La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comune di Grandate Piano di Governo del Territorio V.A.S. CONFERENZA DI VERIFICA / VALUTAZIONE 21.07.2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comune di Grandate Piano di Governo del Territorio V.A.S. CONFERENZA DI VERIFICA / VALUTAZIONE 21.07.2008."— Transcript della presentazione:

1 Comune di Grandate Piano di Governo del Territorio V.A.S. CONFERENZA DI VERIFICA / VALUTAZIONE

2 INCARICO PROFESSIONALE Avvio del procedimento D.G.C n° 12 Incarico formazione P.G.T. DET. R.S.T n° 113/38 Incarico redazione V.A.S. DET. R.S.T n° 125/43 Avvio procedimento V.A.S. ed individuazione Autorità competente D.C.G n° 30

3 SITUAZIONE URBANISTICA P.R.U.G. D.G.R n° VARIANTI P.R.U.G. L.R. 23/97 D.C.C n° 7 D.C.C n° 35 VARIANTE TANGENZIALE DI COMO CIPE DEL n° 77 (G.U n° 273) PIANO DEI SERVIZI D.C.C n° 34 DOCUMENTO DINQUADRAMENTO D.C.C n° 2 PIANO CAVE PROVINCIA DI COMO ATE g3 D.G.R n° 7/728 P.T.P.R. D.C.R n°. VII/197 P.T.C.P. D.C.P n°. 59 – Rete Ecologica (B.U.R.L n°. 38)

4 PROCESSO PARTECIPATIVO 1° AVVISO PUBBLICO AVVISO AVVIO V.A.S

5 SUPERFICIE TERRITORIALEmq ALTEZZA s.l.m.da 301 a 361 DISTANZA DA COMOKm 6 INFRASTRUTTURE PRINCIPALIex S.S. n°. 35

6 POPOLAZIONE }0,31% (0,02% MEDIO ANNUO)

7 POPOLAZIONE RESIDENTE al ab.

8 VERIFICA INDICE DI CONSUMO DEL SUOLO

9 LINEE PROGRAMMATICHE Consolidamento dell identità identificativa di Grandate nel compendio geografico di Como sud quale cerniera delle interrelazioni polifunzionali ed infrastrutturali fra la direttrice internazionale nord-sud (centro Europa-Milano) e quella pedemontana est- ovest. Presidio e valorizzazione delle peculiarità storico/naturalistiche e panoramiche del paesaggio inteso come sorgente ed al tempo stesso oggetto di percezione, con i rispettivi coni ottici. Contenimento della trasformazione territoriale entro limiti fisicamente sostenibili e funzionalmente compatibili, senza consumo di ulteriore suolo non urbanizzato, comunque con lintento di privilegiare benefici pubblici diffusi e conseguentemente di perseguire il miglioramento degli standard civili riconducibili al comfort abitativo singolo e sociale, anche attraverso la riappropriazione di risorse naturali oggettivamente scarse e la qualificazione del verde pertinenziale privato. Recupero del patrimonio edilizio esistente con particolare attenzione al nucleo di antica formazione, ai beni architettonici-culturali; consolidamento della compattezza della tessitura urbana,attraverso il completamento delle porosità e delle interstizialità persistenti; risanamento di ambiti degradati o dismessi.

10 LINEE PROGRAMMATICHE Tutela paesistica ambientale promuovendo la salvaguardia della rete ecologica locale e sovralocale e delle infrastrutture riservate alla mobilità protetta nel quadro della riscoperta di itinerari storico/naturalistici: in primis il collegamento con il centro sportivo e con la sede della ex Ferrovia Como-Varese di cui allo studio di fattibilità predisposto dallassociazione Iubilantes di Como (ed agli approfondimenti esecutivi già progettati per due tratti) nel quadro della proposta Re. Ver. Med. D.G.R n° 7/ Valorizzazione delle attività agrario/colturali attraverso il potenziamento della multifunzionalità ed articolazione dellindotto agricolo compatibile (turismo rurale ed escursionistico, enogastronomico, svago ecc.), finalizzate a coniugare la presenza delluomo con la prevenzione del degrado/dissesto e la salvaguardia dellequilibrio ambientale. Monitoraggio e verifica dei livelli di sostenibilità del settore produttivo, favorendo la riqualificazione artigianale e terziaria di vicinato a partire da processi di riconversione di complessi dismessi o contrassegnati da attività incompatibili con il compendio di appartenenza, comunque finalizzati alla diversificazione e conservazione dei livelli occupazionali. Inibizione di nuovi ed autonomi impianti riconducibili alla grande distribuzione commerciale, sulla scorta delle limitazioni impressa al settore dal P.T.C.P. cit.:

