La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Reggio Emilia 5 Giugno 2009 Profilo del monitor Alberto Maccaferri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Reggio Emilia 5 Giugno 2009 Profilo del monitor Alberto Maccaferri."— Transcript della presentazione:

1 Reggio Emilia 5 Giugno 2009 Profilo del monitor Alberto Maccaferri

2 Tutorial sul profilo del monitor Vedremo le varie fasi della creazione del profilo del monitor Serve uno strumento (colorimetro o spettrofotometro) Serve un Software Software commerciale Spectraview Profiler Software open source Argyll

3 Il monitor In generale il processo di creazione di un profilo ICC per una periferica è costituito da due fasi fondamentali: Calibrazione della periferica Creazione del profilo Calibrare una periferica significa portarla in uno stato noto e stabile. La stabilità è una condizione necessaria affinchè il profilo abbia significato: ovvero se creo il profilo, quindi se creo una corrispondenza fra le coordinate relative (in questo caso RGB) e quelle assolute (Lab o XYZ), dovrò fare in modo che questa relazione duri nel tempo Per esempio se creo il profilo del monitor con la luminosità a 95, non la devo più toccare se non voglio che il profilo perda di significato L'invecchiamento del monitor è un fattore che pregiudica la stabilità, quindi occorre rifare il profilo ad intervalli regolari

4 Il monitor, parametri di calibrazione: il bianco Il punto del bianco si definisce impostando le coordinate di cromaticità xy Esistono preimpostazioni che richiamano delle particolari coordinate di cromaticità xy (D65, 6500K ecc) Il sistema visivo tende ad adattarsi, ma non sempre completamente In genere il bianco risulta neutro se impostato intorno alle coordinate di cromaticità del D65 Dipende anche dallambiente circostante

5 Il monitor, parametri di calibrazione: il gamma Reminescenza dellinvenzione della televisione La luminanza emessa dai monitor CRT non è in relazione lineare con la corrente del fascio di elettroni che eccita il fosforo e quindi con la tensione V del segnale che la pilota, come sarebbe auspicabile (telecamera), ma è in relazione esponenziale: Lv/Lvmax = (V/Vmax) g Negli anni '30 inserire un circuito analogico nella televisione che rendesse lineare tale relazione avrebbe avuto costi molto alti. Si preferì introdurre una distorsione del segnale video, detta correzione gamma, prima della sua diffusione via etere ed il numero g = 2.2 diventò un numero standard. Il segnale diffuso diventa quindi: Lv/Lvmax = (V/Vmax) 1/2.2 (Da Misurare il colore a cura di Claudio Oleari) Un monitor CRT ha per sua natura un gamma 2.2. Intervenendo sulla scheda grafica del computer si può modificare questo valore Il gamma non ha influenza quando si utilizza la gestione del colore Il gamma ha influenza quando si usano applicazioni che non gestiscono il colore Per compatibilità con il web, è meglio calibrare il proprio monitor sul gamma di sRGB (simile al gamma 2.2) Per creare un profilo ICC di buona qualità, il gamma deve essere noto con buona precisione

6 Il monitor, parametri di calibrazione: la luminanza I monitor CRT non avevano luminanze molto elevate ( cd/mq) I monitor LCD possono arrivare anche a 500 cd/mq Una luminanza molto elevata può dare fastidio Impostando una luminanza troppo elevata non si riesce ad ottenere una buona corrispondenza con le stampe I valori consigliati sono intorno alle cd/mq Dipende anche dallambiente circostante

7 Il monitor, parametri di calibrazione: tipo di profilo e adattamento cromatico Il profilo del monitor può essere a matrice o a tabelle A matrice Coordinate cromatiche dei tre primari + gamma + punto del bianco A tabelle tabelle AtoB e BtoA Adattamento cromatico metodo con cui viene portato il punto del bianco dal D50 al bianco del monitor Versione Profilo

8 Il monitor, fine calibrazione Il software prima esegue la calibrazione, raggiungendo i valori target impostati allinizio Poi misura una serie di patches per creare il profilo (caratterizzazione) La calibrazione deve essere sempre ripristinata quando il computer viene acceso Stesse impostazioni Stesse curve caricate nella LUT

9 Il monitor, la validazione La validazione del profilo non è indice assoluto di bontà del profilo Ci dice solo se il profilo riesce a rappresentare bene la caratterizzazione (misura) utilizzata per creare il profilo stesso Se la misura contiene degli errori, il profilo non descriverà bene il monitor Se qualche patch risulta molto lontana dalla previsione del profilo, o cè stato un errore di misura, o il profilo è stato calcolato male, oppure il monitor non è stabile

10 Funzioni extra di Argyll, lettura High resolution mode E possibile attivare la modalità High resolution per lEye-One Pro (spettrofotometro) Normale nm a passi di 10nm High Resolution a passi di 3nm Può essere utile per misurare sorgenti con forti picchi Monitor Luce fluorescente Led

11 Funzioni extra di Argyll, Target ottimizzati In generale, più patches ci sono in un target e migliore sarà il profilo In genere le patches sono disposte in modo ordinato A griglia in RGB

12 Funzioni extra di Argyll, Target ottimizzati Per migliorare la qualità del profilo, si possono creare target ottimizzati Fatto un profilo preliminare, è possibile disporre le patches in modo intelligente Per esempio, se il monitor non è stato calibrato……

13 Funzioni extra di Argyll, Target ottimizzati …. è possibile con un profilo preliminare inseguire lasse del grigio nello spazio Lab (fissando un raggio) e disporre le patches colorate a griglia nello spazio Lab In questo modo il campionamento dello spazio colore del monitor sarà più omogeneo …e il profilo risulterà più accurato Sia nella riproduzione dellasse del grigio Sia nella riproduzione dei colori

14 Funzioni extra di Argyll, Validazione profilo Per avere unidea più precisa dellaccuratezza del profilo è meglio utilizzare target diversi da quello utilizzato nella creazione del profilo Una possibilità è quella di disporre le patches in modo random Ed eventualmente inserire qualche gradiente ad-hoc Gli errori saranno maggiori rispetto alla validazione classica

15 Valutazione rumore E possibile creare target personalizzati Ne ho creato uno a 1512 tacche per valutare il rumore di lettura dello strumento La 21 step viene letta 72 volte (c.a. 1 ora di lettura con lEye-One Pro, 20 minuti con lEye-One Display) Grafico dei risultati

16 Eye-One Pro (Spettrofotometro)

17 Eye-One Display (Colorimetro)


Scaricare ppt "Reggio Emilia 5 Giugno 2009 Profilo del monitor Alberto Maccaferri."

Presentazioni simili


Annunci Google