La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Alberto Manzella La responsabilità civile del Professionista Parte II Avv. Alberto Manzella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Alberto Manzella La responsabilità civile del Professionista Parte II Avv. Alberto Manzella."— Transcript della presentazione:

1 avv. Alberto Manzella La responsabilità civile del Professionista Parte II Avv. Alberto Manzella

2 avv. Alberto Manzella Premessa Giurisprudenza e dottrina sono consolidate nellaffermare che la distinzione tra obbligazioni di mezzo ed obbligazioni di risultato svolge solo una funzione descrittiva e non ha alcun rilievo sotto il profilo della ripartizione dellonere della prova

3 avv. Alberto Manzella La natura della prestazione In ogni obbligazione si richiede: -sia il comportamento (diligente) del debitore; -sia (sebbene in misura variabile) il risultato. Ne deriva che in ciascuna obbligazione assumono rilievo sia il risultato pratico da raggiungere, sia limpegno che il debitore deve porre in essere per ottenerlo

4 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Di fondamentale importanza ai fini della soluzione di qualunque controversia, è la questione relativa alla ripartizione dellonere della prova. A chi spetta dimostrare il mancato o inesatto adempimento in ipotesi di obbligazioni contrattuali?

5 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Le Sezioni Unite con la sent /2001, hanno precisato che il creditore che agisce in giudizio, sia per ladempimento del contratto sia per la risoluzione ed il risarcimento del danno, deve fornire la prova della fonte negoziale o legale del suo diritto, limitandosi ad allegare linadempimento della controparte.

6 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Inoltre le Sezioni Unite hanno chiarito che la distinzione tra obbligazione di mezzi di risultato non ha alcuna incidenza sul regime di responsabilità, ove è richiesto al professionista di attenersi a parametri molto rigidi di professionalità, in quanto lo standard di diligenza del professionista è cresciuto sensibilmente (Cass. Civ. Sez. Un /2005)

7 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Aggiungendo in seguito che (Cass. Civ. III sez. 8826/07) la distinzione tra "obbligazione di mezzi" e "obbligazione di risultato, infatti, costituisce il frutto di una risalente elaborazione dogmatica accolta dalla tradizionale interpretazione e tralatiziamente tramandatasi, priva invero di riscontro normativo e di dubbio fondamento

8 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Con la sentenza 577/2008, le Sezioni Unite hanno poi ribadito che in tema di responsabilità professionale ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore danneggiato deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto ed allegare l'inadempimento del debitore astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato, rimanendo a carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante.

9 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Una diversa regola probatoria non potrebbe essere introdotta in base alla superata distinzione tra obbligazioni di risultato e obbligazioni di mezzi. Tale distinzione, infatti, non è immune da profili problematici, specialmente se applicata proprio alle ipotesi di prestazione d'opera intellettuale, in considerazione della struttura stessa del rapporto obbligatorio e tenendo conto, altresì, che un risultato è dovuto in tutte le obbligazioni.

10 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Oggi, dunque, la distinzione tra obbligazione di mezzi e di risultato non ha alcuna incidenza sul regime di responsabilità del professionista poiché la responsabilità per inadempimento è disciplinata in modo unitario dallarticolo 1218 c.c. Dunque il professionista risponde in base ai medesimi criteri valevoli per le altre obbligazioni.

11 avv. Alberto Manzella Lonere della prova Il cliente dovrà pertanto solo allegare linesatto adempimento, mentre il professionista avrà lonere di dimostrare il fatto estintivo o limpossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile.

12 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione Per identificare lesatto adempimento, i l professionista, dovrà realizzare unattività efficiente, tesa a conseguire il buon esito richiesto dal cliente e dovrà essere in grado di fornire la prova di ciò in un ipotetico contenzioso

13 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione A tal fine, i l mancato od inesatto risultato potranno rappresentare una forma di manifestazione dellinadempimento, ma di per sé, tranne in ipotesi ove ciò sia evidente per le caratteristiche del caso concreto, il mancato risultato non rappresenterà il necessario presupposto dellinadempimento.

14 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione Il professionista debitore, per andare esente da responsabilità, dovrà però provare che la sua condotta è stata conforme alle regole dellarte che devono essere seguite nelle circostanze in cui si è verificato il fatto e la sua mancanza di colpa

15 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione La colpa si articola in: Negligenza Imprudenza Imperizia Inosservanza di leggi e regolamenti ordini o discipline

16 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione La negligenza richiede che siano stati compiuti una serie di comportamenti negativi che hanno caratterizzato loperato del professionista: dimenticanza svogliatezza disattenzione mancanza di sollecitudine

17 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione Limprudenza si ravvisa ogni quando il professionista mette in atto comportamenti che possono rivelarsi incompatibili con il risultato prefissato dal cliente. Dovrà quindi adottare i normali criteri di soluzione ricorrendo allutilizzo di procedure innovative solo laddove questo non aggravi eccessivamente il rischio per il cliente In altri termini, potendo scegliere, occorrerà adottare il comportamento che presenti il maggior numero di probabilità di successo

18 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione Limperizia è mancanza di competenza da parte del soggetto incaricato. In tal senso si inquadra il dovere di aggiornamento costante del professionista. Dunque, laddove il professionista sia consapevole di non possedere i requisiti necessari nello svolgimento dellincarico, dovrà rifiutarlo al fine di non incorrere in azioni di responsabilità

19 avv. Alberto Manzella Il contenuto della prestazione Al fine di valutare correttamente ladempimento del professionista, occorre inoltre tenere presente il dovere di informare il cliente sui rischi derivanti dallattività che andrà svolgere e sulle modalità con le quali la stessa verrà esercitata. Il professionista dovrà accertarsi che il cliente abbia una visione reale della situazione e che ne sia consapevole.

20 avv. Alberto Manzella Gli strumenti di cautela Per andare esente da responsabilità, non basta quindi lesatto adempimento, ma occorre anche fornire la prova di tale esatto adempimento. Questo significa che è opportuno predisporre idonei strumenti di cautela nella fase esecutiva del mandato.

21 avv. Alberto Manzella Gli strumenti di cautela Tracciatura dei documenti Sessioni con i clienti in presenza di assistenti / collaboratori estranei alla prestazione professionale in senso stretto Delega dello svolgimento degli incarichi a soggetti qualificati

22 avv. Alberto Manzella Gli strumenti di cautela Informazione del cliente e verifica della sua consapevolezza con conseguente predisposizione di strumenti idonei a dimostrare tale condizione Aggiornamento del cliente in relazione agli sviluppi della pratica

23 avv. Alberto Manzella Gli strumenti di cautela Informazione del cliente sugli eventuali rischi derivanti dallattività che il professionista andrà svolgere. Accordo sulla strategia da adottare Accertarsi che il cliente abbia una visione reale della situazione e che ne sia consapevole.


Scaricare ppt "Avv. Alberto Manzella La responsabilità civile del Professionista Parte II Avv. Alberto Manzella."

Presentazioni simili


Annunci Google