La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il d. lgs. 231 del 2001 La responsabilità amministrativa delle imprese Le famiglie di reato contemplate Avv. Enrico Perrella – name partner CPK Legal Rieti,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il d. lgs. 231 del 2001 La responsabilità amministrativa delle imprese Le famiglie di reato contemplate Avv. Enrico Perrella – name partner CPK Legal Rieti,"— Transcript della presentazione:

1 Il d. lgs. 231 del 2001 La responsabilità amministrativa delle imprese Le famiglie di reato contemplate Avv. Enrico Perrella – name partner CPK Legal Rieti, 19 aprile 2011

2 1 D.lgs. n. 231/01 Codice etico-comportamentale O.d.V Sistema audit / reporting Protocolli etici - comportamentaliSistema di comunicazione Sisitema disciplinare Modello organizzativo

3 2 Soggetto agente: colui che realizza un fatto, o assume un comportamento, corrispondente ad una fattispecie astrattamente ipotizzata dal legislatore penale Pena: è la conseguenza sfavorevole che lOrdinamento ricollega alla commissione di un reato I REATI PRESUPPOSTO elementi del reato Elemento oggettivo: è una modificazione del mondo esteriore, uno o più comportamenti, che consistono in un'azione od omissione descritta dalla legge penale, da cui scaturisce il fatto (il c.d. evento) considerato dalla legge come reato Elemento soggettivo: si concretizza nella consapevolezza e volontà dellazione di colui che pone in essere lelemento oggettivo, o dellomissione da cui dipende lesistenza del reato

4 3 Laccertamento dei reati Compimento, da parte della persona fisica, di uno o più reati c.d. presupposto previsti dal d.lgs. n. 231/01 Notizia di reato allAutorità Giudiziaria Indagini del Pubblico Ministero A carico della persona fisica che si ipotizza abbia commesso il reato A carico dellEnte (Società) di cui fa parte la persona fisica apicale, dipendente, collaboratore esterno

5 4 Se il P.M. ritiene presenti sufficienti elementi di colpevolezza anche a carico dellEnte. Dispone il rinvio a giudizio, con apertura della fase dibattimentale = processo a carico dellEnte Allesito delle Indagini Preliminari Se il P.M. ritiene insussistenti gli elementi di colpevolezza a carico dellEnte Procede con la richiesta di archiviazione al G.I.P./G.U.P. Con onere della prova a carico del P.M., ed onere della prova a carico dellEnte Il Giudice disporrà il rinvio a giudizio o larchiviazione per la persona fisica Laccertamento dei reati … gli ulteriori sviluppi

6 5 Sussiste lelemento oggettivo ( = condotta ) e soggettivo (qualità (DG, apicale, etc) del soggetto agente) del reato presupposto Il reato presupposto è stato commesso nellinteresse o vantaggio dellEnte (art. 5 1 ). Il Pubblico Ministero Sia nella fase delle indagini, che in dibattimento, deve dimostrare che: Laccertamento dei reati … lonere della prova Comunque indaga sul Modello Organizzativo e sullO.d.V. Se il fatto è commesso dal dipendente deve provare linidoneità del Modello Organizzativo e dellO.d.V.

7 6 Ente per essere assolto deve dimostrare tutti i seguenti punti Laccertamento dei reati … lonere della prova Il reato è stato commesso nellinteresse esclusivo dellautore o di terzi (art. 5 2 ) Lautore ha commesso il reato eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e gestione (art. 6 1 lett. c) Lorgano dirigente ha adottato ed efficacemente attuato Modelli Organizzativi e di gestione idonei a prevenire i reati della specie di quello verificatosi (art. 6 1 lett. a) La vigilanza sul funzionamento ed osservanza dei modelli, ed il loro aggiornamento è stato affidato ad un O.d.V. dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo (art. 6 1 lett. b) Non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dellO.d.V. (art. 6 1 lett. d)

8 7 Novità legislative Il 7 luglio 2010 il Ministro della Giustizia Alfano ha presentato allArel (Agenzia Ricerche e Legislazione) uno schema di disegno di legge modificativo del d.lgs 231 del 2011, presentato alla Camera il 19 luglio 2010 (AC 3640), assegnato alla Commissione Giustizia ma ancora non calendarizzato Inversione dellonere della prova: Il PM deve provare la mancata adozione di efficaci modelli organizzativi, la loro fraudolenta elusione da parte dellautore del reato, ovvero la mancata vigilanza sullefficace attuazione degli stessi. (nella formulazione attuale è lEnte che deve provare tali circostanze) Modalità di informazione: Il Modello Organizzativo deve prevedere apposite modalità di informazione, da parte dellO.d.V., sulladeguatezza del modello e sulla sua efficace attuazione Norme sulla Vigilanza negli Enti di piccole dimensioni: Possibilità di affidare i compiti propri dellO.d.V. a persona interna dotata di adeguate garanzie di indipendenza. Novità previste dalla proposta di Legge Alfano

9 8 Novità previste dalla proposta di Legge Alfano Espressa qualificazione di Ente di piccole dimensioni: sono Enti di piccole dimensioni i soggetti che per due esercizi consecutivi non hanno superato due dei limiti di cui allart bis c.c. (Totale dellattivo dello stato patrimoniale non superiore a , ricavi di vendite e prestazioni non superiori a , dipendenti non superiore a 50 unità) Certificazioni: E esclusa le responsabilità dellEnte se il modello attuato corrisponde al modello certificato da un Ente di Certificazione, rispondente ai criteri previsti da apposito regolamento governativo, il quale determinerà anche la periodicità del rinnovo tenendo conto dei codici di comportamento redatti dalle imprese rappresentative degli Enti stessi. Il certificatore esercita funzioni private sotto il controllo della pubblica autorità. Sanzioni per il certificatore: Il certificatore che agendo con abuso dei poteri, od in violazione dei doveri inerenti le sue funzioni, dichiara falsamente lidoneità del modello preventivo, procurando intenzionalmente a se o ad altri un giusto profitto o arrecando un danno ingiusto, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Il Certificatore che, al di la dei casi appena indicati, dichiari falsamente, consapevolmente o con colpa grave, che sussistono i presupposti di idoneità del Modello viene sospeso fino a due anni dallattività di certificazione ovvero, nei casi più gravi viene definitivamente interdetto da tale attività

10 9 Quali sono i Reati presupposto ai fini dellapplicazione del d. lgs. n. 231 del 2001 *************** Dopo lentrata in vigore della normativa di cui alle Leggi nn. 94, 99, e 116 del 2009 i reati presupposto sono oltre 100.

11 10 Ulteriori futuri sviluppi in tema di reati presupposto del d. lgs. n. 231/2001 La Direttiva 2008/99/CE (tutela penale dellambiente) La Direttiva 2009/123/CE (inquinamento provocato dalle navi) La Decisione quadro 2001/413/Gai (lotta contro le frodi e le falsificazioni di mezzi di pagamento diversi dai contanti) La Decisione quadro 2002/946/Gai (repressione del favoreggiamento dellingresso, del transito e del soggiorno illegali) La Decisione quadro 2004/757/Gai (In materia di traffico di stupefacenti) Con lapprovazione della c.d. Legge comunitaria 2009 pubblicata in G.U. n. 146 del 25 giugno 2010, lo Stato si fa obbligo di recepire, entro aprile Il Consiglio dei Ministri del 7 aprile 2011 ha deliberato uno schema di decreto Legislativo – ora allesame della Camera dei Deputati - attuativo delle direttive 2008/99/CE sulla tutela penale dellambiente, e della direttiva 2009/123/CE sullinquinamento provocato dalle navi

12 11 I reati ambientali Inserimento nel codice penale dellart. 727 bis (uccisione distruzione cattura prelievo o possesso di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette) Inserimento nel codice penale dellart. 733 bis (danneggiamento di habitat) Inserimento nel d.lgs. n. 231 del 2001 dellart. 25 decies (reati ambientali) Lo schema di Decreto Legislativo - assegnato alle commissioni Giustizia e Politiche dellUnione Europea della Camera (con termine fino al 18 maggio 2011 per la redazione del relativo parere) – prevede:

13 12 Uccisione distruzione cattura prelievo o possesso di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette (art. 727 bis cp) Danneggiamento di habitat (art. 733 bis cp) Esercizio di attività industriali in assenza dellAutorizzazione integrata ambientale (art. 29 quattuordecies d.lgs. 152/2006) Apertura o effettuazione di scarichi di acque reflue industriali, senza autorizzazione, oppure dopo la sospensione o revoca dell'autorizzazione, utilizzazione agronomica di effluenti di allevamento, di acque di vegetazione dei frantoi oleari, di acque reflue di aziende agricole e piccole aziende agroalimentari al di la dei casi previsti, ovvero lomessa dichiarazione dellutilizzo, da parte del servizio idrico integrato, di impianti di depurazione delle acque reflue per lo smaltimento di rifiuti derivanti dalla manutenzione dellimpianto fognario del proprio ATO, ovvero di ATO sprovvisto di adeguato depuratore, e per la purificazione delle acque reflue (art d.lgs 152/2006) Il nuovo art. 25 decies del d.lgs. 231/2001 configura la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche anche per gli ulteriori reati presupposto I reati ambientali … segue

14 13 effettuazione di uno scarico di acque reflue industriali contenenti sostanze pericolose senza essere autorizzati, ovvero impedire laccesso del funzionario addetto ai controlli agli impianti di scarico, ovvero scaricare nelle acque marine - da parte di navi od aeromobili - sostanze o materiali per i quali è imposto il divieto assoluto di sversamento, salvo che siano quantità tali da essere rapidamente innocue dai processi chimico-fisici e biologici, che si verificano in mare e purché in presenza di autorizzazione da parte dell'autorità (art d.lgs. 152/2006). raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti – sia pericolosi che non pericolosi - in mancanza della prescritta autorizzazione, ovvero il deposito temporaneo presso il luogo di produzione di rifiuti sanitari pericolosi, realizzazione o gestione di una discarica non autorizzata – anche eventualmente destinata ai rifiuti pericolosi - effettuazione di attività non consentite di miscelazione di rifiuti (art d.lgs. 152/2006). Inquinamento del suolo, del sottosuolo, di acque superficiali o sotterranee anche se provocato da sostanze pericolose (art d.lgs. 152/2006). Raccolta e trasporto di rifiuti senza il relativo formulario ovvero indicazione nel formulario stesso di dati incompleti, inesatti o falsi sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico- fisiche dei rifiuti ovvero utilizzo di un certificato falso durante il trasporto (art d.lgs. 152/2006 ) effettuare una spedizione di rifiuti – pericolosi e non - costituente traffico illecito (art d.lgs. 152/2006) I reati ambientali … il nuovo art. 25 decies d.lgs. 231/2001

