La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

WARNING!! Pericolo Tumori. Da cosa sono provocati? Anti-Tumurali la colonna sonora dellipertesto è stata realizzata con musiche originali di Thomas Becker.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "WARNING!! Pericolo Tumori. Da cosa sono provocati? Anti-Tumurali la colonna sonora dellipertesto è stata realizzata con musiche originali di Thomas Becker."— Transcript della presentazione:

1 WARNING!! Pericolo Tumori

2 Da cosa sono provocati? Anti-Tumurali la colonna sonora dellipertesto è stata realizzata con musiche originali di Thomas Becker Cosè un tumore? Come prevenirli? Bibliografia Come si interviene? Mangiare e prevenzione

3 I tumori In patologia, un tumore (dal latino tumor, «rigonfiamento») o neoplasia (dal greco néos, «nuovo», e plásis, «formazione») è, nella definizione dell'oncologo R.A. Willis, «una massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste in questo stato dopo la cessazione degli stimoli che hanno indotto il processo», definizione accettata a livello internazionale Normalmente le cellule quando sono danneggiate (figura A), esse vengono eliminate mediante apoptosi. Le cellule cancerogene (figura B) evitano l'apoptosi e continuano a riprodursi in maniera irregolare.

4 Tipologie di cancro "maligni" o "cancro", sono costituiti da cellule che appaiono morfologicamente e funzionalmente diverse dalle corrispondenti normali. I tessuti vicini al tumore maligno vengono invariabilmente infiltrati e distrutti dalle cellule tumorali che si sostituiscono a quelle normali, fenomeno questo caratteristico della malignità e noto col termine "invasività neoplastica". "borderline" sono tumori che presentano un comportamento intermedio fra la malignità e la benignità (tumori "borderline") o risultano inclassificabili). In questi casi, generalmente la frequenza delle metastasi è molto bassa e il decorso è lento. "benigni", sono costituiti da cellule che mantengono in parte le loro caratteristiche morfologiche e funzionali, pur esibendo autonomia moltiplicativa. Essi sono caratterizzati da un tipo di sviluppo detto espansivo, perché comprime i tessuti vicini senza distruggerli

5 Affinché una cellula diventi tumorale, deve accumulare una serie di danni al suo sistema di controllo della riproduzione.Tutte le cellule cancerose e precancerose presentano alterazioni, spesso molto estese, del loro assetto cromosomico (cariotipo): il numero di cromosomi presenti nel loro nucleo può essere alterato e i cromosomi stessi sono danneggiati, multipli o mancanti (aneuploidia) Alla base della patogenesi del tumore c'è la mutazione di determinati geni: i proto-oncogeni Gli oncosoppressori i geni coinvolti nella riparazione del DNA

6 I Proto-oncogeni Un proto-oncogene è un gene che codifica le proteine che regolano il ciclo cellulare e il differenziamento. Quando i Proto-geni subiscono dei mutamenti e si trasformano in Oncogeni indirizzano la cellula verso lo sviluppo di un fenotipo neoplastico. Solitamente gli oncogeni intervengono nello sviluppo tumorale e aumentano le possibilità che lo sviluppo di una cellula si diriga in senso tumorale. Un esempio di oncogene sono i fattori di crescita fattori di crescita

7 Il termine fattore di crescita si riferisce a proteine capaci di stimolare la proliferazione e il differenziamento cellulare. Sono tipiche molecole segnale usate per la comunicazione tra le cellule di un organismo. La funzione principale dei fattori di crescita è il controllo esterno del ciclo cellulare, mediante l'abbandono della quiescenza cellulare (fase G0) e la entrata della cellula in fase G1 (di crescita). Ma questa non è la loro unica funzione infatti regolano l'entrata in mitosi, la sopravvivenza cellulare, la migrazione e il differenziamento cellulari. Insieme alla proliferazione essi promuovono sempre contemporaneamente il differenziamento e la maturazione (infatti una proliferazione senza differenziamento significa l'insorgenza d'un tumore). Il latte e i suoi derivati contiene numerosissimi fattori di crescita, che aiutano il ciclo cellulare del neonato, ma agli organismi già sviluppati può dare origine a cellule cancerose.

8 Oncosoppressori Un gene oncosoppressore è un gene che controlla la presenza di fattori che agiscono negativamente sulla progressione del ciclo cellulare proteggendo in tal modo la cellula dall'accumulo di mutazioni potenzialmente cancerose. Gli oncosoppressori favoriscono la differenziazione cellulare o l'apoptosi in caso di danno irreparabile al DNA. Quando tali geni sono assenti o inattivati - ad esempio in seguito all'insorgenza di una mutazione - la cellula può progredire verso la trasformazione in cellula cancerosa, solitamente in presenza di altre modificazioni genetiche.

