La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classe IV Galliano Istituto comprensivo Barberino del Mugello Insegnante:Francesca Cinelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classe IV Galliano Istituto comprensivo Barberino del Mugello Insegnante:Francesca Cinelli."— Transcript della presentazione:

1 Classe IV Galliano Istituto comprensivo Barberino del Mugello Insegnante:Francesca Cinelli

2 Dopo aver insistito sull’importanza di capire meglio perché si impongono determinati comportamenti conduciamo i bambini a riflettere sulla necessità di rispettare certi divieti esterni. Divieti che riguardano tutti e la cui infrazione può risultare nociva. la cui infrazione può risultare nociva.

3 L’articolo di giornale fa sapere cosa realmente accade di fronte ad un’infrazione L’articolo di giornale dà l’occasione di lavorare su un genere di testuale nuovo per i bambini. Fornisce spunti molto stimolanti per lo svolgimento dell’attività Coinvolge il bambino sul piano emotivo facendo vivere più da vicino quanto è accaduto

4 UNO SGUARDO ALLA REALTÀ QUANDO IL NON RISPETTO DELLE REGOLE HA DELLE CONSEGUENZE MOLTO GRAVI …

5 Incuriositi da un fatto di cronaca accaduta dopo una partita di calcio Incuriositi da un fatto di cronaca accaduta dopo una partita di calcio … Abbiamo deciso di saperne un po’di più perché eravamo rimasti molto male vedendo quelle immagini...

6

7 Leggiamo l’articolo che racconta il fatto e vediamo anche dei filmati …

8 Osserviamo come è la struttura dell’articolo … Occhiello Titolo Sommario Articolo Foto … La barcaccia come una discarica Tre milioni di danni per il “sacco di Roma”, la Barcaccia non tornerà più come prima Individuate 110 scalfiture nel marmo, trovato un frammento di 10 centimetri.Il Feyenoord chiede scusa ma si difende: trasferta organizzata alla perfezione.

9 Cosa ho capito leggendo questo articolo …

10

11

12 Leggiamo un articolo e scriviamo l’occhiello,il titolo e il sommario. Leggiamo l’occhiello, il titolo e sommario e poi scriviamo l’articolo

13 SCRIVIAMO L’ARTICOLO:

14

15

16 Condannati i graffitari : 20mila euro per ripulire i muri: Shiva e Jado avevano tappezzato Firenze coi loro nomi. i soldi donati agli Angeli del bello i soldi donati agli Angeli del bello

17 di Firenze Maria Vittoria Giannotti Nel loro giro, in qualche modo, erano delle piccole celebrità. Ma sono davvero pochi i fiorentini che non conoscono, almeno di sigla, i due giovani che martedì mattina, un po' intimoriti, sono comparsi in un'aula di tribunale. In gergo, si chiamano Shiva e Jado e sono writers, cioè graffitari. NOMI OVUNQUE Per mesi hanno scritto i loro nomi, o meglio i loro soprannomi, ovunque: muri di palazzi, autobus, garage di negozi e artigiani. E non si sono fermati neppure davanti ai monumenti. Per molto tempo sono riusciti a farla franca: entravano in azione preferibilmente di notte, dopo aver studiato bene il punto dove entrare in azione, in modo da non essere notati. Alla fine, però, sono stati scoperti. La notte del 18 agosto di due anni fa, per l'esattezza: mentre erano intenti a scarabocchiare sui muri con le loro inseparabili bombolette spray, i carabinieri si sono materializzati alle loro spalle, identificandoli. Poi sono arrivate le perquisizioni, effettuate dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale: nelle abitazioni dei due giovani, di 23 e 27 anni, sono stati trovati alcuni video in cui erano ripresi all'opera. I due giovani non avevano infatti resistito alla tentazione di filmare le loro gesta con un telefonino. Il pm Gianni Tei li ha indagati con l'accusa di danneggiamento, imbrattamento e deturpamento di beni culturali. Ieri si sono presentati davanti al giudice: ad assisterli, gli avvocati Neri Pinucci e Lorenzo Zilletti. I due writers hanno patteggiato una pena decisamente lieve: 20 giorni. Ma il magistrato ha chiesto e ottenuto una condizione: che i due imputati versassero 20mila euro all'associazione Gli Angeli del Bello, fatta di volontari che, grazie a una convenzione con il Comune di Firenze, combattono quotidianamente il degrado. Tra i loro compiti, la cancellazione delle scritte che campeggiano su decine di muri cittadini

18 Siamo andati dentro la notizia e abbiamo voluto saperne di più … Cosa sono i Tag? chi sono i Graffettari? E i writers ? Cosa sono i Murales Cosa sono i Murales ?

