La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Cloud Computing: opportunità e rischi

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Cloud Computing: opportunità e rischi"— Transcript della presentazione:

1 Il Cloud Computing: opportunità e rischi
Marco Del Conte Docente a contratto di Diritto Pubblico Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi «G. d’Annunzio» Ch-Pe Cultore corso Informatica – Prof. Sivilli F. Facoltà di Psicologia Buon pomeriggio a tutti. Focalizzerò il mio intervento sulla descrizione dei pericoli e delle opportunità di questo nuovo paradigma computazionale il Cloud ma senza per questo demonizzare l’uso di Internet che invece raccomando di usare ma con l’opportuna consapevolezza. Fornirò qualche consiglio, che deriva dall’esperienza e dal lavoro che svolgo sia nell’ambito dell’Arma dei Carabinieri sia in ambito universitario, per essere più sicuri ed imparare a riconoscere i pericoli, quindi a difendersi ed a evitarli.

2 “Lasciate che il Web serva l’umanità”
Sir Tim Berners Lee, inventore del World Wide Web Mi sembrava doveroso citare l’inventore del World Wide Web. La frase che ho riportato è il motto di Tim! Letteralmente significa : ”Lasciate che il Web serva l’umanità” Il World Wide Web ha cambiato drasticamente la vita di scienziati e studiosi in genere, cambiando radicalmente il loro modo di lavorare e di collaborare. Un cambiamento che col tempo ha influenzato anche la vita di tutti i giorni dell'uomo comune. Tim Bernees-Lee si dice convinto che per pensare al Web di domani occorra studiare attentamente quello del presente, e di cosa abbia guidato il suo sviluppo fino a diventare l'immensa Rete che tutti conosciamo. In questa breve presentazione ho tentato di ripercorrere, spero discretamente, le tappe di sviluppo del Web, ponendo una certa attenzione per ciò che riguarda la infosecurity nel Cloud e nel Web 3.0

3 FOCUS COME E’ MUTATO IL CONCETTO DI SICUREZZA NELLA SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE; EVOLUZIONE TECNOSOCIALE DELLA RETE: DAL WEB 1.0 AL WEB 2.0 VERSO IL WEB SEMANTICO; LA MASSIMIZZAZIONE DELL’UTILIZZO DELLA RETE: IL CLOUD COMPUTING; Il futuro dell’ Information Technology: timori o speranze?

4 Concetto di Sicurezza “..sicurezza non vuol dire solo tecnologie, prodotti e architetture ma anche comportamenti, soluzioni organizzative, procedure e soprattutto diffusione della cultura relativa” Prima di addentrarci nello descrizione delle diverse fasi di evoluzione del web, è necessario un accenno alla definizione di sicurezza, nonché alla sicurezza delle informazioni in rete: chi controlla chi? Potremmo definire le guerre del futuro: information warfare e cyberwarfare-

5 La cyber security L’influenza delle nuove tecnologie informatiche agisce sulla criminalità tradizionale modificando le forme classiche di reato, in nuove forme di reato, alterando pertanto i processi di percezione del crimine. La valutazione criminologica di un comportamento criminale implica quindi la necessità di una ricostruzione dell’influenza della dimensione digitale sulla modalità percettiva del soggetto nelle varie fasi dell’azione criminale/illegale. Lo scenario nel quale descriveremo i pericoli è quello della nuova società dell’informazione. Diceva Nicholas Negroponte nel suo libro essere digitali nella prima metà degli anni 90 che stavamo vivendo la cd rivoluzione digitale per poi passare alla società digitale. Quella che viviamo oggi è la vera società digitale dove Internet svolge un ruolo fondamentale, è divenuto anche il posto dove costruiamo le nostre relazioni sociali, dove comunichiamo dove reperiamo le informazioni che ci servono, dove prenotiamo le vacanze o paghiamo il mutuo della casa, dove ci si ritrova per organizzare una gita fuori porta, un nuovo partito o una rivoluzione sociale e dove naturalmente si sono evolute, adattandosi ai nuovi mezzi, le forme criminali alterandone nei soggetti coinvolti la stessa percezione del crimine.

