La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RESPONSABILITA CIVILE Art.1173: fatti illeciti (artt. 2043 –2059c.c.) Responsabilità civile è il complesso dei fatti illeciti in presenza dei quali sorge.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RESPONSABILITA CIVILE Art.1173: fatti illeciti (artt. 2043 –2059c.c.) Responsabilità civile è il complesso dei fatti illeciti in presenza dei quali sorge."— Transcript della presentazione:

1 RESPONSABILITA CIVILE Art.1173: fatti illeciti (artt –2059c.c.) Responsabilità civile è il complesso dei fatti illeciti in presenza dei quali sorge lobbligazione risarcitoria a carico di chi ha provocato ad un terzo un danno ingiusto Inizialmente prevale la funzione sanzionatoria c/o comportamento anomalo del danneggiante(2043 e 2046: colpa o dolo in piena capacità di intendere e volere) In seguito si affianca una funzione riparatoria Colpa resta il criterio essenziale: da presunzione di colpa (2051/2052/2054 c.c.) evolvendo a responsabilità oggettiva (resp.senza colpa) Tutela reale (rimozione fatto produttivo lesione) e tutela risarcitoria (ristoro x conseguenze dannose)

2 STRUTTURA DELLILLECITO ART.2043 norma fondamentale Qualunque fatto doloso o colposo: atipicità illecito Elementi necessari: 1)pregiudizio che deve rilevare come danno ingiusto 2) nesso di causalità 3) evento imputabile ad un terzo

3 IMPUTABILITA Elemento soggettivo rilevante: dolo e colpa; meglio atto illecito che fatto illecito Necessaria capacità di intendere e di volere: ex art (differisce dal concetto penalistico); è la concreta idoneità ad avvalersi delle facoltà mentali x valutazione dellatto e autodeterminazione nella decisione O. risarcitoria può cadere su incapace (es. minore) il quale, al contrario, non può concludere un contratto (annullabile): questo accade per la distinta funzione della situazione soggettiva: nella r. exc tutela danneggiato; nella r. contr tutela del contraente (2046 vs 428) Se manca tale capacità: possibile comunque risarcimento o indennizzo (art c.c.) quale misura equitativa

4 COLPA Colpa: evento lesivo non voluto anche se previsto, in presenza di negligenza, imprudenza, imperizia o inosservanza di leggi o regolamenti Rileva in termini di VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO tenuto dal soggetto in riferimento ad un modello Modello di comparazione è DILIGENZA BUON PADRE DI FAMIGLIA: ex art c.c. I° comma residuale, II° comma prevalente (diligenza MEDIA professionale) Tale modello assicura equilibrio fra la libertà di esercizio di attività e la tutela dei danneggiati Colpa è commissiva. Omissiva soltanto in caso di dovere di condotta (es. omissione soccorso) imposto da una norma La valutazione in base a parametri oggettivi esclude graduazioni della colpa, ma ipotesi isolate di colpa grave Prova della colpa a carico del danneggiato

5 DOLO Dolo: intenzionalità quale coscienza e volontà dellevento lesivo; qui rileva il dato psicologico Non basta la semplice previsione dellevento ma serve la CONSAPEVOLE ASSUNZIONE DELLO STESSO quale esito dellazione Necessita animus nocendi che spesso è difficile da dimostrare

6 CAUSE DI GIUSTIFICAZIONE Impediscono la venuta ad esistenza della fattispecie illecita ex art I fatti illeciti non sono necessariamente condotte antigiuridiche, pertanto le cause di giustificazione non mirano a rimuovere antigiuridicità della condotta, ma ATTRIBUISCONO RILEVANZA A TALUNE CIRCOSTANZE CHE, PUR IN PRESENZA DI UN DANNO INGIUSTO, IMPEDISCONO IL PERFEZIONARSI DELLA FATTISPECIE DI CUI ALLART Risposte differenziate previste dallordinamento: nessun risarcimento o indennità

7 SONO 3: 1) ESERCIZIO DEL DIRITTO (art. 51 C.P) 2) STATO DI NECESSITA(2045 C.C.) 3) LEGITTIMA DIFESA (2044 C.C.)

8 Art. 51 c.p. Esercizio di un diritto o adempimento di un dovere. Lesercizio di un diritto o ladempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della p.a., esclude la punibilità. Se un fatto costituente reato è commesso per ordine dellautorità, del reato risponde sempre il pubblico ufficiale che ha dato lordine. Risponde del reato altresì chi ha eseguito lordine, salvo che, per errore di fatto, abbia ritenuto di obbedire ad un ordine legittimo Non è punibile chi esegue lordine illegittimo, quando la legge non gli consente alcun sindacato sulla legittimità dellordine

9 ESERCIZIO DEL DIRITTO Non basta invocare lesercizio di un proprio diritto, ma rileva IL MODO IN CUI si è esercitato il diritto: soltanto quando la produzione del danno è INEVITABILE AI FINI DELLESERCIZIO DEL DIRITTO esso vale come causa di giustificazione. Es. 843 o 844 c.c.

10 Art c.c. Stato di necessità Quando chi ha compiuto il fatto dannoso vi è stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, e il pericolo non è stato da lui volontariamente causato né era altrimenti evitabile, al danneggiato è dovuta unindennità la cui misura è rimessa allequo apprezzamento del giudice.

11 STATO DI NECESSITA art.2045 E il fatto dannoso prodotto da chi vi è costretto per salvare sé o altri da PERICOLO DI GRAVE DANNO ALLA PERSONA non altrimenti evitabile e non volontariamente causato Indennità valutata secondo equo apprezzamento del giudice Non opera se chi provoca il danno è lo stesso che ha provocato la situazione di pericolo Se pericolo dipende dal fatto colposo o doloso del terzo: indennità dal danneggiante e risarcimento (differenziale) a carico del terzo; il danneggiante può proporre azione di rivalsa sul terzo.

12 Art c.c. Legittima difesa Non è responsabile chi cagiona il danno per legittima difesa di sé o di altri

13 LEGITTIMA DIFESA Costretti a cagionare un danno ingiusto allaggressore x respingere offesa ingiusta arrecata a sé o ad altri (art c.c.) Proporzione fra reazione ed offesa Nessuna tutela allaggressore


Scaricare ppt "RESPONSABILITA CIVILE Art.1173: fatti illeciti (artt. 2043 –2059c.c.) Responsabilità civile è il complesso dei fatti illeciti in presenza dei quali sorge."

Presentazioni simili


Annunci Google