La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

4°PACCHETTO TURISTICO fine settimana 5 - 6 giugno 2010 1° giorno - 5 GIUGNO 2010 Ore 09.00 - Partenza bus da luoghi prestabiliti; Ore 10.00 – Arrivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "4°PACCHETTO TURISTICO fine settimana 5 - 6 giugno 2010 1° giorno - 5 GIUGNO 2010 Ore 09.00 - Partenza bus da luoghi prestabiliti; Ore 10.00 – Arrivo."— Transcript della presentazione:

1

2

3 4°PACCHETTO TURISTICO fine settimana giugno ° giorno - 5 GIUGNO 2010 Ore Partenza bus da luoghi prestabiliti; Ore – Arrivo nella cittadina di MONTEFALICIONE, dove il comitato accoglienza garantira' le visite guidate; Ore Arrivo a TAURASI con visita al castello; Ore Pranzo presso ristorante del luogo; Ore – Partenza alla volta di MONTEMARANO, visita al centro storico e al museo dell'arte contadina con partecipazione di gruppi che eseguiranno la tarantella montemaranese; Ore Arrivo a NUSCO con sistemazione in hotel e visita al centro del paese; Ore Cena in hotel con evento serale. 2° giorno - 6 GIUGNO 2010 Ore – Colazione in hotel; Ore Partenza alla volta di CAIRANO con visita al centro storico e ai sentieri naturalistici; Ore Partenza alla volta di CALITRI con visita guidata a cura dell'associazione pro loco; Ore – Pranzo presso ristorante del luogo; Ore – Partenza alla volta di LACEDONIA con visita al paese, al centro storico e ai monumenti. Ore Aperitivo a cura dell'amministrazione comunale e della pro loco; Ore Ritorno ai luoghi di partenza.

4 Montefalcione, comune della regione Campania in provincia di Avellino, dista circa Km 15 dal capoluogo di Provincia e circa Km 70 da Napoli (Capoluogo di regione) e Km 11 dal casello autostradale Av-Est della Napoli Bari. Distanze in km per raggiungere Montefalcione (AV) Avellino -15 Km Napoli - 70 Km Casello Autostradale AV-EST (NA-BA) 11 Km STRADE DI ACCESSO AL COMUNE - S.P. 61 L'antica frequentazione del territorio di Montefalcione è confermata dal ritrovamento di resti archeologici (iscrizioni romane, vasi e tombe) nelle Contrade Croce e S. Fele. Non vi è concordanza in merito alla nascita del borgo medioevale, visto che sebbene risalga all'epoca delle lotte tra Longobardi e Normanni, l'edificazione del castello viene attribuita da alcuni ai primi e da altri ai secondi. Ad ogni modo, la struttura difensiva venne edificata nel punto più elevato della collina, offrendo sicuro riparo agli abitanti che vi si andarono aggregando. Si formò così il nucleo originario del paese, che taluno (forse ottimisticamente) ritiene risalga al VI secolo, attorno a cui vennero edificati i primi edifici religiosi e civili. Le attività mercantili, per evitare il disagio della salita in collina, si svilupparono più in basso rispetto al paese, dove sorse un agglomerato urbano noto come "Taverna" o "Borgo", dove, nel 1680, venne costruita la Chiesa Madre di S. Giovanni Battista l'Eremita, affiancata dal Monastero-Ospedale. Fuori dal centro abitato, venne costruito il convento dei Frati Benedettini di Montevergine.

