La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Avv. Giuseppina Negro Castelpetroso 23 marzo 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Avv. Giuseppina Negro Castelpetroso 23 marzo 2013."— Transcript della presentazione:

1 RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Avv. Giuseppina Negro Castelpetroso 23 marzo 2013

2 RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Nellesercizio professionale medico si possono realizzare quattro tipi di responsabilità fondamentali: 1.Penale 2.Civile 3.Amministrativa 4.Deontologica 1.Penale 2.Civile 3.Amministrativa 4.Deontologica

3 Perché il medico possa essere ritenuto civilmente responsabile di danni provocati al paziente debbono realizzarsi le seguenti condizioni: Il sanitario deve avere avuto una condotta colposa nella prestazione professionale. Si deve realizzare un danno al paziente. Deve essere dimostrato il nesso di causalità materiale tra lazione od omissione del medico e levento lesivo. Levento dannoso deve essere prevedibile. Perché il medico possa essere ritenuto civilmente responsabile di danni provocati al paziente debbono realizzarsi le seguenti condizioni: Il sanitario deve avere avuto una condotta colposa nella prestazione professionale. Si deve realizzare un danno al paziente. Deve essere dimostrato il nesso di causalità materiale tra lazione od omissione del medico e levento lesivo. Levento dannoso deve essere prevedibile. ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA

4 Il sanitario deve avere avuto una condotta colposa nella prestazione professionale. La condotta colposa può consistere in atti commissivi (culpa in agendo) o omissivi (culpa in omittendo). Distinguiamo una colpa generica, che si concretizza nella negligenza, imprudenza, imperizia e una colpa specifica che consiste nella violazione di leggi, regolamenti, ordini o discipline Il sanitario deve avere avuto una condotta colposa nella prestazione professionale. La condotta colposa può consistere in atti commissivi (culpa in agendo) o omissivi (culpa in omittendo). Distinguiamo una colpa generica, che si concretizza nella negligenza, imprudenza, imperizia e una colpa specifica che consiste nella violazione di leggi, regolamenti, ordini o discipline ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA

5 Ipotesi di responsabilità colposa Imperizia, Imprudenza, Negligenza Profilassi inadeguata Mancata profilassi Errore in diagnosi Trattamento inadeguato

6 Il medico, al pari di ogni altro professionista, ha una responsabilità piena per i casi che non presentino particolari difficoltà. Se invece lopera professionale investe casi difficili, vale quanto stabilito dallart del C.C. Tale articolo prevede che, se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, il prestatore dopera risponde di danno solo in caso di colpa grave, ma limitatamente alla sola imperizia ( Corte Costituzionale n. 166/ Cass. Civ. n /97-n. 5945/2000- n. 9085/2006 – n.5846/2007) Art Codice Civile

7 Codice Deontologico (art. 12) La prescrizione di un accertamento diagnostico e/o di una terapia impegna la responsabilità professionale ed etica del medico e non può che far seguito a una diagnosi circostanziata o, quantomeno, a un fondato sospetto diagnostico. La prescrizione di un accertamento diagnostico e/o di una terapia impegna la responsabilità professionale ed etica del medico e non può che far seguito a una diagnosi circostanziata o, quantomeno, a un fondato sospetto diagnostico. Su tale presupposto al medico è riconosciuta autonomia nella programmazione, nella scelta e nella applicazione di ogni presidio terapeutico, anche in regime di ricovero, fatta salva la libertà del paziente di rifiutarle e di assumersi la responsabilità del rifiuto stesso Su tale presupposto al medico è riconosciuta autonomia nella programmazione, nella scelta e nella applicazione di ogni presidio terapeutico, anche in regime di ricovero, fatta salva la libertà del paziente di rifiutarle e di assumersi la responsabilità del rifiuto stesso

8 Codice Deontologico (art. 12) Le prescrizioni ed i trattamenti devono essere ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche anche al fine delluso appropriato delle risorse, sempre perseguendo il beneficio del paziente Le prescrizioni ed i trattamenti devono essere ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche anche al fine delluso appropriato delle risorse, sempre perseguendo il beneficio del paziente

