La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Responsabilità ed Etica dellinfermiere alla luce del nuovo codice deontologico edoardo manzoni Ferrara 21 febbraio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Responsabilità ed Etica dellinfermiere alla luce del nuovo codice deontologico edoardo manzoni Ferrara 21 febbraio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Responsabilità ed Etica dellinfermiere alla luce del nuovo codice deontologico edoardo manzoni Ferrara 21 febbraio 2009

2 Un cane, che se ne stava tranquillo a dormicchiare nel proprio cortile, vide passare una lepre la quale, accortasi di lui, cercò affannosamente di fuggire e di seminare il possibile e probabile cacciatore. Il cane si pose al suo inseguimento, mettendo tutte le proprie forze ed abbaiando vivacemente. Ora, al passare del cane e sentendo il suo latrato, molti altri cani si misero al suo seguito formando un gruppo numeroso e rumoroso. Tutti correvano dietro il cane che stava inseguendo la lepre; tutti abbaiavano festosamente o nervosamente tra la stanchezza che cominciava a farsi sentire. Essi, tuttavia, non avevano visto la lepre, la quale essendo piccola e veloce sfuggiva alla attenzione dei più. Uno alla volta i cani, stanchi ed affannati, si fermarono assottigliando, di momento in momento, il gruppo. A loro, non bastava più laver sentito il primo cane abbaiare ed averlo visto correre. Non avevano motivo per continuare nella fatica. Solo il primo cane, quello che sapeva di inseguire la lepre, continuò la corsa, nella determinazione di raggiungere la preda, il suo obiettivo.

3 definizioni RispondereRispondere ResponsabilitàResponsabilità

4 definizioni rispondere ant. respondere rispondere ant. respondere 1 Parlare o scrivere facendo seguito a una domanda o a una richiesta: non hai ancora risposto alla mia domanda; r. in ritardo; r. al telefono, a una chiamata; r. con precisione, evasivamente Rispondere all'appello, dicendo presente, alzandosi in piedi, alzando la mano e sim.; fig. partecipare a un'iniziativa per la quale è stato richiesto l'aiuto di tutti: per il soccorso ai terremotati in molti risposero all'appello Rispondere a tono, dare risposte appropriate; fig. ribattere energicamente a una provocazione verbale: così strafottente, merita che gli si risponda a tono Rispondere per le rime, usando le stesse rime che ha usato l'interlocutore; fig. replicare vivacemente, senza riguardi e senza reticenze1 Parlare o scrivere facendo seguito a una domanda o a una richiesta: non hai ancora risposto alla mia domanda; r. in ritardo; r. al telefono, a una chiamata; r. con precisione, evasivamente Rispondere all'appello, dicendo presente, alzandosi in piedi, alzando la mano e sim.; fig. partecipare a un'iniziativa per la quale è stato richiesto l'aiuto di tutti: per il soccorso ai terremotati in molti risposero all'appello Rispondere a tono, dare risposte appropriate; fig. ribattere energicamente a una provocazione verbale: così strafottente, merita che gli si risponda a tono Rispondere per le rime, usando le stesse rime che ha usato l'interlocutore; fig. replicare vivacemente, senza riguardi e senza reticenze 2 Emettere un segnale non verbale in risposta a un qualunque tipo di messaggio: rispose con un sorriso Dell'eco, risonare2 Emettere un segnale non verbale in risposta a un qualunque tipo di messaggio: rispose con un sorriso Dell'eco, risonare

5 definizioni responsabilità ant. risponsabilità 1 L'essere responsabile: ti senti di prenderti questa r.?; la r. del disastro ricade su tutti voi; volle assumersi la r. dell'impresa; declinare ogni r. Senso di responsabilità, consapevolezza dei propri doveri, comportamenti, gesti, e delle loro conseguenze: in questa circostanza ha mostrato scarso senso di r. 2 estens. Colpa: la r. dell'incidente è sua2 estens. Colpa: la r. dell'incidente è sua

