La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disturbi della crescita cellulare Cambi di differenziamento: Metaplasie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disturbi della crescita cellulare Cambi di differenziamento: Metaplasie."— Transcript della presentazione:

1

2 Disturbi della crescita cellulare

3

4

5 Cambi di differenziamento: Metaplasie

6

7 Alterazioni dell architettura tissutale: Displasie

8

9 Epitelio pluristratificato non cheratinizzato Caratteri di displasia, (grado massimo = = carcinoma in situ)

10 Tumori benigni, Tumori maligni

11

12

13 benignità malignità

14

15 Classificazione istologica dei tumori carcinomi - tumori derivati da epiteli di rivestimento (ad es. epidermide, epitelio esofageo, epitelio vescicale, ecc.) adenocarcinomi - da epiteli ghiandolari (ad es. mammella, epit. gastrointestinale, tiroide, ecc.) sarcomi - da tessuti connettivi e loro specializzazioni (ad es. tess. fibroso, adiposo, muscolare, osseo, ecc.)

16

17

18

19 PERCHE ? Quali meccanismi provocano la comparsa di cellule neoplastiche ? Quali sono le cause del cancro ?

20 Fattori che influenzano lincidenza e la mortalità

21

22 FEMMINEMASCHI

23 Fattori ambientali: linquinamento chimico ed industriale

24 Fattori ambientali: alcuni comportamenti a rischio

25 I fondamentali studi di Cancerogenesi Sperimentale negli animali da laboratorio

26 INDUZIONE SPERIMENTALE DI TUMORI NELLANIMALE DA LABORATORIO

27

28

29 Dagli studi di Cancerogenesi chimica sperimentale è emerso che : - alcune sostanze chimiche possono dare tumori da sole (cancerogeni completi) - altre sostanze non producono alterazioni, finché lo stesso tessuto non viene esposto ad altre sostanze: le prime si definiscono agenti inizianti, le seconde agenti promoventi sostanze: le prime si definiscono agenti inizianti, le seconde agenti promoventi - è oggi chiaro che gli agenti inizianti provocano alterazioni a carico del DNA della cellula, mentre gli agenti promoventi in genere inducono stimoli alla proliferazione mentre gli agenti promoventi in genere inducono stimoli alla proliferazione - durante questa proliferazione indotta da un promovente, si potranno manifestare anomalie nel comportamento di crescita cellulare, derivanti da alterazioni eventualmente prodotte dall nel comportamento di crescita cellulare, derivanti da alterazioni eventualmente prodotte dall agente iniziante a carico di geni che partecipano al controllo dei meccanismi del ciclo agente iniziante a carico di geni che partecipano al controllo dei meccanismi del ciclo cellulare e della mitosi. cellulare e della mitosi.

30 Le Precancerosi (Lesioni Preneoplastiche)

31 Precancerosi : condizioni dal significato analogo a quello delle lesioni pre-neoplastiche osservate dalla cancerogenesi sperimentale

32 Leucoplachia

33

34 Precancerosi : condizioni dal significato analogo a quello delle lesioni pre-neoplastiche osservate dalla cancerogenesi sperimentale

35 EPITELIO CILINDRICO ECTOPICO

36

37 Poliposi del Colon

38 La trasformazione neoplastica : un processo cellulare Nelle cellule tumorali, a causa di mutazioni intervenute nei geni corrispondenti, sono alterate lespressione e le funzioni di una o più proteine fra quelle che partecipano - a vari livelli - alla transduzione intracellulare di segnali extracellulari Queste proteine possono essere recettori della superficie cellulare, proteine citosoliche, fattori di trascrizione nucleari, proteine di ripara- zione del DNA, proteine che controllano lentrata in ciclo e la mitosi, ed altre ancora

39 Neoplasia: tutto dipende dal DNA

40 FATTORI AMBIENTALI FATTORI AMBIENTALI Cancerogeni chimici Cancerogeni chimici Radiazioni ionizzanti Radiazioni ionizzanti Virus oncògeni Virus oncògeni FATTORI ENDOGENI FATTORI ENDOGENI Fattori causali nella comparsa delle neoplasie

41 Fattori endogeni: genetici: le Neoplasie Ereditarie

42 Neurofibromatosi di von Recklinghausen fibromi multipli delle guaine dei nervi periferici mal. ereditaria dominante

43 invasività invasività capacità di dare metastasi capacità di dare metastasi rapporto nucleo-citoplasmatico elevato rapporto nucleo-citoplasmatico elevato indice mitotico elevato indice mitotico elevato presenza di necrosi presenza di necrosi grado di differenziamento variabile, spesso scarso grado di differenziamento variabile, spesso scarso anomalie cromosomiche (casuali - raram. specifiche: es. translocazioni) anomalie cromosomiche (casuali - raram. specifiche: es. translocazioni) anomalie di espressione di geni (-> comparsa nel sangue di marcatori) anomalie di espressione di geni (-> comparsa nel sangue di marcatori) perdita dell inibizione da contatto perdita dell inibizione da contatto Caratteristiche delle cellule tumorali maligne

