La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME CORSO : Teorie e tecniche di Psicologia delle organizzazioni e delle risorse umane (2006/07) DOCENTE : Marco Depolo ATTENZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME CORSO : Teorie e tecniche di Psicologia delle organizzazioni e delle risorse umane (2006/07) DOCENTE : Marco Depolo ATTENZIONE."— Transcript della presentazione:

1 ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME CORSO : Teorie e tecniche di Psicologia delle organizzazioni e delle risorse umane (2006/07) DOCENTE : Marco Depolo ATTENZIONE ALLE VARIAZIONIORARIO : Mar14:15-15:45 ATTENZIONE Mer11:15-12:45ALLE VARIAZIONI Gio11:15-12:45

2 ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME (segue) RICEVIMENTO STUDENTI: NB: per chi lo desidera, sono a disposizione anche gli orari di ricevimento a Bologna (vedi sito) RICEVIMENTO STUDENTI: Quando:DI NORMA Martedì dalle 10:00 alle 11:00 Dove: studi docenti, viale Europa, 109 NB: per chi lo desidera, sono a disposizione anche gli orari di ricevimento a Bologna (vedi sito) PER CONTATTI PER CONTATTI:

3 ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME (segue) SITO WEB PER DIDATTICA: nella sezione "Docenti" di ATTENZIONE, NEL VOSTRO INTERESSE: – consultate sempre la sezione Comunicazioni, dove troverete le variazioni dellultima ora su lezioni, ricevimento studenti ecc. – leggete le mie F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

4 OBIETTIVI FORMATIVI Conoscere i principali modelli che le discipline psicologiche hanno messo a punto per lanalisi e lintervento sul lavoro organizzato Conoscere le principali problematiche della gestione delle risorse umane nelle organizzazioni e le più diffuse famiglie di tecniche utilizzate

5 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO Il corso è organizzato in due parti. Il corso è organizzato in due parti. La prima parte presenterà le principali aree di intervento della psicologia nelle situazioni di lavoro organizzato. Nella seconda parte saranno approfonditi i temi della flessibilità lavorativa, degli interventi sullo stress da lavoro e sul benessere lavorativo. Con materiali messi a disposizione e commentati dal docente saranno illustrate alcune tecniche diagnostiche e di intervento.

6 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO D.: Serve frequentare? R.: Si suppone di sì. La struttura degli studi delluniversità italiana presuppone la frequenza. E laccertamento della frequenza che non è obbligatorio. D.: Cosa è un credito universitario? R.: E la misura del carico di lavoro dello studente. Nel caso di corsi come questo, si calcolano per ogni credito 7 ore di lavoro in presenza in aula e 18 ore di studio individuale. D.: Come si può guadagnare crediti universitari se non si è fatto tutto il lavoro corrispondente? R.: ???

7 LESAME Una prova scritta, con (poche) domande a risposta aperta e (più) a risposta chiusa Gli appelli saranno sempre fissati in modo da permettere di ripetere eventualmente la prova nella stessa sessione E obbligatoria liscrizione Chi non si presenta alla prova e non ha cancellato la propria iscrizione non può presentarsi allappello successivo

8 LESAME SU QUALI TESTI: 1)Chmiel, N. (2000). Tecnologia e lavoro: Un approccio psicologico. Bologna: Il Mulino. 2)Fraccaroli, F. & Sarchielli, G. (2002). E' tempo di lavoro? Per una psicologia dei tempi lavorativi. Bologna: CLUEB. 3)Kompier, M.A.J., C.L. Cooper, S.A.E. Geurts, A multiple case study approach to work stress prevention in Europe. European Journal of Work and Organizational Psychology, 2000, 9 (3), 371–400. 4)Agervold M., Gemzøe Mikkelsen E., Relationships between bullying, psychosocial work environment and individual stress reactions. Work & Stress, 2004,18, (4), )Eventuali materiali integrativi, messi a disposizione sul sito web del corso

9 ESEMPI PER LA PROVA SCRITTA DI: Teorie e Tecniche di Psicologia delle Organizzazioni e delle Risorse umane (9 crediti)

10 1. È di solito sufficientemente affidabile, purché si tratti di compiti ad alta qualificazione 2. Patisce leffetto dellesperienza, che può mascherare il calo nella prestazione 3. È di solito sufficientemente affidabile, purché si tratti di compiti a bassa qualificazione Per stimare la grandezza del carico di lavoro si può misurare la prestazione nel compito primario. Questa scelta…

11 1.I mistakes sono più facili da individuare degli slips 2.I lapses sono più difficili da individuare dei mistakes 3.Nessuna delle risposte precedenti Secondo Reason, …

12 1.di un positivo clima di coesione nel gruppo 2.di alcune idee innovative da parte dei componenti il gruppo 3.di un sistema socio-tecnico efficiente Tra i risultati attesi delle sedute di brainstorming si ricorda la creazione…

13 1. lindividuo subisce gli effetti di eventi che hanno un oggettivo carattere stressante lo strain è il risultato di un disequilibrio tra risorse e demand 2. lo strain è il risultato di un disequilibrio tra risorse e demand 3. è importante misurare il grado di centralità del lavoro dellindividuo Nel modello P-E dello stress lavorativo…

14 Secondo molti studiosi, luso generaliz- zato di test di personalità a fini di sele- zione presenta degli inconvenienti. Indicatene brevemente i principali. Sono adatti per alcune occupazioni, non per tutte Ostacoli giuridici Sottovalutano il ruolo del contesto sulla prestazione

15 I fattori di igiene non contribuiscono alla soddisfazione positiva, ma la loro assenza è motivo di insoddisfazione I fattori motivanti contribuiscono direttamente alla soddisfazione positiva Il modello di Herzberg della soddisfazione utilizza i fattori di igiene e i fattori motivanti. Dite brevemente di che si tratta.

16 Secondo Kompier & coll., esistono cinque fattori principali di successo negli interventi di prevenzione sullo stress lavorativo. Indicatene almeno tre. Un approccio per fasi Unadeguata analisi dei rischi ecc….


Scaricare ppt "ISTRUZIONI SU CORSO E ESAME CORSO : Teorie e tecniche di Psicologia delle organizzazioni e delle risorse umane (2006/07) DOCENTE : Marco Depolo ATTENZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google