9 Si deve realizzare un danno al paziente. Il danno (modificazione peggiorativa dello stato anteriore) può consistere nella morte, ovvero nellaggravamento di una malattia in atto o la insorgenza di altra patologia. Il danno che rileva è quello ANOMALO rispetto alla normale aleatorietà che latto medico implica. Si deve realizzare un danno al paziente. Il danno (modificazione peggiorativa dello stato anteriore) può consistere nella morte, ovvero nellaggravamento di una malattia in atto o la insorgenza di altra patologia. Il danno che rileva è quello ANOMALO rispetto alla normale aleatorietà che latto medico implica. ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA

10 Deve essere dimostrato il nesso di causalità materiale tra lazione od omissione del medico e levento lesivo. Obbligazione di mezzi: il medico si obbliga a un comportamento professionalmente adeguato, non garantisce la guarigione Obbligazioni di risultato: il medico si obbliga anche al risultato prospettato come atteso Deve essere dimostrato il nesso di causalità materiale tra lazione od omissione del medico e levento lesivo. Obbligazione di mezzi: il medico si obbliga a un comportamento professionalmente adeguato, non garantisce la guarigione Obbligazioni di risultato: il medico si obbliga anche al risultato prospettato come atteso ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA

11 Levento dannoso deve essere prevedibile. Di fronte a un evento dannoso assolutamente imprevedibile, non si può mai invocare la responsabilità professionale del sanitario Levento dannoso deve essere prevedibile. Di fronte a un evento dannoso assolutamente imprevedibile, non si può mai invocare la responsabilità professionale del sanitario ELEMENTI COSTITUTIVI DELLA RESPONSABILITA

12 Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale - Rilevanza Responsabilità contrattuale Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente corretta. Il paziente ha lobbligo di provare che si è rivolto al medico e che questi è stato inadempiente. Il medico deve provare che non ha colpa : ossia ha tenuto un comportamento corretto come da prassi, ovvero che è sopravvenuto un fatto imprevedibile o che il caso era di particolare difficoltà PRESCRIZIONE DECENNALE

13 Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale - Rilevanza Responsabilità extracontrattuale Non presuppone alcun rapporto preesistente ma deriva da un atto illecito posto in essere in violazione de principio del neminem ledere. (es. il medico che presti soccorso senza aver avuto alcuna richiesta – il medico che svolge lattività presso un ospedale o una casa di cura) Il paziente deve provare tutti gli elementi della responsabilità, compresa la colpa del medico. PRESCRIZIONE QUINQUENNALE

14 La presunzione di colpa negli interventi routinari Negli interventi routinari, linsuccesso o il parziale successo dellintervento, o, comunque, con alte probabilità di esito favorevole, implica di per sé la prova del nesso di causalità tra condotta del medico ed evento, giacché in ambito civilistico tale nesso consiste anche nella relazione probabilistica concreta tra comportamento ed evento dannoso, secondo il criterio ispirato alla regola della normalità causale, del PIU PROBABILE CHE NON (Cass. n. 975/2009, anche n /2006). In pratica il paziente si limiterà a dimostrare che lintervento era di facile esecuzione e che ha avuto un peggioramento delle sue condizioni di salute. Toccherà al medico provare che non ha colpa e che non vi è nesso causale tra la sua condotta e levento

15 Lobbligo di risultato Nella pratica giudiziaria, per quanto riguarda gli interventi routinari, lobbligazione del medico diventa una obbligazione di risultato. Egli non è più solo tenuto a una condotta diligente, deve garantire il successo che normalmente ci si attende dallintervento posto in essere. Il paziente non deve provare la colpa del medico.

16 CONSENSO INFORMATO Il medico ha lobbligo di acquisire il consenso in ogni attività che possa comportare un qualsiasi margine di rischio; dunque non solo se intende compiere unattività chirurgica, ma anche per semplici esami diagnostici o strumentali (Cass. n. 364/1997) Il consenso deve essere espresso previa adeguata informazione sul trattamento sanitario cui il paziente venisse sottoposto, coerente rispetto al livello di conoscenze del paziente stesso Il consenso deve essere richiesto e formulato per singolo atto terapeutico o diagnostico che sia in grado di generare autonomo rischio

17 Attribuzione delle responsabilità. Esercizio clinico individuale Esercizio clinico di equipe Attribuzione delle responsabilità. Esercizio clinico individuale Esercizio clinico di equipe RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA


Scaricare ppt "RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Avv. Giuseppina Negro Castelpetroso 23 marzo 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google