5 Tra i Signori che si sono avvicendati nella gestione delle rendite feudali spiccano i Montefalcione, feudatari per cinque secoli. Altri feudatari furono i Poderico, i de Tocco di Montemiletto ed, infine, Francesco Tocco-Cantelmo-Stuard. Ovviamente, col decorso del tempo, la crescita del paese ha finito per congiungere i vari nuclei antichi di aggregazione, originando l'attuale struttura urbana. La notte del 7 luglio del 1861, 2000 reazionari borbonici misero a ferro e fuoco il palazzo del sindaco di Montemiletto, in cui soccorso giunsero dei liberali di Torre Le Nocelle. I reazionari commissero nefandezze indicibili, quali fucilazioni di massa, ferimenti cruenti, incendi. Successivamente, i rivoltosi si spostarono nel paese dei soccorritori, che devastarono. I soccorsi giunti da Avellino affrontarono a Montefalcione, per diverse ore, i rivoltosi. Questi ultimi vennero dispersi solo successivamente, con il sopraggiungere di uno squadrone di cavalleria ungherese, dotato di quattro cannoni leggeri. Al pari di tanti altri Comuni irpini, Montefalcione ha subito numerosi terremoti; limitandoci ai più recenti, ricordiamo quelli del 5 giugno 1688, dell'8 settembre 1684 (drammatico), del 14 marzo 1702, del 29 novembre 1732 (tremendo), ed, infine, quello che ancora ricordiamo del 23 novembre Durante la Seconda Guerra Mondiale, Montefalcione fu teatro di scontri bellici. In merito alla questione etimologica, diverse sono le spiegazioni date all'origine del nome del paese. Secondo alcuni, Montefalcione prese il nome dai feudatari Montefalcione avanti citati, anche se vi è chi sostiene che fu piuttosto il paese a dare il nome ai feudatari. Altri, ricordando che il paese, venne chiamato "Montefalzone" e "Montefaudone" (e "Montefaucione in dialetto), in riferimento al falco, un rapace che svolazzava numeroso, o alla falce (volgarmente detta "faucione").

6 In auto Per chi viene da Nord, uscire al casello di Benevento (a km. 13), sul raccordo autostradale di Benevento con la A16 "Napoli-Canosa di Puglia", immettersi sulla S.S. 90 "delle Puglie" e seguire la S.P. 52 "Ponte Calore-Taurasi" (per km. 6); oppure uscire al casello di Grottaminarda (a km. 15) sulla A16, immettersi sulla S.S. 90 e successivamente seguire la S.P. 57 "Mirabella Eclano-Taurasi- Taurasi Scalo" (per km. 7). Per chi viene da Sud, uscire ad Atripalda (a km. 27), sul raccordo autostradale Salerno-Avellino della A3 "Napoli-Reggio di Calabria", immettersi sulla S.S. 7 "Appia" e proseguire per S.P. 52. Da Avellino (a km. 31), si può seguire la S.S. 400 "Ofantina" e successivamente immettersi sulla S.S. 400 bis, raggiungere il nucleo industriale di s. Mango sul Calore e proseguire per la S.P. 57. In Contrada S. Martino, sulla sommità della dorsale della collina su cui sorge Taurasi, insiste un sito preistorico con strutture relative al periodo Eneolitico, cioè al principio della diffusione dell'uso dei metalli (prima metà del IV millennio A.C). La carenza di difese naturali e la vicinanza del sito in oggetto al fiume Calore fa supporre che non si trattasse di una struttura difensiva, ma bensì di un piccolo insediamento agricolo. Le strutture rinvenute, alle quali sono collegate diverse sepolture ad incinerazione, rivestono particolare importanza nella preistoria di Taurasi e dell'Irpinia, grazie all'abbondanza ed all'originalità dei ritrovamenti.

7 Il rinvenimento all'interno di tali strutture di numerosi reperti ceramici e litici non collegati direttamente alle sepolture, come ad esempio, un bellissimo pugnale di rame, fanno supporre che in tali luoghi si svolgessero anche attività legate al culto dei morti (cerimonie, riti, ecc.). Seppur presenti nel Neolitico in altre zone d'Italia, quelle scoperte a Taurasi sono senz'altro le più antiche incinerazioni da sepolture distinte scoperte. Il cadavere veniva cremato, unitamente al vestiario ed ad oggetti personali (quali punte di frecce, vasi pugnali, fusaiola). Quanto residuava d alla cremazione veniva raccolto e collocato nelle s strutture in discorso, talvolta direttamente in fosse, la maggior parte delle volte, invece, in vasi che fungevano da cinerario. Molti ascrivono le origini della odierna Taurasi, all'antica Taurasia, antica città hirpina. II nome della città è contenuto nell'iscrizione sulla tomba di L. Scipione Barbato, che ricorda Taurasia tra i centri da lui conquistati durante la terza Guerra Sannitica (ORELLI, Inscr., 550). Dura sorte toccò al sito (ed ai suoi abitanti), distrutto nel 268 A.C., confiscato e fatto rientrare nell'ager publicus populi Romani, in cui vennero insediati, successivamente, nel 180 A.C., per ordine del Senato, gli Apuani Liguri che erano stati rimossi dalle loro sedi a seguito della loro ribellione a Roma (Liv., XL, 38).

