La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La scelta dellERM, una prova generale per la scelta del nuovo ILS? Il metodo seguito da CIPE Guido Badalamenti – Università di Siena Anna Ortigari – Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La scelta dellERM, una prova generale per la scelta del nuovo ILS? Il metodo seguito da CIPE Guido Badalamenti – Università di Siena Anna Ortigari – Università"— Transcript della presentazione:

1 La scelta dellERM, una prova generale per la scelta del nuovo ILS? Il metodo seguito da CIPE Guido Badalamenti – Università di Siena Anna Ortigari – Università di Bologna Gestione delle risorse elettroniche: l'offerta del mercato e la situazione italiana: unanalisi sugli ERMs Convegno CRUI – CARE, Roma, 27 Marzo 2009

2 Agenda 1)Un approccio consortile per la valutazione 2)Gli ERM sono strettamente legati agli ILS 3)Acquisto o partnership 4)Le aspettative degli utenti 5)La specificità italiana 6)I prodotti considerati 7)Qualche conclusione

3 1.1. Un approccio consortile alla valutazione La scelta consortile presenta innumerevoli vantaggi dal punto di vista della qualità e della quantità delle risorse coinvolte nel processo valutativo, di implementazione, gestione, e delleconomia complessiva. Si possono mettere insieme risorse e know how che pochi Atenei sarebbero in grado di impiegare o di distogliere dagli impegni abituali Si possono conseguire dei risparmi economici e migliori risultati Si tratta di un modello consolidato grazie allesperienza maturata con: La valutazione comparativa di WOS e di SCOPUS che ha portato inizialmente a definire una griglia di valutazione molto analitica, sulla base della quale si è realizzata unattività distribuita di test e di valutazione, con unanalisi incrociata degli output dei diversi Atenei La valutazione della piattaforma tecnologica, che ha portato alla scelta di SFX Metalib e alla configurazione di unarchitettura condivisa con una istanza comune (CIPEX) cooperativa per SFX e la condivisione degli oneri gestionali e di implementazione Lorizzonte non è solo quello dei membri del Consorzio, ma si tratta di un progetto aperto alla partecipazione di altri, con la prospettiva di offrire servizi anche a soggetti terzi che non siano membri del Consorzio

4 1.2. Un approccio consortile alla valutazione Tuttavia la valutazione congiunta da parte dei membri di un Consorzio – fortemente caratterizzato dallacquisto di risorse elettroniche - rappresenta un livello di complessità maggiore sotto alcuni profili: leterogeneità degli ILS adottati fa crescere esponenzialmente le esigenze rispetto al livello di interoperabilità degli ERM lalto livello di soddisfazione per i servizi cui si è abituati, rispetto alla gestione dei contratti e delle licenze, innalza le aspettative rispetto alle prestazioni dellERM la necessità di un ERM si colloca non tanto sotto il profilo della gestione dei titoli, quanto piuttosto nellottica dei servizi agli utenti, nellanalisi statistica, nella valutazione dellimpatto dei nuovi acquisti rispetto alle collezioni esistenti (sia cartacee, che elettroniche)

5 2.1. Gli ERM sono strettamente legati agli ILS Le risorse elettroniche occupano uno spazio enorme dei nostri budget (dal 2008 hanno superato la spesa per il cartaceo), della nostra organizzazione, del nostro tempo, non possiamo quindi fare buona programmazione senza un alto livello di integrazione tra ERM e ILS di fatto la nascita degli ERM sancisce lobsolescenza degli ILS cosiddetti di nuova generazione, che avevano come obiettivo la gestione integrata di tutti i servizi di biblioteca la complessità delle nuove funzioni e la necessità di interazione con i knowledge base esterni ha fatto si che fosse più semplice ed efficace sviluppare dei nuovi prodotti, completamente esterni la scelta dellERM è/deve essere condizionata dallILS che si utilizza? la scelta dellERM può condizionare la scelta dellILS futuro?

6 2.2. Gli ERM sono strettamente legati agli ILS i problemi di interoperabilità: io sono compatibile con tutti, sono gli altri che non sono compatibili con me di fatto esiste un basso o nullo livello di controllo sui flusso dei dati, da e verso i prodotti di altre swhouse spesso il più alto livello di interoperabilità lo si raggiunge grazie alle capacità dello staff di ciascuna struttura, o del Consorzio, nel manipolare ed integrare dati provenienti dai due diversi sw. Conseguentemente rientra in gioco la valutazione dei costi in termini di risorse umane. Qual è, e quanto vale, il lavoro che si sposta dallo staff amministrativo/bibliotecario – che noi vorremmo diminuire - a quello sistemistico? i problemi di intraoperabilità: non è detto che tutti i moduli parlino subito lo stesso linguaggio, un giorno lo faranno gli ILS rischiano di rappresentare di fatto i dinosauri del nostro zoo, con cui pochi riescono a parlare dobbiamo aspettare la nascita di nuovi ILS?