44

45

46 RIASSUMENDO I DATI A DISPOSIZIONE: - nel corredo genetico delle cellule NORMALI ci sono numerosi geni che codificano per proteine che regolano la divisione cellulare; codificano per proteine che regolano la divisione cellulare; - questi geni si possono identificare con metodiche di biologia molecolare; se ne conoscono diverse diecine, e prendono il nome di proto-oncogèni; se ne conoscono diverse diecine, e prendono il nome di proto-oncogèni; - varie cause possono provocare mutazioni ed anomalie di funzionamento di questi proto-oncogèni: di questi proto-oncogèni: 1) inquinamento del DNA cellulare con DNA virale; 2) mutazioni causate nel DNA cellulare da agenti chimici (cancerogeni) ; 3) mutazioni causate da radiazioni ionizzanti (ad es. raggi X, raggi gamma) ; 4) lanormale funzionamento del proto-oncogène può derivare da sposta- menti di materiale genetico causati da riarrangiamenti cromosomici; menti di materiale genetico causati da riarrangiamenti cromosomici;

47 - un proto-oncogène mutato che comincia a funzionare male viene definito oncogène attivato; oncogène attivato; - la cellula in cui uno o più proto-oncogèni si sono attivati presenterà anomalie del comportamento proliferativo; del comportamento proliferativo; - alcuni di questi proto-oncogèni codificano per proteine che eseguono la manu- tenzione del DNA, ossia riparano le mutazioni che continuamente si verificano; tenzione del DNA, ossia riparano le mutazioni che continuamente si verificano; - se mutano questi geni, il DNA resterà meno protetto da ulteriori mutazioni; - il risultato sarà un aumento ed un accumulo di sempre nuove mutazioni, col rischio che vengano mutati ed attivati ulteriori proto-oncogeni; rischio che vengano mutati ed attivati ulteriori proto-oncogeni; - si usa il termine PROGRESSIONE NEOPLASTICA per indicare questo accumularsi di mutazioni, che rende la popolazione di cellule tumorali sempre accumularsi di mutazioni, che rende la popolazione di cellule tumorali sempre più eterogenea. più eterogenea.

48

49 Anomalie citogenetiche nelle neoplasie (citogenetico = dei cromosomi)

50

51 Geni coinvolti oltre agli oncogèni: geni della riparazione del DNA geni della riparazione del DNA geni oncosoppressori (es. p53) geni oncosoppressori (es. p53)

52 p53 ferma il ciclo, attiva la DNA riparazione, predispone lapoptosi

53

54 Apoptosi e Neoplasie: - in una cellula normale sono presenti e funzionanti numerosi geni che codificano per proteine che partecipano al processo della apoptosi; codificano per proteine che partecipano al processo della apoptosi; - molto spesso, specialmente nelle fasi tardive di progressione, questi geni restano vittime di mutazioni; restano vittime di mutazioni; - le cellule neoplastiche allora non rispondono più a stimoli esterni che in condizioni normali le obbligherebbero ad entrare in apoptosi; condizioni normali le obbligherebbero ad entrare in apoptosi; - laumento del numero delle cellule in una neoplasia deriva dunque sia da unaumentata proliferazione, sia da una diminuita morte cellulare. da unaumentata proliferazione, sia da una diminuita morte cellulare.

55 Riassumendo :

56 Termini per lEsame Allo scopo di verificare la propria preparazione, lo Studente è invitato a sincerarsi di aver appreso il significato delle seguenti parole-chiave : Atrofia, Ipertrofia Involuzione, Iperplasia Metaplasia Richiesta funzionale Adattamento Displasia Carcinoma in situ Differenziamento Maturazione Invasione locale Metastasi Classificazione istologica Carcinoma Adenocarcinoma Sarcoma Incidenza Mortalità Atrofia, Ipertrofia Involuzione, Iperplasia Metaplasia Richiesta funzionale Adattamento Displasia Carcinoma in situ Differenziamento Maturazione Invasione locale Metastasi Classificazione istologica Carcinoma Adenocarcinoma Sarcoma Incidenza Mortalità Agente cancerogeno Asbesto Benzene 2-Naftilamina Idrocarburo policiclico Benzo-/a)-pirene Cloruro di vinile Aflatossina Cancerogenesi chimica Cancerogenesi sperimentale Agente iniziante Agente promuovente Promiscuità sessuale Dieta ipercalorica Malignità Progressione neoplastica Lesione preneoplastica Precancerosi Leucoplachia Nevo Agente cancerogeno Asbesto Benzene 2-Naftilamina Idrocarburo policiclico Benzo-/a)-pirene Cloruro di vinile Aflatossina Cancerogenesi chimica Cancerogenesi sperimentale Agente iniziante Agente promuovente Promiscuità sessuale Dieta ipercalorica Malignità Progressione neoplastica Lesione preneoplastica Precancerosi Leucoplachia Nevo Cirrosi epatica Esofago di Barrett Tumore ereditario Nurofibromatosi Poliposi familiare del colon Ciclo cellulare, Mitosi Transduzione dei segnali Protooncogène Oncogène attivato Gene oncosoppressore Gene di riparazione del DNA Trasformazione cellulare Inibizione da contatto Virus oncògeno Traslocazione cromosomica Policlonalità p53, RB-1 BRCA-1, BRCA-2 Cirrosi epatica Esofago di Barrett Tumore ereditario Nurofibromatosi Poliposi familiare del colon Ciclo cellulare, Mitosi Transduzione dei segnali Protooncogène Oncogène attivato Gene oncosoppressore Gene di riparazione del DNA Trasformazione cellulare Inibizione da contatto Virus oncògeno Traslocazione cromosomica Policlonalità p53, RB-1 BRCA-1, BRCA-2

57

58


Scaricare ppt "Disturbi della crescita cellulare Cambi di differenziamento: Metaplasie."

Presentazioni simili


Annunci Google