La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La rete di monitoraggio dei campi elettromagnetici in Piemonte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La rete di monitoraggio dei campi elettromagnetici in Piemonte."— Transcript della presentazione:

1 La rete di monitoraggio dei campi elettromagnetici in Piemonte

2 CRITERI PER IL POSIZIONAMENTO La rete di monitoraggio può rispondere alle seguenti necessità: Sorvegliare i siti critici dove è possibile il superamento dei limiti; Rispondere alle richieste dei cittadini relative ad impianti esistenti o da installare; Effettuare una mappatura dei livelli medi di esposizione ambientale ai campi elettromagnetici.

3 CRITERI PER IL POSIZIONAMENTO Per contemperare le diverse esigenze esposte si è utilizzato un criterio misto per la scelta dei posizionamenti: Una centralina allinterno di una maglia di 10 km di lato in comuni con almeno un impianto di telefonia (circa 270 posizionamenti); Un posizionamento in prossimità dei siti radiotv con presenza di abitazioni, (condizione presente in circa il 70% dei siti per un totale di circa 140 posizionamenti); Un monitoraggio di almeno tre mesi in prossimità dei siti con superamento dei limiti (anche spostando le centraline tra le abitazioni presenti) per circa 150 posizionamenti; Misure presso i comuni con più di abitanti prevedendo una misura ogni abitanti, per un totale di 300 posizionamenti.

4 PROVINCIA DI TORINO

5 Al fine di individuare correttamente i siti di posizionamento sono state individuate le aree oggetto di localizzazione di impianti a seguito di una valutazione teorica del livelli di campo in condizioni di massima potenza. Allinterno di tale aree deve essere individuato il sito ove posizionare la centralina, tenendo presente i seguenti criteri: devono essere privilegiati i piani alti; deve essere disponibile un balcone o terrazzo o cortile; sono da privilegiare i siti con vista degli impianti (per evitare effetti di schermatura); deve essere verificata la disponibilità ad ospitare la centralina. Criteri di individuazione del sito

6 250 Aree monitorate 200 Telefonia 50 Radio TV 62 centraline utilizzate 28 inizializzate Periodo medio permanenza 40 gg I DATI DEL MONITORAGGIO

7 A – Abitazioni private; H – Strutture Sanitarie; L – Edifici o luoghi pubblici S – Scuole; U – Uffici o luoghi di lavoro

8

9 88 % < 3 V/m

10 83 % < 3 V/m

11

12

13

14 CARATTERIZZAZIONE RISPOSTA IN LABORATORIO METROLOGICO ARPA Piemonte - Centro SIT 69/E

15 Dallanalisi dei valori rilevati dalle centraline e di quelli misurati con misuratori portatili di campo si osserva che oltre il 90% dei livelli medi rilevati con le centraline sono compresi entro 3 dB rispetto ai valori istantanei misurati allatto del posizionamento e rimozione, e quasi il 50% entro 1 dB. Si è osservato che l85% dei dati istantanei, misurati con sensore di campo al momento di installazione/rimozione, sono compresi tra il minimo ed il massimo rilevato dalle centraline PRESTAZIONI

16 analizzare la variabilità temporale delle emissioni provenienti dagli impianti oggetto del controllo; conoscere i livelli di campo elettromagnetico presenti, nello stesso periodo di tempo, in più punti di unarea di indagine tramite una rete di centraline installate nei punti di interesse. In questo modo è possibile stabilire correlazioni tra i livelli di campo elettrico presenti in punti diversi al fine di ottimizzare le indagini laddove alcuni di questi punti (es. aree private) comportano limitazioni nellaccesso. razionalizzare le risorse impegnate nel monitoraggio grazie alla trasmissione a distanza dei dati che consente, da remoto e senza sopralluoghi da parte di personale tecnico, di controllare landamento del campo elettromagnetico in un certo numero di punti del territorio. VANTAGGI

17 incertezze strumentali tipicamente più elevate di quelle dei comuni misuratori portatili di campo a banda larga; laccertamento di violazioni normative e lavvio di procedimenti di riduzione a conformità o di risanamento risulta particolarmente critico in caso di misure non assistite, dove possono essere intervenute cause imponderabili che hanno influenzato la rilevazione del dato e che non possono essere escluse dal processo di validazione. analizzare la variabilità temporale delle emissioni provenienti dagli impianti oggetto del controllo; SVANTAGGI

18 Si può quindi dire che i sistemi di monitoraggio in continuo non possono essere utilizzati per accertare il superamento di un limite di esposizione o per dirimere problemi di conformità in casi critici, ma piuttosto per individuare tali casi, che devono essere indagati e approfonditi con misure e valutazioni adeguate secondo le prescrizioni della Guida 211.7, spesso con il ricorso a misure in banda stretta.

19 NORMA APPENDICE A : CENTRALINE DI MONITORAGGIO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA: Procedure e finalità di utilizzo. INCHIESTA PUBBLICA IN SCADENZA

20 Il progetto di monitoraggio nazionale dei CEM coordinato da FUB ha consentito un significativo potenziamento della capacità di intervento di ARPA Piemonte con un approccio in grado di prevenire le richieste: RIDUZIONE DEL 44 % DEGLI ESPOSTI DI CITTADINI


Scaricare ppt "La rete di monitoraggio dei campi elettromagnetici in Piemonte."

Presentazioni simili


Annunci Google