6 La cyber security Un sondaggio presentato di Eurobarometer del 2012 mostra che il 38% degli utenti Internet della UE ha cambiato il proprio comportamento per preoccupazioni riguardanti la cybersecurity: Il 18% è meno propenso ad acquistare online; Il 15% è meno propenso a usare home banking; Il 74% stima che il rischio di divenire vittima si aumentato; Il 12% ha effettivamente subito frodi online. Il rischio più grande che si corre oggi sulla Rete è senz’altro quello legato al furto d’identità.

7 Evoluzione della Rete 3° Millennio: Scenari futuri : Web 3.0
Anni ‘80  La rete come mezzo per collegare computer Anni ‘90 La rete come strumento per collegare documenti (Web 1.0) 3° Millennio: la Rete come strumento di connessione delle relazioni sociali (Web 2.0) Cloud computing  ICT: da strumento di gestione a strumento di governo Scenari futuri : Web 3.0 … e all’orizzonte si intravede il Web 3.0….

8 Web 1.0 E’ la prima fase del Web, caratterizzata dalla progressiva definizione degli standard tecnologici che hanno permesso di dare vita a questa nuova realtà e di diffonderne l’uso tra milioni di utenti. Affermatosi e diffusosi negli anni '90, il Web 1.0 è composto prevalentemente da siti web statici, senza alcuna possibilità di interazione con l'utente eccetto la normale navigazione tra le pagine, l'uso delle e l'uso dei motori di ricerca.

9 Web 2.0 E’ la fase attuale, caratterizzata da una partecipazione attiva degli utenti alla costruzione dei contenuti, alla loro classificazione e distribuzione. Il Web 2.0 indica genericamente uno stato di evoluzione di Internet (e in particolare del World Wide Web), rispetto alla condizione precedente. Si tende ad indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito-utente (blog, forum, chat, sistemi quali Youtube, Facebook, Twitter ecc.).

10 Confronti tra Web 1.0 e Web 2.0 Da un punto di vista strettamente tecnologico, il Web 2.0 è del tutto equivalente al Web 1.0, in quanto l'infrastruttura di rete continua ad essere costituita da TCP/IP e l'ipertesto è ancora il concetto base delle relazioni tra i contenuti. La differenza sta nell'approccio con il quale gli utenti si rivolgono al Web, che passa fondamentalmente dalla semplice consultazione (seppure supportata da efficienti strumenti di ricerca, selezione e aggregazione) alla possibilità di contribuire popolando e alimentando il Web con propri contenuti. È l’aver portato l’utente al centro della Rete la vera innovazione sancita dall’avvento del Web 2.0.

11 Il Social Networking E’ il fenomeno che sta guidando la crescita del Web 2.0. Si tratta di piattaforme di aggregazione sulle quali le persone possono entrare in contatto, condividere contenuti, stabilire nuovi legami o riproporre quelli della vita reale esaltando la caratteristica principale del Web 2.0: la partecipazione.

12 Lo scenario futuro: evoluzione nel Web semantico
“il Web Semantico è un’estensione del Web corrente in cui le informazioni hanno un ben preciso significato e in cui computer e utenti lavorano in cooperazione”. Ancor più interessanti appaiono le innovazioni associate con il Web 3.0 : Un percorso evolutivo verso l’intelligenza artificiale, capace di interagire con il Web in modo quasi umano; Evoluzione verso il 3D, che consentirebbe la trasformazione del Web in una serie di spazi in 3D condivisibili; Business, intrattenimento e social networking in qualsiasi momento e dovunque; Reti sicure e affidabili; Un nuovo modo più scorrevole che porrà fine alla divisione tra linee fisse e mobili.

13 Cloud Computing Il cloud computing è un insieme di modelli di servizio che più di altri si sta diffondendo con grande rapidità tra imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini perché incoraggia un utilizzo flessibile delle proprie risorse (infrastrutture e applicazioni) o di quelle messe a disposizione da un fornitore di servizi specializzato. Sfruttando la tecnologia del cloud computing gli utenti collegati ad un cloud provider possono svolgere tutte queste mansioni, anche tramite un semplice Internet browser. Possono, ad esempio, utilizzare software remoti non direttamente installati sul proprio computer e salvare dati su memorie di massa on-line predisposte dal provider stesso (sfruttando sia Reti via cavo che senza fili).

