La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Segreto professionale E un precetto deontologico e morale prima ancora che giuridico Ma è presidiato da una norma di legge che si colloca al titolo XII.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Segreto professionale E un precetto deontologico e morale prima ancora che giuridico Ma è presidiato da una norma di legge che si colloca al titolo XII."— Transcript della presentazione:

1 Segreto professionale E un precetto deontologico e morale prima ancora che giuridico Ma è presidiato da una norma di legge che si colloca al titolo XII del c.p. delitti contro la persona- capo III delitti contro la libertà individuale sezione V delitti contro linviolabilità dei segreti

2 Fondamenti del segreto Etico Distinzione tra segreto naturale (che stabilisce dai rapporti di intimità tra le persone per nulla obbligate a scambiarsi confidenze) e segreto professionale (legato alla posizione del malato che si trova nella necessità di rendere noti fatti sui quali altrimenti avrebbe preferito tacere) Deontologico Giuridico il pregiudizio della salute del singolo si ripercuote sulla salute della collettività per cui lo Stato tutela il segreto professionale nellinteresse pubblico e non solo privato.

3 Art. 622 c.p. Violazione del segreto professionale Chiunque, avendo notizia, in ragione del proprio stato, ufficio, o della propria professione od arte, di un segreto, lo rivela, senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto, è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino a un anno o con la multa da lire ad 1 milione

4 Segreto professionale Si tratta di un delitto (punto con multa- reclusione) A querela della persona offesa Delitto doloso (perché non altrimenti specificato)

5 Segreto professionale Destinatari della norma Nozione di segreto Modalità con cui viene acquisito il segreto Le condotte stigmatizzate Cause di giustificazione

6 Segreto professionale Destinatari (* nellambito sanitario): CHIUNQUE ma per sicurezza il legislatore indica: Stato: condizione produttiva di diritti e doveri Status dello studente che ha il diritto allo studio ma deve mantenere il segreto Status di familiare diverso se collaboratore o non collaboratore

7 Segreto professionale Ufficio Colui che svolge una funzione assimilabile ad u ufficio pur non essendo un pubblico ufficiale E connotato da funzioni sociali, tutoriali, di garanzia che comportano doveri e facoltà Es: curatore, tutore e oggi lamministratore di sostegno

8 Segreto professionale Professione Esercente la professione sanitaria * Non più differenza tra principale ed ausiliaria (legge 42/1999)

9 Segreto professionale Arte Arti ausiliarie della professione sanitaria Dal Testo Unico (ernista, massaggiatore, sportivo, ottico, capo bagnino) * Alcune hanno sapore storico (flebotomo per salassi)

10 Segreto professionale Nozione di segreto non cè una nozione più segreta di quella del segreto Si dice quello che non deve essere rivelato Un criterio utile dipende da chi lo deve giudicare

11 Segreto professionale E il potenziale di nocività che ha questa notizia che consente di definire il segreto Tutto ciò che non deve essere portato a conoscenza di terzi (è compreso lavvallo di notizie) Ciò che non può provocare nocumento può essere motivo di stigmatizzazione ma non integra il reato

12 Segreto professionale Acquisizione della notizia: NON A CAGIONE (sorta di rapporto di causalità) MA IN RAGIONE si allarga il concetto anche alle circostanze (es: come medico sono stato chiamato, ho accesso alla casa, intuisco situazioni che hanno a che vedere con aspetti affettivi, finanziari)

13 Segreto professionale CONDOTTE DISGIUNTE A) RILEVAZIONE DEL SEGRETO SENZA GIUSTA CAUSA OVVERO B) SILENZIO CON LIMPIEGO A PROPRIO O ALTRUI PROFITTO

14 Segreto professionale Non tutte le rivelazioni sono illegittime, solo quelle che avvengono SENZA GIUSTA CAUSA Si ripropone lingiustizia del nocumento Se il nocumento deve essere considerato indipendente dalla giusta causa Ci si chiede se, essendovi stata la rivelazione vi può essere stato un nocumento giusto Si sostiene che il nocumento è ingiusto per il solo fatto che la rivelazione è ingiusta Lassenza di giusta causa finisce per caratterizzare il nocumento (che è ingiusto)

15 Segreto professionale Problema delle giuste causeProblema delle giuste cause Distinzione tra giuste cause legali e giuste cause sociali Nulla quaestio sulle giuste cause legali perché sono menzionate nella legge. Sono inequivoche e vincolanti (vantaggio), hanno lo svantaggio di essere rigide e difficilmente adattabili.

