La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo 4 – Seconda Parte Foglio Elettronico Definire la funzionalità di un software per gestire un foglio elettronico Utilizzare le operazioni fondamentali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo 4 – Seconda Parte Foglio Elettronico Definire la funzionalità di un software per gestire un foglio elettronico Utilizzare le operazioni fondamentali."— Transcript della presentazione:

1

2 Modulo 4 – Seconda Parte Foglio Elettronico Definire la funzionalità di un software per gestire un foglio elettronico Utilizzare le operazioni fondamentali per creare e formattare un foglio elettronico Utilizzare le funzioni aritmetiche e logiche di base Importare oggetti nel foglio e rappresentare graficamente i dati in esso contenuti Indice ITCS Gaetano Filangieri di Frattamaggiore NA - Corso di Informatica a cura di Gaetano Vergara

3 Essendo un foglio di calcolo, Excel si rivela molto utile per eseguire rapidamente svariate operazioni mediante lapplicazione di specifiche formule. Le formule consentono di calcolare valori. Esse permettono, ad esempio, di sommare una colonna di numeri e visualizzarne il contenuto, dividere un numero per un altro, calcolare la media tra una serie di valori ed effettuare qualunque altro tipo di calcolo.

4 Qualunque formula in Excel comincia sempre con il simbolo di uguale (=). Dopo il simbolo di uguale vengono riportati gli elementi da calcolare (rappresentati da numeri o da indirizzi di celle) separati da operatori di calcolo. Ecco un esempio di formula inserita nella cella A1.

5 Gli operatori di calcolo più comuni sono quelli aritmetici: + Addizione - Sottrazione *Moltiplicazione / Divisione ^ Elevamento a potenza % Percentuale

6 È importante sapere che per Excel alcuni di questi operatori hanno, all'interno della stessa formula, un grado di priorità, indipendentemente dall'ordine nel quale sono stati scritti. Quindi, è fondamentale conoscere lordine di priorità per non avere dei risultati errati. Ecco le priorità: I ^ Elevamento a potenza II * Moltiplicazione e / Divisione III + Addizione e - Sottrazione

7 Facciamo un esempio: nella formula sotto indicata, così come è scritta, Excel restituisce un valore pari a 50 in quanto esegue prima il prodotto tra il numero 20 ed in numero 2 e successivamente aggiunge il valore 10. =10+20*2 Qualora volessimo modificare l'ordine di calcolo e, più precisamente, eseguire la somma tra 10 e 20 e moltiplicare il tutto per il numero 2 occorre scrivere la formula nel seguente modo: =(10+20)*2 Quindi per modificare l'ordine di precedenza nella formula basta mettere tra parentesi le operazioni che vogliamo siano eseguite prima di altre, a prescindere dalla precedenza data ad esse dal programma.

8 Le funzioni sono formule predefinite che automatizzano operazioni comuni che diversamente richiederebbero più tempo. Qualunque funzione inizia sempre con il segno uguale (=) seguito da un nome, da una parentesi aperta, dagli argomenti della funzione ed infine da una parentesi chiusa. Vediamo accanto alcuni esempi di funzioni Gli argomenti contenuti nelle parentesi tonde possono essere costituiti da: valori riferimenti di celle, intervalli funzioni Il punto e virgola (;) funge da separatore degli argomenti

9 Nella cella A5 vediamo inserito un esempio di funzione Somma

10 La funzione Somma si può inserire direttamente con il pulsante Somma automatica della Barra degli strumenti standard. Supponiamo, ad esempio, di voler calcolare, nella cella C7, la somma dei valori contenuti in un intervallo compreso tra le celle B2 e B5.

11 Selezioniamo, allora, la cella C7 e premiamo su Somma automatica facciamo clic sulla cella B2 trasciniamo (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse) il puntatore fino alla cella B5 premiamo il tasto Invio.

12 Se torniamo a cliccare sulla cella C7, vediamo visualizzata la formula inserita sulla barra della formula. Lo stesso risultato può essere raggiunto scrivendo nella cella C7 la formula: = B2+B3+B4+B5. Ma il procedimento risulta naturalmente più complicato e laborioso. Nella cella C7 appare il risultato.

13 Un'altra delle funzioni più utilizzate nell'elaborazione dei fogli elettronici è la funzione Media che, appunto, calcola la media aritmetica di un insieme di numeri specificati. Per calcolare, ad esempio, nella cella C8, la media aritmetica annua delle Carte d'Identità emesse tra gli anni 1998 e 2001: 1. selezioniamo la cella C8 2. premiamo il pulsante (Incolla funzione) della Barra degli strumenti standard 3. selezioniamo Statistiche all'interno della sezione Categoria 4. selezioniamo Media nella sezione Nome funzione 5. premiamo il pulsante OK.