15 14 I reati ambientali … il nuovo art. 25 decies d.lgs. 231/2001 … segue cessione, trasporto,esportazione, importazione, gestione abusiva di ingenti quantitativi di rifiuti, anche se altamente radioattivi, mediante lallestimento di mezzi e attività continuative organizzate (art d.lgs. 152/2006). omessa iscrizione al sistema SISTRI (sistema controllo tracciabilità rifiuti) ovvero fornitura di dati falsi e/o inesatti (art. 260 bis d.lgs. 152/2006). Installazione o esercizio di uno stabilimento in assenza delle autorizzazione prescritte, ovvero prosecuzione dellattività con lautorizzazione alla produzione scaduta, violazione dei limiti di emissione stabiliti nellautorizzazione ovvero omessa comunicazione allautorità competente delle emissioni inquinanti prodotte (art. 279 d.lgs. 152/2006). Raccogliere e trasportare rifiuti senza il relativo formulario ovvero indicare nel formulario stesso dati incompleti, inesatti o falsi sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti ovvero utilizzare un certificato falso durante il trasporto (art d.lgs. 152/2006 ) effettuare una spedizione di rifiuti – pericolosi e non - costituente traffico illecito (art d.lgs. 152/2006) Importare, esportare animali o specie vegetali protette senza certificato o licenza, ovvero con certificato o licenza non validi, utilizzarli in maniera non conforme, detenerli a scopo di lucro venderli senza autorizzazione, detenere di mammiferi e rettili vivi, selvatici o provenienti da riproduzioni in cattività, costituenti pericolo per salute e incolumità pubblica (artt l. 150/1992)

16 15 I reati ambientali … il nuovo art. 25 decies d.lgs. 231/2001 … segue Produzione, consumo, importazione, esportazione, detenzione e commercializzazione di sostanze lesive dello strato atmosferico di ozono (art. 3 l.549/1993) Sversamento doloso o colposo in mare, senza alcuna discriminazione di nazionalità, di sostanze inquinanti, tali da provocare danni anche gravi e permanenti di difficile rimozione, sia per i costi che per le competenze tecniche e scientifiche necessarie, ovvero che necessitino delladozione di misure eccezionali (art. 8-9 d.lgs. 202/2007) Sanzioni interdittive per la durata non superiore a sei mesi Interdizione definitiva nel caso in cui lEnte o una sua unità organizzativa siano stabilmente utilizzati allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la commissione dei reati di omessa iscrizione al sistema SISTRI (sistema controllo tracciabilità rifiuti) ovvero fornitura di dati falsi e/o inesatti (art. 260 bis d.lgs. 152/2006) e di sversamento doloso in mare di sostanze inquinanti (art 8 d.lgs. 202/2007) il nuovo art. 25 decies d.lgs. 231/2001 prevede anche

17 16 Il disegno di legge sulle intercettazioni telefoniche (AC 1415), al momento in fase di seconda lettura alla Camera dei Deputati, prevede in materia di d.lgs. n. 231/2001 Ulteriori futuri sviluppi in tema di reati presupposto del d. lgs. n. 231/2001 … segue Lintroduzione dellarticolo 25 undecies, rubricato Pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale che comporta lirrogazione della sanzione pecuniaria da 100 a 300 quote in caso di pubblicazione di atti coperti dal segreto. Secondo tale disegno di legge, inoltre, lEnte che in relazione alla pubblicazione di atti coperti dal segreto, pone in essere il delitto di cui allart. 684 c.p. (ricettazione) è punito con la sanzione pecuniaria da 100 a 200 quote.

18 17 Art. 24 d. lgs. n. 231 del Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico - Malversazione a danno dello Stato (art. 316 bis c.p.) Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (art. 316 ter c.p.) Truffa a danno dello Stato o di un altro ente pubblico (art. 640II n. 1 c.p.) Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640 bis c.p.) Frode informatica (art. 640 ter c.p.)

19 18 Art. 24 bis d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti informatici e trattamento illecito di dati - *articolo inserito dalla l. n. 48 del 2008 Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615 ter c.p.) Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617 quater c.p.) Installazione d'apparecchiature per intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617 quinquies c.p.) Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici (art. 635 bis c.p.) Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica utilità (art. 635 ter c.p.) Danneggiamento dì sistemi informatici o telematici (art. 635 quater c.p.) Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità (art. 635 quinquies c.p.)

20 19 Art. 24 ter d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti di criminalità organizzata – *articolo inserito dalla l. n. 94 del 2009 Associazione per delinquere (art. 416 VI c.p.) Associazioni di tipo mafioso anche straniere (art. 416 bis c.p.) Scambio elettorale politico-mafioso (art. 416 ter c.p.) Sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione (art. 630 c.p.) Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope (art. 74 d.p.r. n. 309/1990)

21 20 Art. 25 d. lgs. n. 231 del Concussione e corruzione - Concussione (art. 317 c.p.) Corruzione per un atto d'ufficio (art. 318 c.p.) Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio (art. 319 c.p.) Corruzione in atti giudiziari (art. 319 ter c.p.) Corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio (art. 320 c.p.) Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.) Peculato, concussione, corruzione e istigazione alla corruzione di membri degli organi delle Comunità europee e di funzionari delle Comunità europee e di Stati esteri (art 322 bis c.p.)

22 21 Art. 25 bis d. lgs. n. 231 del 2001* - Falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento – *articolo inserito dal d.l. n. 350 del 2001 e modificato, da ultimo, dalla l. n. 99 del 2009 Falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto, di monete falsificate (art. 453 c.p.) Alterazione di monete (art. 454 c.p.) Contraffazione di carta filigranata in uso per la fabbricazione di carte di pubblico credito o di valori di bollo (art. 460 c.p.) Fabbricazione o detenzione di filigrane o di strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata (art. 461 c.p.) Spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate (art. 455 c.p.) Uso di valori di bollo contraffatti o alterati (art. 464 c.p.) Falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione di valori di bollo falsificati (art. 459 c.p.) Contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni (art. 473 c.p.) Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi (art. 474 c.p.)

23 22 Art. 25 bis n. 1 d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti contro l'industria e il commercio - *articolo inserito dalla l. n. 99 del 2009 Turbata libertà dell'industria o del commercio (art. 513 c.p.) Illecita concorrenza con minaccia o violenza (art. 513 bis c.p.) Frodi contro le industrie nazionali (art. 514 c.p.) Frode nell'esercizio del commercio (art. 515 c.p.) Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine (art. 516 c.p.) Vendita di prodotti industriali con segni mendaci (art. 517 c.p.) Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale (art. 517 ter c.p.) Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agro-alimentari (art. 517 quater c.p.)

24 23 Art. 25 ter d. lgs. n. 231 del 2001* - Reati societari – *articolo inserito dalla l. n. 61 del 2002 e modificato, da ultimo, dalla l. n. 262 del 2005 False comunicazioni sociali (art c.c.) False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei creditori (art c.c.) Falso in prospetto (art 2623 c.c.) [articolo abrogato dallart della l. n. 262 del 2005] Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione (art c.c.) [articolo abrogato dallart del d.lgs. n. 39 del 2010] Impedito controllo (art c.c.) Indebita restituzione dei conferimenti (art c.c.) Illegale ripartizione degli utili e delle riserve (art c.c.) Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante (art c.c.) Operazioni in pregiudizio dei creditori (art c.c.) Formazione fittizia del capitale (art c.c.) Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori (art c.c.) Illecita influenza sullassemblea (art c.c.) Aggiotaggio (art c.c.) Ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (art c.c.)

25 24 Art. 25 quater d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell'ordine democratico – *articolo inserito dalla l. n. 7 del 2003 Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (art. 270 bis c.p.) Assistenza agli associati (art. 270 ter c.p.) Arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale (art. 270 quater) Addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale (art. 270 quinquies c.p.) Condotte con finalità di terrorismo (art. 270 sexies c.p.) Attentato per finalità terroristiche o di eversione (art. 280 c.p.) Sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione (art. 289 bis c.p.)

26 25 Art. 25 quater n. 1 d. lgs. n. 231 del 2001* - Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili – * articolo inserito dalla l. n. 7 del 2006 Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili (art. 583 bis c.p.)

27 26 Art. 25 quinquies d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti contro la personalità individuale – *articolo inserito dalla l. n. 228 del 2003 e modificato, da ultimo, dalla l. n. 38 del 2006 Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù (art. 600 c.p.) Prostituzione minorile (art. 600 bis c.p.) Pornografia minorile (art. 600 ter c.p.) Detenzione di materiale pornografico (art. 600 quater c.p.) Pornografia virtuale (art. 600 quater.1 c.p.) Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600 quinquies c.p.) Tratta di persone (art. 601 c.p.) Acquisto e alienazione di schiavi (art. 602 c.p.)

28 27 Art. 25 sexies d. lgs. n. 231 del 2001* - Abusi di mercato - * articolo inserito dalla l. n. 62 del 2005 Abuso di informazioni privilegiate (art. 184 d. lgs. n. 58 del 1998, T.U.I.F.) Manipolazione del mercato (art. 185 d. lgs. n. 58 del 1998 T.U.I.F.)

29 28 Art. 25 septies d. lgs. n. 231 del 2001* - Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro – *articolo inserito dalla l. n. 123 del 2007, e così modificato dal d.lgs. n. 81 del 2008 Omicidio colposo (art. 589 c.p.) commesso con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro Omicidio colposo (art. 589 c.p.) commesso con violazione dellart n. 55 comma 2 del d.lgs n. 81 del 2008 ( T. U. 81 / 08 ) Lesioni personali colpose (art. 590 c.p.) commesso con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro

30 29 Art. 25 octies d. lgs. n. 231 del 2001* - Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita – * articolo inserito dalla l. n. 231 del 2007 Ricettazione (art. 648 c.p.) Riciclaggio (art. 648 bis c.p.) Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648 ter c.p.)

31 30 Art. 25 novies d. lgs. n. 231 del 2001* - Delitti in materia di violazione del diritto d'autore- *articolo inserito dalla l. n. 99 del 2009 (art. 171 I lett. a bis l. n. 633 del 1941) c.d. file sharing Duplicazione ed altre azioni illecite su programmi per elaboratore e su banche dati (art. 171 bis l. n. 633 del 1941) Duplicazione abusiva, riproduzione, trasmissione o diffusione in pubblico di opere musicali, cinematografiche o audiovisive (art.171 ter l. n. 633 del 1941) Utilizzo a fini fraudolenti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato (art. 171 octies l. n. 633 del 1941)

32 31 Art. 25 novies d. lgs. n. 231 del 2001* - Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria – *articolo è stato così inserito dalla l. n. 116 del 2009 con la medesima numerazione dell'art. 25 novies previsto dalla l. n. 99 del 2009, probabilmente per mero errore materiale di cui si attende la rettifica ufficiale Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria (art. 377 bis c.p.)

