La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL RISCHIO ELETTRICO Relatore: Ing. Donato De Girolamo Consulenza Tecnica Regionale Puglia 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL RISCHIO ELETTRICO Relatore: Ing. Donato De Girolamo Consulenza Tecnica Regionale Puglia 1."— Transcript della presentazione:

1 IL RISCHIO ELETTRICO Relatore: Ing. Donato De Girolamo Consulenza Tecnica Regionale Puglia 1

2 2

3 3

4 4

5 Legislazione Lo Stato tutela lindividuo come cittadino e come lavoratore, in particolare per quanto riguarda: la salute la sicurezza Conseguentemente la maggior parte della legislazione relativa agli impianti elettrici riguarda laspetto della sicurezza degli impianti nei confronti di persone e cose. 5

6 LA NORMATIVA TECNICA NEL SETTORE ELETTRICO Sicurezza in generale: DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli Infortuni sul lavoro DPR 303/56 Norme generali per l'igiene del lavoro Dlgs 626/94 Miglioramento delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro (abrogata e sostituita dal T.U. 81/08) 6

7 LA NORMATIVA TECNICA NEL SETTORE ELETTRICO Settore elettrico: Direttiva Bassa Tensione Legge 46/90 Norme per la sicurezza degli impianti ( abrogata e sostituita dal DPR 37/08) Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni ed impianti elettrici ed elettronici 7

8 Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici art. 1 Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola darte art. 2 I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le Norme del Comitato Elettrotecnico Italiano si considerano costruiti a regola darte. 8 Quadro Legislativo

9 Per la legge 46/90 gli impianti elettrici devono essere dotati di: Impianto di terra; Interruttori differenziali ad alta sensibilità Idn30mA) Il DPR 447/91 considera gli impianti elettrici esistenti allentrata della legge, adeguati quando a valle del contatore Enel è installato un Interruttore salvavita (Idn30mA) 9

10 10

11 D.M. 37/2008 In vigore dal 27 marzo 2008 Quadro Legislativo 11

12 D.M. 37/2008 degli impianti Regolamento … recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti allinterno degli edifici Quadro Legislativo 12

13 D.M. 37/2008 stessa struttura legge 46/90 integrata da D.P.R. 447/91 (abrogati entrambi) Quadro Legislativo 13

14 D.M. 37/2008 applicabile a tutti gli impianti a servizio degli edifici, dal punto di consegna Quadro Legislativo 14

15 D.M. 37/2008 progetto sempre obbligatorio Quadro Legislativo 15

16 D.M. 37/2008 progetti più complessi redatti da professionisti Quadro Legislativo 16

17 D.M. 37/2008 esecuzione a regola darte Quadro Legislativo 17

18 D.M. 37/2008 dichiarazione di conformità e dichiarazione di rispondenza Quadro Legislativo 18

19 D.P.R. 462/01 Regolamento di semplificazione per la denuncia di …impianti di terra, parafulmini, impianti elettrici pericolosi Quadro Legislativo 19

20 D.P.R. 462/01 MESSA IN ESERCIZIO terra e parafulmini verifica installatore e DICO esplosione verifica installatore e DICO Quadro Legislativo 20

21 D.P.R. 462/01 DENUNCIA terra e parafulmini: INAIL (ex ISPESL) e ASL/ARPA esplosione: solo ASL/ARPA Quadro Legislativo 21

22 D.P.R. 462/01 VERIFICHE PERIODICHE 2 anni (ex, MARCI, l.medici, cantieri) 5 anni (ordinari) ASL/ARPA e organismi abilitati Verbale verifica Quadro Legislativo 22

23 D.Lgs 626/96 materiale elettrico entro taluni limiti di tensione Attuazione della direttiva 93/68/CEE in materia di marcatura CE del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro taluni limiti di tensione. Quadro Legislativo 23

24 ConTARP Veneto LA NORMATIVA TECNICA NEL SETTORE ELETTRICO CEI 64 Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in c.a. e a 1500V in c.c. CEI 64-8/7 Impianti elettrici in locali adibiti ad uso medico CEI Protezione contro i fulmini