19 VEDIAMO COSA DICE IL WEB Abbiamo trovato notizie su wikipedia Abbiamo trovato un articolo scritto dall’università di Roma Abbiamo guardato immagini di: murales tag e writer

20 …WIKIPEDIA Il graffitismo [1][2] (in inglese graffiti), è una manifestazione artistica, sociale e culturale diffusa in tutto il pianeta, basata sull'espressione della propria creatività tramite interventi pittorici sul tessuto urbano, questi in ogni caso vengono considerati atti di vandalismo e puniti secondo le leggi vigenti. Talvolta è correlato ad essa l'atto dello scrivere il proprio nome d'arte (tag) diffondendolo come fosse un logo. Il fenomeno, ricordando la pittura murale (murales - disegni su muro), è da alcuni ad essa accostato, e costituisce un atto di vandalismo, poiché numerosi graffitisti [3] (in inglese writer) imbrattano, [4] spesso impunemente, mezzi pubblici o edifici di interesse storico e artistico … [1][2]inglesemurales [3] [4]

21 CONVEGNO ALL’UNIVERSTA’ LA SAPIEZA A ROMA … Pallotta mette subito le cose in chiaro. "Il writing non nasce da un disagio, come comunemente si pensa", spiega. "Si potrebbe dire che sia figlio piuttosto di un 'disagio estetico', quello dei cupi cavalcavia delle periferie, dei palazzoni grigi, dei maxi cartelloni pubblicitari. Alla base c'è il bisogno dei giovani di esprimersi in un linguaggio che sentono proprio. C'è la voglia di colorare la città, di portare l'arte in strada". Allora i graffiti sono una forma d'arte? "Non sempre", dice Pallotta. "Per parlare di arte ci dev'essere una ricerca stilistica, una consapevolezza linguistica. Il tag, ad esempio, è la deriva del writing, un'involuzione".

22 COSA DICE IL CODICE ? In Italia, il codice penale all'art. 639 Deturpamento e imbrattamento di cose altrui recita:codice penale « Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 103. Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati, si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a euro. Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da a euro. Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a euro. Nei casi previsti dal secondo comma si procede d'ufficio. »

23

24

25

26

27

28 MA I GRAFFETTARI COSA PROVANO QUANDO SONO ALL’OPERA? LEGGIAMO UNA LORO INTERVISTA "Se non rischio non mi diverto": graffitari oltre la legge Se gli chiedi perché lo fa, la risposta è pronta: «Per l’adrenalina: se non c’è rischio non mi diverto». Bombolette, guanti, passamontagna, ma soprattutto velocità: il writer perfetto vive come in un videogioco. Si arrampica sui tetti, scavalca le inferriate, striscia sotto i vagoni, fa lo zig zag tra le torce e i cani poliziotto: una sfida ai vigilantes e alle forze dell’ordine per poter lasciare il proprio segno. La firma, in gergo la “tag”, che si deve ripetere in serie nei posti più irraggiungibili: quello più ambito è la metropolitana, perché la sorveglianza è alta e il graffitaro potrà sfoggiare il suo marchio come un trofeo.

29 A spiegarci i segreti del writing è “Bosi”, ancora un ragazzino ma già ricercato in diverse città: su di lui pendono più di un processo e dossier aperti con decine di accuse. L’azione più eclatante che ha compiuto è finita su tutti i giornali: insieme ad altri otto writer, tutti vestiti di nero e incappucciati, una sera dell’aprile 2013 ha bloccato un convoglio della metro di Milano. «Abbiamo tirato i freni di emergenza», racconta, «e gridato “attentato, attentato”. Molti viaggiatori erano terrorizzati, altri hanno cominciato a insultarci. Noi abbiamo iniziato subito a dipingere i vagoni, dovevamo metterci massimo 5 minuti». L’autista è intervenuto e i ragazzi – i più grandi sui vent’anni, ma la metà minorenni – gli hanno spruzzato della vernice in faccia e colpito con una bomboletta. Per questo episodio, ripreso dagli stessi writer con una minicamera e caricato su Youtube, ci sono 40 indagati e la procura ha ordinato perquisizioni in tutta Italia. Le accuse sono pesanti: associazione a delinquere, resistenza e aggressione a pubblico ufficiale, violenza privata aggravata e imbrattamento, interruzione di servizio pubblico. Prima la firma, poi la fuga: writers oltre la legge