33 32 I REATI PRESUPPOSTO PIU RILEVANTI Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi, sovvenzioni o finanziamenti destinati a favorire iniziative dirette alla realizzazione di opere o allo svolgimento di attività di pubblico interesse, non li destina alla predette finalità, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni Soggetto agente: chiunque abbia ottenuto dallo Stato da altro ente pubblico, o dalle Comunità europee contributi o sovvenzioni Elemento oggettivo: mancata destinazione dei contributi (partecipazione pubblica alle spese per le attività finalizzate al raggiungimento di obiettivi produttivi), delle sovvenzioni (erogazioni a fondo perduto) e dei finanziamenti ricevuti, alle opere o attività di pubblico interesse per i quali sono stati erogati Elemento soggettivo: Coscienza e volontà di non attribuire alle somme ottenute la destinazione conforme rispetto a quella predeterminata Pena: sanzione pecuniaria fino a 500 quote. Se lEnte ha conseguito rilevanti profitti o è derivato un danno di particolare gravità si applica la sanzione pecuniaria da 200 a 600 quote, e si applicano le sanzioni interdittive per un periodo non inferiore ad un anno art. 316 bis c.p. – Malversazione a danno dello Stato – (Art. 24 d.lgs. n. 231 del 2001)

34 33 Salvo che il fatto costituisca il reato previsto dall'articolo 640 bis, chiunque mediante l'utilizzo o la presentazione di dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero mediante l'omissione di informazioni dovute, consegue indebitamente, per sé o per altri, contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati dallo Stato, da altri enti pubblici o dalle Comunità europee è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Quando la somma indebitamente percepita è pari o inferiore a euro 3.999,96 si applica soltanto la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro a euro Tale sanzione non può comunque superare il triplo del beneficio conseguito Soggetto agente: chiunque abbia ottenuto dallo Stato da altro ente pubblico, o dalle Comunità europee, contributi finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni Elemento oggettivo: Utilizzo (mediante lattestazione o il silenzio) di circostanze e fatti (seppur non creati dallagente) non conformi al vero al fine di ottenere erogazioni pubbliche Elemento soggettivo: Coscienza e volontà di ottenere erogazioni pubbliche dichiarando il falso, producendo documenti attestanti cose non vere od omettendo informazioni dovute Pena: sanzione pecuniaria fino a 500 quote. Se lEnte ha conseguito rilevanti profitti o è derivato un danno di particolare gravità la sanzione pecuniaria sarà da 200 a 600 quote. Si applicano le sanzioni interdittive per un periodo non inferiore ad un anno art. 316 ter c.p. – Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato – (Art. 24 d.lgs. n. 231/2001)

35 34 art. 640 bis c.p. – Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche– (Art. 24 d.lgs. n. 231 del 2001) La pena è della reclusione da uno a sei anni e si procede dufficio se i fatti di cui allart. 640 cp (truffa: chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sè o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 a 1.032) riguarda contributi, finanziamenti, mutui agevolati ovvero altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità europee Soggetto agente: chiunque abbia ottenuto dallo Stato da altro ente pubblico, o dalle Comunità europee, contributi finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni Elemento oggettivo: mediante artifizi e raggiri attestazione e/o creazione di circostanze e fatti non conformi al vero al fine di ottenere erogazioni pubbliche, tali da indurre in errore il soggetto erogante Elemento soggettivo: Coscienza e volontà di non destinare le somme ottenute alle attività dichiarateper cui sono state erogate Pena: sanzione pecuniaria fino a 500 quote. Se lEnte ha conseguito rilevanti profitti o è derivato un danno di particolare gravità la sanzione pecuniaria sarà da 200 a 600 quote. Si applicano le sanzioni interdittive per un periodo non inferiore ad un anno

36 35 Art. 316 ter e 640 bis... segue Tra le due fattispecie intercorre un rapporto di sussidiarietà Lart. 316 ter troverà applicazione solo quando non sarà applicabile lart. 640 bis Lapplicazione dellart. 640 bis necessita, rispetto allart. 316 ter, linduzione in errore della vittima, mediante gli artifizi e raggiri tipici della truffa.

37 36 Art. 316 ter e 640 bis... segue La mera presentazione di dichiarazioni false consistenti in fatture indicanti un prezzo maggiore di quello effettivamente pagato, non accompagnata da ulteriori malizie dirette allinduzione in errore, nellambito della procedura di richiesta di incentivi alla provincia per lacquisto di un veicolo industriale, rientra nella fattispecie del 316 ter c.p. (Cass. pen. Sez. II, n del 2002) Lallegazione di fatture per operazioni inesistenti volta al conseguimento di erogazioni da parte del Ministero dellAgricoltura di cospicue somme di denaro a titolo di agevolazione, rientra nella fattispecie di cui alla 640 bis c.p., in quanto la produzione dei suddetti documenti falsi è il frutto di malizie ulteriori, produttive di una più penetrante induzione in errore del soggetto passivo (Cass. pen. Sez. V, n del 2005) Esempi

38 37 Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe o induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro od altra utilità, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni. Art. 317 c.p. – Concussione – (art. 25 d.lgs. n. 231 del 2001) Soggetto agente: Il Pubblico Ufficiale o lincaricato di un pubblico servizio Elemento oggettivo: consiste in una coazione psichica realizzata mediante la prospettazione di un male ingiusto nei confronti della vittima che resta comunque libera di aderire alla richiesta o di subire il male minacciato (concussione esplicita), ovvero in qualsiasi comportamento (persuasione, omissione, inganno, ostruzionismo) che pone la vittima in uno stato di soggezione tale (concussione implicita) da determinarlo a dare o promettere prestazioni non dovute (denaro o altra utilità). Atteggiamenti posti in essere con abuso di qualità (strumentalizzazione del ruolo che si ricopre) o poteri (esercizio del potere per scopi diversi da quelli per il quale è stato conferito). Elemento soggettivo: consapevolezza e volontà di porre in essere tutti i comportamenti previsti dalla norma Pena: sanzione pecuniaria da 300 fino a 800 quote e sanzioni interdittive per una durata non inferiore ad un anno

39 38 I delitti di corruzione (art. 25 d.lgs. n. 231 del 2001) Art. 318 c.p. – Corruzione per un atto dufficio – II pubblico ufficiale, che, per compiere un atto del suo ufficio, riceve, per sé o per un terzo, in denaro od altra utilità, una retribuzione che non gii è dovuta, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Se il pubblico ufficiale riceve la retribuzione per un atto d'ufficio da lui già compiuto, la pena è della reclusione fino a un anno". Art. 319 c.p. – Corruzione per un atto contrario ai doveri dufficio – II pubblico ufficiale che, per omettere o ritardare, o per aver omesso o ritardato, un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio, riceve, per sé o per un terzo, denaro od altra utilità, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da due a cinque anni.

40 39 I delitti di corruzione (art. 25 d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Art. 319 ter – corruzione in atti giuiziari - Se i fatti indicati negli articoli 318 e 319 sono commessi per favorire o danneggiare una parte in un processo civile, penale o amministrativo, si applica la pena della reclusione da tre a otto anni. Se dal fatto deriva l'ingiusta condanna di taluno alla reclusione non superiore a cinque anni, la pena è della reclusione da quattro a dodici anni; se deriva l'ingiusta condanna alla reclusione superiore a cinque anni o all'ergastolo, la pena è della reclusione da sei a venti anni Le disposizioni dell'articolo 319 (corruzione per un atto contrario ai doveri dufficio) si applicano anche all'incaricato di un pubblico servizio; quelle di cui allarticolo 318 (corruzione per un atto dufficio) si applicano anche alla persona incaricata di un pubblico servizio, qualora rivesta la qualità di pubblico impiegato Art. 320 c.p. – corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio -

41 40 I delitti di corruzione (art. 25 d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Le pene stabilite al primo comma dell'articolo 318 (corruzione per atto dufficio), nell'articolo 319 (corruzione per atto contrario ai doveri dufficio) […] nell'articolo 319 ter (corruzione in atti giudiziari) e nell'articolo 320 (corruzione di persona incaricata di pubblico servizio) in relazione alle suddette ipotesi degli articoli 318 e 319, si applicano anche a chi dà o promette al pubblico ufficiale o all'incaricato di un pubblico servizio il denaro od altra utilità. Art. 321 c.p. – pene per il corruttore - Soggetto agente: Il Pubblico Ufficiale o lincaricato di un pubblico servizio (c.d. Soggetto qualificato n.d.s.) (ai sensi dellart. 320 c.p.) ed un privato (E un reato a concorso necessario, che vede sempre la presenza di due o più persone, di cui almeno una è Pubblico Ufficiale o Incaricato di Pubblico Servizio.) Elemento oggettivo: Consiste in un pactum sceleris tra il privato ed il Soggetto qualificato, mediante il quale questultimo riceve dal privato denaro od altra utilità, ovvero ne riceve la promessa, come indebita retribuzione per il compimento dellatto oggetto del mercimonio. Elemento soggettivo: per il privato consiste nella consapevolezza e nella volontà di indurre il soggetto qualificato a compiere, omettere o ritardare latto. Per il soggetto qualificato nella consapevolezza e volontà di compiere, omettere o ritardare latto medesimo Pena: sanzione pecuniaria da 300 fino a 800 quote e interdizione per una durata non inferire ad un anno

42 41 I delitti di corruzione (art. 25 d.lgs. n. 231 del 2001) … casistica Non è ravvisabile il concorso nel reato di corruzione propria da parte dellimprenditore che, nellambito di un rapporto privatistico con un altro imprenditore, aggiudicatario di un appalto pubblico in forza di un accordo corruttivo da lui raggiunto con i pubblici ufficiali responsabili della stazione appaltante, stipuli con il detto aggiudicatario un contratto di subappalto per lesecuzione di parte delle opere e si impegni a versare al subappaltante una percentuale sullimporto dei lavori; ciò perché la regolamentazione concordata del subappalto non supera la soglia interna del rapporto privatistico e non va ad integrarsi con la posizione del corrotto, a meno che non si provi, mediante concreti elementi fattuali, che essa abbia inciso o sia andata concretamente ad inserirsi, rafforzandola o integrandola, nellattività corruttiva alla quale si è esposto in prima persona il subappaltante (Cass. Pen. n /98 ) Costituisce atto contrario ai doveri dellufficio e pertanto integra gli estremi del reato di corruzione propria ex art. 319 cp, e non quelli del reato di corruzione impropria ex art. 318 cp, la condotta dellamministratore pubblico che abbia fatto normale ricorso, senza effettive e comprovate esigenze, ad un sistema eccezionale di scelta del contraente, qual è la trattativa privata pura, rinunciando così alla creazione di una situazione di concorrenza tra gli operatori economici privati dalla quale avrebbero potuto derivare vantaggi per lente pubblico, essendo evidenti, in tal caso, la violazione delle regole legali che disciplinano la modalità di scelta del contraente e la distorsione delle potestà pubblicistiche a favore degli interessi privati di determinati soggetti (C.App. Milano 1994)

43 42 Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 a La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 309 a se: 1) il fatto è commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare; 2) il fatto è commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l'erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell'Autorità Art n. 1 c.p. – truffa ai danni dello Stato – ( art. 24 d.lgs. n. 231 del 2001 ) Soggetto agente: Chiunque Elemento oggettivo: il soggetto agente induce, mediante artifizi (trasfigurazione della realtà simulando ciò che non esiste) o raggiri (attività volte alla creazione di un falso convincimento), lo Stato o qualsiasi altro Ente pubblico a compiere atti di disposizione patrimoniale in suo favore (ad es. erogazione di finanziamenti e sovvenzioni). Elemento soggettivo: consapevolezza e volontà di porre in essere il reato descritto dalla norma Pena: sanzione pecuniaria fino a 500 quote, aumentata da 200 a 600 quote se lEnte ha conseguito un profitto di rilevante entità o ha cagionato un danno di particolare graivtà. Si applica anche il divieto di contrarre con la P.A., il divieto di pubblicizzare beni o servizi, e lesclusione da agevolazioni e finanziamenti

44 43 Art. 640 ter c.p. – Frode informatica - (art. 24 d.lgs. n. 231 del 2001) Chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematica o ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 51 a La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da 309 a se ricorre una delle circostanze previste dal numero 1 del secondo comma dell'articolo 640, ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema. Soggetto agente: Chiunque Elemento oggettivo: procurare a se o ad altri un ingiusto profitto, con altrui danno, attraverso lalterazione del funzionamento di un sistema informatico o telematico (agendo cioè sulla componente meccanica o logica del sistema informatico) ovvero mediante lintervento illegittimo su dati informazioni o programmi contenuti nel sistema informatico Elemento soggettivo: coscienza e volontà di compiere i fatti descritti dalla norma Pena: sanzione pecuniaria fino a 500 quote, aumentata da 200 a 600 quote se lEnte ha conseguito un profitto di rilevante entità o ha cagionato un danno di particolare gravità. Si applica anche il divieto di contrarre con la P.A.,il divieto di pubblicizzare beni o servizi, e lesclusione da agevolazioni e finanziamenti