25 Normativa tecnica Le Norme CEI: sono norme tecniche non sono norme di legge Le Norme CEI: sono riconosciute regola dellarte nel settore elettrico dalla Legge 186/68 pertanto seguire le Norma CEI e condizione sufficiente ma non necessaria per costruire un apparecchio o realizzare un impianto a regola darte (obbligo legislativo). 25

26 Alla data odierna, tutti gli impianti elettrici già esistenti al 05 Marzo 1990, dovrebbero essere stati adeguati. Ossia, almeno dovrebbe essere stato installato, da personale qualificato (artigiano iscritto alla CCIA almeno per le categoria A e B ) a valle del contatore enel un interruttore salvavita. 26

27 LA NORMATIVA TECNICA E LA LEGISLAZIONE Norme tecniche Sono specifiche tecniche approvate da un organismo riconosciuto ad attività normativa (CEI), per l'applicazione ripetuta e continua. Non sono obbligatorie ma conservano il carattere di norme volontarie. Regole tecniche Sono specifiche tecniche emanate dall'autorità pubblica sotto forma di leggi, regolamenti, regole amministrative. La loro osservanza è obbligatoria. 27

28 CENELEC (omologo in campo Europeo del CEI) IEC (Ente normatore a livello extraeuropeo) CEI ( Comitato Elettrotecnico Italiano) (norme di buona tecnica ) 28

29 Alcune importanti Norme CEI Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione non superiore a 1000V in C.A e a 1500V in C.C. Norma CEI 11-8 Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione dellenergia elettrica. Impianti di messa a terra. Norma CEI 64-2/64-2A Impianti nei luoghi con pericolo di esplosione Norma CEI 81-1 E 81-4 Protezione delle strutture contro i fulmini Anche per gli utilizzatori elettrici sono vigenti specifiche norme CEI 29

30 Impianti elettrici Utilizzatori elettrici Specifiche norme CEI Marcatura CE Marchio IMQ (O altri Enti Certificatori) Dichiarazione del costruttore Costruzione degli Utilizzatori a Regola darte Riepilogo norme impianti elettrici 30

31 Marcatura CE Legge 791/77 Stabilisce che: il materiale elettrico soggetto al campo di applicazione può essere posto in commercio solo se costruito a regola darte in materia di sicurezza I principi generali in materia di sicurezza che tale materiale deve soddisfare il materiale elettrico deve essere munito della marcatura CE che ne attesta la conformità alle disposizioni della Legge (la responsabilità di tale attestazione è del costruttore). 31

32 IL RISCHIO ELETTRICO IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI ELETTRICI Elettrocuzione Esplosione Incendio Devo salvaguardare: –la sicurezza di persone e cose –la sicurezza dellimpianto 32

33 PRINCIPALI TIPOLOGIE DI INFORTUNIO ELETTRICO ELETTROCUZIONE Passaggio della corrente elettrica nel corpo umano. Alterazioni e lesioni a carattere transitorio, permanente o letale. Tali effetti sono funzione di: –intensità della corrente –durata del contatto –natura della corrente (continua/alternata) –frequenza –percorso della corrente nel corpo –stato di salute generale –sesso del soggetto 33

34 DEFINIZIONI 34

35 IMPIANTI ELETTRICI Si definisce impianto elettrico, linsieme dei componenti (cavi, canalizzazioni, apparecchiature di manovra, apparecchiature di protezione, quadri elettrici, prese a spina, ecc.) compresi tra il punto di fornitura dellenergia (contatore ENEL) e il punto di utilizzazione. 35

36 Utilizzatori elettrici Si definiscono utilizzatori elettrici le apparecchiature che utilizzano lenergia elettrica per produrre lavoro, calore, luce, come pure le apparecchiature informatiche, le apparecchiature per telecomunicazioni, ecc. 36

37 Definizioni Volt (V): Unità di misura della tensione di alimentazione.(Nelle case la tensione di alimentazione è di 220/230 Volt) Corrente elettrica (I):Lintensità di corrente elettrica è misurata in ampere; Una lampada da 100Watt assorbe una corrente elettrica di circa 0.50A; Watt: Unità di misura della potenza elettrica. (W=VxI) KWh: Unità di misura della potenza elettrica consumata in un determinato periodo di tempo, misurato in ore. 37