30 SONO UN WRITER … RACCONTO UNA MIA AVVENTURA SE NON RISCHIO NON MI DIVERTO

31

32 POI UN MATTINA SUI MURI DELLA NOSTRA SCUOLA MEDIA POI UN MATTINA SUI MURI DELLA NOSTRA SCUOLA MEDIA …

33 CI SIAMO CHIESTI?????

34 Abbiamo scritto una lettera al nostro sindaco e al preside … Galliano, 20 aprile 2015 Fino a quindici giorni fa i muri della nostra scuola media erano bianchi, anonimi, forse non belli ma non scarabocchiati come ora. Questi tag e writers sono stati fatti nel retro della scuola media. Dal secondo quadrimestre noi stiamo lavorando sulle regole che i cittadini devono rispettare per poter vivere bene. Le regole a noi “RAGAZZI” le danno i nostri genitori, le nostre insegnanti, gli allenatori... tutte quelle persone che vivono con noi. Spesso noi duriamo fatica a capirle e a rispettarle ma ci vengono date per il nostro bene, per la nostra salute e incolumità. Sappiamo che anche nel mondo che ci circonda esistono delle leggi e delle regole che i cittadini devono rispettare e se ciò non accade si può pagare delle multe, andare in prigione o anche morire. Incuriositi da un fatto di cronaca successo a Roma prima di una partita di calcio (la “Barcaccia” ridotta come una discarica e persino rovinata) abbiamo deciso di lavorare sui murales, tag e writers ponendoci questa domanda : “Il graffitismo quando è una forma d'arte e quando è un degrado urbano?”

35 Per conoscere questo fenomeno abbiamo cercato su internet cosa fosse il graffitismo cosa sono i tag, i writers e i murales. Abbiamo letto e analizzato vari articoli di giornale che raccontavano di writers che taggavano opere d'arte, edifici privati e monumenti e abbiamo scoperto che la legge punisce queste azioni : “IN ITALIA, IL CODICE PENALE ALL'ARTICOLO 639 DEL DETURPAMENTO E INBRATTAMENTO DI COSE ALTRUI È PUNITO A QUERELA DELLA PERSONA OFFESA SI PUÒ AVERE UNA MULTA FINO A 103 €. SE IL FATTO È COMMESSO SU IMMOBILI, MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICI O PRIVATI LA PENA È : RECLUSIONE DA 1 A 6 MESI, MULTE DA 300 € FINO A €. IN CASO DI RECIDIVA SI HA 2 ANNI DI RECLUSIONE E MULTE FINO A €!”

36 Abbiamo imparato che i murales sono anche un ' opera d'arte quando vengono fatti in luoghi appositi come le grigie periferie delle città, sottopassaggi... Ma l'importante è che dietro ci sia un'idea, un progetto, uno studio. Quelli che disegnano murales sono dei professionisti, persone che amano disegnare e vogliono abbellire luoghi tristi e degradati. Uno dei più famosi writers italiani infatti dice che il tag è la deriva del writing, un'involuzione perché per parlare di arte ci deve essere una ricerca stilistica, una consapevolezza linguistica. Detto ciò i tag e i writers fatti nei muri delle scuole medie per noi sono solo degli inutili scarabocchi che rendono la nostra scuola molto più brutta e degradata. La scuola è anche nostra e noi non vogliamo che sia sciupata per la voglia di qualcuno di sfidare la legge. Se questi ragazzi avevano voglia di sentire l'adrenalina a mille potevano fare una partita a calcio o fare una corsa in bicicletta. Se invece gli piace il graffitismo gli consigliamo di esercitarsi un pochino e chiedere al preside o al sindaco di trovare un luogo dove fare pratica e una volta diventati bravi dilettarsi ad abbellire i muri tristi del paese. Classe IV di Galliano


Scaricare ppt "Classe IV Galliano Istituto comprensivo Barberino del Mugello Insegnante:Francesca Cinelli."

Presentazioni simili


Annunci Google