45 44 I delitti informatici (art. 24 bis d.lgs. n. 231 del 2001) Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematica protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, è punito con la reclusione fino a tre anni. La pena è la reclusione da uno a cinque anni: 1) se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio, o da chi esercita anche abusivamente la professione di investigatore privato, o con abuso della qualità di operatore del sistema; 2) se il colpevole per commettere il fatto usa violenza su cose o persone, ovvero se è palesemente armato; 3) se dal fatto deriva la distruzione o il danneggiamento del sistema o l'interruzione totale o parziale del suo funzionamento, ovvero la distruzione o il danneggiamento dei dati, delle informazioni o dei programmi in esso contenuti. Qualora i fatti […] riguardino sistemi informatici o telematici di interesse militare o relativi all'ordine pubblico o alla sicurezza pubblica o alla sanità o alla protezione civile o comunque di interesse pubblico, la pena è rispettivamente, della reclusione da uno a cinque anni e da tre a otto anni […]; Art. 615 ter c.p. – Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico -

46 45 I delitti informatici (art. 24 bis d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Art. 635 bis c.p. – Danneggiamento di sistemi informatici e telematici - Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque distrugge, deteriora, cancella, altera o sopprime informazioni, dati o programmi informatici altrui è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a tre anni […]. Art. 635 ter c.p. – Danneggiamento di informazioni dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro Ente pubblico, o comunque di pubblica utilità - Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque commette un fatto diretto a distruggere, deteriorare, cancellare, alterare o sopprimere informazioni, dati o programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o ad essi pertinenti, o comunque di pubblica utilità, è punito con la reclusione da uno a quattro anni. Se dal fatto deriva la distruzione, il deterioramento, la cancellazione, l'alterazione o la soppressione delle informazioni, dei dati o dei programmi in formatici, la pena è della reclusione da tre a otto anni […].

47 46 I delitti informatici (art. 24 bis d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Art. 635 quater c.p. – Danneggiamento di sistemi informatici o telematici - Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, mediante le condotte di cui all'articolo 635 bis, ovvero attraverso 1'introduzione o la trasmissione di dati, informazioni o programmi, distrugge, danneggia, rende, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui o ne ostacola gravemente il funzionamento è punito con la reclusione da uno a cinque anni […]. Art. 635 quinquies c.p. – Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità - Se il fatto di cui all'articolo 635 quater è diretto a distruggere, danneggiare, rendere, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici di pubblica utilità o ad ostacolarne gravemente il funzionamento, la pena è della reclusione da uno a quattro anni. Se dal fatto deriva la distruzione o il danneggiamento del sistema informatico o telematica di pubblica utilità ovvero se questo è reso, in tutto o in parte, inservibile, la pena è della reclusione: da tre a otto anni […].

48 47 Soggetto agente: Chiunque, ferme le circostanze aggravanti nel caso in cui lagente sia il gestore del sistema informatico, o da un Pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio (615 ter c.p.) Elemento oggettivo: il soggetto agente si intruduce abusivamente in un sistema telematico o vi permane contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo (615 ter c.p.) ovvero distrugge, deteriora, altera, danneggia o sopprime informazioni, dati o programmi informatici ( 635 bis c.p ter c.p quater c.p.), ovvero ancora danneggia, o rende in tutto o in parte inservibili, o ostacola gravemente il funzionamento di sistemi o programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro Ente pubblico o comunque di pubblica utilità (635 ter c.p. – 635 quinqies c.p.) Elemento soggettivo: coscienza e volontà di porre in essere i reati astrattamente descritti dal Legislatore Pena: sanzione pecuniaria da 100 fino a 500 quote, e sanzioni interdittive consistenti nellinterdizione dellesercizio dellattività, nella sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dellillecito, e nel divieto dei pubblicizzare beni o servizi I delitti informatici (art. 24 bis d.lgs. n. 231 del 2001) … segue

49 48 I Reati Societari (art. 25 ter d.lgs. n. 231 del 2001) Art c.c. – False comunicazioni sociali in danno della Società, dei Soci o dei creditori - Gli amministratori, […] i quali, con l'intenzione di ingannare i soci o il pubblico e al fine di conseguire per sé o per altri un ingiusto profitto, nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali previste dalla legge, dirette ai soci o al pubblico, esponendo fatti materiali non rispondenti al vero ancorché oggetto di valutazioni, ovvero omettendo informazioni la cui comunicazione è imposta dalla legge sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo al quale essa appartiene, in modo idoneo ad indurre in errore i destinatari sulla predetta situazione, cagionano un danno patrimoniale alla società, ai soci o ai creditori, sono puniti […] con la reclusione da sei mesi a tre anni. […] La pena è da due a sei anni se […], il fatto cagiona un grave nocumento ai risparmiatori. Il nocumento [è n.d.s.] grave quando abbia riguardato un numero di risparmiatori superiore allo 0,1 per mille della popolazione risultante dall'ultimo censimento ISTAT ovvero se sia consistito nella distruzione o riduzione del valore di titoli di entità complessiva superiore allo O,1 per mille del prodotto interno lordo. […] La punibilità […] è esclusa se le falsità o omissioni non alterano in modo sensibile la rappresentazione della situazione economica, patrimoniale o finanziaria della società o del gruppo al quale [..] appartiene, […] e se le falsità o le omissioni determinano una variazione del risultato economico […] non superiore al 5 % o una variazione del patrimonio netto non superiore all'1 % […].

50 49 I Reati Societari (art. 25 ter d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Gli amministratori che, occultando documenti o con altri idonei artifici, impediscono o comunque ostacolano lo svolgimento delle attività di controllo o di revisione legalmente attribuite ai soci, ad altri organi sociali o alle società di revisione, sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria fino a Se la condotta ha cagionato un danno ai soci, si applica la reclusione fino ad un anno e si procede a querela della persona offesa. La pena è raddoppiata se si tratta di società con titoli quotati in mercati regolamentati italiani o di altri Stati dell'Unione europea o diffusi tra il pubblico in misura rilevante ai sensi dell'articolo 116 del testo unico di cui al decreto legislativo n. 58 del 1998 (c.d. T.U.F. n.d.s.) Art c.c. – Impedito controllo - Gli amministratori che, in violazione delle disposizioni di legge a tutela dei creditori, effettuano riduzioni del capitale sociale o fusioni con altra società o scissioni, cagionando danno ai creditori, sono puniti […] con la reclusione da sei mesi a tre anni […] Art c.c. – Operazioni in pregiudizio dei creditori -

51 50 I Reati Societari (art. 25 ter d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Gli amministratori […] di Società o enti e gli altri soggetti sottoposti per legge alle autorità pubbliche di vigilanza, o tenuti ad obblighi nei loro confronti, i quali nelle comunicazioni alle predette autorità previste in base alla legge, al fine di ostacolare l'esercizio delle funzioni di vigilanza, espongono fatti materiali non rispondenti al vero, ancorché oggetto di valutazioni, sulla situazione economica, patrimoniale o finanziaria dei sottoposti alla vigilanza, ovvero allo stesso fine, occultano con altri mezzi fraudolenti, in tutto o in parte, fatti che avrebbero dovuto comunicare, concernenti la situazione medesima, sono puniti con la reclusione da uno a quattro anni. La punibilità è estesa anche nel caso in cui le informazioni riguardino beni posseduti o amministrati dalla società per conto terzi. Sono puniti con la stessa pena gli amministratori […] di società, o enti e gli altri soggetti sottoposti per legge alle autorità pubbliche di vigilanza o tenuti ad obblighi nei loro confronti, i quali, in qualsiasi forma, anche omettendo le comunicazioni dovute alle predette autorità, consapevolmente ne ostacolano le funzioni. La pena è raddoppiata se si tratta di società con titoli quotati in mercati regolamentati italiani o di altri Stati dell'Unione europea o diffusi tra il pubblico in misura rilevante ai sensi dell'articolo 116 del testo unico di cui al decreto legislativo n. 58 del 1998 (il c.d. T.U.F. n.d.s.). Art c.c. – Ostacolo allesercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza -

52 51 I Reati Societari (art. 25 ter d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Soggetto agente: Gli amministratori (art c.c.) i Direttori Generali, i Dirigenti preposti alla redazione di documenti contabili societari, i Sindaci, i Liquidatori (art c.c. - art c.c. - art c.c.) Elemento oggettivo: esposizione di fatti materiali non corrispondenti al vero, omissione di informazioni la cui comunicazione è imposta dalla legge sulla situazione economica patrimoniale o finanziaria della Società (art cc), ostacolo allo svolgimento delle attività di controllo attribuite ai Soci o alle Società di controllo o di revisione (art cc), effettuazione di operazioni di riduzione del capitale sociale, di fusioni con altra Società o scissioni, cagionando danno ai creditori (art cc), ovvero esposizione di fatti materiali non corrispondenti al vero, occultazione, con mezzi fraudolenti di fatti che avrebbero dovuto comunicare, circa la situazione finanziaria della Società, per ostacolare lattività delle Autorità Pubbliche di Vigilanza (es. CONSOB) (art cc) Elemento soggettivo: intenzionalità nel porre in essere i comportamenti delittuosi descritti dalle norme Pena: sanzioni pecuniarie da 300 fino a 660 quote (art e 2629 cc), da 200 fino a 360 quote (art cc) e da 400 fino ad 800 quote (art cc), aumentate di un terzo se lEnte ha tratto un profitto di rilevante entità.

53 52 I Reati in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (art. 25 septies d.lgs. n. 231 del 2001) Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni […] (lart 55 2 del d.lgs. n. 81 del 2001 prevede larresto da 4 a 8 mesi per il dirigente o per il datore di lavoro che abbia omesso di adottare il DVR e il DUVRI, nel caso di aziende industriali che trattano materiali pericolosi, centrali termoelettriche, impianti ed installazioni per il trattamento di rifiuti radioattivi, fabbriche e depositi di esplosivi, polveri e munizioni, aziende industriali con oltre 200 lavoratori, nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori, nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori, aziende che trattano lamianto, che svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi biologici n.d.s.) Art. 589 c.p. – Omicidio colposo commesso in violazione dellart d.lgs. n. 81 del Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni […] [la formulazione norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro è omnicomprensiva di tutte quelle norme poste a protezione dellintegrità fisica e psichica del lavoratore sul luogo di lavoro n.d.s.] Art. 589 c.p. – Omicidio colposo commesso in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro –

54 53 Art. 590 c.p. – Lesioni personali colpose commesse in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro - Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a 309. Se la lesione è grave la pena è la reclusione da uno a sei mesi o la multa da 123 a 619, se è gravissima, la reclusione da tre mesi a due anni o la multa da 309 a Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme […] per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena per le lesioni gravi è la reclusione da 3 mesi a un anno o la multa da 500 a e la pena per le lesioni gravissime è la reclusione da 1 a 3 anni. Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo, ma la […] reclusione non può superare gli anni cinque. (ai sensi dellart. 583 c.p: La lesione […] è grave […] se […] deriva una malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa, ovvero una malattia o un'incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore ai quaranta giorni, se il fatto produce l'indebolimento permanente di un senso o di un organo. La lesione […] è gravissima […] se […] deriva una malattia certamente o probabilmente insanabile, la perdita di un senso, […] di un arto, o una mutilazione che renda l'arto inservibile, ovvero la perdita dell'uso di un organo o della capacità di procreare, ovvero una permanente e grave difficoltà della favella, la deformazione, ovvero lo sfregio permanente del viso n.d.s.)