6 La costruzione storica della responsabilità Il termine responsabilità assume un ampio spettro di significati, a seconda delle branche dello scibile in cui lo si consideri.Il termine responsabilità assume un ampio spettro di significati, a seconda delle branche dello scibile in cui lo si consideri. È un vocabolo centrale nella filosofia morale, nel diritto, nelle scienze sociali in genere, e perfino nel linguaggio aziendale corrente (sotto questo profilo, in realtà, il senso del termine è assai peculiare, poiché infatti può essere normalmente ritenuto sinonimo di "direzione", "essere preposti a qualche ufficio", e simili). Occorre anche avvertire che - specie nel diritto commerciale e nell'indicare i vari tipi legali d'impresa - spesso "responsabilità" significa potenziale assoggettamento di un patrimonio all'azione esecutiva da parte di un creditore il cui diritto soggettivo ad una prestazione sia rimasto insoddisfatto. In quest'accezione, "responsabilità" può essere utilmente confrontata con la nozione di autonomia patrimoniale.È un vocabolo centrale nella filosofia morale, nel diritto, nelle scienze sociali in genere, e perfino nel linguaggio aziendale corrente (sotto questo profilo, in realtà, il senso del termine è assai peculiare, poiché infatti può essere normalmente ritenuto sinonimo di "direzione", "essere preposti a qualche ufficio", e simili). Occorre anche avvertire che - specie nel diritto commerciale e nell'indicare i vari tipi legali d'impresa - spesso "responsabilità" significa potenziale assoggettamento di un patrimonio all'azione esecutiva da parte di un creditore il cui diritto soggettivo ad una prestazione sia rimasto insoddisfatto. In quest'accezione, "responsabilità" può essere utilmente confrontata con la nozione di autonomia patrimoniale.

7 La deontologia, o etica deontologica, può essere intesa come l'insieme di teorie etiche che si contrappone al consequenzialismo. Mentre il consequenzialismo determina la bontà delle azioni dai loro scopi, la deontologia afferma che fini e mezzi sono strettamenti dipendenti gli uni dagli altri, il che significa che un fine giusto sarà il risultato dell'utilizzo di giusti mezzi.La deontologia, o etica deontologica, può essere intesa come l'insieme di teorie etiche che si contrappone al consequenzialismo. Mentre il consequenzialismo determina la bontà delle azioni dai loro scopi, la deontologia afferma che fini e mezzi sono strettamenti dipendenti gli uni dagli altri, il che significa che un fine giusto sarà il risultato dell'utilizzo di giusti mezzi. Il più famoso deontologo è stato, probabilmente, Immanuel Kant ( ). Il suo imperativo categorico (diviso in tre differenti formulazioni) determina un insieme di principi universali attraverso cui può essere giudicata la bontà delle azioni. Il nome "deontologia" deriva dal greco "deon" che significa "dovere". L'obiettivo di Kant nella formulazione della deontologia era stabilire un sistema etico che non dipendesse dall'esperienza soggettiva ma da una logica inconfutabile. Quindi, la correttezza etica di un comportamento sarebbe un dovere assoluto e innegabile, alla stessa maniera in cui nessuno potrebbe negare che due per due fa quattro.Il più famoso deontologo è stato, probabilmente, Immanuel Kant ( ). Il suo imperativo categorico (diviso in tre differenti formulazioni) determina un insieme di principi universali attraverso cui può essere giudicata la bontà delle azioni. Il nome "deontologia" deriva dal greco "deon" che significa "dovere". L'obiettivo di Kant nella formulazione della deontologia era stabilire un sistema etico che non dipendesse dall'esperienza soggettiva ma da una logica inconfutabile. Quindi, la correttezza etica di un comportamento sarebbe un dovere assoluto e innegabile, alla stessa maniera in cui nessuno potrebbe negare che due per due fa quattro.

8 Kant assegna alla logica, quindi, attraverso l'imperativo categorico il dovere di determinare la correttezza o meno di un'azione. Esso si fonda sull'idea della massima che divenuta universale contraddice sé stessa. L'esempio adatto è quello di chi si rifiuta di aiutare gli altri, perché è indifferente alle loro sorti. Kant, in questo caso, ci dice che un mondo in cui ognuno pensi solo alla propria felicità è coerentemente immaginabile; Kant, tuttavia, ci mostra come una volontà che istituisse questo principio si auto-contraddirebbe, poiché ogni singolo perderebbe la possibilità di essere soccorso nel momento del bisogno e questo non è razionalmente desiderabile da alcuno.Kant assegna alla logica, quindi, attraverso l'imperativo categorico il dovere di determinare la correttezza o meno di un'azione. Esso si fonda sull'idea della massima che divenuta universale contraddice sé stessa. L'esempio adatto è quello di chi si rifiuta di aiutare gli altri, perché è indifferente alle loro sorti. Kant, in questo caso, ci dice che un mondo in cui ognuno pensi solo alla propria felicità è coerentemente immaginabile; Kant, tuttavia, ci mostra come una volontà che istituisse questo principio si auto-contraddirebbe, poiché ogni singolo perderebbe la possibilità di essere soccorso nel momento del bisogno e questo non è razionalmente desiderabile da alcuno.