7 3.1. Acquisto o partnership Qual è il salto di qualità che riesco a compiere allinterno della mia organizzazione, grazie agli ERMS, qual è il loro livello di maturità? Dal punto di vista delleconomia gestionale, laspettativa per gli ERM ha due profili: la drammatica necessità di informazione tra gli operatori che operano su fronti diversi ma sempre collegati agli ERM: contrattazione, gestione piattaforme, gestione biblioteca verso gli utenti la riduzione della quantità di lavoro che grava intorno alla gestione delle risorse elettroniche se il punto precedente viene semplicemente rimpiazzato o complicato dallattività necessaria allimplementazione di un ERM, il modello va in crisi Gli strumenti attualmente in circolazione riescono ad aggiungere valore in modo significativo allattuale gestione, senza tradursi in unattività aggiuntiva particolarmente complessa? Ed a quali costi? Riescono ad integrarsi in maniera soft nel mio ciclo produttivo e con le mie piattaforme di ricerca, OPAC e linkresolver? Qual è il valore aggiunto rispetto alluso di database locali e tabelle di calcolo Mi consentono la gestione di tutto il mio patrimonio di risorse elettroniche, inclusi gli e-books?

8 3.2. Acquisto o partnership lutilità di incontri e dibattiti con i fornitori In questa fase di forte sviluppo di molto prodotti, vi sono ampie possibilità di collaborazione e partnership con i produttori, per influire sulla qualità dello sviluppo il ruolo che possono avere gli utenti lapproccio consortile allacquisto dovrebbe consentire più agevolmente la pianificazione di una partnership di sviluppo con il produttore, per giungere ad uno sviluppo e ad un mantenimento del prodotto più confacente alle esigenze degli utenti tra i criteri di valutazione sarebbe utile prevedere anche lo spazio che viene riconosciuto dal fornitore per le richieste e le proposte avanzate dagli utenti

9 4.1. Le aspettative degli utenti Perché è importante partire dai nostri bisogni? a) Per fare scelte più consapevoli rispetto agli investimenti di risorse economiche e umane Qual è il valore aggiunto e quali gli output di cui abbiamo bisogno? a) Semplificare lintero il flusso di lavoro delle RE per le varie tipologie di licenze: modello di workflow e modello organizzativo b) Integrare con altri strumenti di gestione delle licenze: es. moduli acq. ILS, con altri strumenti di analisi e gestione dei costi (budget, reportistica controllo di gestione) con strumenti di implementazione e gestione degli accessi : es. link resolver, cataloghi strumenti di monitoraggio e valutazione delle performance del servizio e analisi dei costi/benefici delle RE: es. statistiche, costi di processo c) Supportare nei processi selezione delle collezioni e dei modelli di licenza, es. analisi sovrapposizioni con bdati testo pieno,: p+ol, e-only, holdings d) Migliorare Il flusso di comunicazione con le biblioteche e con gli utenti, es. opzioni sulle collezioni, vincoli e opportunità dei contratti su modelli di licenze, clausole sui diritti degli utenti

10 4.2. Le aspettative degli utenti Lutilità del confronto con la letteratura e con altre esperienze in corso: La metodologia di valutazione adottata ha tratto beneficio da: a)letteratura professionale (straniera): iniziative, buone pratiche, problematiche, griglie di analisi comparativa e soluzioni adottate b)valutazioni condotte da Jisc e Sconul, dal Consorzio francese Couperin e dal Consorzio portoghese B-On (Biblioteca do Conhecimento Online). c)di particolare utilità: schema della DLF ERM Initiative d)confrontato con una rappresentazione schematica di workflow di risorse consortili Cipe: dal processo decisionale a quello di gestione e manutenzione **