55 54 I Reati in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (art. 25 septies d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Soggetto agente: Chiunque rivesta la qualifica di datore di lavoro, o di dirigente preposto alladozione del DVR o del DUVRI, o che comunque sia addetto alla predisposizione e/o controllo delle misure antinfortunistiche e di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Elemento oggettivo: Provocare la morte, o le lesioni personali, a causa della mancata predisposizione di strumenti adeguati ed efficaci atti a tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori, ovvero cagionare la morte a causa della violazione del disposto dellart del d.lgs. n. 81 del 2008 Elemento soggettivo: La colpa. Cè colpa quando levento, da cui dipende lesistenza del reato, anche se preveduto, non è voluto, ma si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero a causa della inosservanza di norme, regolamenti, ordini o discipline (art. 43 c.p.) Pena: - sanzione pecuniaria pari a 1000 quote e sanzioni interdittive comprese tra 3 mesi e un anno (se si applica lart. 589 c.p. in violazione dellart d.lgs n. 81/2008), tra 250 e 500 quote e sanzioni interdittive comprese tra 3 mesi e un anno (se si applica lart. 589 c.p. in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro), ed in misura non superiore alle 250 quote e sanzioni interdittive non superiori a 6 mesi (se si applica lart. 590 c.p. a causa della violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro)

56 55 Art. 30 del T.U. n. 81 del 2008 Il Modello Organizzativo deve assicurare un sistema aziendale per ladempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi a)al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi ad attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici b)alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti c)alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza d)alle attività di sorveglianza sanitaria e)alle attività di informazione e formazione dei lavoratori f)alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori g)alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge h)alle verifiche dell'applicazione e dell'efficacia delle procedure adottate

57 56 1.Un sistema di registrazione delle attività previste alla slide precedente 2.Unarticolazione di funzioni realizzate in modo tale che vengano assicurate le competenze tecniche ed i poteri per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio 3.Un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello 4.Un sistema di controllo sullattuazione del Modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure Art. 30 del T.U. n. 81 del Segue: i contenuti del Modello Organizzativo Il riesame/modifica del Modello deve avvenire in caso di violazioni significative delle norme sulla prevenzione degli infortuni e sulligiene sul lavoro Mutamenti nellorganizzazione e nellattività (in relazione al progresso scientifico tecnologico)

58 57 Il Modello Organizzativo Si presume conforme a quanto previsto dal T.U. 81 del 2008 se è progettato conformemente: Alle linee guida UNI-INAIL del 28 settembre 2001 Al British standard OHSAS 18001:2007 Solamente in sede di prima applicazione Art. 30 del T.U. n. 81 del segue

59 58 I Reati in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (art. 25 septies d.lgs. n. 231 del 2001) … segue Soggetto agente: Chiunque rivesta la qualifica di datore di lavoro, o di dirigente preposto alladozione del DVR o del DUVRI, o che comunque sia addetto alla predisposizione e/o controllo delle misure antinfortunistiche e di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Elemento oggettivo: Provocare la morte, o le lesioni personali, a causa della mancata predisposizione di strumenti adeguati ed efficaci atti a tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori, ovvero cagionare la morte a causa della violazione del disposto dellart del d.lgs. n. 81 del 2008 Elemento soggettivo: La colpa. Cè colpa quando levento, da cui dipende lesistenza del reato, anche se preveduto, non è voluto, ma si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero a causa della inosservanza di norme, regolamenti, ordini o discipline (art. 43 c.p.) Pena: - sanzione pecuniaria pari a 1000 quote e sanzioni interdittive comprese tra 3 mesi e un anno (se si applica lart. 589 c.p. in violazione dellart d.lgs n. 81/2008), tra 250 e 500 quote e sanzioni interdittive comprese tra 3 mesi e un anno (se si applica lart. 589 c.p. in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro), ed in misura non superiore alle 250 quote e sanzioni interdittive non superiori a 6 mesi (se si applica lart. 590 c.p. a causa della violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela e delligiene e della salute sul lavoro)

60 59 LE SANZIONI PECUNIARIE Si applicano ogniqualvolta venga accertata la commissione di uno dei reati presupposto La pena pecuniaria è individuata attraverso la quota Limporto della singola quota va da un minimo di 258,00 ad un massimo di 1.549,00. Il giudice applica un certo numero di quote di sanzione, da un minimo di cento ad un massimo di mille Il Giudice individua il valore della singola quota: tenendo conto della gravità del reato e del comportamento tenuto dalla società nonché in base alle condizioni economiche e patrimoniali dellente La sanzione è data dalla quota che vale x moltiplicando per un numero y di quote. Non è ammesso il pagamento in misura ridotta.

61 60 LE SANZIONI INTERDITTIVE Interdizione dallesercizio dellattività (art. 9 2 lett. a del d.lgs. n. 231/2001 ) Sospensione o la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dellillecito (art. 9 2 lett. b del d.lgs. n. 231/2001) Divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, salvo che per ottenere le prestazioni di un pubblico servizio (art. 9 2 lett. c del d.lgs. n. 231/2001) Esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e leventuale revoca di quelli già concessi (art. 9 2 lett. d del d.lgs. n. 231/2001) Divieto di pubblicizzare beni o servizi (art. 9 2 lett. e del d.lgs. n. 231/2001) Hanno una durata temporanea non inferiore a tre mesi e non superiore a due anni. Linterdizione dallesercizio dellattività, il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione e di pubblicizzare beni o servizi possono essere comminate anche in via definitiva.

62 61 Il d.lgs. n. 231 del 2001 nella Giurisprudenza (esempi) 1. Il Modello deve essere adottato partendo da una mappatura dei rischi di reato specifica ed esaustiva e non meramente descrittiva o ripetitiva del dettato normativo. 2. Il Modello deve prevedere che i componenti dellorgano di vigilanza posseggano capacità specifiche in tema di attività ispettiva e consulenziale 3. Il Modello deve prevedere quale causa di ineleggibilità a componente dellODV la sentenza di condanna (o di patteggiamento) non irrevocabile. 4. Il Modello deve differenziare tra formazione rivolta ai dipendenti nella loro generalità, ai dipendenti che operino in specifiche aree di rischio, allorgano di vigilanza ed ai preposti al controllo interno. 5. Il Modello deve prevedere il contenuto dei corsi di formazione, la loro frequenza, lobbligatorietà della partecipazione ai corsi, controlli di frequenza e di qualità sul contenuto dei programmi Ordinanza del G.i.p. Milano (dott.ssa Secchi) del 9 novembre 2004… il c.d. decalogo

63 62 6. Il Modello deve prevedere espressamente la comminazione di sanzione disciplinare nei confronti degli amministratori, direttori generali e compliance officers che per negligenza ovvero imperizia non abbiano saputo individuare, e conseguentemente eliminare, violazioni del modello e, nei casi più gravi, perpetrazione di reati 7. Il Modello deve prevedere sistematiche procedure di ricerca ed identificazione dei rischi quando sussistano circostanze particolari (es. emersione di precedenti violazioni, elevato turn-over del personale). 8. Il Modello deve prevedere controlli di routine e controlli a sorpresa – comunque periodici – nei confronti delle attività aziendali sensibili. 9. Il Modello deve prevedere e disciplinare un obbligo per i dipendenti, i direttori, gli amministratori della società di riferire allorganismo di vigilanza notizie rilevanti e relative alla vita dellente, a violazioni del modello o alla consumazione di reati. In particolare deve fornire concrete indicazioni sulle modalità attraverso le quali coloro che vengano a conoscenza di comportamenti illeciti possano riferire allorgano di vigilanza 10. Il Modello deve contenere protocolli e procedure specifici e concreti (in Il c.d decalogo…segue

64 63 Presidente ed A.D. di una società di capitali che abbia emesso ladozione di un Modello di organizzazione e controllo ai sensi del d.lgs. n. 231 del 2001, intervenuta la sua condanna penale [...] nonché quella della società medesima per responsabilità amministrativa da reato, è obbligato a risarcire, alla società esercente lazione di responsabilità, i danni da essa subiti per effetto della mancata attivazione del presidio penal-preventivo (Le Società, 2008, 12, pag. 1507) In tema di responsabilità da reato degli enti collettivi, qualora debbano imputarsi al profitto del reato presupposto dei crediti, non può procedersi alla loro confisca nella forma per equivalente, ma solo in quella diretta, atteso che altrimenti l'espropriazione priverebbe il destinatario di un bene già nella sua disponibilità in ragione di una utilità invece non ancora concretamente realizzata dal medesimo. (Annulla con rinvio, Trib. lib. Napoli, 24 Luglio 2007) (CED, Corte di Cassazione, 2008) Trib. Milano, sez.VIII, 13/02/2008 Cass. pen., ss. uu., n /08

65 64 Nella fattispecie di truffa ai danni dello Stato per percezione di prestazioni indebite di finanziamenti e contributi la cui erogazione sia rateizzata periodicamente nel tempo si verte in tema di reato a consumazione prolungata. Ne consegue l'applicabilità delle sanzioni amministrative a carico della società per le rate percepite, per effetto del reato commesso dall'amministratore, dopo l'entrata in vigore del d. lgs 8 giugno 2001, n Il vantaggio ingiusto per la società, che costituisce presupposto della sanzione da valutare "ex post", è integrato con l'acquisizione delle somme nel patrimonio sociale e non è escluso dalla successiva condotta appropriativa dell'amministratore che le abbia distratte su conti personali. (Le Società, 2006, 4, pag. 450) Integra il concetto di interesse o vantaggio dell'ente, ai sensi dell'art. 5 d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, l'ipotesi in cui il profitto del reato di corruzione sia consistito nell'accrescimento di valore di un bene immobile, qualora detto bene sia stato acquistato tramite una società immobiliare controllata dalla società indagata. (Foro It. 2006, 6, 1, 329) Cass. Pen., sez. II, n. 3615/05 Trib. Lucca 26 ottobre 2004

66 65 Trib. Trani sez. distaccata Molfetta, 26 ottobre 2009 Sono punite, ai sensi dellart. 25 septies del d.lgs. n. 231 del 2001, con sanzioni pecuniarie, oltre la reclusione e la relativa interdizione dai pubblici uffici per i dirigenti responsabili, le Società (omissis) per aver adottato un modello organizzativo nel quale non era prevista alcuna procedura per assicurare il passaggio di informazioni sui rischi della lavorazione dei materiali pericolosi, trattati, per proprio conto, da Società terze, avendo tale circostanza apportato un contribuito causale fondamentale alla morte dei lavoratori. Non è punibile una società ai sensi dellart. 6 del d.lgs. n. 231 del 2001, quando i comportamenti illeciti ad essa ascritti non siano la conseguenza di un errato e/o insufficiente modello organizzativo, ma siano da addebitare al comportamento elusivo e fraudolento dei vertici societari, in contrasto con le regole poste dall stesso modello organizzativo correttamente adottato ed applicato Trib. Milano, sez. G.U.P., 17 novembre 2009

67 66 Cass. Pen. sez. II, n. 234 del 26 ottobre 2010 Il d.lgs. 231/2001 si applica ad enti dotati di personalità giuridica, società e associazioni anche prive di personalità giuridica, non trovando applicazione nei confronti di Stato, enti pubblici territoriali, enti pubblici non economici nonché enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale. La natura pubblicistica è condizione necessaria, in uno con dell'assenza di svolgimento di attività economica, per l'esonero dalla disciplina in questione. E pacifico lo svolgimento dell'attività economica, e lapplicazione della normativa in materia di responsabilità da reato degli enti, da parte della società d'ambito finalizzata allo smaltimento dei rifiuti, costituita nella forma di società per azioni per espletare, con criteri di economicità, funzioni di raccolta e smaltimento di rifiuti trasferite alla stessa da enti pubblici territoriali. Cass. Pen., sez VI. n del 5 ottobre Nel processo instaurato per l'accertamento della responsabilità da reato dell'ente non è ammissibile la costituzione di parte civile. La mancata disciplina dell'istituto nell'ambito del d.lgs. n. 231 del 2001 non costituisce, infatti, una mera lacuna, bensì la conseguenza di una consapevole e legittima scelta operata dal legislatore, in ragione del fatto che la persona giuridica è chiamata a rispondere non del reato "stricto sensu", bensì di un autonomo illecito, inidoneo a fondare un'altrettanto autonoma pretesa risarcitoria.

