La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1° WORKSHOP TECNICO MONITORAGGIO SISMICO DEL TERRITORIO NAZIONALE INTERVENTO REATINO RETE WI-FI 21 dicembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1° WORKSHOP TECNICO MONITORAGGIO SISMICO DEL TERRITORIO NAZIONALE INTERVENTO REATINO RETE WI-FI 21 dicembre."— Transcript della presentazione:

1 1° WORKSHOP TECNICO MONITORAGGIO SISMICO DEL TERRITORIO NAZIONALE INTERVENTO REATINO RETE WI-FI 21 dicembre

2 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico A seguito di una sequenza sismica nellarea reatina (settembre 2010) si è deciso di installare una rete temporanea che potesse aumentare in quellarea il numero di stazioni in tempo reale. Lobiettivo era quindi aumentare le stazioni a disposizione per la localizzazione in sala sismica e abbassare la soglia di detezione della rete.

3 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Come si è proceduto alla realizzazione della rete: Lemergenza Reatina è stata loccasione per testare una nuova concezione di rete temporanea; Lintervento è stato preparato in DUE GIORNI E CON IL SOLO MATERIALE A DI FORTUNA A DISPOSIZIONE.

4 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Le parti principali che la compongono: Un palo opportunamente sagomato per potervi alloggiare il pannello solare;

5 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Una cassetta in Polietilene dove alloggiare batteria da 42 Ah, centralina da 10 Ah e acquisitore Gaia;

6 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Apparato wi-fi, in questo caso RouterBOARD 433 di casa Mikrotik;

7 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Antenna 5.4 Ghz; a seconda del caso e quindi delle necessità può cambiare in caratteristiche, risultando più idonea per un tipo di utilizzo, vale a dire distanza di trasmissione, apertura del segnale, polarizzazione.

8 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico I punti scelti per linstallazione delle stazioni sono stati tre della rete stand alone precedentemente collocata; Infatti ci siamo diretti rispettivamente sulle coordinate delle stazioni 10 (poi divenuta 33), 29, 32.

9 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico La fase più critica è stata adeguare i punti della rete stand alone alle nostre esigenze, infatti la rete richiedeva totale visibilià tra i punti e nello stesso tempo non potevamo spostarci più di tanto; inoltre, si è pensato da subito ad una possibile espansione delle stazioni da unicamente sismiche a potenziali punti GPS. Dopo poche ore di ricerca siti, eravamo nella seguente situazione: Visibilità dalla stazione 10 alla 19 Visibilità dalla stazione 10 alla 32

10 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico La prima fase dinstallazione è stata dividersi in due squadre: una si sarebbe occupata di realizzare lintera infrastruttura, laltra avrebbe raggiunto i punti scelti non appena i lavori di laboratorio sarebbero stati ultimati.

11 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Le stazioni sono state opportunamente tirantante per evitare spostamenti futuri ed essere quindi pronte al tiro wi-fi Struttura 32

12 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico La seconda fase è stato il completamento delle stazioni con linstallazione della strumentazione di acquisizione e di trasmissione. Di seguito infatti sono riportate le foto di quello che poi è divenuto il nodo principale della rete. Struttura 33

13 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Le stazioni remote sono quindi così diventate: Struttura 32

14 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Per trasmettere i dati delle stazioni in tempo reale direttamente nella sala sismica, abbiamo deciso di installare una normale parabola Astra2Connect nel punto predisposto con il palo. (ex 10, nuova stazione 33) Struttura 33

15 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Volendo riassumere la rete può essere rappresentata nello schema seguente: Struttura 32

16 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Secondo noi questa mini-rete ha dato i risultati che ci aspettavamo: Struttura 32

17 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico Problemi riscontrati in fase di installazione: Uno dei problemi maggiormente riscontrati è stato il perfetto ancoraggio dellintera struttura al suolo; Abbiamo provveduto a realizzarne una nuova su cui collocare il pannello solare poiché quello utilizzato nellintervento ci è risultato troppo alto e quindi instabile; Sicuramente il problema principale labbiamo riscontrato nellinstallazione del sistema Satellitare Astra2Connect in quanto la sua concezione non risulta soddisfare le nostre esigenze sia in termini di banda che di hardware (Ad oggi non riceviamo i dati poiché la porta ethernet del modem si è danneggiata). Infatti risulta essere poco robusta per installazioni estreme di questo tipo. Vantaggi di questo sistema: Tempi di realizzazione e installazione ridotti al minimo; Facilità di espansione; (la 33 infatti è divenuta anche stazione GPS). Ogni singola stazione può fungere da bridge e quindi da repeater per allargare a proprio piacimento il numero e anche il tipo di stazioni. La banda a disposizione per ogni singolo canale è 54 Mbit ulteriormente espandibile. Questo ci permette di installare su

18 1° Workshop Tecnico Monitoraggio Sismico ogni singola stazione un accelerometro, un velocimetro, un GPS alla frequenza che si ritiene opportuno. Grazie ai ridotti consumi delle stazioni non abbiamo ancora avuto problemi di alimentazione e tantomeno problemi di guasti agli apparati; Costi del tutto contenuti: totale hardware per n. 3 stazioni + nodo trasmissivo pari a ; laggiunta di ulteriori stazioni comportano un aumento di spesa pari 3000 cadauna. (struttura, pannello, Batteria, Centralina, Gaia, Apparato radio, Antenna.) Grazie V. Cardinale


Scaricare ppt "1° WORKSHOP TECNICO MONITORAGGIO SISMICO DEL TERRITORIO NAZIONALE INTERVENTO REATINO RETE WI-FI 21 dicembre."

Presentazioni simili


Annunci Google