8 Il problema, però, è che se si è certi dell'esistenza di Taurasia, assai dibattuta è la sua esatta ubicazione. Vi è chi, infatti, ritiene che i Romani l'abbiano fatta riedificare esattamente dove oggi sorge Taurasi. Secondo altri, Taurasia era ubicata sulla riva destra del fiume Calore, ad una trentina di chilometri sopra la sua congiunzione col Tamaro. Pertanto, l'odierno Taurasi, avrebbe solo mantenuto il nome dell'antica Taurasia. Un'altra tesi, invece, fa derivare il nome dal latino "Taurus" (toro) e non dall'originario sito hirpino. Di certo i Romani a Taurasi misero piede, come risulta dai tipici mattoni formato 3 x 21 cm che si trovano alla base della Porta Maggiore. Il borgo attuale, di presumibile fondazione Longobarda verso l'VIII secolo, si sviluppò in epoca medioevale, durante la quale Taurasi crebbe attorno al Castello. Certa è la sua distruzione successiva ad opera dei Saraceni, incerta, però, ne è la data (910 o 925 o 995). Il castello vide accrescere notevolmente la sua importanza a seguito dell'ampliamento e fortificazione durante la dominazione Normanna, intorno al Conquistato da Ferrante d'Aragona nel 1461, e distrutto da bombardamenti nel 1496, il borgo fu feudo dei Gesualdo, che nel 1582 fecero edificare la Chiesa del SS Rosario e Convento di S. Domenico, dei Filangieri e dei Latilla (col titolo di Marchesi). Tra i drammatici eventi passati, oltre alle guerre, particolarmente drammatica fu la peste del 1656, che dimezzò la popolazione.

9 In auto il paese è raggiungibile percorrendo la S.S. Ofantina o la S.S. Ofantina bis, oppure l'antica S.S. Appia n.7, provenendo dai diversi centri della Campania, quali la vicina Avellino, Napoli e Salerno. Inoltre, provenendo dalla Puglia, è possibile raggiungere il Comune percorrendo la Bari-Napoli, uscendo ad Avellino est e proseguendo poi lungo le due Ofantine. Infine sia dalla Puglia, dalla Basilicata, che dalla Calabria, il Comune è raggiungibile attraverso l'Appia n.7, l'Ofantina o la Fondovalle Sele. Montemarano, comune della provincia di Avellino, dista 24 chilometri dal capoluogo e si trova a 820 metri di altezza sulla Valle del Calore, in una felice posizione naturalistica e ambientale. Nel territorio, ricco di acque che sgorgano anche dalla sorgente Baiardo e alimentano l'acquedotto dell'Alto Calore, l'attività preponderante è l'agricoltura di cereali e di uve da pregiati vitigni come l'aglianico, da cui viene ricavato il Taurasi d.o.c. All'attività agricola si accompagna quella dell'allevamento del bestiame che consente una buona produzione di latticini. Nelle zone boschive, più lussureggianti intorno al villaggio medioevale di Bolofano, si raccolgono funghi e fragole.

10 La Storia di Montemarano La tradizione tramandatasi fino ad oggi vuole che a fondare la città sia stato un certo Mario Egnazio, ribelle e valoroso condottiero irpino, che si fermò su questi monti, dove riuscì perfino a sconfiggere le schiere romane. Il periodo più fiorente Montemarano lo visse intorno all'anno Mille sotto l'episcopato di Giovanni, cittadino, vescovo, e poi Santo protettore che, seppe difendere la città dagli avventurieri e dalle prime invasioni normanne Giovanni, con la forza della fede e della ragione fermò le spade, facendo di Montemarano un'oasi di pace e di benessere. Nel 1138 la città fu occupata, saccheggiata e incendiata da Ruggero il Normanno perché Landolfo Signore di Montemarano insieme ad altri feudatari si era schierato contro la città di Benevento che appoggiava i Normanni contro il pontefice. Il periodo tra il 1400 ed il 1500 fu il più importante, si caratterizzò per il fiorire delle leggi che disciplinavano l'igiene, la macellazione, il seppellimento dei morti ed altri servizi essenziali. La decadenza investì la città di Montemarano tra il 1600 ed il 1700 per le pestilenze che si susseguirono in tale periodo. La feudalità di Montemarano durò fino l'anno Nel 1818 la diocesi fu soppressa e aggregata a quella di Nusco.