11 4.3. Le aspettative degli utenti Il work flow come punto di riferimento per limplementazione, la gestione e la manutenzione Ci ha permesso di predisporre a)rappresentare il flusso di lavoro e di comunicazione delle tipologie di licenze consortili e di risorse prese in esame b)rappresentare una sintesi delle esigenze e aspettative sottoposte ad alcuni soggetti commerciali c)avere uno strumento di analisi e di valutazione comparativa per i prodotti esaminati d)adottare una metodologia valutativa oggettiva e condivisa da più sedi Cipe (simile a quella adottata per scopus/wos) Griglia esigenze e di valutazione Cipe

12 4.4. Le aspettative degli utenti Griglia sintetica esigenze di valutazione di Cipe **

13 4.4. bis Griglia di valutazione: Esplosione dei requisiti di negoziazione

14 5.1. La specificità italiana Altri requisiti: grado flessibilità, granularità, completezza Alla complessità che deriva da un mercato in continua evoluzione, dalla riduzione delle risorse disponibili e dalla contestuale crescita di esigenze di ricerca, si aggiunge quella che deriva dalla frammentazione dei Centri di ricerca, del Sistema bibliotecario italiano, dei Centri decisionali, dei Centri si spesa Un ERM deve essere sufficientemente flessibile e granulare per implementare e gestire: 1)Tutte le tipologie delle licenze: acquisti e licenze duso, licenze negoziate e licenze standard, nuovi modelli (es open access) 2)Tutte le tipologie di risorse: periodici elettronici, basi dati, libri elettronici 3)La sovrapposizione tra licenze consortili (e/o provenienti da consorzi diversi) e gli acquisti autonomi, a prescindere dal livello di acquisizione e dal numero di soggetti coinvolti: licenze locali, di consorzio/i, nazionale, gruppi di interesse disciplinare

15 5.2. La specificità italiana Inoltre 4) gestire tutte le modalità di adesione e le opzioni fra Consorzi e allinterno dello stesso Consorzio a)Per le Biblioteche, opzioni su collezioni: es. big deal, subj coll, backfile, contenuti su licenze e piattaforme diverse (jstor+editore per corrente, editori+bdati)) modelli economici, es. p+ol, e-only modalità di accesso, es. locale, remoto b)Per gli Utenti: necessità di informare in modo capillare e rapidamente sui diritti, servizi e comportamenti derivanti dalle diverse clausole Diversi fra editori: utenti autorizzati, usi consentiti, es. ill, dd, course package Diritti che cambiano con la mobilità dei titoli …

16 6.1. I prodotti considerati 1)Prodotti commerciali: incontri, trattative, analisi, valutazioni a) Verde (Ex Libris) b) Serials Solutions 360 Resource Manager 2) Prodotti Open Source: analisi a)Gold Rush (CARL, Colorado Alliance of Research Libraries)

17 6.2. I prodotti considerati Punti di forza e di debolezza (analisi al ) ** 3) Dove si è fermata la nostra analisi

18 7. Qualche conclusione a) Rispetto al momento storico dellanalisi Prodotti immaturi rispetto a esigenze iniziali individuate da Cipe Rapidi processi di reingegnerizzazione di prodotti nati come appendici ai link resolver Necessità di ulteriori approfondimenti e valutazione anche di soluzioni alternative b) Rispetto al contesto di Cipe e alla prospettiva di dotarci di unico ERM/Cipe Tutti i prodotti presi in esame hanno problemi di interoperabilità con prodotti terzi: ILS o link resolver Esigenza comune di ottimizzare e recuperare investimenti in termini di risorse economiche e umane e … di seguire con attenzione la rapida evoluzione in vista di una soluzione comune

19 Il gruppo di lavoro ERM di CIPE Studio di fattibilità: marzo-novembre 2008 Analisi esigenze utenti, studio della documentazione, presentazioni, incontri trattative e colloqui con i fornitori oggetto dello studio di fattibilità sono state condotte da: Le Università Bologna, Firenze, Genova, Modena, Parma, Sassari, Siena Le Persone (bibliotecari e informatici) G. Badalamenti (coordinatore) I.Davoli, S.De Lucchi, D.Doro, M.Gorreri, R.Ingrosso, A. Lippi, F.Mamoli, G.Maraviglia, A.Melis, M.Nardelli, E.Nenci, A.Ortigari, D.Parrini, V.Pea, E.Pilia, M. Putti, M.Tagliabue, L.Vannucci


Scaricare ppt "La scelta dellERM, una prova generale per la scelta del nuovo ILS? Il metodo seguito da CIPE Guido Badalamenti – Università di Siena Anna Ortigari – Università"

Presentazioni simili


Annunci Google