La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C ARICHI T ERMICI E STIVI Prof. M. Mistretta. I CARICHI TERMICI ESTIVI Il calcolo delle rientrate di calore estive, rispetto a quello delle dispersioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C ARICHI T ERMICI E STIVI Prof. M. Mistretta. I CARICHI TERMICI ESTIVI Il calcolo delle rientrate di calore estive, rispetto a quello delle dispersioni."— Transcript della presentazione:

1 C ARICHI T ERMICI E STIVI Prof. M. Mistretta

2 I CARICHI TERMICI ESTIVI Il calcolo delle rientrate di calore estive, rispetto a quello delle dispersioni invernali, richiede una più difficile valutazione vista la molteplicità dei fattori da considerare per la stima dei carichi ambiente. Mentre per il calcolo delle dispersioni invernali si fa riferimento a condizioni stazionarie (si assume cioè che la temperatura dellaria esterna rimanga costante nel corso della giornata e pari al valore di progetto) nel caso delle rientrate estive tale discorso viene a mancare a seguito dellestrema variabilità dei flussi termici legati alla radiazione solare.

3 La curva superiore rappresenta lapporto di calore istantaneo per radiazione su una parete esposta ad ovest. Tale apporto istantaneo (space heat gain ) è definibile come la quantità di calore che entra allinterno dello spazio occupato in un dato istante.

4 La curva inferiore rappresenta, invece, il carico di raffreddamento effettivo (space cooling load) e cioè la quantità di calore che deve essere rimosso dallo spazio al fine di mantenere costante la temperatura dellaria.

5 Il calore dovuto alla radiazione solare viene prima assorbito dalle superfici di delimitazione del locale (pareti, porte, soffitti etc…) e dagli oggetti in esso contenuti. Allorché la temperatura di questi supera quella dellaria ambiente una parte del calore assorbito viene trasferito per convezione ed irraggiamento allambiente circostante.

6 Linerzia termica delle strutture determina unattenuazione del carico di raffreddamento effettivo rispetto allapporto istantaneo ed uno sfasamento temporale funzione della massa delle strutture: al diminuire del peso della struttura il carico di raffreddamento effettivo, che andrà poi ad influire sulla scelta della potenzialità delle macchine, approssima sempre più landamento della radiazione solare istantanea.

7 VALUTAZIONE DEI CARICHI SENSIBILI E LATENTI La stima dei carichi ambiente prevede unattenta valutazione di tutte le componenti che contribuiscono alla definizione dei carichi sensibili e latenti. E possibile, a tale proposito, diversificare i contributi classificandoli come di seguito.

8 1. C ONTRIBUTO DEL CALORE SENSIBILE Radiazione solare attraverso vetri, muri, tetti; Trasmissione attraverso vetri, muri e tetti; Infiltrazione di aria esterna; Apporto interno allambiente dovuto a persone, luci, apparecchiature elettriche. 2. C ONTRIBUTO DEL CALORE LATENTE Apporto di vapore dovuto a persone presenti in ambiente; Infiltrazione di aria esterna, avente in genere unumidità specifica superiore a quella dellaria ambiente; Vapore prodotto in ambiente da eventuali processi o apparecchiature presenti.

9 VALUTAZIONE DEI CARICHI SENSIBILI E LATENTI Una stima precisa dei carichi ambiente, vista la molteplicità dei fattori da considerare, prevede unattenta valutazione dei differenti contributi alle varie ore della giornata. La scelta della potenzialità dellimpianto sarà quindi determinata dal valore del carico massimo concomitante ad una data ora.

10

11 C ONSIDERAZIONI DI CARATTERE IMPIANTISTICO Per poter procedere allo studio di un impianto di condizionamento occorre disporre di una serie di dati necessari per una corretta valutazione dei carichi ambiente. I dati in questione possono essere così riassunti: Località climatica; Piante e Sezioni; Orientamento; Caratteristiche strutturali dei componenti opachi; Caratteristiche dei componenti finestrati; Destinazione duso dei locali;

12 C ONSIDERAZIONI DI CARATTERE IMPIANTISTICO Condizioni termoigrometriche di progetto previste (interne ed esterne); Numero di persone presenti o previste in ambiente; Numero e tipo di lampade per lilluminazione presenti in ambiente; Numero e tipo di macchine elettriche installate in ambiente; Orario previsto di funzionamento giornaliero dellimpianto; Informazioni sui locali circostanti, sottostanti e sovrastanti (se condizionati o riscaldati e a che temperatura); Disponibilità di vani tecnici per alloggiare i macchinari;