9 La deontologia professionale consiste nell'insieme delle regole comportamentali, il cosiddetto "codice etico", che si riferisce in questo caso ad una determinata categoria professionale.La deontologia professionale consiste nell'insieme delle regole comportamentali, il cosiddetto "codice etico", che si riferisce in questo caso ad una determinata categoria professionale.

10 Il principio responsabilità, dal titolo di un libro di Hans Jonas, è il principio cardine di un'etica razionalista applicata in particolare ai temi dell'ecologia e della bioetica.Il principio responsabilità, dal titolo di un libro di Hans Jonas, è il principio cardine di un'etica razionalista applicata in particolare ai temi dell'ecologia e della bioetica.

11 Ne "Il Principio Responsabilità" ("Das Prinzip Verantwortung"), edito nel 1979, Hans Jonas approda alla necessità di applicare il principio di responsabilità ad ogni gesto dell'uomo che "deve" prendere in considerazione le conseguenze future delle sue scelte e dei suoi atti. Dopo la crisi della razionalità etica provocata dalle elaborazioni di Friedrich Nietzsche si registra nel pensiero del XX secolo l'esigenza di restituire l'etica alla plurale concretezza del mondo e della vita, osservando che la ricerca di principi universali condiziona le decisioni e le scelte sull'ambiente, sull'economia, sulla comunicazione e, in sintesi, sulla vita del genere umano.Ne "Il Principio Responsabilità" ("Das Prinzip Verantwortung"), edito nel 1979, Hans Jonas approda alla necessità di applicare il principio di responsabilità ad ogni gesto dell'uomo che "deve" prendere in considerazione le conseguenze future delle sue scelte e dei suoi atti. Dopo la crisi della razionalità etica provocata dalle elaborazioni di Friedrich Nietzsche si registra nel pensiero del XX secolo l'esigenza di restituire l'etica alla plurale concretezza del mondo e della vita, osservando che la ricerca di principi universali condiziona le decisioni e le scelte sull'ambiente, sull'economia, sulla comunicazione e, in sintesi, sulla vita del genere umano.

12 Tale esigenza, che porta ad una ripresa dell'universalismo kantiano e dell'idea di "dovere" quale fondamento della morale, si rinviene nel pensiero e negli scritti di Hans Jonas, "teorico dell'etica della responsabilità", che elabora, così come Weber, un concetto di etica orientata al futuro. Hans Jonas inserisce la propria proposta teorica nel provocatorio progetto della fondazione dell'etica nell'ontologia, in nome della salvaguardia dell'essere e dell'umanità nell'Universo minacciato dalla tecnica, con le sue conseguenze distruttive sul piano planetario. L'imperativo dell'etica della responsabilità viene così formulato: "Agisci in modo tale che gli effetti della tua azione siano compatibili con la continuazione di una vita autenticamente umana".Tale esigenza, che porta ad una ripresa dell'universalismo kantiano e dell'idea di "dovere" quale fondamento della morale, si rinviene nel pensiero e negli scritti di Hans Jonas, "teorico dell'etica della responsabilità", che elabora, così come Weber, un concetto di etica orientata al futuro. Hans Jonas inserisce la propria proposta teorica nel provocatorio progetto della fondazione dell'etica nell'ontologia, in nome della salvaguardia dell'essere e dell'umanità nell'Universo minacciato dalla tecnica, con le sue conseguenze distruttive sul piano planetario. L'imperativo dell'etica della responsabilità viene così formulato: "Agisci in modo tale che gli effetti della tua azione siano compatibili con la continuazione di una vita autenticamente umana".

13 Concetto di professione e concetto di responsabilità. Quale rapporto ?Concetto di professione e concetto di responsabilità. Quale rapporto ?

14 Il concetto di professione secondo i vari approcciIl concetto di professione secondo i vari approcci

15 In conclusione:In conclusione: - competenza tecnica esclusiva- competenza tecnica esclusiva - ideale di servizio- ideale di servizio

16 competenza tecnica esclusiva 1)la maturazione della disciplina infermieristica 2)da professione sanitaria ausiliaria a professione sanitaria

17 lideale di servizio I codici deontologici patto infermiere – cittadino gennaio 2009

18 la fondamentale caratteristica di un codice deontologico Deve indicare i principi e i valori professionali quali elementi imprescindibili per la definizione di qualsiasi comportamento professionale Un valore professionale è linsieme significativo di orientamenti morali, ideali, convinzioni e comportamenti ritenuti importanti da un determinato gruppo di professionisti ( Fry, Johnstone, 2004 )

19 Codice deontologico 17 gennaio 2009 Approvato dal Comitato centrale della Federazione con deliberazione n.1/09 del 10 gennaio 2009 e dal Consiglio nazionale dei Collegi Ipasvi riunito a Roma nella seduta del 17 gennaio Approvato dal Comitato centrale della Federazione con deliberazione n.1/09 del 10 gennaio 2009 e dal Consiglio nazionale dei Collegi Ipasvi riunito a Roma nella seduta del 17 gennaio Il nuovo Codice entrerà in vigore subito dopo la sua "proclamazione" ufficiale al XV Congresso nazionale, che si terrà a Firenze dal 26 al 28 febbraio.