16 Segreto professionale Denunce, referto, perizie, consulenze tecniche Esimenti: stato di necessità (attualità del pericolo) Consenso dellavente diritto Adempimento di un dovere imposto Legittima difesa (difendere la reputazione professionale da false accuse)

17 Segreto professionale Caso fortuito Forza maggiore Violenza fisica Errore di fatto Altrui inganno (es. il gemello del paziente)

18 Segreto professionale PROBLEMA DELLE GIUSTE CAUSE SOCIALI Maggiore valore sociale del bene rispetto a quello del singolo Sono dottrinarie e quindi gravate dal fatto di non vincolare il magistrato nel tener conto del loro operato

19 Segreto professionale La giusta causa non deve riguardare la salute del singolo (AIDS/rapporto coniugale) Ma prostituta con AIDS (si potrebbe richiamare il testo unico delle leggi sanitarie che impone lobbligo di riferire per i fatti riguardanti la salute pubblica)

20 Segreto professionale LA TESTIMONIANZA ART. 200 c.p.p. Non possono essere obbligati a deporre su quanto hanno appreso per ragione del proprio ministero, ufficio, professione (salvo i casi in cui abbiano lobbligo, vedi referto) NON SI PREVEDE PIU LA NULLITA DEGLI ATTI

21 Segreto professionale Si potrebbe prevedere linutilizzabilità del dato trattandosi di un divieto specifico NON POSSONO ESSERE OBBLIGATI

22 Segreto professionale Sono previste diverse situazioni: Familiari facoltà di testimoniare nelleconomia familiare Pubblici ufficiali e incaricati di pubblico servizio obbligati a non testimoniare Esercenti una professione sanitaria non possono essere obbligati (non è una facoltà perché si infrange contro il segreto professionale) Se il giudice ordina: adempimento di un dovere (imposto da una Autorità)

23 Segreto professionale TRASMISSIONE DEL SEGRETO Sprovvista del contenuto antigiuridico Necessità della medicina moderna Informare il paziente Tutti sono vincolati al segreto Codice deontologico

24 Segreto professionale Tutta la legislazione sulla privacy comprende anche il segreto professionale MA Mentre la privacy è tesa a controllare la circolazione di notizie attinenti il singolo Il segreto professionale (nato quando non si parlava di privacy) HA COME PRESUPPOSTO IL FATTO CHE LE NOTIZIE NON CIRCOLINO AFFATTO

25 Segreto professionale Se le notizie possono circolare, devono circolare in maniera corretta, lasciando al titolare la possibilità di sapere dove circolano o di volerne anche determinare loblio

26 Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano. Art. 1, D.Lgs. 196/03

27 Segreto professionale Lobbligo del segreto è espressamente richiamato dalla legge 194 (combattere aborto clandestino) Nei contratti di assicurazione privata: clausola liberatoria

28

29

30

31 Segreto professionale

32

33 RIVELAZIONE DI SEGRETO DUFFICIO Riguarda il pubblico ufficiale e lincaricato di pubblico servizio Reato contro la pubblica amministrazione Perseguibile dufficio Pene più gravi Prevista anche lagevolazione colposa (dovuta a negligente o imprudente comportamento)


Scaricare ppt "Segreto professionale E un precetto deontologico e morale prima ancora che giuridico Ma è presidiato da una norma di legge che si colloca al titolo XII."

Presentazioni simili


Annunci Google