11 LINEE PROGRAMMATICHE Attivazione di ogni presenza istituzionale per rivendicare una forte partecipazione decisionale alle scelte definitive sul tracciato della Tangenziale di Como secondo unipotesi alternativa allattraversamento in sopraelevata del territorio comunale, già sostenuto da uno studio di fattibilità tecnica. Rivisitazione dei comportamenti connessi ai consumi delle risorse energetiche, idriche ed al ciclo degli smaltimenti/raccolta rifiuti e controllo dei servizi tecnologici per favorire effettive tendenze al risparmio, al recupero ed al conferimento ecologico differenziato, anche attraverso i criteri innovativi introdotti dal nuovo regolamento edilizio. Riconoscimento dellazione pianificatoria nel quadro complessivo della città pubblica come definito dalle polarità principali: a) asse via Como - via Volta - via Manzoni b)direttrice nord via San Pos c)compendio via Repubblica ex S.S. 3 d) compendio ovest via Mantero dove le priorità di intervento si identificano con il sistema della mobilità (più sopra trattata), il centro Sportivo Comunale e soprattutto il nuovo plesso scolastico consortile, già ampiamente descritti nel Piano dei Servizi citato.

12 concetti

13

14 Schema norme di riferimento generali assunte nel presente documento Modalità per la pianificazione comunale, Deliberazione Giunta regionale 29 dicembre 2005, n. VIII/168; Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 per il governo del territorio e successive modifiche e integrazioni; Indirizzi generali per la Valutazione Ambientale di Piani e Programmi – Deliberazione Consiglio regionale 13 marzo 2007, n. VIII/351; Determinazione della procedura per la valutazione ambientale di Piani e Programmi - VAS – Deliberazione Giunta regionale 27 dicembre 2007, n. VIII/6420; Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale, modificato con successivo Decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4; Direttiva 2001/42/CE del Parlamento Europeo del Consiglio del 27 giugno 2001 concernente la valutazione degli effetti di determinati Piani e Programmi sullambiente.

15

16

17

18 Orientamenti iniziali 1Linee programmatiche P.G.T. + 2Previsioni sovralocali, locali e settoriali + 3Interessi locali = Quadro pianificatorio-programmatico P.G.T.

19 SETTORI DI SOSTENIBILITA APPLICABILI AL DDP IN ESAME ARIA – CLIMA; ACQUA; SUOLO; BENI MATERIALI – PATRIMONIO CULTURALE ( patrimonio culturale: l'insieme costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici in conformità al disposto di cui all'articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42);articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 4 POPOLAZIONE – SALUTE UMANA; BIODIVERSITA – FLORA – FAUNA; RUMORE; RADIAZIONI; RIFIUTI; ENERGIA; MOBILITA – TRASPORTI.

20 Orientamenti iniziali 1 Linee programmatiche P.G.T.

21 Orientamenti iniziali 1 Linee programmatiche P.G.T.

22 2Previsioni sovralocali locali e settoriali Comunitario Nazionale Regionale Provinciale Sovracomunale P.R.U.G. e Comuni contermini Settoriale sovracomunale Settoriale comunale

23 3Interessi locali

24 Schema operativo P.G.T. – V.A.S. e fonti informazioni Individuazione soggetti Verifica siti RETE NATURA 2000

25 SCOPING Elementi per la definizione dellambito di influenza del P.G.T. (il quadro complessivo) Analisi di contesto (temi socio-economici ambientali del territorio locale) Conclusioni: identificazione dellambito di influenza del P.G.T.

26

27

28

29

30

31

32

33


Scaricare ppt "Comune di Grandate Piano di Governo del Territorio V.A.S. CONFERENZA DI VERIFICA / VALUTAZIONE 21.07.2008."

Presentazioni simili


Annunci Google