La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA MANOVRA GELMINI SPIEGATA AL MIO VICINO DI CASA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA MANOVRA GELMINI SPIEGATA AL MIO VICINO DI CASA."— Transcript della presentazione:

1 1 LA MANOVRA GELMINI SPIEGATA AL MIO VICINO DI CASA

2 2 La manovra Gelmini non è una riforma della scuola perché non si fonda su alcun disegno pedagogico o culturale Essa si pone esclusivamente finalità di risparmio economico, ottenuto tramite una secca riduzione dei servizi scolastici. Larticolo 64 della legge 133/08, che disciplina la manovra, è è infatti inserito nel capo II Contenimento della spesa per il pubblico impiego, a sua volta contenuto nel titolo IIIStabilizzazione della finanza pubblica della legge stessa. La manovra si inserisce nel più ampio contesto di tagli alla spesa pubblica, realizzati attraverso la liquidazione dello stato sociale.

3 3 Fin qui lo Stato italiano aveva fatto la scelta di una scuola di qualità per tutti (compresi alunni diversamente abili), con progetti formativi ampi e tempi lunghi, che configurava unidea di democrazia e di cittadinanza potenzialmente capace anche di ridurre le diversità sociali, secondo il dettato della Costituzione. Nella nuova scuola essenzializzata ognuno torna invece a fare affidamento solo sui mezzi che gli offre la famiglia. Mentre il governo ripropone sostegni di stato a banche e grandi imprese private, la Gelmini aiuta Tremonti a reperire i fondi da girare a Confindustria, tagliando istruzione, università e ricerca, che sono le basi dello sviluppo economico, civile e sociale di ogni paese democratico avanzato.

4 4 I pesanti tagli agli organici della scuola (meno docenti e tecnici ed amministrativi) vengono giustificati con una serie di motivazioni sullandamento della spesa per listruzione assolutamente false: La spesa del Ministero dellIstruzione non è fuori controllo, ma ha già subito una significativa contrazione, passando dal 1990 al 2007 dal 3,9% al 2,8% del PIL Nello stesso periodo il numero complessivo di alunni non è diminuito, ma anzi è leggermente cresciuto (+ 2% pari alunni), mentre invece è diminuito il numero degli insegnanti (-2,38% pari a docenti). La spesa per il personale non rappresenta il 97% della spesa pubblica complessiva destinata allistruzione, bensì il 73,8%.

5 5 La spesa per alunno è più alta della media OCSE solo nella scuola primaria, mentre è invece nella media OCSE per la secondaria di primo grado ed addirittura sotto la media nella secondaria di secondo grado. Tali dati vanno inoltre approfonditi: In Italia gli alunni disabili sono inseriti nelle classi normali, mentre in molti paesi frequentano scuole speciali, esterne al sistema di istruzione e quindi non considerate nelle comparazioni internazionali sulla spesa. Questa scelta di civiltà del nostro paese ha i suoi oneri: il 18% dei docenti è legato infatti allinserimento nelle classi normali degli alunni disabili.

6 6 Il costo per il personale parascolastico (ad esempio assistenti di mensa ed educatori) ed il costo dei docenti di religione ( in Italia) in molti paesi non grava sul sistema di istruzione e non viene pertanto computato nei costi per alunno Due parole vanno dette però anche sulle indagini OCSE Tra i 30 membri dellOSCE ci sono paesi molto avanzati, come Danimarca, Giappone, Usa e Svizzera, assieme ad altri più arretrati, come Messico, Turchia, Slovacchia. Un paese del G8 come lItalia dovrebbe avere come riferimento la testa del gruppo e non la sua media

7 7 Inoltre la spesa complessiva per listruzione (dalla scuola materna alluniversità) resta in Italia tra le più basse Sia in rapporto al totale della spesa pubblica Che in rapporto al PIL Education at a glance 2008: OECD indicators

8 8 Vediamo allora i provvedimenti principali della manovra Scuola dellinfanzia Taglio netto del servizio che passa dalle attuali 8 ore al giorno, con due insegnanti per sezione, a 4 ore al giorno con un solo insegnante Scuola primaria Fine del tempo pieno con 40 ore settimanali e 2 insegnanti per classe, che portano avanti una programmazione unitaria Fine dei moduli con settimanali e 3 insegnanti, specializzati in differenti aree disciplinari, che si alternano ogni due classi in modo coordinato

9 9 Il servizio sarà invece limitato a 24 ore settimanali con un maestro unico Le eventuali attività pomeridiane, realizzate solo se ci saranno i fondi, saranno una riedizione del doposcuola (intrattenimento e sorveglianza), completamente slegato dalla programmazione del mattino Si ritorna al grembiulino, mossa propagandistica e demagogica, priva di qualsiasi valenza educativa La valutazione (compresa la condotta) torna in numeri, cancellando 30 anni di dibattito pedagogico sulla valenza formativa del valutare per obiettivi e per competenze

10 10 Scuola secondaria di I grado Lorario settimanale passa da 32 a 29 ore La valutazione è espressa in decimi, con 5 in condotta si boccia! Scuola secondaria di II grado Lorario settimanale sarà infatti fino a 30 ore nei licei ed a 32 in tecnici e professionali Tutte le cattedre devono essere di 18 ore frontali, anche se si interrompe la continuità didattica delle classi Reintroduzione della riforma Moratti, così come modificata da Fioroni (i tecnici ed i professionali non scompaiono), ma con quadri orari ridotti

11 11 Fine delle ore di compresenza in laboratorio con gli insegnanti tecnico pratici Eliminazione degli indirizzi dei professionali simili ad indirizzi già esistenti nei tecnici Con 5 in condotta si boccia: iniziativa inutile e demagogica. La disciplina non si ottiene con lo spauracchio del manganello, bensì attuando Regolamento dIstituto e Statuto delle studentesse e degli studenti, che già prevedeva la possibilità di sanzioni pesanti fino alla bocciatura Tutte le cattedre devono essere di 18 ore frontali, anche se viene meno la continuità didattica

12 12 Personale tecnico amministrativo tagliato del 17% Chiusura delle piccole scuole isolate – ai comuni gli oneri dei trasporti, agli utenti i disagi degli spostamenti Innalzamento generalizzato del numero di alunni per classe E inoltre per tutti gli ordini di scuole… I tagli complessivamente ammonteranno ad 8 miliardi di euro Circa 130 mila lavoratori perderanno il posto

13 13 Per il Governo quindi la qualità dellistruzione si eleva: Secondo il governo dunque Meno = Meglio Riducendo il tempo scuola Tagliando i finanziamentiAumentando gli alunni per classe Chiudendo sedi e plessi Riducendo il numero degli insegnanti Quasi che troppa scuola facesse male allistruzione

14 14 Tale equazione non viene però mai applicata quando si devono trasferire fondi a: IndustrieForze armate Banche Evidentemente in tali settori non ci sono sprechi, lefficienza è al massimo, tutti sono bravissimi…….. Un ultimo appunto sul metodo La manovra Gelmini – Tremonti si sostanzia in due decreti legge, convertiti con voto di fiducia, ovvero con zero dibattito e zero interlocuzione A tutto ciò, nonostante le minacce di chiamare la celere, si può rispondere solo

15 15 Partecipando in massa alle agitazioni A partire dallo sciopero del 30 ottobre


Scaricare ppt "1 LA MANOVRA GELMINI SPIEGATA AL MIO VICINO DI CASA."

Presentazioni simili


Annunci Google