11 In auto Il Comune dista circa 35 km dalla Autostrada Napoli-Bari, con uscita al casello di Avellino Est. In alternativa il centro è raggiungibile in auto mediante la Strada Statale n.7, che dista 3 km dal bivio di Passo Manteca. Distanza da Napoli 81 km. Tempo stimato di percorrenza 55 min. Nusco con i suoi 914 m.s.m., è tra i comuni dotati della più elevata altitudine della provincia di Avellino, da cui dista 39 Km. È adagiata su un colle che fa da spartiacque tra l'alta valle del Calore e quella dell'Ofanto. È stata definito "Balcone dell'Irpinia" per il vasto panorama osservabile, infatti lo sguardo del visitatore può spaziare dal Massiccio del Vulture, al Terminio, ai monti del Matese, all'Appennino Dauno. Conosciutissimo ed apprezzato per l'ospitalità della popolazione, la salubrità dell'aria e le sue specialità gastronomiche, Nusco è meta di quanti amano la pace, la tranquillità e la buona cucina. Il comune di Nusco ha dato i natali all'ex presidente del consiglio dei ministri Ciriaco De Mita.

12 La Storia di Nusco Il nome del paese deriverebbe dalla voce popolare "nusco" con la quale si designa il muschio, caratteristico del sottobosco. Sorto in una zona abitata in epoca antica, come dimostrano numerosi ritrovamenti archeologici, Nusco si sviluppò, durante il dominio longobardo, intorno al Castello dove S. Amato raccolse gli abitanti del villaggi della zona (XI secolo). Il borgo, ben difeso dal Castello e dalle mura, diede rifugio a Guglielmo di Puglia nel 1122 e a Manfredi di Svevia nel Più volte soggetto a terremoti, ebbe la popolazione decimata dalla peste nel Ebbe un ruolo da protagonista nei moti risorgimentali. A Nusco, patria di S. Amato, primo vescovo del paese e oggi suo Patrono, nacque nel 1802 lo storico Pasquale Astrominica. Tra i più celebri concittadini, Nusco annovera l'ex presidente del Consiglio dei Ministri del Governo italiano Ciriaco De Mita.

13 Le prime tracce della presenza umana nel territorio di Calitri risalgono al Neolitico, cui appartengono alcuni utensili in selce levigata conservati presso il Museo Irpino di Avellino. Il nome diCalitri risale al toponimo greco "Alètrion" derivante dall'originario "Alètriom" etrusco, che in epoca romana sarà "Aletrium" poi "Caletrum" ed, infine, "Calitri". Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), elencando le popolazioni irpine, parla della colonia degli Aletrini, dando conferma della presenza di una comunità nella zona dove sorge Calitri. Nel periodo medioevale, Calitri è uno dei tanti centri sottoposti all'amministrazione Longobarda prima e Normanna e Sveva poi. Proprio sotto queste due dinastie l'insediamento calitrano conosce un periodo di crescita e prosperità. Al tramonto dell'Impero romano, la storia di Calitri è strettamente legata alle diverse sorti che nei secoli vivrà l'ampio feudo di Conza, importante punto strategico del meridione. Durante la dominazione normanna, il feudo di Calitri venne affidato ai Balvano, mentre sotto il regno di Federico II di Svevia appartenne al regio demanio. Nel 1304 Calitri passò ai Gesualdo, principi di Venosa che ne ebbero il possesso per tre secoli. Con i Gesualdo, Calitri conobbe la sua epoca d'oro e l'antico castello venne trasformato in una sontuosa dimora signorile. In auto Per raggiungere Calitri è necessario percorrere l'A3 Salerno-Reggio Calabria ed uscire allo svincolo di Contursi. La distanza da Napoli è di 133 km. In treno Calitri è servita dalla stazione ferroviaria Isca- Ficocchia che dista circa 5 km. In aereo L'aeroporto più vicino è Napoli Capodichino.

