La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.fire-italia.org Una valutazione del contributo delle fonti rinnovabili termiche al conseguimento dellobiettivo nazionale Roma, 19 – 20 aprile 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.fire-italia.org Una valutazione del contributo delle fonti rinnovabili termiche al conseguimento dellobiettivo nazionale Roma, 19 – 20 aprile 2011."— Transcript della presentazione:

1 Una valutazione del contributo delle fonti rinnovabili termiche al conseguimento dellobiettivo nazionale Roma, 19 – 20 aprile 2011 Giuseppe Tomassetti, FIRE Seconda conferenza nazionale sulle rinnovabili termiche

2 Cosè la FIRE La Federazione Italiana per luso Razionale dellEnergia è unassociazione tecnico-scientifica che promuove per statuto lefficienza energetica in tutte le sue forme, supportando chi opera nel settore. Oltre alle attività rivolte ai circa 500 soci, la FIRE opera su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico per gestire le nomine e promuovere il ruolo degli energy manager nominati ai sensi della Legge 10/91. La Federazione collabora con le Istituzioni, la Pubblica Amministrazione e varie Associazioni per diffondere luso efficiente dellenergia ed opera a rete con gli operatori di settore e gli utenti finali per individuare e rimuovere le barriere di mercato e per promuovere buone pratiche. Rivista Gestione Energia 2

3 Progetti e collaborazioni FIRE Oltre a partecipare a progetti europei, la FIRE realizza studi e analisi di mercato e di settore su temi di interesse energetico, campagne di sensibilizzazione e informazione, attività formative a richiesta. Fra i soggetti con cui sono state svolte delle collaborazioni si segnalano lENEA, il GSE, lRSE, grandi aziende, università, associazioni, agenzie e enti fieristici. Oltre a partecipare a progetti europei, la FIRE realizza studi e analisi di mercato e di settore su temi di interesse energetico, campagne di sensibilizzazione e informazione, attività formative a richiesta. Fra i soggetti con cui sono state svolte delle collaborazioni si segnalano lENEA, il GSE, lRSE, grandi aziende, università, associazioni, agenzie e enti fieristici. Fra i progetti conclusi: Eurocontract - ST-Esco Fra i progetti conclusi: Eurocontract - ST-Esco

4 Il vincolo della U.E. sulla quota di fonti rinnovabili è fissato per lItalia al 17% degli usi finali dellenergia. Il riferimento agli usi finali è del tutto nuovo nelle nostre statistiche e ci sono ancora problemi aperti di definizione; come conseguenza principale si ha che un kWh termico ha lo stesso valore di un kWh elettrico. Per maggiori approfondimenti Riferimento degli impegni 4 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

5 Il PAN FER, Piano di Azione Nazionale per lEnergie Rinnovabile, del 2010, propone di raggiungere, nel 2020, usi finali di energia ricavati da fonti rinnovabili, pari a 98 TWh di elettricità (equivalenti a 8,6 Mtep), 10,5 Mtep di calore e 2,9 Mtep di combustibili per il trasporto, per un totale di 22 Mtep. Riferimento degli impegni 5 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

6 La produzione elettrica è ben monitorata da Terna e dai distributori grazie anche alla gestione della fiscalità sui consumi degli utenti. I consumi di calore non hanno una struttura preposta al monitoraggio delle attività, la fiscalità è a monte sui prodotti petroliferi, è al consumo per il gas, infine è assente per le altre fonti. Da questa situazione derivano le grandi incertezze per i dati sull energia termica, per altro più difficile da misurare. Necessità di dati 6 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

7 Il BEN (Bilancio Energetico Nazionale) riporta i dati ufficiali per i rifiuti, la legna, le biomasse trasformate in elettricità ed il biodiesel. La tabella che segue indica 2,5 Mtep utilizzate come combustibili negli usi finali, 1,06 Mtep utilizzate per i servizi di trasporto (!) e 2,36 Mtep che, trasformate in altre forme energetiche, generano 7,6 TWh di elettricità (pari in usi finali a 0,63 Mtep) e 0,16 Mtep di carbone vegetale. Le biomasse nel BEN 7 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

8 Le biomasse nel BEN 8 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

9 Per la valorizzazione delle fonti rinnovabili legate alle biomasse, negli impieghi finali termici, occorre aggiungere a quanto già considerato dal BEN, anche: La legna auto-approvigionata dalle famiglie La legna commercializzata in nero Lutilizzo dei materiali di scarto, di riciclo di recupero dallagricoltura e dalle industrie Il calore dal teleriscaldamento a biomassa Il calore dalla cogenerazione a biomassa La quota biogenica dei rifiuti e del CDR Dati non ufficiali 9 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