38 INTERRUTTORE Magnetotermico INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO Le mod alità di inter vent o mag netic o sono tre in base ai limit i della corr ente di inter vent o (rife riti alla corr ente nomi nale In) in caso di cort ocirc uito: TIPOLIMITI DELLA CORRENTE DI INTERVENTO B3In --- 5In C5In In D10In In In prati ca il tipo B inter vien e per più bass e corr enti. Linterruttore contiene due sganciatori che permettono di aprire il circuito elettrico in caso di: Cortocircuito (sgancio istantaneo dellinterruttore) Sovraccarico (sgancio dellinterruttore quando cè un assorbimento di corrente maggiore di quella consentita) 38

39 Sovraccarico: E una condizione anomala di funzionamento, in conseguenza del quale i circuiti elettrici sono percorsi da una corrente superiore rispetto a quella per la quale sono stati dimensionati. La non tempestiva interruzione di questa sovracorrente può dar luogo alleccessivo riscaldamento dei cavi o di altri componenti dellimpianto elettrico 39

40 INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO Le mod alità di inter vent o mag netic o sono tre in base ai limit i della corr ente di inter vent o (rife riti alla corr ente nomi nale In) in caso di cort ocirc uito: TIPOLIMITI DELLA CORRENTE DI INTERVENTO B3In --- 5In C5In In D10In In In prati ca il tipo B inter vien e per più bass e corr enti. Corto circuito: Intensità di corrente che la linea può sopportare in caso di guasto; Il valore della corrente è molto elevato, in genere circa volte la corrente nominale ; la durata del corto circuito (prima cioè che gli interruttori di protezione isolino il guasto, interrompendo la circolazione della corrente) è normalmente di 0,2-0,3 sec. 40

41 EFFETTI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO ELETTROCUZIONE Passaggio della corrente elettrica nel corpo umano. Alterazioni e lesioni a carattere transitorio, permanente o letale. Tali effetti sono funzione di: –intensità della corrente –durata del contatto –natura della corrente (continua/alternata) –frequenza –percorso della corrente nel corpo –stato di salute generale –sesso del soggetto 41

42 Effetti della Circolazione della corrente nel corpo umano Scossa lieve Ustioni Spiacevole sensazione al passaggio della corrente Dovute agli effetti termici provocati dal passaggio di corrente nei tessuti. Distruzione di tessuti superficiali profondi, danneggiamento di arti (braccia, spalle, arti inferiore ecc.. Rotture delle arterie, con emorragie, distruzione dei centri nervosi.. Tetanizzazione Blocco della muscolatura (per es. della mano) che non consente di abbandonare la presa Arresto Respiratorio Contrazione muscoli addetti alla respirazione o lesione del centro Nervoso che presiede a tale funzione 1/2 42

43 La resistenza elettrica della pelle aumenta: 1.Durante un intensa concentrazione mentale; 2.In presenza di parti indurite (ad es. calli, duroni ecc.); La resistenza elettrica della pelle diminuisce: 3. Se è umida o sudata; 4. Se il contatto avviene in un punto in cui la pelle è tagliata o ferita; 43

44 EFFETTI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO CURVA DI SICUREZZA abc1 44

45 EFFETTI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO CURVA DI SICUREZZA Zona 1 :Situazioni in cui le correnti e i tempi di circolazione non producono nessun danno alle persone; Zona 2 :Situazioni in cui non si verificano danni irreversibili alle persone; 45

46 EFFETTI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO CURVA DI SICUREZZA Zona 3:Probabilità di contrazioni muscolari e difficoltà respiratorie; disturbi reversibili nella formazione e conduzione di impulsi nel cuore, fibrillazione atriale e arresto cardiaco provvisorio senza fibrillazione ventricolare Zona 4:probabile fibrillazione ventricolare ed arresto cardiaco, respiratorio, gravi ustioni che possono presentarsi allaumento dellintensità di corrente e del tempo. 46

