La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Collegato al lavoro Legge 183/2010 Le novità sul rapporto di lavoro pubblico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Collegato al lavoro Legge 183/2010 Le novità sul rapporto di lavoro pubblico."— Transcript della presentazione:

1 1 Collegato al lavoro Legge 183/2010 Le novità sul rapporto di lavoro pubblico

2 2 Art.2 (Delega al Governo per la riorganizzazione degli Enti vigilati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero della Salute Entro un anno il Governo è delegato ad emanare uno o più decreti legislativi per riorganizzare gli Enti e le società vigilate dal Ministero del lavoro e dal Ministero della salute. Si prevede anche lorganizzazione del Casellario centrale infortuni e la riorganizzazione dellattività dell Ispesl da parte dellInail.

3 3 Art.3 (Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive) Passano a 16 i componenti della commissione per la vigilanza e il controllo sul doping e la tutela della salute nelle attività sportive.

4 4 Art.5 (Adempimenti formali relativi alle Pubbliche Amministrazioni) Le pubbliche amministrazioni possono trasmettere le comunicazioni di assunzione, trasformazione e cessazione del rapporto, entro il ventesimo giorno del mese successivo a quello in cui levento si verifica.

5 5 Art.6 (Disposizioni riguardanti i medici e altri professionisti sanitari extracomunitari) I medici e gli altri professionisti sanitari al seguito di delegazioni sportive potranno esercitare la loro professione, per il periodo in cui la delegazione rimane in Italia.

6 6 Art.8 (Modifica allart. 4 del decreto-legge n° 8 del 2002, convertito con modifiche, dalla legge n° 56 del 2002) Esteso ai professori di seconda fascia lelettorato passivo per la carica di direttore di dipartimento nelle università, quando il quorum per lelezione non sia raggiunto per due votazioni.

7 7 Art. 9 (Modifiche allart. 66 del D.L. n. 112/2008 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133/2008, e allart. 1 del D.L. n. 180/2008, convertito dalla legge n. 1 del 2009) La maggior parte delle risorse disponibili per nuove assunzioni nelle università nel triennio 2009/2011, dovrà servire per lassunzione di ricercatori a tempo indeterminato.

8 8 Art. 10 (Disposizioni in materia di istituti di istruzione universitaria ad ordinamento speciale) Per il triennio , agli istituti universitari ad ordinamento speciale non si applicano le disposizioni che prevedono che la somma disponibile per le assunzioni nelle università statali - pari, per ciascun anno, al 50% della spesa relativa al personale a tempo indeterminato cessato dal servizio nellanno precedente - sia destinata, per una quota non inferiore al 60% allassunzione di ricercatori a tempo indeterminato, e per una quota non superiore al 10% allassunzione di professori

9 9 Art. 11 (Abrogazione di norme concernenti le valutazioni comparative dei docenti universitari) Cambiano alcune disposizioni relative al reclutamento dei professori universitari di ruolo e dei ricercatori.

10 10 Art. 12 (Trasferimento di ricercatori dalla Scuola Superiore delleconomia e delle finanze alle Università statali) Nel caso di trasferimento di ricercatori in servizio presso la Scuola superiore delleconomia e delle finanze alle università statali, la Scuola trasferisce alluniversità interessata le risorse finanziarie per la corresponsione del relativo trattamento retributivo.

11 11 Art. 13 (Mobilità del personale delle Pubbliche Amministrazioni) A seguito di conferimento di funzioni statali alle regioni e agli enti locali o di trasferimento di attività pubbliche ad altri soggetti pubblici o di esternalizzazione di attività e servizi, al personale che risulta in esubero si applicano le norme previste dallart.33 del d.lgs.165/2001, in materia di mobilità e di collocamento in disponibilità. Le pubbliche amministrazioni possono utilizzare in assegnazione temporanea, per motivate esigenze organizzative e secondo le modalità previste dai rispettivi ordinamenti, personale di altre amministrazioni per un periodo non superiore a 3 anni, fermo restando quanto già previsto da norme speciali in materia.

12 12 Art. 14 (Modifiche alla disciplina del trattamento di dati personali effettuato da soggetti pubblici) Le informazioni riguardanti le prestazioni svolte da chi esercita una funzione pubblica sono rese accessibili dalla amministrazione di appartenenza, fatte salve le notizie riguardanti la natura delle infermità e degli impedimenti personali o familiari che causano lastensione dal lavoro nonché le componenti della valutazione o le notizie concernenti il rapporto di lavoro tra dipendente e amministrazione idonee a rilevare informazioni in merito a "dati sensibili:origine razziale ed etnica, convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, opinioni politiche, adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché' i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.

13 13 Art. 15 (Modifica allart. 9bis del D. Lgs. 303/1999, in materia di conferimento di incarichi dirigenziali a dirigenti di II fascia) I dirigenti di seconda fascia prestati alla Presidenza del Consiglio da altre amministrazioni non possano fruire della norma secondo la quale si transita nella prima fascia qualora si abbia ricoperto un incarico di direzione di uffici dirigenziali generali per un periodo pari almeno a tre anni senza essere incorsi nelle misure previste per le ipotesi di responsabilità dirigenziale.

14 14 Art. 16 (Disposizioni in materia di rapporto di lavoro a tempo parziale) Le pubbliche amministrazioni, entro sei mesi dallentrata in vigore della legge in oggetto, possono sottoporre a nuova valutazione i provvedimenti di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale già adottati prima dell'entrata in vigore del decreto 112/2008.