68 67 L'abrogazione del delitto di falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione previsto allart cc (reato presupposto ex art 25 ter 1 lett.g d.lgs. 231/2001) da parte del d.lgs. 39/2010, determina il venir meno di quella responsabilità anche in relazione agli illeciti antecedentemente commessi dall'ente. Né rileva la pretesa continuità normativa tra i delitti di cui allart cc con il nuovo art. 27 d.lgs. 39/2010. Da un lato il nuovo delitto non è stato incluso nel catalogo dei reati presupposto, elencazione tassativa non integrabile con reati equipollenti; dall'altro lato, se anche dovesse riconoscersi la continuità normativa tra le predette disposizioni (un'abrogatio sine abolitione del delitto di cui all'art cc) l'art. 3 1, d.lgs. 231/2001 stabilisce che l'ente non può essere ritenuto responsabile per un fatto che costituisce sì ancora reato, ma per il quale non è più prevista la responsabilità amministrativa. Trib. Milano, sez. G.U.P., 3 novembre 2010

69 68 La Corte dAssise di Torino ha condannato la ThyssenKrupp per la violazione dellart. 25 septies d.lgs. 231/01, al pagamento della sanzione di un milione di euro, all'esclusione da agevolazioni e sussidi pubblici per sei mesi, al divieto di pubblicizzare i suoi prodotti per sei mesi, alla confisca di ,00, oltre alla pubblicazione della sentenza sui quotidiani nazionali La Stampa, La Repubblica e il Corriere della Sera e all'affissione della stessa nel Comune di Terni, principale sede italiana del gruppo. Per la più evoluta dottrina penalistica Il dolo eventuale è la forma più sfumata di dolo - primario criterio dimputazione di un fatto al suo autore – che si configura ogniqualvolta il soggetto agente abbia la rappresentazione mentale della concreta possibilità di verificazione dellevento e pertanto accetti il rischio della verificazione dellevento pur di raggiungere il proprio obiettivo criminoso, e si configura anche solo se ha il dubbio che levento si verifichi Cè invece colpa cosciente – o con previsione dellevento - quando il soggetto si rappresenti la possibilità dellevento lesivo, ma esclude che si verifichi; non versa nel dubbio ma è certo che levento non accadrà. Corte dAssise Torino, 15 aprile 2011 (sentenza Thyssenkrupp) La Corte ha ritenuto lAD dellazienda colpevole di omicidio doloso, a titolo di dolo eventuale

70 69 Sentenza del Tribunale di Trani – Sez. distaccata di Molfetta – del 26 ottobre 2009 ESTRATTO DELLA SENTENZA nei confronti di 1. (A) nato a … residente in … 2. (B) nato a … residente in … 3. (C) nato a … residente in … 4. (D) nato a … residente in … 5. (X) s.p.a. con sede in Roma … in persona del legale rappresentante (procuratore speciale) … 6. (Y) s.n.c. con sede legale in Bari … legalmente rappresentata dai seguenti soci …: 7. (W) s.a.s. con sede in Molfetta … legalmente rappresentata sino al dal socio accomandatario (E) ed attualmente rappresentata a far data dal … dal socio accomandatario … IMPUTATI persone fisiche e giuridiche imputate in relazione ai reati e agli illeciti amministrativi da quelli dipendenti di seguito per ciascuna precisati. (A), (B), (C), (D) (in "concorso" con (E), deceduto il ): A) in relazione ai reati di cui agli arti. 589, commi 1, 2, 3; 590, commi 1, 2 (in relazione all'art. 583 comma 1, n. 1), 3 e 5 C.P., perché nelle rispettive qualità e con le condotte attive e/o omissive tra loro indipendenti di seguito descritte o in cooperazione tra loro, cagionavano - per negligenza, imprudenza, imperizia e inosservanza delle leggi, dei regolamenti, degli ordini e delle discipline pure di seguito precisate e previste per la prevenzione degli infortuni sul lavoro - anche per la concausale condotta colposa di (E) successivamente precisata, la morte di quest'ultimo, degli operai dipendenti dello (W) … verificatasi per "intossicazione acuta da acido solfidrico (o idrogeno solforato)", e cagionavano inoltre, a …, del pari dipendente della citata s.a.s., lesioni personali ("stato tossico da inalazione di acido solfidrico con conseguente lieve sindrome depressivo-ansiosa e disturbo post- traumatico da stress" con malattia e incapacità di attendere alle ordinane occupazioni protrattesi per oltre giorni quaranta dal ).

71 70 Il , poco dopo le ore 15:35 e certamente prima delle ore 15:59, l'operaio …, per incarico precedentemente ricevuto da (E) (legale rappresentante del datore di lavoro s.a.s. (W)), si introduceva con l'uso di uno scala, privo della prescritto imbracatura e di autorespiratore, all'interno del tank container SGCU /5 (costruito da … Ltd., di proprietà della … s.p.a. e condotto in locazione finanziaria dalla (X) S.p.a., con sede in Roma, e la mattina dello stesso trasportato intorno alle ore 9:00 presso la (W) da (A), autista dipendente della (Y) s.n.c. con sede in Bari) per iniziare il lavoro di pulitura interna di quel tank container attraverso la preliminare raccolta, con l'uso di una scopa, dei residui dello zolfo allo stato solido ancora presenti nel tank container, risalenti al trasporto di kg di zolfo allo stato fuso effettuato il (a cura della (X) in esecuzione del contratto di trasporto intercorso il con la (K) S.p.A.) dal produttore (Z) S.p.A. raffineria di Taranto alla menzionata acquirente (K) S.p.A.; la (X), infatti, di concerto con la (K) s.p.a., aveva deciso di convertire al trasporto di acido solforico quel tank container (unitamente ad altri n. 8 tutti in origine destinati al trasporto di zolfo fuso da Taranto a Scarlino) e pertanto, tramite (B), che a sua volta era stato incaricato da (C), aveva commissionato il lavaggio interno dei n. 7 tank container già utilizzati (tra i 9 sopra indicati) per quel tipo di trasporto, e recanti residui di zolfo allo stato solido, a (D), il quale aveva accettato l'incarico per conto della rappresentata (Y) s.n.c. con sede in Bari, subappaltando la prestazione, attraverso (E) alla (W) s.a.s. di Molfetta. Introdottosi, come detto, nel tank il … respirava le esalazioni di acido solfidrico liberate dallo zolfo fuso al momento del suo immagazzinamento nel tank container quel e/o al momento dello scarico (previo riscaldamento del tank container) il successivo presso la (K) e trattenute ivi, e, per effetto della inalazione di quelle, perdeva la vita.

72 71 Analoga tragica sorte subivano, nell'ordine, l'operaio … (che aveva cercato di prestare soccorso al … introducendosi nel tank container), l'operaio … (che aveva cercato di prestare soccorso al … e al …, introducendosi anch'egli nel tank container), l'autotrasportatore … (presente sul posto in quanto dipendente della ditta di autotrasporti … s.n.c. (con sede in …, depositaria dei propri veicoli nell'autoparco della (W) s.a.s., si era del pari introdotto nel tank container per prestare soccorso al …, al … e al …), e il datore di lavoro (E), sopravvenuto sul luogo ed immediatamente introdottosi nel tank container per prestare soccorso al …, al …, al … e allo …. L'operaio dipendente …, nella stessa occasione, si affacciava al boccaporto del tank container, prima che in quello si introducessero anche lo … e (E), e, in conseguenza di ciò respirava i vapori di acido solfidrico (idrogeno solforato) riportando nella occasione le lesioni personali sopra precisate. [omissis] La responsabilità della società (W) sussiste, anche se il relativo reato commesso dall'amministratore si è ovviamente estinto per morte del reo (art. 150 c.p.), prescrivendo l'art. 8 del d.lgs. n. 231/01 che il coinvolgimento dell'ente perduri quando il reato sia estinto per una causa diversa dall'amnistia. Per le due società ricorre dunque il requisito dell'ascrizione delle condotte ai soggetti in posizione apicale. Per (Y) è acclarata la circostanza che non vi fosse un modello organizzativo prima della commissione del fatto e che tale documento organizzativo non sia stato adottato neanche fino alla emanazione della presente decisione.

73 72 Due sono gli effetti a tal proposito: 1) l'esimente dell'art. 6 non può operare; 2) la sanzione finale non deve essere ridotta ai sensi dell'art. 12 del d.lgs. n. 231/01, atteso che siffatta attenuante trova applicazione solo se, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, è stato adottato e reso operativo un modello organizzativo idoneo a prevenire reati della stessa specie di quello verificatosi. La responsabilità della (Y) è evidente anche nel solco della previsione dell'art. 5 del d.lgs. n. 231/01. Non vi è dubbio infatti sul fatto che il (D) avesse posto in essere la condotta nell'interesse della società amministrata. Per un verso era interesse della (Y) quello di non ignorare e di non scontentare una richiesta proveniente dalla (X), dal momento che quest'ultima era una cliente importantissima della stessa società barese. Di fronte alla richiesta di effettuare la bonifica delle cisterne la società (Y) si era sentita costretta a darsi da fare in ogni modo per soddisfare un bisogno sopravvenuto della potente cliente e per questo si era cimentata in una attività mai curata prima, procedendo alla ricerca di una impresa che non era agevolmente individuabile. Si trattava di perseguire un interesse strategico dell'impresa, volto a garantire ogni servizio possibile alla importante cliente richiedente, ciò per evitare che una lacuna operativa potesse essere colmata da terzi in grado poi, per l'elasticità operativa offerta, di sostituirsi nella relazione contrattuale consolidatasi fino a quel momento. Cè stato anche un vantaggio per la società barese (Y), che attesta un interesse iniziale di taglio economico. Essa infatti, individuando con le descritte scriteriate modalità la (W), sconfinando dalle proprie competenze in un settore prima mai battuto (come dimostrato dall'istruttoria dibattimentale), ottenne anche un vantaggio economico, rappresentato dal corrispettivo ottenuto per il trasporto delle cisterne dallo scalo ferroviario fino all'impianto della (W), nonché per il viaggio di ritorno.