47 EFFETTI DELLA FREQUENZA 47

48 Curve di sicurezza tensione-tempo in condizioni ambientali particolari e ordinarie 48

49 Elettrocuzione o Folgorazione Contatto diretto Contatto tra la persona e parti dellimpianto elettrico che sono in tensione in condizioni di ordinario funzionamento. Contatto indiretto Contatto tra la persona e parti conduttrici di impianto elettrico o di un utilizzatore elettrico che non sono ordinariamente in tensione, ma vanno in tensione a causa di un guasto (Es.carcassa di un elettrodomestico per un difetto di isolamento, ecc..) Nei confronti di un Impianto Elettrico una persona può avere: 49

50 CONTATTO DIRETTO Contatto di una persona con parti normalmente in tensione nell'impianto. Es. un conduttore o un morsetto, scoperto. 50

51 CONTATTI INDIRETTI Contatto di una persona con parti conduttrici di componenti elettrici che, pur non essendo normalmente in tensione, possono assumere un potenziale diverso da zero in seguito ad un guasto di isolamento. Es. contatto con la carcassa metallica di un elettrodomestico. 51

52 MASSA Parte conduttrice di un componente elettrico che può essere toccata non in tensione in condizioni ordinarie può andare in tensione in condizione di guasto o cedimento dellisolamento principale 52

53 CONTATTI INDIRETTI In assenza di impianto di terra tutta la corrente di guasto attraversa il corpo umano. 53

54 CONTATTI INDIRETTI L'impianto di terra convoglia verso terra la corrente di guasto. 54

55 ConTARP Veneto Interruttore differenziale I n = 30 mA CONTATTI INDIRETTI INTERRUTTORE DIFFERENZIALE

56 INTERRUTTORE DIFFERENZIALE 56

57 Manutenzione del salvavita Linterruttore salvavita è presente nei quadri elettrici degli appartamenti e si riconosce per la presenza di un tasto contrassegnato con la lettera T Per mantenerlo in efficienza il tasto che apre il circuito va premuto regolarmente una volta al mese. Leva per il riarmo Tasto per lo sgancio Interruttore generale magnetotermico Blocco differenziale 57

58 INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO Le mod alità di inter vent o mag netic o sono tre in base ai limit i della corr ente di inter vent o (rife riti alla corr ente nomi nale In) in caso di cort ocirc uito: TIPOLIMITI DELLA CORRENTE DI INTERVENTO B3In --- 5In C5In In D10In In In prati ca il tipo B inter vien e per più bass e corr enti. Metodi di protezione sono : -Interruzione automatica del circuito; Limpianto elettrico è protetto da un interruttore Differenziale Coordinato con limpianto di terra. Nel momento in cui si verifica un guasto limpianto viene automaticamente disalimentato. Linterruttore differenziale è scelto dal progettista in maniera che non si verifichino condizioni che vadano oltre la zona 2 della curva di sicurezza. 58

59 Il significato di messa a terra, esprime il concetto che tutte le masse metalliche di un edificio, esterne o interne, devono essere portate allo stesso potenziale V0 del terreno circostante, attraverso una adeguata rete di dispersori e conduttori di collegamento di questi ultimi. 59

60 IMPIANTO DI TERRA DI UN EDIFICIO 60

61 CONTATTI INDIRETTI IMPIANTO DI TERRA 61

62 CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE ADDIZIONALE La norma CEI 64-8 considera linterruttore differenziale una misura di protezione addizionale che può integrare i metodi di protezione parziale o totale ma non sostituirli. 62

63 PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI TECNICHE DI PROTEZIONE PASSIVA Non interrompono il circuito in caso di contatto diretto ma sono finalizzate ad evitare il contatto. Le parti elettricamente attive sono quindi segregate in modo da renderle inaccessibili. TECNICHE DI PROTEZIONE ATTIVA Interrompono automaticamente il circuito tramite l'intervento di un interruttore automatico differenziale ad alta sensibilità. 63

64 CONTATTI INDIRETTI PROTEZIONE ATTIVA SISTEMA COORDINATO TRA L'IMPIANTO DI TERRA E GLI INTERRUTTORI AUTOMATICI La protezione si ha attraverso la coordinazione tra l'impianto di terra e l'organo di protezione. Deve essere verificata la relazione R A I A <= 50 (<= 25 per locali ad uso medico ) Se è verificata, la tensione massima a cui una persona è sottoposta per un tempo indefinito è pari a 50 V; valori più alti della tensione persistono per un tempo minore. 64