14 Dopo i Gesualdo, Calitri passò ai Ludovisi che, nel 1676, lo cedettero alla famiglia Mirelli. Durante il terremoto dell'8 settembre 1694 il famoso castello di Calitri fu completamente distrutto e morì il principe Mirelli. I superstiti della famiglia Mirelli optarono per l'abbandono dei ruderi in cima alla collina ricostruendo il palazzo baronale più a valle. L'area del castello divenne, dal XVIII secolo in poi, oggetto di grosse modifiche fino ad essere completamente abbandonata a sé stessa. Dopo l'unità d'Italia la storia di Calitri si confonde con quella di tanti altri centri dell'Italia meridionale: brigantaggio, emigrazione, latifondismo baronale, lotte per la spartizione della terra. Nel 1861 fu conquistata dagli uomini del brigante lucano Carmine Crocco, assieme ad Aquilonia e Sant'Andrea di Conza. Nel 1910 e nel 1930 dei sismi di notevole magnitudo colpirono Calitri; nella Prima Guerra Mondiale Calitri diede un notevole contributo alla causa nel 1915 e nel 1918,nel 1924 eressero una Vittoria Alata che ricorda le 120 vittime del conflitto. Nel ventennio fascista vennero realizzate molte opere pubbliche. Nel 1943 arrivarono le truppe tedesche che distrussero molti ponti tra cui quello sull'Ofanto. L'8 settembre, giorno in cui si celebra la natività della Beata Vergine Maria (giorno di festa per i calitrani), una radio annunciò che l'Italia aveva chiesto l'armistizio: i calitrani pensarono alla fine della guerra, ma a Calitri si combatterà, comunque, una battaglia contro i Tedeschi in ritirata. La mattina del 29 settembre dello stesso anno, dei facinorosi si rivoltarono e malmenarono l'allora sindaco conte Salvatore Zampaglione e l'ex podestà, saccheggiarono lo stesso palazzo e uccisero alcuni componenti della famiglia Ricciardi. Nel Secondo dopoguerra ai vertici nazionali c'era la Democrazia Cristiana, tra cui si distinse il concittadino Salvatore Scoca che fu più volte ministro; Calitri risentì con lieve ritardo anche del boom economico: in quegli anni Calitri divenne il più importante centro dell'Alta Irpinia grazie al potere attirante dei suoi istituti scolastici (Scuola Media, ITC, Istituto d'Arte, Liceo Scientifico, Istituto Professionale). Negli anni 1960 la SALCA, fabbrica locale produttrice di laterizi, conobbe uno sviluppo crescente, tuttavia ciò non evitò l'emigrazione verso il Settentrione e l'Europa. Il terremoto catastrofico del 23 novembre 1980 fermò improvvisamente la vita del paese.

15 Il territorio di Cairano venne frequentato ed abitato sin dall'Età del ferro, come confermarono i ritrovamenti archeologici, frutto di diverse campagne di scavo, che individuarono un insediamento ed una necropoli con tombe a fossa. I reperti archeologici sono custoditi presso il Museo Irpino di Avellino. Si tratta di reperti unici, tanto che gli studiosi coniarono la denominazione di "Cultura di Cairano ed Oliveto Citra". Tali reperti archeologici, dalla raffinata lavorazione, dimostrano che in Irpinia, tra il IX ed il VII secolo A.C., vivevano popolazioni che avevano raggiunto un elevato livello di sviluppo, tanto da lavorare abilmente i metalli. Nelle tombe a fossa vennero rinvenute delle spille (fibulae) ad occhiali o munite di arco a staffa, elmi di bronzo, vasi di terracotta, coltelli ricurvi, rasoi. All'età romana risalgono dei reperti rinvenuti nelle località Rasale, Ischia della Corte ed a valle del paese. In auto Per raggiungere Cairano è necessario percorrere l'A16 Napoli-Bari, uscire allo svincolo di Avellino Est e proseguire, seguendo le indicazioni per il paese, per le SS7 e SS400. La distanza da Napoli è di 117 km. In aereo L'aeroporto più vicino è Napoli Capodichino.

