La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I rapporti economici internazionali I rapporti economici internazionali La Bilancia dei pagamenti Il cambio La politica agricola e la politica ambientale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I rapporti economici internazionali I rapporti economici internazionali La Bilancia dei pagamenti Il cambio La politica agricola e la politica ambientale."— Transcript della presentazione:

1 I rapporti economici internazionali I rapporti economici internazionali La Bilancia dei pagamenti Il cambio La politica agricola e la politica ambientale dellUE La politica monetaria dellUE Liberismo e protezionismo I caratteri e le cause del sottosviluppo Gli aiuti ai Paesi poveri La globalizzazione Lo sviluppo economico

2 Il liberismo si basa sul libero scambio commerciale tra gli Stati. Il protezionismo prevede ladozione di misure, come i dazi doganali, volte a limitare le importazioni. I rapporti economici internazionali possono essere improntati al liberismo o al protezionismo. 1 Liberismo e protezionismo Liberismo = libero scambio tra gli Stati Protezionismo = limitazione delle importazioni e agevolazioni alle industrie interne

3 2 I rapporti commerciali tra i residenti in uno Stato e i non residenti vengono registrati in un documento contabile: la Bilancia dei pagamenti. La Bilancia dei pagamenti Bilancia dei pagamenti = documento che registra le relazioni commerciali tra residenti e non residenti

4 I rapporti economici tra gli Stati, in relazione alle diverse monete da essi adottate, rendono necessario il cambio, che è la quantità di moneta nazionale necessaria per acquistare ununità di valuta estera. il suo valore dipende dalla domanda e dallofferta delle monete quantità di moneta nazionale necessaria per acquistare ununità di moneta estera Cambio 3 Il cambio Il suo valore dipende dalla domanda e dallofferta delle diverse monete.

5 4 I Paesi dellUE sono uniti da alcune politiche comuni. Attraverso la PAC l Unione europea tutela la salute degli animali, il territorio rurale e tende alla moderazione dei prezzi agricoli. La politica agricola e la politica ambientale dellUE Tra queste, la PAC (Politica agricola comunitaria) si propone la moderazione dei prezzi dei prodotti agricoli, la protezione degli agricoltori, la salute degli animali, la tutela del territorio rurale. La politica ambientale dellUnione europea è basata essenzialmente sul valore dello sviluppo sostenibile, cioè un modello di sviluppo che soddisfa i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere le possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri.

6 5 La politica monetaria dellUE I Paesi dellUE che aderiscono allUnione economica e monetaria (UEM) hanno una MONETA UNICA: leuro. stabilità dei prezzi stabilità dei tassi dinteresse Criteri di stabilità monetaria contenimento del disavanzo Tali Stati, a garanzia della stabilità monetaria, devono rispettare i criteri previsti dal Patto di stabilità e crescita, sostanzialmente corrispondenti alla stabilità di prezzi e tassi dinteresse e al contenimento del disavanzo e del debito pubblico. contenimento del debito pubblico La politica monetaria è gestita dalla Banca centrale europea (BCE), che coordina il Sistema delle banche centrali (SEBC). Per i Paesi che aderiscono all euro la gestione della politica monetaria compete alla Banca centrale europea, che ha sede a Francoforte.

7 6 Lo sviluppo economico Lo SVILUPPO ECONOMICO corrisponde al processo di crescita economica e sociale di uno Stato. reddito medio distribuzione del reddito Sviluppo economico livello dei servizi pubblici Può essere valutato prendendo in esame il reddito medio, la modalità di distribuzione del reddito, il livello dei servizi pubblici, il progresso tecnologico e il livello di occupazione. progresso tecnologico livello di occupazione

8 7 I caratteri e le cause del sottosviluppo I Paesi sottosviluppati si caratterizzano per: Uno dei problemi che occorre risolvere con maggiore urgenza nei Paesi poveri è quello del diffuso analfabetismo. il basso livello del reddito pro capite la sovrappopolazione il basso livello di istruzione lalta mortalità infantile la scarsità dei servizi sociali lelevato debito estero la carenza di infrastrutture la bassa produttività del lavoro

9 Per aiutare i Paesi poveri, occorrerebbe fornire loro i capitali e le conoscenze tecnologiche necessari ad avviare attività dimpresa, a impostare su nuovi criteri il commercio internazionale e a migliorare le condizioni di vita della popolazione. capitali che consentano di avviare attività dimpresa trasmissione di conoscenze tecnologiche Aiuti concreti ai Paesi poveri 8 Gli aiuti ai Paesi poveri

10 9 I rapporti internazionali si basano sulla globalizzazione, cioè sullesistenza di un unico mercato mondiale, caratterizzato dalla rapidità delle comunicazioni, dalleliminazione di barriere e dal superamento dei confini politici tra gli Stati, con la conseguenza dellampliamento degli scambi tra merci, capitali e persone. La globalizzazione La globalizzazione da un lato offre ampie possibilità di crescita economica e di sviluppo umano; dallaltro rischia di potenziare, anziché di ridurre, le differenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri. Globalizzazione aspetti positivi aumento delle differenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri crescita demografica sviluppo umano aspetti negativi


Scaricare ppt "I rapporti economici internazionali I rapporti economici internazionali La Bilancia dei pagamenti Il cambio La politica agricola e la politica ambientale."

Presentazioni simili


Annunci Google