13 C ARICHI A MBIENTE 1. RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSO IL VETRO. Le superfici finestrate si comportano diversamente nei confronti degli scambi termici per irraggiamento in relazione alla differente trasmissività che presentano alla radiazione a bassa ed alta lunghezza donda. E ovvio che la trasmissività di una superficie vetrata dipende dalla sua composizione chimica, dallo spessore, dalla presenza di pellicole di rivestimento, dalla lunghezza donda della radiazione e dal suo angolo dincidenza..

14 C ARICHI A MBIENTE 1. RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSO IL VETRO. Ciò che investe la superficie vetrata non è totalmente trasmesso nellambiente ma in parte è riflesso allesterno, in parte trasmesso ed in parte assorbito. La quota trasmessa allinterno dipende dallangolo di incidenza dei raggi solari sul vetro oltre che dalle caratteristiche del vetro in oggetto. Al crescere dellangolo dincidenza aumenta la quota riflessa rispetto a quella trasmessa..

15 1. RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSO IL VETRO. Il calcolo delle rientrate di calore attraverso le superfici finestrate richiede la conoscenza dei seguenti parametri: La radiazione solare massima mensile per il mese considerato e per lesposizione in oggetto; Area finestre; Fattori correttivi (fattore tapparelle, fattore foschia, altitudine, fattore tipologia vetro); Il valore di radiazione solare massima mensile si trova in funzione della latitudine per i diversi mesi dellanno e le diverse esposizioni con riferimento a vetro semplice e telaio in legno.

16 Nella tabella sono riportati i valori della radiazione solare con riferimento a latitudini nord: 45° (Venezia) e 40° (Napoli) [kcal/m 2 h (4,18/3600 kW/m 2 )]

17 1. RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSO IL VETRO. Nel caso ci si discosti dal tali condizioni occorrerà correggere i dati sopra riportati con i seguenti fattori correttivi ( FCR1):

18 In presenza, inoltre, di schermi e/o di vetro ordinario non semplice, occorrerà introdurre unaltra serie di fattori correttivi ( FCR2), di cui si riporta in tabella una sintesi abbastanza significativa:

19 1. RADIAZIONE SOLARE ATTRAVERSO IL VETRO. Occorrerà considerare, infine, i differenti fattori di accumulo ( FCR3) tabellati in relazione al numero di ore di funzionamento dellimpianto, con riferimento a: - superfici finestrate con o senza schermi interni e/o esterni, - esposizione - tipologia delle strutture (medie, leggere e pesanti) - ora solare di riferimento. Nella tabella sottostante sono stati riportati a titolo di esempio i fattori daccumulo ( FCR3) per la radiazione solare relativi ad un impianto con funzionamento pari a 12 ore giornaliere, in presenza di schermi interni oppure vetro non schermato o con schermi esterni - Temperatura ambiente costante.

20

21 Il calcolo delle rientrate per irraggiamento attraverso i componenti finestrati può essere effettuato attraverso lapplicazione di una relazione del tipo:

22 2. TRASMISSIONE DEL CALORE ATTRAVERSO I VETRI Il calcolo delle rientrate di calore per trasmissione attraverso le superfici vetrate si effettua in maniera analoga a quanto si fa per il calcolo delle dispersioni invernali. La formula da utilizzare è :

23 3. TRASMISSIONE DEL CALORE ATTRAVERSO LE SUPERFICI OPACHE Il calcolo delle rientrate di calore per trasmissione attraverso le superfici opache (tetti, muri) richiede unattenta analisi dei contributi di carico legati alleffetto congiunto: Differenza di temperatura tra aria esterna ed aria interna; Radiazione solare. La radiazione solare è responsabile di unazione amplificatrice dello scambio termico convettivo – conduttivo - convettivo legato al salto termico esistente fra aria esterna ed aria interna. Tale radiazione, assorbita dalle superfici esterne, produce un effetto riscaldante che occorre computare ai fini di una corretta valutazione delle rientrate estive relativamente ai componenti in oggetto (temperatura aria-sole).