15 15 Art. 17 (Applicazione dei contratti collettivi del comparto della Presidenza del Consiglio dei Ministri al personale ad essa trasferito) A far data dal 1 gennaio 2009 al personale trasferito ed inquadrato nei ruoli della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si applicano i contratti collettivi di lavoro del comparto Presidenza del Consiglio dei Ministri.

16 16 Art. 18 (Aspettativa) I dipendenti pubblici possono essere collocati in aspettativa non retribuita e senza decorrenza dell'anzianità di servizio, per un periodo massimo di dodici mesi, anche per avviare attività professionali e imprenditoriali

17 17 Art. 19 (Specificità delle Forze armate, delle Forze di Polizia e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco) Introduce il riconoscimento normativo della specificità delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ai fini della definizione degli ordinamenti, delle carriere, dei contenuti del rapporto di impiego e della tutela economica, previdenziale e pensionistica, demandando la disciplina attuativa di tale principio a successivi provvedimenti legislativi.

18 18 Art. 20 (Interpretazione autentica dellart. 2 della legge n. 51/1995) Sono esclusi dalla applicazione delle disposizioni in materia di infortuni e di igiene del lavoro, di cui alla legge 12 febbraio 1955, n. 515 alcuni particolari settori, fra cui il lavoro a bordo delle navi mercantili e a bordo degli aeromobili, il naviglio di Stato. Resta salvo il diritto del lavoratore al risarcimento del danno eventualmente subito.

19 19 Art. 21 (Misure atte a garantire pari opportunità, benessere di chi lavora e assenza di discriminazioni nelle Amministrazioni Pubbliche) Sarà istituito presso le pubbliche amministrazioni il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, che sostituisce, unificando le relative competenze, i Comitati per le Pari opportunità e i Comitati paritetici per il fenomeno del mobbing. Ha composizione paritetica ed è formato da un componente designato da ciascuna delle OO.SS. maggiormente rappresentative a livello di Amministrazione.

20 20 Art. 22 (Età pensionabile dei dirigenti medici del Servizio Sanitario Nazionale) I dirigenti medici e del ruolo sanitario del S.S.N. in servizio alla data del 31 gennaio 2010 possono richiedere il collocamento a riposo al maturare del quarantesimo anno di servizio effettivo, esclusi i periodi di contribuzione figurativa.

21 21 Art.23 (delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi) Il Governo è delegato ad adottare entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge uno o più decreti legislativi finalizzati al riordino della normativa vigente in materia di congedi, aspettative e permessi.

22 22 Art. 24 (Modifiche alla disciplina in materia di permessi per lassistenza a portatori di handicap in situazioni di gravità) Cambiano le disposizioni dellart.33 della legge n.104/92. Il diritto alla fruizione di tre giorni mensili retribuiti spetta a parenti o affini entro il secondo grado e non più il terzo, tranne nel caso in cui i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità, abbiano compiuto 65 anni, siano affetti da patologie invalidanti, siano deceduti o mancanti. Il diritto non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per lassistenza alla stessa persona, tranne nel caso di genitori, anche adottivi, di figli portatori di handicap gravi che possono usufruirne alternativamente. Le pubbliche amministrazioni devono comunicare al Dipartimento della funzione pubblica i dati, relativi ai propri dipendenti che fruiscano dei permessi mensili retribuiti e delle persone assistite, dati che confluiranno in una costituenda banca dati.

23 23 Art. 26 (Aspettativa per conferimento di incarichi ai sensi dellart.19, c.6 del D. L g s. 165/2001) Previa autorizzazione del Ministro competente, dintesa con il Ministro delleconomia e delle finanze,il personale del comparto sicurezza e difesa può essere collocato in aspettativa per conferimento di incarichi dirigenziali da parte di amministrazioni pubbliche diverse da quella di appartenenza.

24 24 Art. 27 (Disposizioni in materia di personale dellAmministrazione della Difesa) Cambiano numerose disposizioni relative al personale delle Forze armate e dell'Arma dei Carabinieri.

25 25 Art. 28 (Personale dei gruppi sportivi delle Forze Armate, delle Forze di Polizia e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco) Estesi i limiti di età per il reclutamento degli atleti dei gruppi sportivi delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, per particolari discipline sportive.

26 26 Art. 29 (Concorsi interni per Vice revisore tecnico e Vice perito tecnico della Polizia di Stato) Modifica l'ordinamento del personale della Polizia di Stato che espleta attività tecnico- scientifica.

27 27 Art. 31 (Conciliazione e arbitrato) Sono estesi alle controversie di lavoro nel settore pubblico gli articoli 410, 412, 412 ter e quater del c.p.c., con la contestuale abrogazione degli articoli 65 e 66 del D. lgs. n. 165/2001.

28 28 Art. 37 (Sottrazione alle procedure esecutive dei fondi intestati al Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali) La disciplina dell'impignorabilità è estesa ai fondi intestati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali

29 29 Art. 47 (Disposizione finalizzata ad assicurare lindennizzo per complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie) Aumenta di 120 milioni il fondo per indennizzare le complicanze derivanti da vaccinazioni obbligatorie.


Scaricare ppt "1 Collegato al lavoro Legge 183/2010 Le novità sul rapporto di lavoro pubblico."

Presentazioni simili


Annunci Google