14 Cloud Computing: criticità
Le criticità e i rischi legati al cloud sono sintetizzabili in tre macroaree: Sicurezza; Privacy; Legale e digital forensics.

15 Cloud Computing e criticità
SICUREZZA Difficoltà a individuare la location geografica dei miei dati Chi tiene i miei dati e soprattutto quali vincoli o standard di sicurezza rispetta ovvero quali vulnerabilità del detentore dei miei dati potrebbero compromettere la loro integrità o quali perdite potrei subire se ci fossero dei disastri? Riusciamo davvero a disporre dei nostri dati e delle nostre applicazioni come se fossero in House? Quali rischi corriamo condividendo le nostre risorse con altri attori?

16 Cloud computing e criticità
PRIVACY Le indicazioni proposte dal Garante per la Protezione dei Dati Personali relative all’utilizzo consapevole dei servizi cloud (http://www.garanteprivacy.it/documents/10160/10704/ ) PONDERARE PRIORITARIAMENTE RISCHI E BENEFICI DEI SERVIZI OFFERTI; EFFETTUARE UNA VERIFICA IN ORDINE ALL’AFFIDABILITÀ DEL FORNITORE; PRIVILEGIARE I SERVIZI CHE FAVORISCONO LA PORTABILITÀ DEI DATI; ASSICURARSI LA DISPONIBILITÀ DEI DATI IN CASO DI NECESSITÀ; SELEZIONARE I DATI DA INSERIRE NELLA CLOUD; NON PERDERE DI VISTA I DATI; INFORMARSI SU DOVE RISIEDERANNO, CONCRETAMENTE, I DATI; ATTENZIONE ALLE CLAUSOLE CONTRATTUALI; VERIFICARE LE POLITICHE DI PERSISTENZA DEI DATI LEGATE ALLA LORO CONSERVAZIONE; ESIGERE E ADOTTARE OPPORTUNE CAUTELE PER TUTELARE LA CONFIDENZIALITÀ DEI DATI; FORMARE ADENGUATAMENTE IL PERSONALE

17 Cloud Computing e criticità
LEGALE E DIGITAL FORENSICS Cosa potrebbe verificarsi in caso di interruzione del contratto con il fornitore? E’ possibile riportare il servizio presso la nostra sede fisica o dislocarle presso un altro fornitore? Qual è il foro competente alla risoluzione di eventuali controversie legali?

18 Accessi da remoto e da dispositivi mobili
80% delle organizzazioni non permette servizi di sincronia file basati sul cloud Ma… 1 dipendente su 5 già usa Dropbox per lavorare! Source: BYOS Source: Nasuni

19 Conclusioni “… è necessario cambiare la cornice legislativa esistente per assicurare che i nostri diritti fondamentali e le nostre libertà non ne escano indeboliti dal confronto con l’era digitale.” Neelie Kroes, commissario per l’Agenda Digitale e vice presidente della Commissione Europea Le sfide che dovranno essere affrontate per affermare il paradigma computazionale del cloud e del web semantico riguardano in primo luogo l’evoluzione normativa in un approccio transnazionale e la conseguente difesa dal cybercrime e, per rendere trasparente e affidabile la portabilità dei dati saranno indispensabili le best practice che si definiranno nei prossimi mesi e anni. La sfida dei prossimi anni sarà quella di pretendere una Rete che consenta di mantenere privato ciò che il privato Cittadino non vuole divulgare del suo essere (Privacy), e permetta la più totale accessibilità dei dati e dei processi, sia delle Pubbliche Amministrazioni sia degli individui.

20 Ringrazio tutti i presenti per la cortese attenzione.


Scaricare ppt "Il Cloud Computing: opportunità e rischi"

Presentazioni simili


Annunci Google