La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il discorso sociale della Chiesa Dalla Rerum novarum a oggi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il discorso sociale della Chiesa Dalla Rerum novarum a oggi."— Transcript della presentazione:

1

2 Il discorso sociale della Chiesa Dalla Rerum novarum a oggi

3 Il pensiero sociale della Chiesa comincia a svilupparsi a partire dal 1891, anno di pubblicazione della Rerum novarum. Con questa Enciclica, Leone XIII fa attraversare alla Chiesa il guado del disinteresse alle vicende politiche in cui si era chiusa dopo la breccia di Porta Pia Prende coscienza dellurgenza della questione operaia, sebbene nelle sue risposte parta ancora da principi filosofici e non da unanalisi della storia

4 Costanti dellinsegnamento sociale unadignità che non deve 1.La persona umana ha una dignità che non deve essere offesa per nessun motivo. 2.La proprietà privata ha una funzione sociale e deve conciliarsi con la destinazione universale dei beni. 3.Giustizia, uguaglianza, responsabilità sono principi da applicare a tutti i protagonisti dellattività economica 4.Quello del lavoro è un diritto fondamentale delluomo 5.Chi lavora ha diritto ad associarsi per potersi tutelare 6.I poteri pubblici devono dare il quadro giuridico delle attività economiche, tutelando le classi più esposte e controllando laccesso alle fonti energetiche.

5 Un nuovo pensiero sociale cristiano E con Paolo VI che la dottrina sociale della Chiesa compie un salto di qualità E il 1967 e viene pubblicata la Populorum progressio Con questa enciclica vengono anticipati di 20/30 anni i grandi temi del dibattito economico sociale attuale

6 Populorum Progressio (1967) Linee direttrici Lo sviluppo non è solo crescita economica ma promozione integrale delluomo 1 Lo sviluppo non è solo crescita economica ma promozione integrale delluomo 1 Critica al materialismo collettivista Critica al materialismo collettivista Critica allopulenza egoistica Critica allopulenza egoistica La dimensione planetaria della questione sociale 2 La dimensione planetaria della questione sociale 2 1.Da confrontare in seguito con le teorie del Premio Nobel per lEconomia Amartia Sen. 2.La problematica già dibattuta sulla globalizzazione.

7 Centesimus annus (1991) Enciclica sociale di Giovanni Paolo II Riflettendo sul cambiato scenario mondiale dopo il crollo del muro di Berlino mette il dito sulla piaga dei diritti umani e sullinefficienza del sistema economico

8 Centesimus annus idee base La proprietà senza solidarietà cade in abusoLa proprietà senza solidarietà cade in abuso La Chiesa non propone modelli socio-economici ma è contro quei modelli che:La Chiesa non propone modelli socio-economici ma è contro quei modelli che: 1.riducono luomo a produttore-consumatore 2.privilegiano lavere sullessere 3.non tutelano la vita

9 Sollecitudo rei socialis 1987 Giovanni Paolo II propone una nuova visione della solidarietà. E una nuova coscienza collettiva e unazione politica per un nuovo ordine internazionale

10 Le nazioni più forti e più dotate devono sentirsi moralmente responsabili delle altre, affinché sia instaurato un vero sistema internazionale che si regga sul fondamento delluguaglianza di tutti i popoli e sul necessario rispetto delle loro legittime differenze. Giovanni Paolo II

11 Condizione per instaurare un nuovo ordine politico- sociale è il superamento delle così dette strutture di peccato, cioè strutture di interdipendenza della società che generano ingiustizia nel mondo, specialmente tra Paesi sviluppati e i Paesi della fame

12 Nuovo nome della solidarietà è promozione della pace tra nazioni e riduzioni dei squilibri tra nord e sud, tra est ed ovest. I beni della terra sono destinati al Bene Comune di tutta lumanità. Questo principio sbarra la strada ad una interpretazione radicale del concetto di proprietà privata La destinazione dei beni riguarda anche le generazioni future: le risorse non sono illimitate e non si può pensare solo al presente

13 LEconomia e le provocazioni di Amartya Sen

14 Non dalla bontà del macellaio, del birraio o del fornaio che noi ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dalla considerazione del loro interesse personale. Non ci rivolgiamo alla loro umanità, ma al loro interesse. Adam Smith (1776) Manifesto di nascita della scienza economica: la ricerca del massimo interesse personale è la legge che governa le azioni economiche degli individui.

15 Ancora oggi lintero edificio teorico delleconomia poggia sul pilastro dellinteresse personale (self interest) Come ha affermato leconomista Mueller: Lunico presupposto necessario alleconomia è legoismo.