16 La prima citazione del borgo medioevale risale al 1096, quando era definito "Castellum Carissanum". Tale Castello, eretto al tempo dei Longobardi nel punto più alto della collina, venne totalmente ricostruito in epoca normanna, quando feudatari erano i Balvano (o Balbano). Durante il Medioevo, funse da fortificazione di Conza, per la sua strategica posizione panoramica. Successivi feudatari furono i Del Balzo, i Gesualdo, i Ludovisi, i Cimadoro (verso la metà del XVII secolo, con presumibile trasformazione della struttura difensiva distrutta nel Medioevo in residenza gentilizia) ed i Garofalo. Cairano diede i natali al musicista Carlo Di Marzio, al giurista Michele De Stefano, allo storico sacerdote Sabino Amato ed a Eugenio Malossi, inventore del "Regolo Malossi", utilizzato per l'educazione di ciechi e sordi. Per quanto attiene alla questione etimologica, è possibile che il nome del paese derivi dalla scoperta di un altare dedicato nell'antichità al Dio Ciano.

17 In auto Immettersi sulla Napoli-Bari ed uscire al casello di Lacedonia. Distanza da Napoli 114 km. Tempo stimato di percorrenza 1h e 10 min. In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Rocchetta S.A. sulla linea Avellino-Rocchetta con collegamenti giornalieri per Rocchetta S.A. (3 corse giornaliere). In autobus Sono garnatiti collegamenti anche mediante autobus di autolinee private con collegamenti per Calitri (1 corsa giornaliera nel periodo invernale), per Monteverde (3 corse giornaliere sia nel periodo estivo che nel periodo invernale) o anche mediante autobus di autolinee pubbliche con collegamenti per Grottaminarda (5 corse giornaliere nel periodo estivo e 6 corse nel periodo invernale) e per Bisaccia (6 corse giornaliere). Centro montano di antica origine, forse identificabile con la città irpina di Aquilonia, da cui deriva il suo attuale toponimo, si trova a nord-est della Provincia di Avellino lungo laltopiano del Formicoso e, quindi, a diretto contatto con il territorio pugliese. Le origini della presenza delluomo nel territorio di Lacedonia risalgono a tempi remoti, spingendosi, forse, come sembrano testimoniare le ricerche archeologiche, fino alletà Eneolitica. Sembra che il feudo sia stato donato ai Benedettini intorno al VI secolo e che, sotto i Longobardi, sia passato sotto il dominio dei Conti di Conza. Simeone, vescovo di Lacedonia, è citato in una cronaca del 1059 redatta da Leone Ostiense. Tra il 1485 ed il 1487, mentre era feudo degli Orsini, fu luogo di incontro dei nobili meridionali ribellatisi a Ferdinando I dAragona, durante la cosiddetta Congiura dei Baroni.

18 Gli ultimi feudatari furono i Principi di Melfi che ne tennero il possesso fino al Limpianto medievale del centro si riflette ancora sia nel tessuto urbano, caratterizzato da vicoli estremamente angusti, tradizionalmente chiamati trasonne, che nel sistema di ingresso alla città tramite porte che, a seconda dellorientamento e della direzione, prendevano nomi differenti, nomi ancora adesso presenti nella toponomastica locale, anche laddove la porta sia scomparsa. Lacedonia era la città che più aveva tenuto De Sanctis sulle spine durante lo sfoglio dei voti, divisa per beghe personali è la città dove nella sua prima giovinezza, in visita ad alcuni suoi parenti era nato il suo primo amore, anchesso non coronato per meschini interessi di parte: da egoismi e puntigli paesani. E ricordando questo primo amore, raccontato dallo storico Landolfi, De Sanctis scelse, come sede per la Scuola Normale rurale maschile Lacedonia e non altri centri come Andretta oppure il suo paese natio Morra. De Sanctis si sentiva "Maestro nato" Ministro della Pubblica Istruzione, del primo parlamento italiano, quel bel giorno del 13 aprile 1861, ebbe a dire: "noi saremo contenti quando in Italia lultimo degli Italiani saprà leggere e scrivere". Voleva che ogni creatura fosse un uomo libero e per lui luomo libero era solo luomo istruito.

19 Comitato Regionale UNPLI Campania Via Provinciale, Contrada (AV) Tel Fax URL: A CURA DEI VOLONTARI SCN - UNPLI CAMPANIA PRESTINENZI GIORGIO - GUERRIERO GIUSY PICARIELLO SARA - RICCARDI MONICA


Scaricare ppt "4°PACCHETTO TURISTICO fine settimana 5 - 6 giugno 2010 1° giorno - 5 GIUGNO 2010 Ore 09.00 - Partenza bus da luoghi prestabiliti; Ore 10.00 – Arrivo."

Presentazioni simili


Annunci Google