La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lapproccio dellEnte di Controllo nella verifica del Sistema di Gestione Ambientale (iter EMAS) ing. Loris Tomiato ing. Riccardo Quaggiato Certiquality.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lapproccio dellEnte di Controllo nella verifica del Sistema di Gestione Ambientale (iter EMAS) ing. Loris Tomiato ing. Riccardo Quaggiato Certiquality."— Transcript della presentazione:

1 Lapproccio dellEnte di Controllo nella verifica del Sistema di Gestione Ambientale (iter EMAS) ing. Loris Tomiato ing. Riccardo Quaggiato Certiquality Milano, 16 novembre 2005

2 Compito dellEnte di Controllo Accertare che lorganizzazione ottemperi alla legislazione ambientale applicabile. Conformità legislativa

3 Tecnica/Analitica Documentale

4 Conformità legislativa Documentale Lorganizzazione deve essere in possesso di tutti i permessi, le autorizzazioni e i documenti tecnici che la normativa ambientale applicabile individuata prevede. E un impegno specifico dellazienda; riguarda la parte di aggiornamento normativo del SGA. Auditor

5 Conformità legislativa Analitica Lorganizzazione deve rispettare tutte le prescrizioni ed i limiti di emissione dettati dalla norma o dalle autorizzazioni. Deve essere assicurata da un adeguato sistema di controllo operativo e monitoraggio.

6 Iter di registrazione EMAS In base allart.6 del Reg. EMAS, lEnte di Controllo deve rilasciare un parere di conformità legislativa riguardante lorganizzazione che chiede di registrarsi. QUALE APPROCCIO?

7 Problematiche: Estrema varietà della tipologia di organizzazioni; mancanza di informazioni relative lorganizzazione; Ruolo del pubblico funzionario.

8 Approccio di sistema: Analisi Ambientale Iniziale Strumento che permette di capire come lazienda ha analizzato la propria attività ed i propri impatti Aspetti Ambientali Significativi o critici Sopperisce in parte alla mancanza di informazioni, permettendo un approccio più attento anche per settori produttivi non direttamente di competenza dellEnte di controllo

9 Esempio: Bacino idrico per produzione di energia idroelettrica Fra gli aspetti critici non inserisce il rilascio di acqua nei torrenti a valle degli impianti di ritenuta. Non tiene conto della valenza turistico-ricreativa dei corsi dacqua della zona

10 Approccio di sistema: Registro delle comunicazioni con lesterno Strumento che permette di capire come lazienda si relaziona con gli stakeholders e se vi sono questioni critiche con il territorio Si integra con le informazioni che lEnte di Controllo riceve sotto forma di lamentele, esposti o richieste di intervento.

11 Esempio: Azienda che genera impatto odorigeno Nel registro dei reclami segnala le lamentele di un gruppo di cittadini. Alla nota di reclamo lazienda allega un proprio documento di lamentela per gli odori.

12 Approccio di sistema: Registro delle leggi applicabili Strumento che permette di capire se lazienda ha percezione e conoscenza di ogni aspetto normativo che la riguarda Non solo se ne osserva la completezza ma anche la fruibilità, indicatore dellutilità pratica dello strumento.

13 Esempio: Registro delle leggi: elenco cronologico in cui non figurano abrogazioni, modifiche né matrice interessata. Il registro, seppur molto lungo e presumibilmente completo, non appare molto fruibile ed è legittimo pensare che lazienda non abbia piena coscienza dellevoluzione normativa.

14 Approccio Documentale: Autorizzazioni Il rispetto delle prescrizioni deve essere verificato nel corso della normale attività di controllo dellEnte; in mancanza di ciò il sopralluogo viene ad assumere un significato più pesante perché in caso di inadempienza si verrebbe a configurare uninfrazione di legge. Diventa molto importante la figura dellauditor che vede le cose prima dellEnte di controllo.

15 Approccio Documentale: Autorizzazioni (Esempio: Rifiuti) Lazienda, che produce fusioni in alluminio, nel proprio processo ha una vasca di raccolta di reflui liquidi da processo, smaltiti come rifiuti Da un esame del registro di carico scarico dei rifiuti risultano caricati lotti di rifiuti pericolosi in quantità inferiori a 10 m 3, scaricati sucessivamente per lotti omogenei, in ragione delle dimensioni del vettore, a lotti maggiori di 10 m 3, configurando unoperazione di stoccaggio non autorizzata.il sopralluogo viene ad assumere un significato più pesante perché in caso di inadempienza si verrebbe a configurare uninfrazione di legge. Diventa molto importante la figura dellauditor che vede le cose prima dellEnte di controllo.

16 Approccio Documentale: Documentazione tecnica Alcuni altri aspetti non richiedono autorizzazione ma la presenza di documenti tecnici di analisi, ad esempio il rumore. La conformità legislativa è legata non solo alla presenza di tali documenti ma anche ai contenuti ed ai riflessi che hanno sulla situazione dellorganizzazione.

17 Esempio: Valutazione del rumore esterno La relazione del tecnico in acustica evidenzia un superamento del livello previsto dalla classe di zonizzazione e lo giustifica con il fatto che si è in prossimità di una strada. La relazione deve approfondire il tema poiché i limiti di immissione sono superati: non sussiste la piena conformità legislativa

18 Esempio: Valutazione del rumore esterno Grossa azienda situata in tessuto urbanizzato (classe acustica 3) La relazione del tecnico in acustica evidenzia un rispetto del livello previsto dalla classe di zonizzazione con poco margine. Vi sono parecchi reclami da parte della cittadinanza. Lorganizzazione dovrebbe approfondire la caratterizzazione del clima acustico in particolar modo analizzando quale sia il proprio contributo (emissione) nonostante la relazione tecnica in prima battuta dia esiti negativi.


Scaricare ppt "Lapproccio dellEnte di Controllo nella verifica del Sistema di Gestione Ambientale (iter EMAS) ing. Loris Tomiato ing. Riccardo Quaggiato Certiquality."

Presentazioni simili


Annunci Google