16 La definizione di razionalità che si è data la scienza economica è quella per cui un comportamento è razionale quando è teso alla massimizzazione dellinteresse personale. E sullunicità di questo principio che pone i suoi dubbi Amartya Sen, economista dellHarvard University e Nobel per leconomia nel 1998

17 Amartya Sen contesta radicalmente lidea soggiacente alla teoria economica. Luomo non è solo un individuo proteso unicamente a massimizzare il proprio tornaconto. Luomo è una persona, inserita in una comunità, guidata nel suo agire da una articolazione complessa di valori che va oltre linteresse personale.

18 Amartya Sen ricorda che il benessere a cui tende luomo è qualcosa di più rispetto al benessere economico: è uno star-bene che investe tutte le dimensioni della persona. Quella che Paolo VI nella Populorum progressio (1967) aveva chiamato promozione integrale delluomo.

19 Sempre secondo Sen, etica ed economia devono muoversi insieme perché hanno un medesimo oggetto: luomo e il suo comportamento allinterno della società (che non è solo quella occidentale). Il concetto di razionalità economica va perciò allargato anche a quei comportamenti che traggono la loro origine in valori come la solidarietà, laltruismo e la gratuità.

20 Perché è importante un cambiamento teorico? Le teorie economiche non lasciano immutato loggetto che studiano ma modificano la realtà di cui trattano. Se un economista inducesse allerrore riguardo al cambio euro-dollaro la teoria farebbe pressione sui mercati (borse) al punto da far verificare la previsione di per sé errata.

21 Su questa scia Amartya Sen ha per esempio superato i criteri del calcolo relativo allo sviluppo umano attraverso un principio ovvio: Lo sviluppo è determinato dallaumento delle possibilità di scelta della gente riguardo a ciò che può fare.

22 E partito dalla riflessione attorno alla carestia del Bengala del 1943 che provocò di morti. E emerso infatti che morte non fu dovuta alla scarsità di cibo in quanto la sua disponibilità in quegli anni era persino aumentata. Lanello debole invece era la mancanza di potere dacquisto della gente a causa del crollo della domanda di lavoro Conclusione: Anche uneconomia di mercato perfettamente funzionante può far morire di fame milioni di persone.

23 La povertà non è data in termini di reddito o potere di acquisto. I poveri sono tali perché le loro capacità sono limitate: il benessere dipende dalle cose che le persone possono fare. Valutare la ricchezza di una nazione in base al reddito medio pro capite è fuorviante, ma è necessario vedere come questo reddito complessivo è distribuito nel paese. Una nazione in cui poche persone sono ricchissime e molte povere ha un reddito pro capite alto ma nasconde una situazione di povertà.

24 Amartya Sen propone lindice dello sviluppo umano (I.S.U.). Si costruisce su 3 variabili: speranza di vita speranza di vita alfabetizzazione alfabetizzazione reddito reddito Questo indice è stato adottato sia dallOsservatorio dello Sviluppo dellO.N.U. come per le analisi del Fondo Monetario Internazionale (F.M.I.) che dalla banca Mondiale producendo un cambiamento nelle politiche monetarie e di sostegno allo sviluppo.

25 Lindice I.S.U. ha rivoluzionato la lettura della ricchezza dei paesi della terra. Lo Sri Lanka con soli 400 $ di reddito annuo pro capite con lIsu è meglio piazzata dellArabia Saudita con un reddito pro capite 15 volte superiore Oman e Cechia nel 1990 avevano lo stesso reddito pro capite ma con lindice Isu lOman è 58 posti sotto la Cechia.

26 Rivoluziona anche il concetto di libertà che non può essere semplicemente lassenza di impedimenti formali. Ad esempio: Non basta che non sia vietato andare a scuola ma è necessario che un ragazzo abbia le condizioni economiche e sociali che gliene permettano laccesso.

27 Con la globalizzazione leconomia e la politica assurgono ad una dignità e ad una responsabilità sociale senza precedenti. La responsabilità dei singoli parodossalmente diventa sempre più necessaria. Non solo lesempio della tenacia di un uomo come Amartya Sen può produrre profondi mutamenti verso la giustizia, ma limpegno di ognuno è essenziale. Ciascuno di noi è un consumatore e in quanto tale può trasformarsi da oggetto a soggetto del mercato, proprio perché le grandi aziende e le multinazionali sono orientate dai nostri acquisti e non acquisti.

28 Proprio perché sempre più globalizzati lindifferenza diventa paradossale e non è possibile chiudersi nel piccolo mondo privato. Ciò che capita nel mondo ormai mi riguarda e non tollera la mia indifferenza.

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42


Scaricare ppt "Il discorso sociale della Chiesa Dalla Rerum novarum a oggi."

Presentazioni simili


Annunci Google