65 PROTEZIONI DA SOVRACORRENTI E CORTOCIRCUITI Dispositivi che interrompono automaticamente lalimentazione quando si produce un sovraccarico: –Interruttori automatici con sganciatori di sovracorrenti –Interruttori combinati con fusibili –Fusibili

66 PROTEZIONI DA SOVRACORRENTI E CORTOCIRCUITI Limite di accettabilità sovracorrenti L'interruttore deve avere corrente nominale di intervento compresa tra la corrente di funzionamento del conduttore elettrico e la corrente max che può sopportare lo stesso conduttore. I b <= I n <= I z I b = corrente di impiego del circuito I n = corrente nominale del dispositivo di protezione I z = corrente massima di progetto 66

67 CONTATTI INDIRETTI PROTEZIONE PASSIVA Componenti di II classe: si usano involucri con doppio isolamento. Es. cavi elettrici con isolamento doppio o rinforzato, quadri prefabbricati con isolamento completo Locali isolanti ed equipotenziali non connessi a terra : locali particolari sotto il controllo di personale addestrato Separazione elettrica: si separano la sorgente di alimentazione e l'impianto utilizzatore. Utilizzata in locali ad uso medico. 67

68 INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO Le mod alità di inter vent o mag netic o sono tre in base ai limit i della corr ente di inter vent o (rife riti alla corr ente nomi nale In) in caso di cort ocirc uito: TIPOLIMITI DELLA CORRENTE DI INTERVENTO B3In --- 5In C5In In D10In In In prati ca il tipo B inter vien e per più bass e corr enti. Utilizzatori a doppio isolamento, detti pure componenti in classe II. Questo tipo di protezione è una protezione di tipo passivo e consiste nel dotare gli apparecchi elettrici di un isolamento supplementare rispetto a quello normale. Tali componenti non devono essere connessi a terra. Il contrassegno è: senza interruzione automatica del circuito 68

69 CONTATTI INDIRETTI PROTEZIONE PASSIVA Non interrompono il circuito in caso di guasto Apparecchi di classe II Si usano involucri con doppio isolamento Separazione elettrica Si separano la sorgente di alimentazione e limpianto utilizzatore -Doppio isolamento oppure isolam rinforzato - Vietato il collegamento al conduttore di protezione -Doppio isolamento oppure isolam rinforzato - Vietato il collegamento al conduttore di protezione -Nei locali ad uso medico 69

70 CONTATTI DIRETTI Esempi di protezione passiva totale Isolamento parti attive Involucri: Proteggono l'uomo dai contatti diretti e le parti elettriche dagli agenti esterni. 70

71 Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti Circuiti a bassissima tensione SELV (a bassissima tensione di sicurezza) FELV (a bassissima tensione funzionale) PELV ( a bassissima tensione di protezione) 71

72 ConTARP Veneto CONTATTI DIRETTI Esempio di protezione passiva CEI 70-1 Gradi di protezione degli involucri Classifica gli involucri con un codice IP IP X X lettera Apparecchio installato all'aperto: IP54 = protetto contro la polvere, contro gli spruzzi d'acqua, dai contatti diretti Usata se la protezione contro il contatto diretto > alla protezione contro l'accesso di corpi solidi (A-D) Protezione contro la penetrazione dei liquidi (0-8) Protezione al contatto con parti pericolose, protezione contro l'accesso di corpi solidi (0-6)

73 73

74 74

75 NORME DI COMPORTAMENTO PER UNA CORRETTA GESTIONE E FRUIZIONE DEGLI IMPIANTI E UTILIZZATORI ELETTRICI Apparecchi forniti di Acquistare Certificazioni; Omologazioni, Garanzie Istruzioni per luso UtilizzareApparecchi secondo le istruzioni per luso 75

76 Non Manomettere Impianti elettrici apparecchi Qualsiasi intervento deve essere affidato a ditte specializzate, Come previsto dalla legge 46/90. Per ogni intervento su impianti elettrici la ditta deve rilasciare la Dichiarazione di conformità a lavori ultimati. 76

