La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caterina Palocci II SANU Anno Accademico 2009/2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caterina Palocci II SANU Anno Accademico 2009/2010."— Transcript della presentazione:

1 Caterina Palocci II SANU Anno Accademico 2009/2010

2 Italia Settentrionale Luva Fogarina La mula de Parenzo

3 LUva Fogarina, Lombardia Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din. E com'è bella l'uva fogarina E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna il sol de la campagna Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna la dis chel ghe fa mal? Teresina imbriaguna poca voia ed lavurar la se tota una vestaglia la ghà ancora de pagar. E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin… Autore: Sconosciuto

4 La mula de Parenzo, Friuli Venezia Giulia La mula de Parenzo ga messo su botega de tutto la vendeva de tutto la vendeva. La mula de Parenzo ga messo su botega de tutto la vendeva fora ch'el bacalà perchè non m'ami Se il mare fosse de tocio e i monti de polenta o mamma che tociade o mamma che tociade. Se il mare fosse de tocio e i monti de polenta o mamma che tociade polenta e bacalà perchè non m'ami più. La mia morosa vecia la tengo per riserva e quando spunta l'erba e quando spunta l'erba. La me morosa vecia la tengo per riserva " e quando spunta l'erba la mando a pascolar perchè non m'ami più. El tocio: una parola che sta spesso sulla bocca dei veneziani quando parlano di cibo. El tocio è una cosa di molto appetitoso, infatti è il sugo prodotto dalla cottura a fuoco lento di carne, pollame o pesce, a volte più gustoso e gradito della stessa pietanza. Il termine "mula" in dialetto triestino sta ad indicare ancor 'oggi "ragazza". Parenzo oggi Porec è una città croata situata sulla costa occidentale della penisola istriana.

5 Molte canzoni soprattutto popolari parlano della Polenta. Tra queste la più famosa e rappresentativa delle difficoltà che le generazioni che ci hanno preceduto avevano nel procurarsi il mangiare quotidiano e come questo rappresentasse un pensiero ed un desiderio primario, vi è sicuramente "La Mula de Parenzo". E una canzone molto nota nella cultura popolare dell'Italia settentrionale e del Nord-Est in particolare. Testo e musica sono di autore anonimo.

6 Italia Centrale La società dei magnaccioni

7 La Società dei Magnaccioni, Roma Ce piaceno li polli l'abbacchi e le galline perché so' senza spine nun so'come 'r baccalà. Ce piaceno li polli l'abbacchi e le galline perché so' senza spine nun so'come 'r baccalà. La società dei magnaccioni, la società de la gioventù, a noi ce piace de magnà e beve e nun ce piace de lavorà..... Portece n'antro litro, che noi se lo bevemo e poi j'arisponnemo Embé, embé, che c'è? E quanno er vino, embé, ciàriva ar gozzo embé, ar gargarozzo embé, ce fa 'n ficozzo embé, pe' falla corta pe' falla breve: chiamamo l'oste e portece da beve! da beve! da beve! Fatece largo che passamo noi, sti giovanotti de' 'sta Roma bella, semo regazzi fatti cor pennello e le regazze famo 'nnamorà... e le regazze famo 'nnamorà. Ma che ce frega, ma che ce 'mporta si l'oste ar vino cià messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: ciài messo l'acqua e nun te pagamo, ma però noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza società. […] Che c'iarifrega che c'iarimporta si l'oste ar vino cià messo l'acqua: e noi je dimo, e noi je famo: ciài messo l'acqua e nun te pagamo ma però noi semo quelli che j'arisponnemo 'n coro: E' mejo er vino de li Castelli che questa zozza società. Scritta da Lando Fiorini

8 Italia meridionale 'A Tazza 'e Cafe Cozze piccinne

9 tazza 'e café Vurría sapé pecché si mme vedite, facite sempe 'a faccia amariggiata Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite, cchiù bella, a ll'uocchie mieje, v'appresentate I' mo nun saccio si ve n'accurgite! Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza 'e café parite: sotto tenite 'o zzuccaro, e 'ncoppa, amara site Ma i' tanto ch'aggi''a vutá, e tanto ch'aggi''a girá ca 'o ddoce 'e sott''a tazza, fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá! Cchiù tiempo passa e cchiù v'arrefreddate, 'mméce 'e ve riscaldá..."Caffè squisito!" 'o bbello è ca, si pure ve gelate, site 'a delizia d''o ccafé granito Facenno cuncurrenza â limunata Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza 'e café parite: sotto tenite 'o zzuccaro, e 'ncoppa, amara site Ma i' tanto ch'aggi''a vutá, e tanto ch'aggi''a girá ca 'o ddoce 'e sott''a tazza, fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá! Vuje site 'a mamma d''e rrepassatore? E i', bellezza mia, figlio 'e cartaro! Si vuje ve divertite a cagná core, i' faccio 'e ccarte pe' senza denare Bella pareglia fóssemo a fá 'ammore! Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza 'e café parite: sotto tenite 'o zzuccaro, e 'ncoppa, amara site Ma i' tanto ch'aggi''a vutá, e tanto ch'aggi''a girá ca 'o ddoce 'e sott''a tazza, fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá! 'A Tazza 'e Cafe, Campania Versi di Giuseppe Capaldo Musica di Vittorio Fassone RV7RAg5iyA&feature=related

10 Cozze ci tene cozze, cozze piccinne cotte cu la cicora, cotte cu la cicora Cozze ci tene cozze, cozze piccinne cotte cu la cicora, cotte cu la cicora cozze ci tene cozze, cozze piccinne cotte cu la cicora se le mangianu le fimmine. Allu maritu miu, faccia te mpisu te na cantina esse, te na cantina esse allu maritu miu, faccia te mpisu te na cantina esse, te laura trase. No si ritira a casa, mo mbriacu ccisu apri muiere mia, apri muiere mia no si ritira a casa, mo mbriacu ccisu apri muiere mia e famme cu trasu. Cozze ci tene cozze, cozze piccinne cotte cu la cicora, cotte cu la cicora cozze ci tene cozze, cozze piccinne cotte cu la cicora se le mangianu le fimmine Cozze piccinne, Puglia Nu bou cu nu te apru, ca stau stizzata ete ca nu me tici, ete ca nu me ici nu bou cu nu te apru, ca stau stizzata ete ca nu me tici a donca si statu. Su statu alla cantina, ca giù sciucato lu mieru ca ma cotu, lu mieru ca ma cotu su statu alla cantina, ca giù sciucato lu mieru ca ma cotu e maggiu mbriacatu. […]

11 SITOGRAFIA (Visitato il 20 Maggio 2010) (Visitato il 20 Maggio 2010) Per le immagini: Per i file audio: libreria di musica personale


Scaricare ppt "Caterina Palocci II SANU Anno Accademico 2009/2010."

Presentazioni simili


Annunci Google