74 73 Le voci fatturate dalla (Y) a tal proposito, tenute distinte per il costo del viaggio e per il rimborso della bonifica, inchiodano alle proprie responsabilità la medesima società nell'ingranaggio della disciplina del d.lgs. n. 231/01. Vi sono allora tutte le condizioni previste dalla legge per attribuire la responsabilità "amministrativa" alla società barese (Y). Nei riguardi della (W) è dimostrata, sia dalle evidenze documentali sia dalle indagini riportate nell'istruttoria, la circostanza che non vi fosse un modello organizzativo adottato prima della commissione del fatto. Ne deriva che l'esimente dell'art. 6 non può operare anche per tale società molfettese. Il difensore della società in questione ha prodotto i documenti di valutazione dei rischi redatti nel marzo 2009 ai sensi degli arti. 26 e 28 del d.lgs. n. 81/08, ed ha voluto sostenere l'equiparazione concreta tra tali documenti ed il modello organizzativo e gestionale della legge speciale in esame. I documenti prodotti sono stati redatti prima dell'apertura del dibattimento, comunque dopo i tragici accadimenti esaminati, e non potrebbero in ogni caso assumere valenza nella direzione dell'art. 6 e, nell'accezione interpretativa della difesa, dovrebbero unicamente condurre al riconoscimento della fattispecie attenuata. E' tuttavia evidente che il sistema introdotto dal d.lgs. n. 231/01 impone alle imprese di adottare un modello organizzativo diverso e ulteriore rispetto a quello previsto dalla normativa antinfortunistica, onde evitare in tal modo la responsabilità amministrativa. Non a caso, mentre i documenti presentati dalla difesa sono stati redatti a mente degli artt. 26 e 28 del d.lgs. n. 81/08, il modello di organizzazione e gestione del d.lgs. n. 231/01 è contemplato dall'art. 30 del d.lgs. n. 81/08, segnando così una distinzione non solo nominale ma anche funzionale. Tale ultimo articolo riprende l'articolazione offerta dal d.lgs. n. 231/01 e ne pone in evidenza anche i seguenti aspetti cruciali, che differenziano il modello da un mero documento di valutazione di rischi:

75 74 l) la necessaria vigilanza sull'adempimento degli obblighi, delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza; 2) le periodiche verifiche dell'applicazione e dell'efficacia delle procedure adottate; 3) la necessità di un idoneo sistema di controllo sull'attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo della condizioni di idoneità delle misure adottate; 4) l'individuazione di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello. Il modello immaginato dal legislatore in questa materia è ispirato a distinte finalità che debbono essere perseguite congiuntamente: quella organizzativa, orientata alla mappatura ed alla gestione del rischio specifico nella prevenzione degli infortuni e quella di controllo sul sistema operativo, onde garantirne la continua verifica ed effettività. Non è possibile che la semplice analisi dei rischi valga anche per gli obiettivi del d.lgs. n. 231/01. Anche se sono possibili parziali sovrapposizioni, il modello teso ad escludere la responsabilità societaria è caratterizzato anche dal sistema di vigilanza che, pure attraverso obblighi diretti ad incanalare le informazioni verso la struttura deputata al controllo sul funzionamento e sull'osservanza, culmina nella previsione di sanzioni per le inottemperanze e nell'affidamento di poteri disciplinari al medesimo organismo dotato di piena autonomia. Queste sono caratteristiche imprescindibili del modello organizzativo. Ad esse vanno cumulate le previsioni, obbligatorie nel modello gestionale del d.lgs. n. 231/01, ma non presenti nel documento di valutazione dei rischi, inerenti alle modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati.

76 75 Peraltro, mentre il documento di valutazione di un rischio è rivolto anche ai lavoratori per informarli dei pericoli incombenti in determinate situazioni all'interno del processo produttivo, e quindi è strutturato in modo da garantire a tali destinatari una rete di protezione individuale e collettiva in quanto addetti concretamente a determinate mansioni, il modello del d.lgs. n. 231/01 deve rivolgersi non tanto a tali soggetti, esposti al pericolo di infortunio, bensì principalmente a coloro che, in seno all'intera compagine aziendale, sono esposti al rischio di commettere reati colposi e di provocare quindi le lesioni o la morte nel circuito societario, sollecitandoli ad adottare standard operativi e decisionali predeterminati, in grado di obliterare una responsabilità dell'ente. Dall'analisi dei rischi del ciclo produttivo l'attenzione viene spostata anche ai rischi del processo decisionale finalizzato alla prevenzione. Dalla focalizzazione delle procedure corrette del ciclo produttivo, per la parte riferibile alla sfera esecutiva dei lavoratori, si passa anche alla cruciale individuazione dei responsabili dell'attuazione dei protocolli decisionali, finanziari e gestionali occorrenti per scongiurare quei rischi. Si tratta quindi di evitare la commissione di reati in materia di infortuni sul lavoro da parte dei garanti dell'incolumità fisica dei lavoratori. E' evidente, di conseguenza, che i due documenti di valutazione dei rischi prodotti dalla difesa della (W) abbiano una destinazione diversa sul piano funzionale e giuridico rispetto al modello del d.lgs. n. 231/01. Essi non possono in alcun modo costituire un surrogato di un modello organizzativo e gestionale, che è stato congegnato per scopi diversi, anche se mediatamente sempre a favore dei lavoratori, e che risulta strutturato normativamente con precipue ramificazioni attuative, ben marcate e polivalenti.

77 76 La responsabilità della (W) va agganciata ai reati commessi da (E), che, pur essendo anche socio, di certo non agiva per diretti interessi personali. Sostanzialmente sono state accertate, a carico di (E), le seguenti condotte colpose specifiche, che si aggiungono alla violazione dell'art del Codice Civile, per non avere egli ottemperato all'obbligo giuridico di garantire l'incolumità fisica e la salvaguardia della personalità morale dei prestatori di lavoro dipendenti. Era stata omessa l'elaborazione del documento contenente la relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori dipendenti non soltanto con riferimento alla generica attività di autolavaggio e rimessaggio, ma anche con riferimento alla attività di bonifica successivamente intrapresa. Era stata anche omessa la rielaborazione della valutazione dei rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori, in occasione dell'intrapreso nuovo servizio di bonifica delle cisterne, implicante una modifica significativa ai fini della sicurezza della salute dei lavoratori impiegati presso l'impianto della (W). Era stata omessa la preventiva determinazione, nella valutazione sopra indicata, dell'eventuale presenza di agenti chimici pericolosi sul luogo di lavoro, e, in particolare, dell'acido solfidrico, circostanza verificabile con misuratori o indicatori presenti in commercio. Era stata omessa la valutazione anche dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori derivanti dalla presenza di tale agente chimico. Era stata omessa la richiesta al committente della consegna della "scheda dati di sicurezza" relativa al prodotto trasportato dalla cisterna da bonificare, circostanza che, come regola sociale di prudenza, avrebbe consentito di apprendere informazioni utili all'atto della manipolazione delle sostanze a fini di bonifica della cisterna.

78 77 Era stata comunque omessa lassunzione delle doverose informazioni sulla salute e sulla sicurezza per tale ambito della sicurezza. Era stata omessa l'eliminazione dei rischi derivanti dagli agenti chimici o, comunque, non era stato reso possibile il contenimento di quei rischi al minimo, non fornendo attrezzature idonee al lavoro specifico, non riducendo al minimo la durata e l'intensità della esposizione e non adottando metodi di lavoro appropriati, comprese le disposizioni che garantivano la sicurezza nella manipolazione dei rifiuti contenenti acido solfidrico. Era stata omessa la fornitura ai lavoratori adibiti alla attività di bonifica, in particolare a … e all'operaio lavaggista …, dei necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, degli autorespiratori, delle cinture di sicurezza dotate di sistema di ritenuta e richiamo e, comunque, di un idoneo dispositivo di imbracatura collegato a un sistema di sollevamento esterno, per consentire limmediata risalita dell'operaio in caso di emergenza e/o il salvataggio dello stesso dall'esterno da parte di altra unità lavorativa con funzioni di sorveglianza. Si era consentito dunque che l'operaio … entrasse nella cisterna per procedere alla bonifica, pur apparendo che quella cisterna fosse stata adibita al trasporto dello zolfo fuso, con la reale possibilità che nella stessa vi fossero residui di gas deleteri residuati a quel trasporto. Non veniva impedito che il … entrasse nella cisterna senza aver prima accertato l'inesistenza nell'ambiente confinato di gas deleteri, dunque senza aver prima accertato che nel recipiente vi fossero le condizioni necessarie per salvaguardare la propria incolumità fisica e, comunque, senza avere preventivamente assicurato la ventilazione, con espulsione del gas, o predisposto altri mezzi di risanamento dell'ambiente.

79 78 Non erano state nemmeno impartite dal datore di lavoro disposizioni perché il … fosse legato con cintura di sicurezza, vigilato per tutta la durata della lavorazione e fornito delle apparecchiature di protezione respiratoria. Anche gli altri lavoratori non erano stati informati e formati circa i rischi derivanti dalla bonifica delle cisterne di cui sopra, né erano stati istruiti in relazione alle misure di emergenza da adottare, per il pronto soccorso, in caso di pericolo grave e immediato connesso alla nuova lavorazione intrapresa. Gli operai non erano stati sottoposti alladdestramento per l'utilizzo della cintura di sicurezza citata e per le precauzioni da adottare in ordine agli specifici agenti chimici pericolosi presenti sul luogo di lavoro, all'identificazione dei medesimi, ai rischi per la sicurezza e la salute, ai relativi valori limite di esposizione professionale ed alle azioni adeguate da intraprendere per proteggersi. Dalla annotazione dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro si desume inoltre che, nella (W), (E) era incaricato anche delle funzioni di responsabile del servizio di prevenzione e protezione, ruolo vanificato dalla lunga serie di omissioni appena riprtate. … era peraltro solo un operaio lavaggista di III livello che avrebbe dovuto svolgere mansioni di esercizio delle aree di parcheggio, così come … era un operaio lavaggista di I livello, cioè aveva mansioni generiche di manovalanza e pulizia. … era un operaio lavaggista di II livello, cioè operaio generico, addetto prevalentemente alla movimentazione di auto. Dunque si trattava di operai aventi mansioni generiche, non rispondenti a quelle in concreto da ciascuno espletate al momento in cui si era verificato il sinistro.

80 79 Si desume, ancora, dalla stessa annotazione di indagine che era presente nell'autolavaggio il giovane …, autista di III livello superiore, dipendente della …, che ivi aveva depositato, come di solito, un veicolo di proprietà della indicata società, …. Costui si era avvicinato all'area del lavaggio della cisterne ed era entrato nel contenitore senza che alcun cartello segnalasse il pericolo e vietasse l'accesso a qualunque soggetto non munito delle necessarie protezioni. I reati commessi da (E) sono stati realizzati nell'interesse ed a vantaggio della (W). E' stato accettato quell'incarico per aprire orizzonti nuovi per la società molfettese, con la previsione di profitti prima insperati e di ampi margini di affermazione territoriale in un settore, quello della bonifica delle cisterne, privo di concorrenza nell'area geografica pugliese. Si consideri che anche il consulente del PM, ing. …, esperto in materia ambientale, nell'effettuare unindagine, seppure condizionata dal limitato tempo concesso, compiuta comunque a campione sul territorio nazionale con l'ausilio del N.O.E. dei C.C., non è riuscito a trovare una impresa del tutto abilitata al lavoro di bonifica in discussione. E' stato compiuto quel passo, pur sapendo di non avere un piano di valutazione dei rischi chimici e non è stata sostenuta la spesa occorrente per tale valutazione, come non sono state affrontate le spese occorrenti per l'adeguamento dell'impianto allo smaltimento di rifiuti pericolosi. Non sono state, inoltre, sostenute le spese per una consulenza chimica ed ambientale, per i dispositivi di protezione individuale degli operai, per l'informazione e formazione dei medesimi nel settore ad alto rischio, per l'acquisto di segnali di pericolo nella zona lavorativa, per le autorizzazioni necessarie in materia ambientale e per gli apparecchi diretti a rilevare la presenza di agenti pericolosi per la salute e per la vita.