14 Per inserirvi gli indirizzi delle celle sulle quali calcolare il valore della media, bisogna: - fare clic sul pulsante in corrispondenza della casella Num1 - selezionare le celle contenute nell'intervallo desiderato - fare clic sul pulsante (posizionato sotto la Barra della formula) per visualizzare nuovamente la finestra della funzione media - premere il pulsante OK. A questo punto, viene visualizzata la finestra della funzione.

15 Nella cella C8 appare il risultato della funzione, mentre sulla barra della formula è visualizzata la funzione.

16 Un modo alternativo per calcolare la media consiste nel digitare direttamente la funzione all'interno della cella e, più precisamente, occorre: Fare clic sulla cella C8 e scrivere =media( Selezionare la cella B2 e trascinare (tenendo premuto il tasto sinistro del mouse) il puntatore fino alla cella B5 Chiudere la formula con la parentesi tonda Premere il tasto Invio

17 Con Excel è possibile modificare sia l'aspetto del testo (tipo di carattere, allineamento, dimensione) sia l'aspetto dei numeri. Per questi ultimi, occorre tenere presente che possono essere costituiti da punti, virgole o simboli. Per modificare, ad esempio, le celle C2, C3 e C4 inserendo il simbolo dell'euro e le due cifre decimali dopo la virgola bisogna: > Selezionare la cella C2 > Trascinare il puntatore (tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse) fino alla cella C4 > Premere il pulsante Euro sulla Barra di formattazione.

18 In questo modo, Excel ha modificato le celle selezionate trasformandole in un formato in cui inserire specificatamente valori in euro. Un modo alternativo per ottenere lo stesso risultato consiste nell'utilizzare il comando Cella dal menu Formato. In questo modo è possibile scegliere tra tutti i formati che Excel mette a disposizione, quello adatto al lavoro che da svolgere.

19 Ipotizziamo, ad esempio, di voler modificare il formato delle date inserite nelle celle A2 e A3. Per fare ciò occorre: Selezionare la cella A2 Trascinare il puntatore fino alla cella A3 (tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse) Scegliere Celle dal menu Formato.

20 Ecco la scheda Numero della finestra di dialogo Formato celle. Nella sezione di destra ci sono le diverse Categorie di formato messe a disposizione da Excel. Se, ad esempio, vogliamo scegliere il formato di una data inserita in una cella: 1. Facciamo clic su Data della sezione Categoria 2. Nella sezione di destra Tipo, selezioniamo il formato data preferito 3. Premiamo OK

21 Excel ci consente di variare l'orientamento di un testo all'interno di una o più celle. Ad esempio, per modificare verso l'alto le intestazioni delle colonne della tabella qui rappresentata e, più precisamente, delle celle A1, B1 e C1, bisogna: > selezionare la cella A1 e, tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare il puntatore fino alla cella C1 > scegliere il comando Celle dal menu Formato.

22 Selezionare la scheda Allineamento

23 Modificare l'angolo di rotazione del testo nella sezione Orientamento e premere il pulsante OK.

24 Ecco il risultato della nostra operazione

25 E' possibile che, durante la compilazione di un foglio Excel, si commettano degli errori. La presenza di un errore viene segnalata nella cella dal simbolo del cancelletto ( # ).

26 Quando il valore non riesce ad essere contenuto nella cella a causa delle ridotte dimensioni, viene visualizzato l'errore #### In questo caso, occorre aumentare la larghezza della colonna. L'errore #VALORE! compare, invece, se un argomento della formula o una funzione è sbagliato, oppure quando un operando esegue un calcolo incompatibile con gli argomenti. Nell'esempio riportato la formula evidenziata nella Barra della formula contiene operandi sono rappresentati da un testo (B2) e da un numero (C2).

27 L'errore #DIV/0 compare quando un valore numerico viene diviso per zero o un divisore è indicato in una cella vuota. La segnalazione #NOME? viene restituita nel caso in cui Excel non riesca ad interpretare il testo contenuto in una formula o funzione.


Scaricare ppt "Modulo 4 – Seconda Parte Foglio Elettronico Definire la funzionalità di un software per gestire un foglio elettronico Utilizzare le operazioni fondamentali."

Presentazioni simili


Annunci Google