La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE EUROPEA COME RENDERE PIU’ COMPETITIVI I TERRITORI SUI FONDI EUROPEI La proposta SEAV – Servizi Europei d’Area Vasta Roma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE EUROPEA COME RENDERE PIU’ COMPETITIVI I TERRITORI SUI FONDI EUROPEI La proposta SEAV – Servizi Europei d’Area Vasta Roma."— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE EUROPEA COME RENDERE PIU’ COMPETITIVI I TERRITORI SUI FONDI EUROPEI La proposta SEAV – Servizi Europei d’Area Vasta Roma

2 QUADRO FINANZIARIO PLURIENNALE del 19 NOVEMBRE 2013

3 Opportunità europee BUDGET europeo totale: 960 MILIARDI DI EURO Fondi strutturali 42,085 miliardi di € a prezzi correnti per l’ITALIA Budget per i PON 12,212 miliardi di € Budget per i POR 30,441 miliardi di € Fondi diretti 185,7 miliardi di € prezzi correnti CTE 1,1miliardi di €

4 FESR: Regolamento (UE) n. 1301/2013 FSE: Regolamento (UE) n. 1304/2013 FC: Regolamento (UE) n. 1300/2013 COOPERAZIONE TERRITORIALE: Regolamento (UE) n. 1299/2013 GECT: Regolamento (UE) n. 1302/2013 FEASR: Regolamento (UE) n. 1305/2013FEAMP: Regolamento (UE) n. 508/2014 Regolamenti sui fondi strutturali

5 Programmi Operativi Nazionali PONM€ PON CITTA’ METROPOLITANE588 PON CULTURA368 PON GOVERNANCE584 PON IMPRESE E COMPETITIVITA’1,776 PON INCLUSIONE827 PON INFRASTRUTTURE E RETI1,383 PON INIZIATIVA OCCUPAZIONE GIOVANI1,135 PON LEGALITA’283 PON SCUOLA1,615 PON RICERCA E INNOVAZIONE926 PON SISTEMI POLITICHE ATTIVE1,181 RETE RURALE45 SVILUPPO RURALE963 PON FEAMP537 TOTALE12,212

6 FINANZIAMENTO DI PROGRAMMI TEMATICI DIRETTI LIFE ERASMUS PER TUTTI STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROMOZIONE DELLA DEMOCRAZIA E DEI DIRITTI UMANI HORIZON 2020 EUROPA CREATIVA OCCUPAZIONE ED INNOVAZIONE SOCIALE EUROPA PER I CITTADINI MECCANISMO UNIONALE DI PROTEZIONE CIVILE COSME ~ milioni di € ~ 368 milioni di € ~ 1332 milioni di € ~ milioni di € ~ milioni di € ~ milioni di € ~ 919 milioni di € ~ 185 milioni di € ~ milioni di €

7 PROGRAMMA PER LA PROTEZIONE DEI CONSUMATORI PROGRAMMA DI AZIONE IN MATERIA DI SALUTE GIUSTIZIA DOGANA 2020 FONDO ASILO E MIGRAZIONE FONDO PER LA SICUREZZA INTERNA MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA FISCALIS 2020 HERCULE III PERICLE ~ 188 milioni di € ~ 449 milioni di € ~ 377 milioni di € ~ 439 milioni di € ~ milioni di € ~ 1004 milioni di € ~ 33,242 milioni di € ~ 522 milioni di € ~ 223 milioni di € ~ 104 milioni di € ~ 7344 milioni di €

8 LO SCENARIO: LE PROVINCE Le Nuove Province cambiano completamente RUOLO all'interno del sistema territoriale (l. 56/14) Le Nuove PROVINCE gestiscono FUNZIONI ESSENZIALI Le Nuove PROVINCE gestiscono FUNZIONI TRASVERSALI per cui: 1) si mettono al SERVIZIO DEI COMUNI 2) sostengono il PROTAGONISMO dei Comuni 3) promuovono una GOVERNANCE DI RETE del territorio

9 LO SCENARIO: I COMUNI Sono alle prese con una situazione economica complessa Guardano ai fondi europei con molto più interesse che in passato Sentono il bisogno di confrontarsi con lo scenario europeo Si stanno interrogando sui modelli organizzativi e sulle strategie da attivare per ottenere fondi europei

10 Lo scenario: LA LEGGE DELRIO LA LEGGE DELRIO Definisce un nuovo assetto istituzionale nazionale, attribuendo nuovi compiti, ruoli e funzioni a Regioni, province, città metropolitane, Unioni dei Comuni e Comuni LA LEGGE DEL RIO Il nuovo sistema di gestione delle competenze proposto dalla legge 56/14 prevede nuove forme organizzative tra province e comuni, e consente la gestione associata di politiche e interventi LA LEGGE DELRIO Nel ridisegnare il sistema di gestione delle competenze e delle funzioni territoriali. La legge apre a nuovi ruoli sul tema delle politiche e dei fondi europei

11 Contesti in cui agire per essere competitivi sui fondi europei SEAV PON POR Azioni dirette CTE BEI e EEF Piano Juncker e fondi privati Legge Delrio Semplificazione Agenda digitale Comunicazione e attuazione Direttive Regolamenti Comunicazioni Programmi Libro bianco/verde Contesto normativo Contesto amministrativo Contesto organizzativo Contesto finanziario