20 La struttura Capo I: le definizioni fondanti e i principi eticiCapo I: le definizioni fondanti e i principi etici Capo II: la coscienza, la promessa etica e la prudenzaCapo II: la coscienza, la promessa etica e la prudenza Capo III: il rapporto con la scienza, la sperimentazione, il senso del limite personaleCapo III: il rapporto con la scienza, la sperimentazione, il senso del limite personale Capo IV: la tutela dellassistito ed il patto socialeCapo IV: la tutela dellassistito ed il patto sociale Capo V: il rapporto con i colleghiCapo V: il rapporto con i colleghi Capo VI: la responsabilità e partecipazione socialeCapo VI: la responsabilità e partecipazione sociale Disposizioni finaliDisposizioni finali

21 Codice deontologico 2009 Capo I Articolo 1Articolo 1 L'infermiere è il professionista sanitario responsabile dell'assistenza infermieristica.L'infermiere è il professionista sanitario responsabile dell'assistenza infermieristica. Articolo 2Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa.L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa. Articolo 3Articolo 3 La responsabilità dell'infermiere consiste nellassistere, nel curare e nel prendersi cura della persona nel rispetto della vita, della salute, della libertà e della dignità dell'individuo.La responsabilità dell'infermiere consiste nellassistere, nel curare e nel prendersi cura della persona nel rispetto della vita, della salute, della libertà e della dignità dell'individuo. Articolo 4Articolo 4 L'infermiere presta assistenza secondo principi di equità e giustizia, tenendo conto dei valori etici, religiosi e culturali, nonché del genere e delle condizioni sociali della persona.L'infermiere presta assistenza secondo principi di equità e giustizia, tenendo conto dei valori etici, religiosi e culturali, nonché del genere e delle condizioni sociali della persona. Articolo 5Articolo 5 Il rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo e dei principi etici della professione è condizione essenziale per l'esercizio della professione infermieristica.Il rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo e dei principi etici della professione è condizione essenziale per l'esercizio della professione infermieristica. Articolo 6Articolo 6 L'infermiere riconosce la salute come bene fondamentale della persona e interesse della collettività e si impegna a tutelarla con attività di prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione.L'infermiere riconosce la salute come bene fondamentale della persona e interesse della collettività e si impegna a tutelarla con attività di prevenzione, cura, riabilitazione e palliazione.

22 Capo II Articolo 7Articolo 7 Linfermiere orienta la sua azione al bene dell'assistito di cui attiva le risorse sostenendolo nel raggiungimento della maggiore autonomia possibile, in particolare, quando vi sia disabilità, svantaggio, fragilità.Linfermiere orienta la sua azione al bene dell'assistito di cui attiva le risorse sostenendolo nel raggiungimento della maggiore autonomia possibile, in particolare, quando vi sia disabilità, svantaggio, fragilità. Articolo 8Articolo 8 Linfermiere, nel caso di conflitti determinati da diverse visioni etiche, si impegna a trovare la soluzione attraverso il dialogo. Qualora vi fosse e persistesse una richiesta di attività in contrasto con i principi etici della professione e con i propri valori, si avvale della clausola di coscienza, facendosi garante delle prestazioni necessarie per lincolumità e la vita dellassistito.Linfermiere, nel caso di conflitti determinati da diverse visioni etiche, si impegna a trovare la soluzione attraverso il dialogo. Qualora vi fosse e persistesse una richiesta di attività in contrasto con i principi etici della professione e con i propri valori, si avvale della clausola di coscienza, facendosi garante delle prestazioni necessarie per lincolumità e la vita dellassistito. Articolo 9Articolo 9 Linfermiere, nell'agire professionale, si impegna ad operare con prudenza al fine di non nuocere.Linfermiere, nell'agire professionale, si impegna ad operare con prudenza al fine di non nuocere. Articolo 10Articolo 10 L'infermiere contribuisce a rendere eque le scelte allocative, anche attraverso l'uso ottimale delle risorse disponibili.L'infermiere contribuisce a rendere eque le scelte allocative, anche attraverso l'uso ottimale delle risorse disponibili.

