La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia e Finanza: la banca vista dalla banca Giampiero Bergami.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia e Finanza: la banca vista dalla banca Giampiero Bergami."— Transcript della presentazione:

1 Economia e Finanza: la banca vista dalla banca Giampiero Bergami

2 Gli effetti del post Lehman Brothers… Consapevolezza della fragilità e della interconnessione del sistema finanziario globale: i.repricing del rischio ii.capitale adeguato alle perdite potenziali (derivati, strutturati) Reazione dei Governi Centrali allo shock finanziario – nazionalizzazioni, aiuti, liquidità Reazione dei Regolatori – Banche Centrali, Comitato di Basilea, EBA, ecc. -: a.regole nazionali più severe b. revisione di Basilea II verso Basilea III: affermazione di Basilea 2.5 2

3 …e della crisi dei debiti sovrani del 2011 il "risk free" non esiste tema della sostenibilità del debito (repricing del rischio) consapevolezza della fragilità del sistema finanziario globale: i.stabilità del passivo delle banche (liquidità) ii.redditività del sistema bancario meccanismi di protezione dell'area Euro (conseguenze sulla vigilanza bancaria) 3

4 Lehman + Crisi Debito Sovrano = Basilea III, il Nuovo Mondo La III versione dell'Accordo di Basilea introduce: 1.Nuovi requisiti di capitale – nella sostanza, maggiore peso del capitale di rischio nel passivo delle banche 2.Nuove (e più stringenti) regole su: a.liquidità b.funding c.leva d.rischi 4

5 Basilea III: l'impatto sul passivo delle Banche L'adeguamento ai nuovi requisiti di capitale comporta: in Europa: miliardi di Euro di Capitale di Rischio aggiuntivo miliardi di Euro di raccolta a breve termine aggiuntiva miliardi di Euro di raccolta a medio-lungo termine aggiuntiva in USA (per le sole banche di piccole dimensioni) : miliardi di Euro di Capitale di Rischio aggiuntivo miliardi di Euro di raccolta a breve termine aggiuntiva miliardi di Euro di raccolta a medio-lungo termine aggiuntiva 5

6 6 New capital structure As expected only CET1 will be eligible for the different capital buffers that may apply: Contingent capital may still play a role for specific Pillar 2 requirements at national level. Pillar 2 Max (G-SII, O-SII, Systemic Risk Buffer) Countercyclical Buffer Capital Conservation Buffer Tier 2 AT1 CET1 0-2% 0-5% 0-2.5% 2.5% Tier 2 2% 1.5% Hybrid Tier 1 4.5% Core Tier 1 4% 2%

7 7 Phase-in of new capital requirements CRD4/CRR timeline for implementation of minimum capital and liquidity requirements Year01/01/201401/01/201501/01/201601/01/201701/01/201801/01/2019 Common Equity Ratio (including Capital Conservation Buffer) 4%4.5%5.125%5.75%6.375%7% Tier 1 Ratio (including Capital Conservation Buffer) 5.5%6%6.625%7.25%7.875%8.5% Total Capital Ratio (including Capital Conservation Buffer) 8% 8.625%9.25%9.875%10.5% Countercyclical Buffer Up to 0.625%Up to 1.25%Up to 1.875%Up to 2.5% G-SII Buffer* Up to 0.875%Up to 1.75%Up to 2.625%Up to 3.5% O-SII Buffer* Up to 2% Systemic Risk Buffer*Up to 3%Up to 5% * In case of multiple buffers being required, the higher of the G-SII, the O-SII and the Systemic Risk Buffers will apply

8 8 Liquidity Coverage Ratio Objective : to ensure that banks have enough high-quality liquid assets available to meet their cash outflows over a 30-day horizon in a stressed environment Net cash outflows = total cash outflows – Min [total cash inflows, 75% of total cash outflows] Timeline for application: 60% 70% 80% 100% EBA to report on definition of high credit and liquidity quality assets 1st annual report from EBA on the calibration of the LCR and its impact on the financing of the economy Phase-in period >= 100% Assets of high liquidity and credit quality Net cash outflows over a 30-day horizon

9 9 Net Stable Funding Ratio Objective : to ensure that banks have enough stable funding over a 1-year horizon depending on the liquidity and maturity of their assets and to limit over-reliance on short-term funding Stable funding is funding expected to be reliable over a 1-year horizon under conditions of extended stress Timeline for application: >= 100% Available stable funding Required stable funding 100% ? EBA to report on: - Whether and how to implement the NSFR and on the impact on bank lending - Calibration of the ratio Commission to submit a legislative proposal to the Parliament and Council, if appropriate

10 Le minacce per le banche Qualità del credito. Il Costo del Rischio (accontamenti e sofferenze): i.rappresenta un elemento di erosione forte della redditività del sistema bancario ii.rende il sistema economico del paese meno competitivo (ribaltamento dei costi sui clienti) Il rischio paese (misurato anche dallo Spread vs Bund) aumenta il costo della raccolta delle banche influendo sul sistema economico (ancora: ribaltamento dei costi sui clienti) La regolamentazione (BCE, EBA, Basilea III, Bankit, altro) genera pressione crescente e fortissima sulla redditività del capitale di rischio e del passivo in generale degli intermediari finanziari 10

11 11 Prosegue il declino della redditività registrato dallavvio della crisi... Utile netto primi 39 gruppi bancari italiani Miliardi di C Numeri indice Utile netto rettificato* , (*) al netto delle Rettifiche di valore dell'avviamento e dellutile (Perdita) da gruppi di attività in via di dismissione Fonte: elaborazioni ABI su dati ABI banking data 4

12 il declino prosegue anche nel primo semestre Dati relativi ai principali gruppi bancari italiani (var.% 1 0 semestre 2013 vs 1 0 semestre 2012) Margine di interesse Margine di intermediazione -12,8% -7,6% Costi operativi -4,6% Utile operatività corrente -18,4% Utile netto -6,5% Fonte: elaborazioni ABI su dati ABI banking data 5

13 13 Qualità del credito... determinando livelli di rettifiche su crediti significativi... coverage ratio valori % costo del rischio (rettifiche su crediti /impieghi vivi) – punti base su so ff erenze 40.3 su totale deteriorati

14 14 Margini tradizionali : risultati più «fragili» rispetto al passato per la maggiore esposizione al rischio di credito % rettifiche margine da clientela e rettifiche su crediti miliardi di euro % % % 70% 55% 102% margine clientela rettifiche su crediti margine dintermediazione «netto» nel decennio NUMERI INDICE 2005= incidenza m. clientela incidenza commissioni incidenza m. interesse MILIARDI DI EURO MILIARDI DI EURO

15 Il Costo del Rischio 15 Ogni esposizione creditizia, a prescindere dal merito di credito (rating) del debitore, genera un accantonamento (elemento di segno negativo del conto economico): EL = EAD X PD X LGD questo tipo di accontamento si chiama "generico", determinato dai modelli di ciascuna banca, variano da banca a banca Esiste una classificazione imposta dal regolatore che implica accantonamenti percentuali non discrezionali In Osservazione Incagli Non Revocati Incagli Revocati Sofferenze

16 16 Le banche italiane pagano moltissimo in termini di perdite su crediti Rettifiche su crediti in italia (1997 – 2012; mld ) Media = 15 mld ,1 7,1 7,0 7,5 6,2 13,8 13,5 12,6 9,9 5,9 4,7 7,3 9,1 5,5 8,5 Media annua ( ) = 7 mld 24,2 27


Scaricare ppt "Economia e Finanza: la banca vista dalla banca Giampiero Bergami."

Presentazioni simili


Annunci Google