24 3. TRASMISSIONE DEL CALORE ATTRAVERSO LE SUPERFICI OPACHE La relazione utilizzata per il calcolo di tale tipologia di carichi è la seguente: dove Δ Tequiv è una differenza di temperatura equivalente che porta in conto - lapporto solare variabile durante la giornata - lescursione termica giornaliera dellaria esterna - le caratteristiche di assorbimento della superficie esterna - le caratteristiche inerziali delle strutture di delimitazione del volume condizionato riferite al peso per m2 di superficie.

25 Δ Tequiv, con riferimento a muri di colore grigio comunque orientati e di differente peso, in relazione alle diverse ore del giorno e latitudine Nord pari a 40°. Temperatura aria esterna 34 °C Temperatura aria interna 26 °C Escursione giornaliera 11 ° C relativamente al mese di Luglio.

26 In condizioni diverse da quelle citate occorrerà apportare le seguenti correzioni: Con riferimento ad unescursione di 11 °C ma con Ta-Te 8°C, il ΔTequiv dovrà essere così corretto: ΔTequiv, eff = ΔTequiv,tab + [(Ta-Te)-(34-26)] Dove Ta = temperatura aria esterna Te = temperatura aria esterna

27 C ARICHI A MBIENTE 4. CARICHI INTERNI Un contributo non trascurabile per la definizione del carico termico totale a carico dellimpianto di raffreddamento è rappresentato inoltre dai contributi di calore sensibile e latente, generato allinterno dellambiente, da parte di: Persone; Illuminazione; Apparecchiature/macchine presenti in ambiente.

28 C ARICHI A MBIENTE 4. CARICHI INTERNI: Persone Tutti noi scambiamo calore sensibile e latente con lambiente che ci circonda, in relazione al tipo di attività svolta e alle condizioni termoigrometriche dellaria.

29 Quote di calore sensibile e latente scambiato in relazione a differenti parametri dinteresse: tipo di attività svolta, temperatura.

30 4. CARICHI INTERNI: Illuminazione Ciò che viene assorbito dalle lampade in termini di potenza elettrica non si traduce interamente in carico termico. Nelle lampade a incandescenza una parte della potenza assorbita ( 10% circa) è trasformata in energia luminosa, mentre la rimanente porzione la ritroviamo sottoforma di calore dissipato nellambiente per radiazione ( 80%), convezione e conduzione (10%). Tale calore assorbito dalle strutture di delimitazione viene successivamente rilasciato da porte, muri, pavimento etc…. C ARICHI A MBIENTE

31 4. CARICHI INTERNI: Illuminazione Le lampade fluorescenti trasformano in energia luminosa circa il 25% di ciò che assorbono, un altro 25% viene scambiato per irraggiamento ed il rimanente 50 % per convezione e conduzione. In aggiunta a questo occorre considerare, per tali lampade, una maggiorazione del 25% per effetto del calore dissipato nello starter. C ARICHI A MBIENTE

32 4. CARICHI INTERNI: Illuminazione Un valore abbastanza utilizzato per la stima dei carichi dovuti allilluminazione è 12 W/m 2, valore che può salire anche a 20 W/m 2 in assenza di dati precisi. Si ricorda che tali valori possono portare a sovrastimare o sottostimare leffettiva entità dei carichi presenti in ambiente; quindi, prima di utilizzare tali valori, verificare sempre lattendibilità degli stessi. C ARICHI A MBIENTE

33 4. CARICHI INTERNI: Apparecchiature Alla definizione del carico termico totale contribuiscono altre sorgenti che possono essere presenti in ambiente e che dissipano in esso parte dellenergia elettrica assorbita. ….macchine fotocopiatrici, computer, stampanti etc.., per i quali si può considerare mediamente un valore di 20 ÷ 25 W/m 2 che può arrivare fino a 40 ÷ 45 W/m 2 nel caso in cui, ad esempio, si abbia unalta densità di computer. C ARICHI A MBIENTE

34 5. INFILTRAZIONI DARIA Il calcolo delle rientrate di calore dovute ad infiltrazioni di aria esterna attraverso gli infissi richiede la conoscenza delle portate daria effettivamente introdotte in ambiente e le condizioni termoigrometriche sia interne che esterne. Linfiltrazione di aria esterna è responsabile di apporti di calore sensibile e latente non desiderati in ambiente quantificabili attraverso le seguenti relazioni: C ARICHI A MBIENTE

35 5. INFILTRAZIONI DARIA C ARICHI A MBIENTE

36 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI Si voglia climatizzare locali destinati a pubblici uffici. La tipologia impiantistica scelta sia quella di un impianto a tuttaria con ricambio esterno pari al 50% del valore totale trattato. Siano tali locali ( h = 3.3 mt.) posizionati al piano terra di un edificio e comunicanti superiormente in parte con appartamenti non condizionati, in parte con un sottotetto ventilato ed in parte con un terrazzo. Si faccia riferimento a questultimo come luogo dove poter installare la centrale di trattamento aria ed il gruppo frigorifero.

