITE AUTOBUS DIESEL EURO III ED AUTOVETTURE EURO IV 14 [Fonte : Elaborazioni ASSTRA su dati APAT 2005 (http://www.isprambiente.it ]http://www.isprambiente.it AUTOVETTURA [grammi/passeggero*kmv ettura] AUTOBUS [grammi/passeggero*kmv ettura] Rapporto autovettura- autobus NOX (Ossidi di Azoto) 0,09930,08581,09 PT (Particolato) 0,01330,0043,33 CO (Monossido di Carbonio) 3,70,162522,77 CO2 (Anidride Carbonica) 242,6215,73415,42 22 volte di più e 15 volte di più Unautomobile quindi, inquina rispetto ad un autobus 22 volte di più relativamente al Monossido di Carbonio e 15 volte di più rispetto all Anidride Carbonica.

15 15 ALLARME INQUINAMENTO: I LIVELLI MASSIMI AMMISSIBILI INQUINANTELegge di riferimento LimitePeriodo di riferimento Valori soglia NO2 (Biossido di Azoto) Dm 60/ μg/m3Media annua PM10 (Particolato) Dm 60/ μg/m3Media giornaliera Da non superarsi per più di 35 volte in un anno PM10 (Particolato) Dm 60/ μg/m3Media annua Ozono DLgs 13/08/ μg/m3Media su otto oreDa non superarsi per più di 25 volte in un anno

16 ALLARME INQUINAMENTO: OMOLOGAZIONI EURO 0EURO 1EURO 2EURO 3EURO 4EURO 5EURO 6 Nuove omologazioni Nuove immatricolazio ni CO (g/kWh)CO (g/kWh) 11,24,542,11,5 NOx (g/kWh)NOx (g/kWh) 14,48753,520,4 PM (g/kWh)PM (g/kWh) /0,360,150,10,02 0,001 Inoltre, a partire dal 31 dicembre 2012, le autorità nazionali dovranno rifiutare lomologazione nazionale o lomologazione-tipo CE ai "nuovi tipi" di motori o di veicoli che, a causa delle emissioni, non siano conformi al Regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, che introduce i limiti delle emissione Euro VI. Rispetto all'Euro V, ad esempio, la massa delle emissioni di particolato consentita dal nuovo regolamento dovrà essere ridotta del 66% (0,001 g/kWh), mentre nel caso degli ossidi di azoto si prevede una riduzione dell'80% (0,4 g/kWh).

17 17 LA FONTE DI TRAZIONE A METANO AZIENDE CON AUTOBUS A METANO [Fonte: ASSTRA- Servizio Economico Finanziario Statistico- Autobus e Investimenti 2011] 2011 Metano.Urbano AlessandriaATM SPA 25 AnconaCONEROBUS SPA 55 Arezzo - Siena- Piombino GrossetoTIEMME SPA 61 Ascoli PicenoSTART S.P.A. 19 AstiA.S.P. S.P.A. 6 BariAMTAB S.P.A. 64 BergamoATB SERVIZI SPA 22 BiellaA.T.A.P. 3 BolzanoSASA SPA AG 72 BresciaBRESCIA TRASPORTISPA 113 BresciaSIA 4 CamerinoCONTRAM S.P.A. 15 CarascoATP 7 Casale MonferratoAMC 3 CataniaAMT 66 ChietiA.R.P.A. - S.P.A. 29 CosenzaA.M.A.CO. S.P.A. 44 FirenzeATAF 128 FoggiaATAF 24 LodiLINE 33 LuccaCLAP SPA 13 MacerataAPM SPA 20 MolfettaM.T.M. 1 NapoliANM 70 NapoliCTP SPA 125 NovaraSUN 28 PadovaAPS HOLDING SPA 103 ParmaTEP S.P.A. 90 PescaraGTM 35 PiacenzaTEMPI S.P.A. 15 PisaCPT SPA 13 RietiASM RIETI SPA 6 RomaA.T.A.C. S.P.A. 399 SalernoCSTP S.P.A. 29 SavonaTPL LINEA 4 ScandicciLINEA 5 TorinoGTT SPA 289 TrentoTT ESERCIZIO S.P.A. 34 UrbinoAMI SPA 35 VeneziaACTV 59 ViterboFRANCIGENA 2

18 LA FONTE DI TRAZIONE A METANO: VEICOLI Campione 75 Aziende, pari al : 66,5 % del numero degli addetti; 50,6 % per numero mezzi; 52% per chilometri percorsi; 52% passeggeri delluniverso ASSTRA [Fonte: ASSTRA- Servizio Economico Finanziario Statistico - Autobus e Investimenti 2011]

19 19 RISULTATI EMERSI DALLINDAGINE ASSTRA VANTAGGI METANO Abbassamento del rumore esterno prodotto dai motori; Silenziosità interna; Assenza di vibrazioni ripercuotenti nella carrozzeria; Minore nocività dei gas di scarico; Minore costo del combustibile (compresi i costi accessori); Facilità di approvvigionamento, essendo presente in natura con giacimenti in quantità superiore al petrolio e più facilmente accessibili. SVANTAGGI METANO Costo di acquisto del veicolo superiore del 30%; Costi di manutenzione più elevati a causa dei numerosi controlli sullimpianto di stoccaggio del combustibile; Necessità di effettuare stacco e riattacco delle bombole da sottoporre a revisione periodica; Costi dellimpianto di rifornimento; Costi per la messa in sicurezza dellofficina metano; I tempi di rifornimento sono superiori a quelli necessari per i veicoli a gasolio. [Fonte: ASSTRA - Servizio Innovazioni Tecnologiche – 2006/2007]

20 20 (Enhanced Environmental Vehicle) Veicolo Ecologicamente Avanzato I veicoli EEV rispettano le norme di inquinamento che entreranno in vigore dopo il LAzienda ha deciso di investire in veicoli EEV Ciclo ETC Direttiva 2005/55/CE SCELTE DIFFERENTI: ATM MILANO

21 LA SFIDA DELLA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA, LA RISPOSTA DEGLI OPERATORI *Grazie per la cortese attenzione*


Scaricare ppt "Modena, 13-15 Maggio 2012 ORGANIZZATO DA TAVOLA ROTONDA: il ruolo delle istituzioni nello sviluppo di una mobilità di massa sostenibile ed energeticamente."

Presentazioni simili


Annunci Google