23 Capo III Articolo 11Articolo 11 L'infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiorna saperi e competenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull'esperienza e la ricerca. Progetta, svolge e partecipa ad attività di formazione. Promuove, attiva e partecipa alla ricerca e cura la diffusione dei risultati.L'infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiorna saperi e competenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sull'esperienza e la ricerca. Progetta, svolge e partecipa ad attività di formazione. Promuove, attiva e partecipa alla ricerca e cura la diffusione dei risultati. Articolo 12Articolo 12 Linfermiere riconosce il valore della ricerca, della sperimentazione clinica e assistenziale per levoluzione delle conoscenze e per i benefici sullassistito.Linfermiere riconosce il valore della ricerca, della sperimentazione clinica e assistenziale per levoluzione delle conoscenze e per i benefici sullassistito. Articolo 13Articolo 13 L'infermiere assume responsabilità in base al proprio livello di competenza e ricorre, se necessario, all'intervento o alla consulenza di infermieri esperti o specialisti. Presta consulenza ponendo le proprie conoscenze ed abilità a disposizione della comunità professionale.L'infermiere assume responsabilità in base al proprio livello di competenza e ricorre, se necessario, all'intervento o alla consulenza di infermieri esperti o specialisti. Presta consulenza ponendo le proprie conoscenze ed abilità a disposizione della comunità professionale. Articolo 14 Linfermiere riconosce che linterazione fra professionisti e l'integrazione interprofessionale sono modalità fondamentali per far fronte ai bisogni dellassistito.Articolo 14 Linfermiere riconosce che linterazione fra professionisti e l'integrazione interprofessionale sono modalità fondamentali per far fronte ai bisogni dellassistito. Articolo 15Articolo 15 Linfermiere chiede formazione e/o supervisione per pratiche nuove o sulle quali non ha esperienza.Linfermiere chiede formazione e/o supervisione per pratiche nuove o sulle quali non ha esperienza. Articolo 16Articolo 16 L'infermiere si attiva per l'analisi dei dilemmi etici vissuti nell'operatività quotidiana e promuove il ricorso alla consulenza etica, anche al fine di contribuire allapprofondimento della riflessione bioetica.L'infermiere si attiva per l'analisi dei dilemmi etici vissuti nell'operatività quotidiana e promuove il ricorso alla consulenza etica, anche al fine di contribuire allapprofondimento della riflessione bioetica. Articolo 17Articolo 17 Linfermiere, nell'agire professionale è libero da condizionamenti derivanti da pressioni o interessi di assistiti, familiari,altri operatori, imprese, associazioni, organismi.Linfermiere, nell'agire professionale è libero da condizionamenti derivanti da pressioni o interessi di assistiti, familiari,altri operatori, imprese, associazioni, organismi. Articolo 18Articolo 18 L'infermiere, in situazioni di emergenza-urgenza, presta soccorso e si attiva per garantire l'assistenza necessaria. In caso di calamità si mette a disposizione dell'autorità competente.L'infermiere, in situazioni di emergenza-urgenza, presta soccorso e si attiva per garantire l'assistenza necessaria. In caso di calamità si mette a disposizione dell'autorità competente.