37 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI Pianta dei locali da climatizzare

38 DATI DI PROGETTO Localita: Cosenza; Latitudine: 40° NORD; Estate: Taria esterna = 33.5 °C; U.R.= 50 %; Estate: Tamb. prog. = 25 °C; U.R.= 50 %; Inverno: Taria est. = -3 °C; Inverno: Tamb. prog. = 20 °C; DT: 8° (escursione termica giornaliera); H (s.l.m.): 256 mt.; Mese più caldo: Luglio ; Kpar.: 0.95 W/m2 °C (Muro esterno composto da 2 mattoni separati da una camera daria con intonaco esterno ed interno); Kfinestre.: 3,9 W/m2°C (doppio vetro - esterno assorbente ed interno ordinario -, telaio in ferro); Kporta: 2.5 W/m2°C (porta in legno); Ksolaio : 1.65 W/m2°C (solaio superiore)

39 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI DATI DI PROGETTO Numero di ore di funzionamento giornaliero dellimpianto: 12; Schermi interni costituiti da veneziana di colore chiaro; Affollamento previsto 1 persona ogni 8 m2; Illuminazione: 18 W/m 2 (Luci fluorescenti); Apparecchiature elettriche previste (computer): 8 W/m2; Salto termico tra aria esterna ed ambienti non condizionati: 3 °C.

40 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI Analisi dei parametri che influenzano le condizioni di carico termico cui potrebbe essere soggetta la struttura: - orientamento dei locali - vicinanza di edifici circostanti - caratteristiche di trasmissività delle superfici finestrate e orientamento delle stesse - presenza di ambienti adiacenti non condizionati o destinati ad attività particolari.

41 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI In base ai precedenti fattori supponiamo di aver individuato nelle ore pomeridiane ( 16:00) del mese presunto più caldo (Luglio) la condizione di carico più gravosa legata alla contemporaneità di differenti contributi.

42 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI

43 Nella tabella successiva figurano i valori di T equivalente calcolati con riferimento alle differenti esposizioni, considerando strutture opache di colore medio caratterizzate da un peso per m2 di superficie di 200 e 300, avendo cura di non trascurare i fattori correttivi legati ad un differente valore della temperatura esterna ed interna di progetto e allescursione termica giornaliera.

44 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI

45 Il contributo di carico maggiore risulta essere quello legato alla trasmissione attraverso le strutture opache ( 40%), seguito dal carico dovuto allilluminazione ( 20%), alle persone (16%) ed infine allirraggiamento (13%) attraverso le superfici finestrate

46 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI In realtà, quanto detto, cessa di essere vero nel momento in cui il confronto tra i differenti contributi di carico è relazionato allentità della superficie attraverso cui il calore penetra in ambiente. In realtà il carico radiante è il più pericoloso poiché spalmato su di una superficie che corrisponde al solo 7 % dellintera superficie di delimitazione delledificio da climatizzare. Ciò fa comprendere come in edifici caratterizzati da grandi superfici vetrate, ladozione di adeguata schermatura nei confronti della radiazione solare permette una grossa riduzione della componente di carico associata ed una minore richiesta di potenza frigorifera con conseguente risparmio sui costi legati allacquisto del gruppo frigorifero ed al dimensionamento dellimpianto.

47 E SEMPIO : CALCOLO DEI CARICHI TERMICI PER DEI LOCALI DESTINATI AD UFFICI Il grafico di figura 3 mostra, in modo similare, lentità delle dispersioni attraverso muri, tetti, pareti e componenti finestrate. In questo caso la dispersione attraverso le strutture opache è rilevante se confrontata con quella che compete alle superfici vetrate.


Scaricare ppt "C ARICHI T ERMICI E STIVI Prof. M. Mistretta. I CARICHI TERMICI ESTIVI Il calcolo delle rientrate di calore estive, rispetto a quello delle dispersioni."

Presentazioni simili


Annunci Google