9 La riparazione del DNA è un processo che opera costantemente nelle cellule; essa è essenziale alla sopravvivenza in quanto protegge il genoma da danni e mutazioni nocive ossia la creazione di Radicali liberi. Nelle cellule umane, sia le normali attività metaboliche che i fattori ambientali (quali i raggi UV) possono causare danno al DNA, determinando almeno singole lesioni molecolari per cellula al giorno. Tali lesioni provocano danno strutturale alla molecola di DNA, e possono alterare in maniera drammatica il modo in cui la cellula legge le informazioni contenute nei suoi geni. Di conseguenza, il processo di riparazione del DNA deve lavorare in continuazione, per correggere qualsiasi danno nella struttura del DNA. Radicali liberi Il danno al DNA determina rotture cromosomiche multiple

10 Nella cellula invecchiata, tuttavia, la velocità di riparazione del DNA decresce fino a che non può tenere più il passo con la creazione del danno al DNA. A quel punto la cellula va incontro ad uno dei tre possibili destini: Uno stato di dormienza irreversibile, detto senescenza La carcinogenesi, ossia la formazione del cancro La Aptotosi

11 I radicali liberi sono delle molecole o porzioni di molecole che hanno un elettrone in meno. Queste molecole hanno un'alta reattività per cui tendono a captare un atomo di idrogeno da altre molecole, determinando una reazione a catena. I radicali liberi agendo sui grassi delle membrane cellulari e sulle proteine nucleari determinano grossi danni alle cellule disintegrando le membrane e i nuclei. I radicali liberi sono alla base dell'invecchiamento, dei tumori,dell'arteriosclerosi, dell'ipertensione. Radicali liberi si formano per effetto del fumo, delle radiazioni.

12 Le terapie contro il cancro Il problema principale nella terapia dei tumori è che il sistema immunitario del paziente non distingue le cellule tumorali da quelle sane, e quindi non reagisce alla loro presenza, o nei casi in cui reagisce non lo fa con sufficiente energia. Inoltre poiché strutturalmente le cellule tumorali sono ancora, di massima, cellule umane, anche gli antibiotici e gli antivirali non hanno alcun effetto su di esse.

13 Le tecniche di intervento utilizzate contro i tumori sono: Terapia:La chirurgia La radioterapia La chemioterapia La ormonoterapia La Ipertermia Efetto:Si esporta Il cancro Sperand o che non sia diffuso per via ematica Distrugge cellule tumorali mediante radiazioni ionizzanti La terapia sfrutta la sensibilità specifica dei singoli tumori a determinate sostanze, che sono inibitori della mitosi La terapia consisteva inizialmente nel somministrare testosterone alle donne con cancro alla mammella, e invece estrogeni agli uomini con tumore alla prostata. La terapia consiste nel riscaldare in profondità uno o più organi malati di cancro. Le cellule cancerose impreparate a temperature come i 42°-43° compiono lapoptosi

14 Prevenire il cancro Le vittime del cancro, secondo i dati dellOrganizzazione mondiale della sanità, sono in continua crescita, tanto che si stima che nel 2030 supereranno gli 11 milioni e che, in generale, il cancro sarà la causa principale di tutti i decessi. I tumori maligni dello strato superiore della pelle, detti carcinomi, sono la categoria più frequente di cancro. In Italia, per esempio, nel 2007 sono morte persone: per cause riconducibili al sistema cardiovascolare, e a causa di tumori (in massima parte maligni); in quest'ultimo gruppo, le patologie più diffuse sono stati i tumori maligni del sistema respiratorio (soprattutto carcinoma del polmone; morti), il carcinoma del colon- retto (18.349), della mammella (12.050), dello stomaco (10.522), oltre ai tumori maligni (generalmente non epiteliali) del sistema immunitario ( morti).

15 Si stima però che il 40 per cento dei tumori potrebbe essere prevenuto adottando stili di vita corretti (smettere di fumare, alimentarsi in modo sano ed equilibrato e praticare regolarmente attività fisica) e sottoponendosi con regolarità a visite ed esami di diagnosi precoce.

16 Un metodo per prevenire i tumori è assumere le così dette sostanze chemiopreventive, cioè sostanze biologiche o elementi nutritivi per inibire, ritardare o invertire il processo di cancerogenesi in qualunque momento, prima della fase invasiva di malattia Alcuni esempi sono: Epigallocatechina-3-gallato – tè verde Aglio e cipolla Curcumina – ingrediente delle spezie (Curry) Resveratrolo – uva rossa Broccoli-cavolini Xantumolo – birra Mele-Arance-Mirtilli Cereali Capsicina – peperoncini

17 users.unimi.it tesi.cab.unipd.it/


Scaricare ppt "WARNING!! Pericolo Tumori. Da cosa sono provocati? Anti-Tumurali la colonna sonora dellipertesto è stata realizzata con musiche originali di Thomas Becker."

Presentazioni simili


Annunci Google