24 Capo IV Articolo 19Articolo 19 L'infermiere promuove stili di vita sani, la diffusione del valore della cultura della salute e della tutela ambientale, anche attraverso linformazione e l'educazione. A tal fine attiva e sostiene la rete di rapporti tra servizi e operatori.L'infermiere promuove stili di vita sani, la diffusione del valore della cultura della salute e della tutela ambientale, anche attraverso linformazione e l'educazione. A tal fine attiva e sostiene la rete di rapporti tra servizi e operatori. Articolo 20Articolo 20 L'infermiere ascolta, informa, coinvolge lassistito e valuta con lui i bisogni assistenziali, anche al fine di esplicitare il livello di assistenza garantito e facilitarlo nellesprimere le proprie scelte.L'infermiere ascolta, informa, coinvolge lassistito e valuta con lui i bisogni assistenziali, anche al fine di esplicitare il livello di assistenza garantito e facilitarlo nellesprimere le proprie scelte. Articolo 21Articolo 21 L'infermiere, rispettandole indicazioni espresse dall'assistito, ne favorisce i rapporti con la comunità e le persone per lui significative, coinvolgendole nel piano di assistenza. Tiene conto della dimensione interculturale e dei bisogni assistenziali ad essa correlati.L'infermiere, rispettandole indicazioni espresse dall'assistito, ne favorisce i rapporti con la comunità e le persone per lui significative, coinvolgendole nel piano di assistenza. Tiene conto della dimensione interculturale e dei bisogni assistenziali ad essa correlati. Articolo 22Articolo 22 Linfermiere conosce il progetto diagnostico-terapeutico per le influenze che questo ha sul percorso assistenziale e sulla relazione con lassistito.Linfermiere conosce il progetto diagnostico-terapeutico per le influenze che questo ha sul percorso assistenziale e sulla relazione con lassistito. Articolo 23Articolo 23 Linfermiere riconosce il valore dellinformazione integrata multiprofessionale e si adopera affinché lassistito disponga di tutte le informazioni necessarie ai suoi bisogni di vita.Linfermiere riconosce il valore dellinformazione integrata multiprofessionale e si adopera affinché lassistito disponga di tutte le informazioni necessarie ai suoi bisogni di vita. Articolo 24Articolo 24 L'infermiere aiuta e sostiene lassistito nelle scelte, fornendo informazioni di natura assistenziale in relazione ai progetti diagnostico-terapeutici e adeguando la comunicazione alla sua capacità di comprendere.L'infermiere aiuta e sostiene lassistito nelle scelte, fornendo informazioni di natura assistenziale in relazione ai progetti diagnostico-terapeutici e adeguando la comunicazione alla sua capacità di comprendere. Articolo 25Articolo 25 Linfermiere rispetta la consapevole ed esplicita volontà dellassistito di non essere informato sul suo stato di salute, purché la mancata informazione non sia di pericolo per sé o per gli altri.Linfermiere rispetta la consapevole ed esplicita volontà dellassistito di non essere informato sul suo stato di salute, purché la mancata informazione non sia di pericolo per sé o per gli altri. Articolo 26Articolo 26 L'infermiere assicura e tutela la riservatezza nel trattamento dei dati relativi allassistito. Nella raccolta, nella gestione e nel passaggio di dati, si limita a ciò che è attinente allassistenza.L'infermiere assicura e tutela la riservatezza nel trattamento dei dati relativi allassistito. Nella raccolta, nella gestione e nel passaggio di dati, si limita a ciò che è attinente allassistenza. Articolo 27Articolo 27 L'infermiere garantisce la continuità assistenziale anche contribuendo alla realizzazione di una rete di rapporti interprofessionali e di una efficace gestione degli strumenti informativi.L'infermiere garantisce la continuità assistenziale anche contribuendo alla realizzazione di una rete di rapporti interprofessionali e di una efficace gestione degli strumenti informativi. Articolo 28Articolo 28 L'infermiere rispetta il segreto professionale non solo per obbligo giuridico, ma per intima convinzione e come espressione concreta del rapporto di fiducia con l'assistito.L'infermiere rispetta il segreto professionale non solo per obbligo giuridico, ma per intima convinzione e come espressione concreta del rapporto di fiducia con l'assistito.

