La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REFERTO (ART.365 C.P.) "Chiunque, avendo nell'esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REFERTO (ART.365 C.P.) "Chiunque, avendo nell'esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare."— Transcript della presentazione:

1 REFERTO (ART.365 C.P.) "Chiunque, avendo nell'esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale si debba procedere d'ufficio, omette o ritarda di riferirne all'autorità indicata nell'art. 361, è punito… Questa disposizione non si applica quando il referto esporrebbe la persona assistita a procedimento penale." Art. 384 C.P. "…Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé medesimo o un prossimo congiunto da un grave e inevitabile nocumento nella libertà o nell'onore."

2 REFERTO (ART.334 C.P.P.) "Chi ha l'obbligo del referto deve farlo pervenire entro 48 ore o, se vi e' pericolo nel ritardo, immediatamente al pubblico ministero o a qualsiasi ufficiale di polizia giudiziaria del luogo in cui ha prestato la propria opera o assistenza ovvero, in loro mancanza, all'ufficiale di polizia giudiziaria più vicino. Il referto indica la persona alla quale è stata prestata assistenza e, se è possibile, le sue generalità, il luogo dove si trova attualmente e quant'altro valga a identificarla nonché il luogo, il tempo e le altre circostanze dell'intervento; dà inoltre le notizie che servono a stabilire le circostanze del fatto, i mezzi con i quali è stato commesso e gli effetti che ha causato o può causare. Se più persone hanno prestato la loro assistenza nella medesima occasione, sono tutte obbligate al referto, con facoltà di redigere e sottoscrivere un unico atto."

3 DENUNCIA (ART.331 C.P.P.) "…I pubblici ufficiali e gli incaricati di un pubblico servizio che, nell'esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio, hanno notizia di un reato perseguibile d'ufficio, devono farne denuncia per iscritto, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito. La denuncia è presentata o trasmessa senza ritardo al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria. Quando più persone sono obbligate alla denuncia per il medesimo fatto, esse possono anche redigere e sottoscrivere un unico atto."

4 ART.357 C.P. (NOZIONE DI PUBBLICO UFFICIALE) Agli effetti della legge penale sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giurisdizionale o amministrativa. Agli stessi effetti è pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi, e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volontà della pubblica amministrazione e dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi e certificativi.

5 ART.358 C.P. (NOZIONE DELLA PERSONA INCARICATA DI UN PUBBLICO SERVIZIO) Agli effetti della legge penale, sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, a qualunque titolo, prestano un pubblico servizio. Per pubblico servizio deve intendersi una attività disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata dalla mancanza dei poteri tipici di questa ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di "opera meramente materiale".

6 ART.332 C.P.P. (CONTENUTO DELLA DENUNCIA) "La denuncia contiene l'esposizione degli elementi essenziali del fatto e indica il giorno dell'acquisizione della notizia nonché le fonti di prova già note. Contiene inoltre, quando è possibile, le generalità, il domicilio e quanto altro valga alla identificazione della persona alla quale il fatto è attribuito, della persona offesa e di coloro che siano in grado di riferire su circostanze rilevanti per la ricostruzione dei fatti."

7 REFERTO E DENUNCIA Referto Art. 365 C.P. Art. 334 C.P.P. Libero professionista Assistenza (prestazione a carattere continuativo) Opera (intervento singolo, occasionale) Esimenti: art. 384 C.P.; Esposizione a procedimento penale della persona assistita

8 REFERTO E DENUNCIA Denuncia Art. 331 C.P.P. Art. 332 C.P.P. Pubblico ufficiale (art. 357 C.P.) Incaricato di pubblico servizio (art. 358 C.P.) Notizia di cui viene a conoscenza nell'esercizio o a causa delle sue funzioni o del suo servizio Esimenti: art. 384 C.P.

9 REATI PERSEGUIBILI D'UFFICIO 1.Delitti contro la vita Tutti gli omicidi nelle loro varie specie Istigazione o aiuto al suicidio Morte conseguente ad altro delitto Infanticidio 2.Delitti contro l'incolumità individuale Lesioni personali dolose lievissime se con aggravanti degli artt. 583 e 585 C.P. Lesioni personali dolose lievi, gravi, gravissime Lesioni personali colpose gravi e gravissime (solo quando siano avvenute con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all'igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale).

10 3. Delitti contro l'incolumità pubblica Tutte le attività pericolose per la salute pubblica che espongono al pericolo di epidemie, intossicazioni…

11 4. Delitti contro la libertà personale Art. 609 Septies e Legge 6 febbraio 2006, n. 38 (Procedibilità) I delitti previsti dagli articoli 609 bis, 609 ter, 609 quater sono punibili a querela della persona offesa. La querela proposta è irrevocabile. Si procede tuttavia dufficio: 1. Se il fatto di cui allart. 609 bis (violenza, minaccia o abuso di autorità) è commesso nei confronti di persona che al momento del fatto non ha compiuto gli anni diciotto; 2. Se il fatto (senza violenza o minaccia) è commesso dal genitore, anche adottivo, o dal di lui convivente, dal tutore, ovvero da altra persona cui il minore è affidato per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia o che abbia con esso una relazione di convivenza;

12 3. Se il fatto (senza violenza o minaccia) è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di pubblico servizio nellesercizio delle proprie funzioni; 4. Se il fatto (senza violenza o minaccia) è connesso con un altro delitto per il quale si deve procedere d'ufficio; 5. Se il fatto è commesso (senza violenza o minaccia) nellipotesi di cui allarticolo 609 quater, ultimo comma (la persona offesa non ha compiuto gli anni dieci)

13 5. Delitti di aborto Aborto o parto prematuro per colpa Aborto o acceleramento del parto come conseguenza di lesioni volontarie Aborto su donna non consenziente o al di fuori delle modalità previste dalla L. 194/78 6. Delitti contro la pietà dei defunti Vilipendio di cadavere Occultamento di cadavere Uso illegittimo di cadavere Distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere

14 7. Delitti contro la libertà individuale Sequestro di persona Incapacità procurata mediante violenza… 8. Delitti contro la famiglia Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli


Scaricare ppt "REFERTO (ART.365 C.P.) "Chiunque, avendo nell'esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare."

Presentazioni simili


Annunci Google