La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Voi che siete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo e i visi amici: Considerate se questo è uomo Che lavora nel fango.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Voi che siete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo e i visi amici: Considerate se questo è uomo Che lavora nel fango."— Transcript della presentazione:

1 Voi che siete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo e i visi amici: Considerate se questo è uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un si o per un no. Considerate se questa è una donna, Senza capelli e senza nome Senza più forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana dinverno. Meditate che questo è stato: Vi comando queste parole. Scolpite nel vostro cuore Stanno in casa andando per via, Coricandovi alzandovi; Ripetete ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, I vostri nati torcano il viso da voi. Primo Levi

2 Lautore Primo Levi è nato a Torino nel 1919 i suoi antenati erano ebreiPiemontesi provenenti dalla Spagna e dalla Provenza.Nel 1934 si appassiona alla letteratura di testi scientifici e si iscrive al corso di chimica alluniversità di Torino.Negli anni seguenti vengono proclamate le leggi razziali in Italia, egli però continua i suoi studi riuscendo a laurearsi con pieni vuoti e con lode. Nel 1942 entra a far parte in un gruppo segreto per la lotta contro il fascismo e viene arrestato e portato nel campo di concentramento di Carpi-Fossoli. Nel 1944 questo campo viene preso in gestione dai tedeschi che avviano Levi su un convoglio ferroviario destinato ad Auschwitz. Qui si sente per la prima volta ebreo, diverso. Per tutta la durata della permanenza nel Lager riesce a non ammalarsi ma contrae la scarlattina proprio quando i tedeschi,sotto lavvicinarsi delle truppe russe evacuano il campo abbandonando gli ammalati al loro destino. Levi vive per qualche mese in un campo sovietico di transito:lavora come infermiere. Nel giugno 1945 inizia in viaggio di rimpatrio e a questa esperienza che Levi racconterà ne LA TREGUA.tornato in Italia trova lavoro presso una fabbrica di vernici ma è ossessionato dalle traversie subite e scrive SE QUESTO è UOMO.

3 LE SUE OPERE -Se questo è un uomo -La Tregua -Storie naturali -Vizio di forma -Il sistema periodico -la chiave stella -La ricerca delle radici -Lilìt e altri racconti -Se non ora,quando? -Laltrui mesiere -Dialogo -I racconti -Opere -Lultimo natale di guerra -Lasimmetria e la vita

4 Il libro narra lesperienze dellautore nel periodo in cui fu deportato dai nazisti nella Seconda guerra Mondiale nel lager di Buna-Monowitz nei pressi di Auschwitz. La vicenda inizia dallarresto avvenuto la notte del 13 dicembre 1943 fino al momento della liberazione dal lager la mattina del 27 gennaio Dopo averci narrato come fu catturato dai fascisti e condotto nel campo di concentramento, e dopo averci descritto attraverso pagine altamente drammatiche come gli ebrei internati nel campo accolsero lannuncio della deportazione,levi affronta la descrizione del viaggio che lo conduce dalla stazione di Carpi ad Auschwitz. Giunti a destinazione il meccanismo dellannientamento si mise subito in moto: fu il primo episodio di eventi il cui unico scopo fu di giungere alla totale eliminazione dei deportati. Coloro che furono in grado di essere utilizzati come manodopera furono condotti ai campi di lavoro, tutti gli altri vennero portati nelle camere a gas. Coloro che si salvarono vennero spogliati (anche della dignità) e vennero rivestiti con casacche a righe e zoccoli, gli venne inoltre tatuato sul braccio sinistro un numero che da quel momento prese il posto del loro nome. Levi fu trasferito presso una fabbrica di gomma, dove svolse un lavoro massacrante. Allinterno del Lager governavano il privilegio, lingiustizia, il sopruso, labilità personale, lastuzia; chi non aveva abilità da sfruttare non poteva sopravvivere a lungo. Dopo non molto tempo Levi venne assegnato al Kommando chimico,che lo esonerava dalle fatiche massacranti sostenute fino a quel momento. Ma questo non gli impedì di passare mesi contrassegnati da patimenti nonché da unaltra selezione prima di entrare a far parte del laboratorio e poter cominciare a nutrire la speranza di superare un altro durissimo inverno e i deportati subirono tutto il peso di una situazione che diventava ogni giorno sempre più insostenibile

5 Lautore quando oramai aveva rinunciato a sperare, fu destinato al laboratorio dove trascorse gli ultimi mesi di prigionia, in un ambiente riscaldato ed a contatto con materiali e strumenti che gli ricordavano i suoi studi e la sua professione. In questo periodo avvenne la prima stesura di questo libro e fu proprio nel raccoglimento consentitogli dal laboratorio che egli avvertì per la prima volta la necessità di sopravvivere per poter testimoniare, nonché la possibilità di dare un senso alle sofferenze vissute rendendo partecipi gli altri attraverso un libro di memoria. Il fronte russo si stava avvicinando i tedeschi erano ormai consapevoli della catastrofe imminente e si apprestarono a fare evacuare i campi di sterminio e a distruggere limpianti. Era gennaio Questi ultimi drammatici avvenimenti sono narrati sotto forma di diario. Primo levi è ricoverato nelle baracche adibite ad ospedale assistette alla partenza dei suoi compagni. Morirono tutti durante un interminabile marcia attraverso la Germania, mente i malati abbandonati a se stessi, rimasero nel lager devastato, senza cure ne acqua e ne cibo, ad una temperatura di 20°C sotto zero. Levi è tra i pochissimi che riuscì a sopravvivere e le pagine conclusive del libro ci danno la cronaca allucinante di quello che accade in qui terribili 10 giorni dal 19 al 27 gennaio nel Quando allalba del 27 arrivarano gli russi, lo spettacolo che si offre ai loro occhi fu quello terrificante dei cadaveri che erano accumulati sulla neve e dei pochi superstiti che si aggiravano come spettri sulle rovine del campo.

6 Alcune frasi che ci hanno colpito maggiormente di Primo Levi

7 Ma i bambini quella sera non fu assegnato compito.E venne la notte,e fu una notte tale,che si conobbe che occhi umani non avrebbero dovuto assistervi e sopravvivere. Tutti sentirono questo:nessuno dei guardiani, né italiani né tedeschi, ebbe animo di venire a vedere che cosa fanno gli uomini quando sanno di dover morire.

8 Distruggere luomo è difficile,quasi quanto crearlo:non è stato agevole,non è stato breve,ma ci siete riusciti,tedeschi. Eccoci docili sotto i vostri sguardi:da parte nostra nulla più avete a temere:non atti di rivolta,non parole di sfida,neppure uno sguardo giudice. Strano, in qualche modo si ha sempre limpressione di essere fortunati,che una qualche circostanza,magari infinitesima, ci trattenga sullorlo della disperazione e ci concedeva di vivere

9 Lavoro svolto dalle alunne: Berto Tania,Dannibale Eleonora,Ianotta Dalila,Moretti Claudia


Scaricare ppt "Voi che siete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo e i visi amici: Considerate se questo è uomo Che lavora nel fango."

Presentazioni simili


Annunci Google