25 Articolo 29Articolo 29 L'infermiere concorre a promuovere le migliori condizioni di sicurezza dell'assistito e dei familiari e lo sviluppo della cultura dellimparare dallerrore. Partecipa alle iniziative per la gestione del rischio clinico.L'infermiere concorre a promuovere le migliori condizioni di sicurezza dell'assistito e dei familiari e lo sviluppo della cultura dellimparare dallerrore. Partecipa alle iniziative per la gestione del rischio clinico. Articolo 30Articolo 30 L'infermiere si adopera affinché il ricorso alla contenzione sia evento straordinario, sostenuto da prescrizione medica o da documentate valutazioni assistenziali.L'infermiere si adopera affinché il ricorso alla contenzione sia evento straordinario, sostenuto da prescrizione medica o da documentate valutazioni assistenziali. Articolo 31Articolo 31 L'infermiere si adopera affinché sia presa in considerazione l'opinione del minore rispetto alle scelte assistenziali, diagnostico-terapeutiche e sperimentali, tenuto conto dell'età e del suo grado di maturità.L'infermiere si adopera affinché sia presa in considerazione l'opinione del minore rispetto alle scelte assistenziali, diagnostico-terapeutiche e sperimentali, tenuto conto dell'età e del suo grado di maturità. Articolo 32Articolo 32 L'infermiere si impegna a promuovere la tutela degli assistiti che si trovano in condizioni che ne limitano lo sviluppo o l'espressione, quando la famiglia e il contesto non siano adeguati ai loro bisogni.L'infermiere si impegna a promuovere la tutela degli assistiti che si trovano in condizioni che ne limitano lo sviluppo o l'espressione, quando la famiglia e il contesto non siano adeguati ai loro bisogni. Articolo 33Articolo 33 L'infermiere che rilevi maltrattamenti o privazioni a carico dellassistito mette in opera tutti i mezzi per proteggerlo, segnalando le circostanze, ove necessario, all'autorità competente.L'infermiere che rilevi maltrattamenti o privazioni a carico dellassistito mette in opera tutti i mezzi per proteggerlo, segnalando le circostanze, ove necessario, all'autorità competente. Articolo 34Articolo 34 L'infermiere si attiva per prevenire e contrastare il dolore e alleviare la sofferenza. Si adopera affinché lassistito riceva tutti i trattamenti necessari.L'infermiere si attiva per prevenire e contrastare il dolore e alleviare la sofferenza. Si adopera affinché lassistito riceva tutti i trattamenti necessari. Articolo 35Articolo 35 L'infermiere presta assistenza qualunque sia la condizione clinica e fino al termine della vita allassistito, riconoscendo l'importanza della palliazione e del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale.L'infermiere presta assistenza qualunque sia la condizione clinica e fino al termine della vita allassistito, riconoscendo l'importanza della palliazione e del conforto ambientale, fisico, psicologico, relazionale, spirituale. Articolo 36Articolo 36 L'infermiere tutela la volontà dellassistito di porre dei limiti agli interventi che non siano proporzionati alla sua condizione clinica e coerenti con la concezione da lui espressa della qualità di vita.L'infermiere tutela la volontà dellassistito di porre dei limiti agli interventi che non siano proporzionati alla sua condizione clinica e coerenti con la concezione da lui espressa della qualità di vita. Articolo 37Articolo 37 Linfermiere, quando lassistito non è in grado di manifestare la propria volontà, tiene conto di quanto da lui chiaramente espresso in precedenza e documentato.Linfermiere, quando lassistito non è in grado di manifestare la propria volontà, tiene conto di quanto da lui chiaramente espresso in precedenza e documentato. Articolo 38Articolo 38 L'infermiere non attua e non partecipa a interventi finalizzati a provocare la morte, anche se la richiesta proviene dall'assistito.L'infermiere non attua e non partecipa a interventi finalizzati a provocare la morte, anche se la richiesta proviene dall'assistito. Articolo 39Articolo 39 L'infermiere sostiene i familiari e le persone di riferimento dellassistito, in particolare nella evoluzione terminale della malattia e nel momento della perdita e della elaborazione del lutto.L'infermiere sostiene i familiari e le persone di riferimento dellassistito, in particolare nella evoluzione terminale della malattia e nel momento della perdita e della elaborazione del lutto. Articolo 40Articolo 40 L'infermiere favorisce linformazione e leducazione sulla donazione di sangue, tessuti ed organi quale atto di solidarietàe sostiene le persone coinvolte nel donare e nel ricevere.L'infermiere favorisce linformazione e leducazione sulla donazione di sangue, tessuti ed organi quale atto di solidarietàe sostiene le persone coinvolte nel donare e nel ricevere.

26 Capo V Articolo 41Articolo 41 L'infermiere collabora con i colleghi e gli altri operatori di cui riconosce e valorizza lo specifico apporto all'interno dell'équipe.L'infermiere collabora con i colleghi e gli altri operatori di cui riconosce e valorizza lo specifico apporto all'interno dell'équipe. Articolo 42Articolo 42 L'infermiere tutela la dignità propria e dei colleghi, attraverso comportamenti ispirati al rispetto e alla solidarietà.L'infermiere tutela la dignità propria e dei colleghi, attraverso comportamenti ispirati al rispetto e alla solidarietà. Articolo 43Articolo 43 L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale ogni abuso o comportamento dei colleghi contrario alla deontologia.L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale ogni abuso o comportamento dei colleghi contrario alla deontologia. Articolo 44Articolo 44 L'infermiere tutela il decoro personale ed il proprio nome. Salvaguarda il prestigio della professione ed esercita con onestà lattività professionale.L'infermiere tutela il decoro personale ed il proprio nome. Salvaguarda il prestigio della professione ed esercita con onestà lattività professionale. Articolo 45Articolo 45 Linfermiere agisce con lealtà nei confronti dei colleghi e degli altri operatori.Linfermiere agisce con lealtà nei confronti dei colleghi e degli altri operatori. Articolo 46Articolo 46 Linfermiere si ispira a trasparenza e veridicità nei messaggi pubblicitari, nel rispetto delle indicazioni del Collegio professionale.Linfermiere si ispira a trasparenza e veridicità nei messaggi pubblicitari, nel rispetto delle indicazioni del Collegio professionale.