77 NON INTERVENIRE mai in caso di guasto, improvvisandosi elettricisti e, in particolare non intervenire su quadri o armadi elettrici (qualsiasi lavoro deve essere affidato a ditta specializzata: Legge 37/08) NON COPRIRE o nascondere con armadi o altre suppellettili i comandi e i quadri elettrici NORME DI COMPORTAMENTO 77

78 Non Usare 78

79 79

80 80

81 Fare effettuare a personale qualificato Il controllo di apparecchi in cui siano entrati liquidi o che abbiano subito urti meccanici fuori dalla norma Collegare Lapparecchio ad una presa di corrente idonea, in relazione alle dimensioni degli alveoli delle prese Presa da 10A (alveoli piccoli) Presa da 16A ( alveolo grandi) 81

82 Non sovraccaricare Le prese di corrente con troppi utilizzatori elettrici, spine multiple o utilizzando adattatori Verificare Sempre che lintensità di corrente assorbita complessivamente dagli utilizzatori da collegare non superi i limiti della presa stessa 82

83 Far sostituire da ditte specializzate Cavi; Prese e spine deteriorate; Accertarsi che I cavi di alimentazione degli apparecchi elettrici siano adeguatamente protetti contro: Azioni meccaniche (passaggio di veicoli, oggetti taglienti, ecc..) Azioni termiche; (sorgenti di calore) Azioni chimiche; (sostanze corrosive) 83

84 Fare riparare eventuali cavi danneggiati con parti conduttrici a vista Non Rimuovere mai Coperchi cassetti di derivazione, canalette di protezione dei cavi elettrici 84

85 SEGNALARE subito la presenza di eventuali cavi danneggiati e con parti conduttrici a vista FAR SOSTITUIRE i cavi, le prese e le spine deteriorate rivolgendosi solo a installatori qualificati NORME DI COMPORTAMENTO 85

86 ACCERTARSI che i cavi di alimentazione degli apparecchi elettrici siano adeguatamente protetti contro le azioni meccaniche (passaggio di veicoli, oggetti taglienti, ecc.), le azioni termiche (sorgenti di calore) o le azioni chimiche (sostanze corrosive) NORME DI COMPORTAMENTO 86

87 ACCERTARSI che sia stata tolta l'alimentazione elettrica prima di effettuare qualsiasi semplice operazione sugli impianti (anche la sostituzione di una lampadina) o sugli apparecchi SEGNALARE prontamente l'odore di gomma bruciata, la sensazione di pizzicorio a contatto con un utensile elettrico o una macchina, il crepitio all'interno di un apparecchio elettrico, per evitare possibili incidenti NORME DI COMPORTAMENTO 87

88 COLLEGARE l'apparecchio a una presa di corrente idonea 10A (alveoli della presa più piccoli) o 16A (alveoli della presa più grandi), in relazione alle dimensioni della spina NON TIRARE il cavo di alimentazione per scollegare dalla presa un apparecchio elettrico, ma staccare la spina NORME DI COMPORTAMENTO 88

89 NON SOVRACCARICARE le prese di corrente con troppi utilizzatori elettrici, utilizzando adattatori o spine multiple. Verificare sempre che l'intensità di corrente assorbita complessivamente dagli utilizzatori da collegare non superi i limiti della presa stessa ASSICURARSI sempre che l'apparecchio sia disalimentato (previo azionamento dell'apposito interruttore), prima di staccare la spina NORME DI COMPORTAMENTO 89

90 COLLEGARE l'apparecchio alla presa più vicina evitando il più possibile l'uso di prolunghe NON IMPEDIRE la corretta ventilazione degli apparecchi NON USARE acqua per spegnere incendi di origine elettrica. NORME DI COMPORTAMENTO 90

91 INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO Le mod alità di inter vent o mag netic o sono tre in base ai limit i della corr ente di inter vent o (rife riti alla corr ente nomi nale In) in caso di cort ocirc uito: TIPOLIMITI DELLA CORRENTE DI INTERVENTO B3In --- 5In C5In In D10In In In prati ca il tipo B inter vien e per più bass e corr enti. Grazie per la cortese attenzione 91


Scaricare ppt "IL RISCHIO ELETTRICO Relatore: Ing. Donato De Girolamo Consulenza Tecnica Regionale Puglia 1."

Presentazioni simili


Annunci Google