12 SERVIZIO EUROPA AREA VASTA (SEAV) SEAV SERVIZIO SEAV gestisce i servizi europei EUROPA SEAV attira risorse europee AREA SEAV aggrega gruppi di comuni e province VASTA SEAV prevede la partecipazione attiva dei soggetti del territorio

13 Strumenti di lavoro. Alcuni esempi SERVIZIOMappa delle priorità politico-strategiche dell’ente rispetto all’UE Sistema di servizi in funzione degli obiettivi/priorità Istituire un fondo per la progettazione europea per la formazione permanente dei dirigenti e degli operatori alle politiche europee EUROPAIndividuare profili professionali adeguati per il SEAV Formazione della classe dirigente alle politiche, ai fondi e alla progettazione europea Promozione della cittadinanza e diffusione della cultura europea AREAProtocollo di partenariato tra Comuni e Provincia/città metropolitana Attivare processi partecipativi telematici di euro-progettazione con i portatori di interesse del territorio Organizzare seminari/eventi sulla cittadinanza europea e sui fondi VASTAAttivare una funzione di ascolto costante del territorio Strutturare e attivare livelli di collaborazione tra funzionari dei diversi SEAC Definizione di un piano d’Azione di Area Vasta

14 SEAV: SERVIZI PER L’EUROPA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DEI SERVIZI SERVIZI INFORMATIVI SERVIZI FORMATIVI SERIVIZI DI ORIENTAMENTO SERVIZI DI NETWORKING SERVIZI DI PROGETTAZIONE EUROPEA

15 SEAV: cosa richiede La sottoscrizione di una convenzione/accordo per i servizi e i fondi europei tra la provincia e/o l’Unione e/o comuni interessati (eventualmente in raccordo con il territorio a partire da Camere di Commercio, Associazioni di categoria e Università) tesa a istituire un nuovo presidio territoriale sulle politiche e sui servizi europei (SEAV) La programmazione di un piano di azione costruito sulla base dei bisogni rilevati e delle opportunità identificate, che risponda alle esigenze del territorio e che sia adeguato alle professionalità e alle risorse disponibili che si intendono investire all’interno di SEAV La programmazione e l’implementazione condivisa di un modello di gestione associata del sistema dei servizi europei di area vasta, che sia funzionale alle caratteristiche formali e informali, nonché alle potenzialità delle istituzioni/organizzazioni coinvolte e che sappia valorizzare sia l’esperienza acquisita dalle Province nell’ambito delle politiche e dei finanziamenti europei, sia l’esperienza maturata dai Comuni all’interno dei processi di coordinamento interistituzionale

16 SEAV. Parte finanziaria e sostenibilità Nel caso in cui le Regioni attribuiscano formalmente ai comuni e alle province la gestione associata delle politiche europee sul modello SEAV, tale decisione dovrebbe prevedere anche la corrispondente parte finanziaria necessaria a dare continuità al servizio. In questo caso le risorse potrebbero provenire da contributi regionali e dal PON FSE Nel caso in cui le Regioni non attribuiscano tale delega alle Province – seguendo il modello spagnolo delle deputacion – si attivino autonomamente ed in modo volontario, seppure all’interno del dettato normativo, nella gestione associata delle politiche europee, il sostegno del servizio SEAV dovrà avvenire attraverso il supporto in denaro o risorse umane da parte degli enti coinvolti sulla base del criterio di equa distribuzione

17 SEAV. Strategia d’implementazione Il SEAV si applica a geometria variabile La Provincia si propone come soggetto che offre servizi ai comuni (informazione, formazione, orientamento etc) I Comuni si aggregano per sviluppare assieme soprattutto le attività di progettazione UPI Regionale, ANCI Regionale e TECLA svolgono funzioni di sviluppo strategico e tecnico

18 Matrice delle opportunità e delle progettualità di UPI Nazionale (Fundraising europeo : ipotesi di lavoro) Titolo del progettoOpportunità individuata Stazione unica appaltantePON GOVERNANCE Centrale unica dei concorsiPON GOVERNANCE Funzione statistica: la gestione dei datiPON GOVERNANCE Attuazione dell’Agenda Digitale per la PAPON GOVERNANCE Servizio Europa d’Area Vasta (Seav)PON GOVERNANCE – POR REGIONALI Dissesto idrogeologicoPON GOVERNANCE – POR REGIONALI – CTE Efficientamento energetico Edifici PubbliciPON SCUOLA Programmazione provinciale rete scolasticaPON SCUOLA OrientagiovaniPON INCLUSIONE SOCIALE – PON SCUOLA Sistemi informativi sociali: gestione datiPON INCLUSIONE SOCIALE – EaSI Viabilità e strade provincialiPON INFRASTRUTTURE (REGIONI MENO SVILUPPATE) Discriminazione: Second LifeFAMI (FONDO ASILO MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE) Tutela e valorizzazione dell’ambienteCTE – LIFE Pianificazione territoriale: ICTCTE Servizi di trasporto pubblico provincialeCEF (Connecting Europe Facility)

19 Per informazioni e chiarimenti Associazione Tecla Via Boncompagni 93 Roma Tel 06/ – 907 –


Scaricare ppt "DIREZIONE EUROPEA COME RENDERE PIU’ COMPETITIVI I TERRITORI SUI FONDI EUROPEI La proposta SEAV – Servizi Europei d’Area Vasta Roma."

Presentazioni simili


Annunci Google