La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, 10-11 settembre 2007) ICRAM INGV LINEA 1 CLICOST: Effetti dei cambiamenti CLImatici sul clima meteo- marino al largo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, 10-11 settembre 2007) ICRAM INGV LINEA 1 CLICOST: Effetti dei cambiamenti CLImatici sul clima meteo- marino al largo."— Transcript della presentazione:

1 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) ICRAM INGV LINEA 1 CLICOST: Effetti dei cambiamenti CLImatici sul clima meteo- marino al largo delle coste italiane e sulla dinamica fisica di sistemi COSTieri con riferimento alle condizioni al confine con il mare aperto, alle condizioni al confine con le terre emerse, ai processi di piattaforma, agli eventi episodici (eventi estremi). ATTIVITÀ 1 – CLIMATOLOGIA AL LARGO ATTIVITÀ 2 – CLIMATOLOGIA A COSTA ATTIVITÀ 3 – CIRCOLAZIONE COSTIERA

2 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Climatologia delle onde ed analisi degli eventi estremi al largo delle coste italiane S. Carniel, L. Cavaleri, J. Chiggiato, G. Martucci, M. Sclavo CNR – Istituto di Scienze Marine - Venezia

3 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) 1 – VALIDAZIONE DATI DA SATELLITE: confronto dati da boe vs. dati da satellite 2 – CALIBRAZIONE DATI DEL MODELLO: confronto dati da modello vs. dati da satellite 3 – ESTRAZIONE SERIE TEMPORALI NEI PUNTI DI INTERESSE da luglio 1992 a giugno – DETERMINAZIONE STATISTICA DEL CLIMA: calcolo di statistiche uni e bi-variate 4 – CONFRONTO DATI TARATI CON DATI MISURATI: validazione del procedimento Slope = 1.05 Slope = – ESTENSIONE DELLE SERIE A 40 ANNI: dai dati dellERA 40 (da U.O. CONISMA)

4 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Per ciascuno dei punti prescelti i dati ERA 40 sono stati opportunamente integrati, filtrati e poi calibrati sfruttando i 7 anni di sovrapposizione con i dati ISMAR. Successivamente si è verificata la compatibilità delle due serie in termini di: Altezza significativa media dell'intero dataset e stagionale Durata cumulata degli stati di mare soprasoglia Persistenza media degli stati di mare soprasoglia Persistenza analitica media (Mathiesen, 1993) degli stati di mare soprasoglia Altezza significativa dei dataset indipendenti, i.e. ottenuti filtrando ciascun dataset originale secondo criteri di indipendenza ed omogeneità di distribuzione Parent distribution tramite best fit del dataset indipendente con un set di distribuzioni di probabilità cumulata (Weibull, Gumbel, Fréchét) Tempi [anni] e valori [m] di ritorno degli eventi ondosi estremi utilizzando il metodo dei valori soprasoglia (Goda, 1997) e degli n massimi annuali (Smith, 1986). Y. Goda, Random seas and design of maritime structures, 443 pp, Advanced Series on Ocean Eng – Vol. 15 – World Scientific, M. Mathiensen, Estimation of wave height duration statistics, Coast. Eng. 23, , R.L. Smith, Extreme value theory based on the r largest annual events, Jour. of Hydr. 86, 27-43, ISMAR ERA

5 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Alto adriatico (E13.0, N45.5) Mar di Sardegna (E8.0, N38.5) Costa Toscana (E12.0, N41.5) Calabria Ionica (E16.5, N38.0) Buon accordo, nel periodo , tra i dati ERA40 calibrati ed i dati ISMAR.

6 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) ISMAR 24 ERA Per i 7 anni di sovrapposizione le serie temporali ERA40 calibrate e le serie ISMAR sono compatibili sia in termini di persistenza soprasoglia sia in termini di eventi estremi m 10.8 m MAR DI SARDEGNA

7 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Per ogni punto prescelto e per un intervallo di 42 anni ( ) sono stati calcolati, partendo da campi di output del modello WAM-ERA40, calibrati con i dati ISMAR per il periodo : Medie annuali e stagionali di altezza significativa Tempi [anni] e valori [m] di ritorno degli eventi ondosi estremi utilizzando i metodi dei valori soprasoglia e degli n massimi annuali Durata cumulata e persistenza degli stati di mare soprasoglia Distribuzione direzionale degli eventi ondosi Distribuzione direzionale dellenergia delle onde (valore cumulato, per settore di provenienza, di H s 2 ). Le analisi sono state poi ripetute decade per decade allo scopo di evidenziare eventuali andamenti a medio termine.

8 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) GOLFO DI NAPOLI ALTO ADRIATICO MEDIO ADRIATICO CALABRIA IONICA Le medie invernali (dicembre-febbraio) delle altezze donda negli anni mostrano in generale un andamento decrescente, più evidente in Adriatico.

9 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Costa Toscana 5,7 m Delta del Po 4,7 m Calabria Ionica 6,6 m

10 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Costa toscana - Distribuzione direzionale delle altezze significative Costa toscana - Distribuzione direzionale del valore cumulato dei quadrati delle altezze significative Valore di fondoscala: 1200 m data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 5462 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 5043 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 5543 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m

11 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) 5991 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 5117 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 4658 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m 4529 data-points with SWH > 0.5 m data-points with SWH < 0.5 m Costa marchigiana - Distribuzione direzionale delle altezze significative Valore di fondoscala: 1000 m 2 Costa marchigiana - Distribuzione direzionale del valore cumulato dei quadrati delle altezze significative

12 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) Climatologia sottocosta nelle aree campione mediante il trasferimento a costa delle condizioni donda con un modello spettrale appositamente studiato per riprodurre anche i processi caratterizzanti le acque basse (rifrazione, attrito al fondo, frangimento, interazioni non lineari, etc.) 1. Caratterizzazione completa mediante statistiche di parametri sintetici (altezza, periodo, direzione) del clima marino in corrispondenza della costa 2. Caratterizzazione delle forzanti di input per modelli idrodinamici CLIMA AL LARGO BATIMETRIA DI DETTAGLIO 3. Caratterizzazione di scenari estremi (50, 100 anni)

13 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) CLIMA A COSTA BATIMETRIA COSTIERA CIRCOLAZIONE GENERALE FORZANTI METEO VARIAZIONE MEDIO MARE Circolazione sottocosta nelle aree campione. Modellizzazione di eventi significativi mediante modello accoppiato onde-correnti-sedimenti, utilizzando come condizioni al contorno anche scenari climatici al 2050 e VEGETAZIONE AL FONDO SEDIMENTI DEL FONDO E SOSPESI APPORTI FLUVIALI Circolazione 3D Stima delle variazioni della vulnerabilità costiera correlabili a mutati scenari climatici Stress al fondo Variazioni morfobatimetriche Avanzamento / arretramento linea di riva

14 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) LITORALE LAZIALE

15 WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, settembre 2007) r.it Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "WORKSHOP W10 Progetto VECTOR (Rimini, 10-11 settembre 2007) ICRAM INGV LINEA 1 CLICOST: Effetti dei cambiamenti CLImatici sul clima meteo- marino al largo."

Presentazioni simili


Annunci Google