La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Questo lavoro nasce dalla visita al Grande acquario delle tegnùe che si trova al museo di Storia Naturale di Venezia, dove abbiamo potuto partecipare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Questo lavoro nasce dalla visita al Grande acquario delle tegnùe che si trova al museo di Storia Naturale di Venezia, dove abbiamo potuto partecipare."— Transcript della presentazione:

1

2 Questo lavoro nasce dalla visita al Grande acquario delle tegnùe che si trova al museo di Storia Naturale di Venezia, dove abbiamo potuto partecipare a dei laboratori didattici organizzati dall Associazione Naturalistica Limosa. Un caloroso grazie a tutte le operatrici, in particolare a Barbara.

3 CHE COSA SONO? Le Tegnùe sono formazioni rocciose, che si trovano sotto il livello del mare. Le Tegnùe hanno una vegetazione molto colorata, per questo da molti, vengono anche chiamate la nostra barriera corallina. Ma è sbagliato chiamarle così, perché il nostro mare ha il fondale sabbioso, perciò lacqua non è limpida ed i pesci non sono di vari colori. Le Tegnùe sono di estensione variabile.

4 COSA SIGNIFICA TEGNUE? Tegnùe significa trattenute. Infatti, ai pescatori che si recavano in quelle zone a pescare, la rete a strascico si impigliava sui fondali delle tegnùe e veniva persa. Da quando non si pesca più in quelle zone, le tegnùe si sono popolate da tante piante e pesci.

5 DOVE SI TROVANO? Le tegnùe si trovano nel mare Adriatico, in particolare di fronte alla laguna di Venezia. Si possono trovare dagli 8 m ai 40 m di profondità.

6 CENSIMENTO DELLE TEGNUE Il censimento è il riconoscimento di una tegnùa. Non tutte le tegnùe sono state individuate; quando un subacqueo ne scopre una, può inserire i dati in una scheda dell associazione Tegnùe di Chioggia dove è indicato il tipo di conformazione della tegnùa, gli animali avvistati, le piante presenti…

7 COME SI SONO FORMATE? Questi fondi rocciosi hanno iniziato a crearsi circa anni fa, quando il livello del mare era più basso. Le tegnùe sono dovute a emanazioni di metano, che a contatto con l acqua si ossida, produce anidride carbonica, poi si mescola con il calcio, dando origine al calcare che ha solidificato i detriti e la sabbia.

8 IN LABORATORIO Osserviamo le rocce Poi abbiamo regolato lobiettivo per mettere a fuoco e per cogliere le caratteristiche dei due tipi di roccia. Infine le abbiamo disegnate e abbiamo completato una scheda. Abbiamo preso due rocce: una organogena e una clastica. Le abbiamo messe sul piatto di uno stereoscopio, uno strumento che permette di ingrandire materiali non trasparenti.

9 ROCCE CLASTICHE La roccia clastica è formata dallinsieme di sabbia, che si è cementata grazie ai sali minerali contenuti nellacqua marina, e da conchiglie.

10 ROCCE ORGANOGENE Le rocce organogene si formano con la stratificazione di scheletri calcarei che compattandosi creano strutture di diversi spessori. Queste rocce iniziano a formarsi partendo dai detriti, gusci di grossi bivalvi e altri oggetti che si trovano sul fondo (ancore,reti..). Sulla superficie presentano dei fori, alcuni visibili ad occhio nudo, altri solo al microscopio; hanno un aspetto compatto e non si sgretolano facilmente.

11 GLI ABITANTI DELLE TEGNUE VEGETAZIONE Le acque attorno alle Tegnùe sono molto torbide a causa dei fondali sabbiosi. La luce è quindi scarsa. In queste condizioni solo alcune specie di alghe rosse sono capaci di fare la fotosintesi. Le alghe rosse calcaree vengono anche chiamateCorallinacee. Tra queste ci sono alghe incrostanti, di colore violaceo con la forma simile a quella dei funghi che crescono sugli alberi.

12 IN LABORATORIO Osserviamo lacquario Nell acquario gli specialisti, hanno riprodotto lhabitat delle tegnùe, preparando i fondali, mettendo dei pezzi di roccia delle tegnùe, aggiungendo lacqua salata e regolando la temperatura. Sono poi state introdotte le alghe e gli animali adatti, cioè non in competizione tra loro. A noi ha colpito molto come gli specialisti siano riusciti a osservare, studiare e riprodurre meticolosamente lhabitat giusto. Ci siamo divertiti nel riconoscere gli organismi viventi e abbiamo imparato molto.

13 GLI ABITANTI DELLE TEGNUE I PESCI Sparus aurotus Orata Gobius paganellus Ghiozzo paganello Scorpoena notata Rafinesqua Scorfano Diplodus annularis Sparo

14 UN ABITANTE DECCEZIONE IL GRONGO Il grongo è il re delle tegnùe, è carnivoro, molto lungo, veloce. Appartiene alla famiglia delle anguille. Ama nascondersi tra le rocce per ripararsi e attaccare con più facilità le prede che gli passano davanti. Il colore della sua pelle è grigio-bruno. Conger conger Grongo

15 Prepariamo la nostra raccolta LABORATORIO DI MALACOLOGIA Malacologia: ramo della zoologia che studia i molluschi. I malacologi si occupano della raccolta e della catalogazione delle conchiglie. Abbiamo provato anche noi…... le abbiamo lucidate con olio di paraffina … … trascritto il nome su un apposito cartellino … … ed inserito il tutto in una bustina di plastica.

16 GLI ABITANTI DELLE TEGNUE I MOLLUSCHI Chlamys varia Pettine vario Arca noae Arca di Noè Acanthocardia echinata Cuore rosso Pecten jacobaeus Cappasanta Hexaplex trunculus Garusolo Glycymeris glycymeris Piede d asino Naticarius stercusmuscarum Natica millepunctata

17 UN ABITANTE DECCEZIONE E in via d estinzione, perché veniva raccolta e usata per la cosiddetta seta di mare ovvero il bisso che produce. In antichità infatti il bisso di questo mollusco, veniva usato dalle donne per tessere e ricamare. Questo mollusco ospita generalmente, all interno della conchiglia, piccoli granchi chiamati I guardiani della pinna. Viene chiamata comunemente Astura o Pacostrega La Pinna nobilis è il più grande mollusco bivalve presente nel nostro mare. Possiede infatti una robusta conchiglia cuneiforme che supera gli 80 cm. PINNA NOBILIS

18 GLI ECHINODERMI GLI ABITANTI DELLE TEGNUE Echinoderma vuol dire pelle spinosa. Gli echinodermi, hanno uno scheletro esterno, la pelle è ricoperta da aculei e spine. Il corpo è simmetrico a raggiera. Vivono solamente nellacqua del mare, si muovono strisciando sul fondo. Possono essere erbivori, carnivori, filtratori, o nutrirsi di detriti. Riescono a rigenerare le parti del corpo perse. Ophiothrix fragilis Ofiura Paracentrotus lividus Riccio di mare Holothuria tubulosa Cetriolo di mare

19 GLI ABITANTI DELLE TEGNUE I CROSTACEI Maja crispata granceola Clibanarius erythropus paguro Homarus gammarus astice

20 IN LABORATORIO Creiamo la nostra Tegnùa Disegnamo gli abitanti Prepariamo le rocce Allestiamo il fondale LA NOSTRA TEGNUA E PRONTA

21

22


Scaricare ppt "Questo lavoro nasce dalla visita al Grande acquario delle tegnùe che si trova al museo di Storia Naturale di Venezia, dove abbiamo potuto partecipare."

Presentazioni simili


Annunci Google