81 80 Come sottolineato dall'ing. …, un impianto in cui si svolge l'attività di bonifica di autocisterne regolarmente autorizzata e, quindi, sottoposta al rispetto di tutte le prescrizioni autorizzative in materia di tutela delle acque, gestione dei rifiuti, tutela dell'aria e riduzione delle emissioni, ha costi di progettazione, costruzione, manutenzione, esercizio e chiusura maggiori rispetto ad un impianto privo delle relative autorizzazioni. Tali maggiori costi, a titolo di esempio, sono conseguenti a oneri connessi all'acquisizione delle autorizzazioni e relativi rinnovi periodici, dotazione impiantistica per lo stoccaggio (D15 e/o R13) dei rifiuti, avvio a smaltimento/recupero dei rifiuti, oneri gestionali amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti (Formulari di identificazione rifiuto, registro di carico e scarico rifiuti, modello unico di dichiarazione ambientale), caratterizzazione dei rifiuti prima dell'avvio a recupero/smaltimento, garanzie finanziarie per l'attività di gestione rifiuti, dotazione impiantistica per la captazione e il trattamento degli effluenti gassosi, manutenzione ordinaria dei sistemi di abbattimento delle emissioni in atmosfera, avvio a smaltimento dei rifiuti generati dalla manutenzione dei sistemi di abbattimento delle emissioni in atmosfera, eventuali analisi periodiche sugli effluenti gassosi. I risparmi di spesa ottenuti dalla (W) sono palesi e considerevoli; quindi non possono essere revocate in dubbio le condizioni per affermare la sua responsabilità ai sensi del d.lgs. n. 231/01. [omissis]

82 81 In tal guisa si coglie che il (C) ed il (B) avevano agito nell'interesse esclusivo della (X): occorreva "convertire" le cisterne al più presto, eliminare i residui, e dar corso in tempi strettissimi al nuovo piano di trasporto dell'acido solforico; era indispensabile anche evitare ogni complicazione legata allo smaltimento dei residui pericolosi del precedente trasporto di zolfo liquido. La condotta colposa aveva generato anche significativi vantaggi economici per la (X) spa: erano stati evitati i disagi ed i costi connessi alla complessa ricerca di una impresa idonea, affidandosi per tale operazione all'incapace (Y), mai occupatasi di tale ambito operativo e coinvolta solo perchè in continuo contatto per il servizio contrattuale di trasporto su gomma e interessata a soddisfare ogni pretesa della richiedente, anche per l'influenza di quest'ultima per la sua posizione dominante nell'interazione negoziale; erano state evitate le spese connesse con lo spostamento della cisterna in altro luogo attrezzato per la bonifica, sicuramente più lontano da Bari rispetto all'ubicazione dell'impianto della (W); erano state eluse le spese connesse con il costo di una bonifica in sicurezza, essendosi rivolti di fatto ad una società non attrezzata per tale intervento e quindi con oneri gestionali decisamente più contenuti. Occorre ora fissare l'attenzione sul modello organizzativo che la (X) spa ha adottato con la delibera del del Consiglio di Amministrazione. Si deve comprendere quali riverberi possa avere tale atto sulla responsabilità "amministrativa" della medesima società. La sottoposizione di tale modello in dibattimento è stata effettuata per conseguire solo una riduzione di sanzione, dato che l'adozione è avvenuta in data posteriore alle condotte contestate. Peraltro dal verbale del Consiglio di Amministrazione del (depositato dalla difesa della società) risulta

83 82 che era sorta l'urgenza di dare corso allattività di predisposizione del modello, ciò perché era da poco accaduto l'incidente della (W) e si avvertiva la necessità di approntare il documento in tempi brevi per circoscrivere gli effetti delle proprie responsabilità "amministrative". La … spa aveva un proprio modello organizzativo adottato con delibera del E' chiaro che tale modello non potesse abbracciare i reati di cui all'art. 25 septies del d.lgs. n. 231/01, dal momento che siffatta disposizione fu introdotta solo dalla l. n. 123 del La… spa in data incorporò la …, che divenne una sua divisione interna. Dal la … spa assunse la denominazione di (X). Il nodo centrale dell'esame verte allora sulle espressioni usate dal legislatore nell'art. 6 comma primo lettera a) e nell'art. 12 comma secondo lettera b) del d.lgs. n. 231/01. In entrambi i passaggi esplicativi si stabilisce limpidamente che l'organo dirigente deve adottare ed efficacemente attuare modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi. Le fasi di studio attengono principalmente alla predeterminazione dei beni oggetto della tutela giuridica, all'orientamento delle condotte individuali nella direzione della eliminazione del rischio di lesione dei singoli beni protetti ed alla concreta efficacia delle contromisure prescelte. Il compito del Giudice non è solo quello di prendere atto dell'esistenza di un modello, della sua rispondenza ai codici di comportamento redatti dalle associazioni rappresentative degli enti ed esaminati dalle autorità pubbliche ma deve valutarne in primo luogo l'idoneità, accertando se l'analisi dei

84 83 rischi sia stata integrale, se le procedure tracciate spieghino la loro utilità sul piano preventivo e se il sistema sia caratterizzato dai meccanismi correttivi, affidati ad un organismo di controllo munito anche di poteri disciplinari efficaci. Il reale pericolo, manifestato chiaramente nelle relazione al d.lgs. n. 231/01 ed anche da autorevoli posizioni dottrinarie, è che il modello organizzativo e gestionale divenga una "operazione di mera facciata", priva di reale efficacia preventiva. Occorre evitare che il chiaro proposito della legge, che è di ottenere una reale vocazione preventiva dei modelli per minimizzare il rischio di reato nelle organizzazioni a struttura complessa, sia vanificato perché in interpretato come un rituale di portata meramente burocratica. Una volta stabilito che il modello adottato sia effettivamente idoneo, la valutazione deve essere spostata sulla fase della implementazione, della attuazione e della verifica della sua efficacia. Leggendo le pagine che si occupano dei reati di cui all'art. 25 septies nel modello adottato dalla (X), si apprezza una gravissima lacuna, che attiene proprio a situazioni di rischio come quella verificatasi nella vicenda in discussione. Il sistema predisposto nel documento non prende in considerazione i rischi derivanti dai contatti che la società può avere seguendo le stesse modalità decisionali ed esecutive che hanno portato alla verificazione degli eventi letali nel caso in esame. L'impianto del modello non considera che, allorquando non siano coinvolti soggetti dipendenti della (X), sia necessario adottare cautele e regole per evitare che dipendenti di terzi possano subire lesioni o perdere la vita per infrazioni commesse dai loro datori di lavoro nel movimentare, gestire o trattare mezzi di trasporto contenenti sostanze pericolose gestite dalla stessa società di trasporto

85 84 E' chiaro che il controllo dei rischi non può esaurirsi nell'ambito della struttura organizzativa ed aziendale della società in questione, ma deve essere esteso anche all'osservanza delle medesime regole da parte dei soggetti che entrano, direttamente o indirettamente, in contatto con le sostanze chimiche, detenute proprio nei mezzi di trasporto gestiti dalla (X). L'anello debole della catena operativa, che ha portato agli eventi tragici, non è analizzato e la fragilità del sistema manifestatasi nel caso in esame non è stata scardinata debitamente nel modello presente in atti. Nella fattispecie, infatti, l'inosservanza delle regole, tecniche e sociali, di tipo antinfortunistico presso la (W) si è sovrapposta alle responsabilità colpose degli operatori della (X), che hanno permesso l'affidamento del pericoloso lavoro a quella inidonea società per il tramite della (Y). Vista l'impostazione del depositato modello organizzativo e gestionale verso uno schema essenzialmente ed esclusivamente diretto a prevenire infortuni dei propri dipendenti o di soggetti presenti nel proprio ambiente, deve constatarsi che nel medesimo atto non sia stata prevista alcuna procedura per assicurare il passaggio di informazioni sui rischi dei prodotti pericolosi nelle relazioni commerciali con altre società che potrebbero essere chiamate, anche per il tramite di altri affidatati, ad operare servizi di qualunque genere nell'interesse della medesima società. Non risulta attivata alcuna procedura standard di tipo decisionale per una corretta individuazione di soggetti giuridici esterni in grado di assicurare, sul piano negoziale, imprenditoriale e legale, tutti i tipi di servizi nel settore specialistico della chimica, al fine di evitare pregiudizi ai dipendenti di tali terzi in luoghi di lavoro non direttamente controllati dalla (X).

86 85 Non consta nemmeno la basilare previsione di protocolli operativi atti a garantire una attività di controllo preventivo dell'esistenza dei presidi antinfortunistici e del loro corretto uso negli impianti aziendali di terzi, i cui dipendenti possono essere sollecitati a prestare attività rischiose a favore della (X) nel settore chimico. Non risulta neanche la previsione di strumenti atti a garantire simili risultati di generale sicurezza sul lavoro, ad esempio con l'obbligo di inserimento di clausole contenenti sanzioni contrattuali a carico di terzi che potrebbero essere inadempienti rispetto agli obiettivi comuni prefissi oppure con l'adozione negoziale di poteri ispettivi sull'andamento delle attività nelle aziende esterne, onde verificare direttamente l'osservanza delle norme di prevenzione, specificamente concernenti il lavoro affidato. Difettano, per un verso, una specifica responsabilizzazione per tali importanti profili e, per altro verso, l'identificazione puntuale dei soggetti deputati al rispetto di regole precauzionali e dunque assoggettabili a sanzioni disciplinari da parte dell'organismo di vigilanza. Non appare ultroneo osservare che la particolare posizione della (X) nel settore chimico nazionale imponeva una trattazione approfondita dei temi della prevenzione sul lavoro, dovendosi segnalare che, al contenuto tipico di un modello organizzativo e gestionale, finalizzato alla prevenzione del rischio generico, doveva essere affiancata la disamina della gestione del rischio specifico legato al peculiare ramo sensibile d'impresa. Ciò deve avvenire soprattutto allorquando il modello venga adottato sulla base di una esperienza negativa che ha messo in luce le larghe maglie esistenti nella tutela dei beni giuridici in esame.

87 86 Da quanto esposto discende l'inidoneità del depositato modello organizzativo e gestionale a prevenire reati della stessa origine di quelli per cui si procede. Non occorre soffermarsi dunque sulla efficacia del sistema disciplinare, atteso che ogni valutazione al riguardo, peraltro di fatto non consentita al giudicante perché gli allegati del modello non sono stati prodotti (incluso l'allegato 5 inerente proprio al sistema disciplinare), risulta assorbita interamente dal primo profilo esaminato; tanto ha reso superflua una richiesta del giudicante volta a sollecitare l'integrazione della produzione difensiva per l'ulteriore profilo. La (X) spa non può ottenere pertanto la riduzione della sanzione pecuniaria prevista quale conseguenza giuridica della sua responsabilità.


Scaricare ppt "Il d. lgs. 231 del 2001 La responsabilità amministrativa delle imprese Le famiglie di reato contemplate Avv. Enrico Perrella – name partner CPK Legal Rieti,"

Presentazioni simili


Annunci Google