27 Capo VI Articolo 47Articolo 47 L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilità, contribuisce ad orientare le politiche e lo sviluppo del sistema sanitario, al fine di garantire il rispetto dei diritti degli assistiti, l'utilizzo equo ed appropriato delle risorse e la valorizzazione del ruolo professionale.L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilità, contribuisce ad orientare le politiche e lo sviluppo del sistema sanitario, al fine di garantire il rispetto dei diritti degli assistiti, l'utilizzo equo ed appropriato delle risorse e la valorizzazione del ruolo professionale. Articolo 48Articolo 48 L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilità, di fronte a carenze o disservizi provvede a darne comunicazione ai responsabili professionali della struttura in cui opera o a cui afferisce il proprio assistito.L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilità, di fronte a carenze o disservizi provvede a darne comunicazione ai responsabili professionali della struttura in cui opera o a cui afferisce il proprio assistito. Articolo 49Articolo 49 Linfermiere, nellinteresse primario degli assistiti, compensa le carenze e i disservizi che possono eccezionalmente verificarsi nella struttura in cui opera. Rifiuta la compensazione, documentandone le ragioni, quando sia abituale o ricorrente o comunque pregiudichi sistematicamente il suo mandato professionale.Linfermiere, nellinteresse primario degli assistiti, compensa le carenze e i disservizi che possono eccezionalmente verificarsi nella struttura in cui opera. Rifiuta la compensazione, documentandone le ragioni, quando sia abituale o ricorrente o comunque pregiudichi sistematicamente il suo mandato professionale. Articolo 50Articolo 50 L'infermiere, a tutela della salute della persona, segnala al proprio Collegioprofessionale le situazioni che possono configurare lesercizio abusivo della professione infermieristica.L'infermiere, a tutela della salute della persona, segnala al proprio Collegioprofessionale le situazioni che possono configurare lesercizio abusivo della professione infermieristica. Articolo 51 L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale le situazioni in cui sussistono circostanze o persistono condizioni che limitano la qualità delle cure e dellassistenza o il decoro dell'esercizio professionale.Articolo 51 L'infermiere segnala al proprio Collegio professionale le situazioni in cui sussistono circostanze o persistono condizioni che limitano la qualità delle cure e dellassistenza o il decoro dell'esercizio professionale.

28 Disposizioni finali Le norme deontologiche contenute nel presente Codice sono vincolanti; la loro inosservanza è sanzionata dal Collegio professionale. Le norme deontologiche contenute nel presente Codice sono vincolanti; la loro inosservanza è sanzionata dal Collegio professionale. I Collegi professionali si rendono garanti della qualificazione dei professionisti e della competenza da loro acquisita e sviluppata.I Collegi professionali si rendono garanti della qualificazione dei professionisti e della competenza da loro acquisita e sviluppata.

29 la riconciliazione tra competenza tecnica esclusiva e lideale di servizio: Il gesto

30 Il gesto non è unazione. E qualcosa di più e di diverso.Il gesto non è unazione. E qualcosa di più e di diverso. In ambito assistenziale e sanitario, e proprio in modo esemplare nella quotidianità, il gesto assume valore teorico di guida, indirizzo, senso, e relazione.In ambito assistenziale e sanitario, e proprio in modo esemplare nella quotidianità, il gesto assume valore teorico di guida, indirizzo, senso, e relazione. Il mondo occidentale ha da tempo dimenticato quanto il gesto possa dire e dare; linserimento dei gesti allinterno del panorama teorico completa lessenza dellessere.Il mondo occidentale ha da tempo dimenticato quanto il gesto possa dire e dare; linserimento dei gesti allinterno del panorama teorico completa lessenza dellessere. Il gesto è luogo di senso sia per chi lo effettua e sia per chi lo riceve.Il gesto è luogo di senso sia per chi lo effettua e sia per chi lo riceve. I gesti di assistenza dicono la dignità della persona che abbiamo preso in carico, e danno significato al concetto di alterità.I gesti di assistenza dicono la dignità della persona che abbiamo preso in carico, e danno significato al concetto di alterità.

31 La persona che riceve un gesto sente la sua dignità sollevarsi, il suo essere persona confermarsi, la sua vita gemere.La persona che riceve un gesto sente la sua dignità sollevarsi, il suo essere persona confermarsi, la sua vita gemere. Ma il gesto fa nascere dignità anche in chi lo effettua e non solo a chi lo contempla ricevendolo.Ma il gesto fa nascere dignità anche in chi lo effettua e non solo a chi lo contempla ricevendolo. Attraverso i gesti non solo si dicono i sensi del vivere ma si costruisce motivazione e organizzazione.Attraverso i gesti non solo si dicono i sensi del vivere ma si costruisce motivazione e organizzazione.

32 la scienza e la coscienza si incontrano nel gesto


Scaricare ppt "Responsabilità ed Etica dellinfermiere alla luce del nuovo codice deontologico edoardo manzoni Ferrara 21 febbraio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google