10 Limpiego più rilevante è quello per il riscaldamento degli edifici. Le dimensioni di questo impiego risultano da quattro diverse indagini che confermano che almeno un quinto delle famiglie italiane si scalda a legna, per il 50% circa auto-approvvigionata. Il parco di apparecchi è in continuo miglioramento, dai camini aperti del passato ai termocamini, alle stufe e caldaie a caricamento meccanico ai sistemi a gassificazione. Sono stimati consumi intorno ai 20 Mton lanno di legna secca, quindi equivalente a 6.5 Mtep. Per maggiori approfondimenti e.pdf Dati non ufficiali 10 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

11 Lanalisi FIRE dei vari contributi delle biomasse agli usi finali sia termici che elettrici indica i valori seguenti per il 2009 Per i riferimenti delle valutazioni 02%20valutazioni%20su%20impatto%20biomasse%20su%20obiettivi% pdf Dati non ufficiali 11 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

12 Sulla base di queste stime, il contributo delle fonti rinnovabili agli usi finali a fine 2010 in Italia, è dato dalla tabella, per un totale di 16,7 Mtep, valore non molto lontano dallobiettivo di 22 Mtep per il Francia e Germania hanno già formalizzato il maggior ruolo delle biomasse Dati non ufficiali 12 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

13 Gli impegni al 2020, debbono essere tecnicamente, economicamente e ambientalmente sostenibili e permettere lespansione negli anni futuri. Le fonti non programmabili che danno elettricità difficilmente accumulabile, pongono problemi nei periodi di basso carico e nella necessità di impianti programmabili pronti a sostituirli. Sostenibilità delle fonti rinnovabili 13 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

14 Sostenibilità delle fonti rinnovabili 14 Il foto- voltaico ha limiti in agosto e nei week end Leolico ha limiti nella richiesta notturna Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

15 La produzione di elettricità da biomasse solide o da bioolio, senza valorizzazione del calore recuperabile, non è oggi economica in assenza di incentivi; ai prezzi attuali delle biomasse questi impianti chiuderanno alla scadenza degli incentivi. Daltra parte è opportuno che il prezzo delle biomasse abbia una sua dinamica positiva in modo che lagricoltura e le foreste, garantiscano sia le forniture per usi energetici sia un reddito adeguato ai produttori, integrandosi con le produzioni alimentari. Sostenibilità delle fonti rinnovabili 15 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

16 Gli impieghi per il riscaldamento degli edifici sono economicamente sostenibili, anche a prezzi crescenti delle biomasse, perché in Italia, idrocarburi e riscaldamento pagano pesanti accise. Non sono necessari incentivi diretti ai consumatori, essi servono invece per lo sviluppo delle filiere del teleriscaldamento e per promuovere e diversificare la produzione interna delle biomasse. Costo del riscaldamento degli edifici 16 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

17 Costo del riscaldamento degli edifici 17 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

18 Gli impianti di teleriscaldamento a biomassa utilizzano materiale di differente provenienze e di minore qualità rispetto a quello utilizzato da stufe e caldaie delle famiglie, essi garantiscono un servizio completo agli utenti e centralizzano le emissioni facilitandone il controllo. Sono investimenti a basso rischio ma molto elevati specie per il costo delle reti, il decreto del 3 marzo prevede un fondo di garanzia specificamente formulato per promuovere questi interventi. Costo del riscaldamento degli edifici 18 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

19 Costo del riscaldamento degli edifici 19 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

20 Per il settore del riscaldamento a biomasse nelle famiglie vanno previste campagne di sostituzione degli impianti esistenti e di risanamento dei canali per levacuazione dei fumi della combustione. Una migliore efficienza e una maggiore facilità duso con la meccanizzazione del caricamento (pellet), permetterà di espandere il numero delle utenze con minori emissioni, maggiore sicurezza e limitato aumento dei consumi globali di biomassa. Impianti individuali 20 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

21 Esempio di caldaia a fiamma rovescia 21 Unical spa Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

22 Strategica è la produzione di biomasse, dalle foreste, dallagricoltura e dai mari, mentre la grande scommessa è nei processi per la loro trasformazione in liquido o gas. Si tratta di tecnologie studiate da decenni, con forti interazioni con lo sviluppo industriale e le normative ambientali; le difficoltà sono notevoli e sono state causa di molti fallimenti. Occorre rilanciare la ricerca, anche con dimostrazioni prima di passare ad incentivare le applicazioni. Produzione e trasformazione delle biomasse 22 Impegni Dati ufficiali Il BEN Dati non ufficiali Sostenibilità Incentivi Strategia

23


Scaricare ppt "Www.fire-italia.org Una valutazione del contributo delle fonti rinnovabili termiche al conseguimento dellobiettivo nazionale Roma, 19 – 20 aprile 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google