La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo."— Transcript della presentazione:

1 I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo

2 Modello di prevenzione La legislazione comunitaria in materia di SSL, introduce prevenzione non più come onere ma come opportunità anche nellottica di modernizzazione dellorganizzazione del lavoro Il quadro normativo nazionale e comunitario relativo a SSL suggerisce un modello di prevenzione partecipato. Ruolo attivo per tutti i soggetti aziendali. Confronto stabile tra DL e lavoratori.

3 Come si realizza praticamente Attraverso gli istituti giuridici della INFORMAZIONE FORMAZIONE PARTECIPAZIONE ATTIVA CONSULTAZIONE

4 Rapporto datore di lavoro-lavoratore Nella normativa anni 50 il lavoratore è un soggetto passivo (il datore di lavoro dispone ed esige losservanza delle misure di sicurezza) Nella normativa nuovo approccio il lavoratore diventa soggetto attivo e risponde del proprio operato (il datore di lavoro richiede losservanza) Il lavoratore informato, formato e addestrato, risponde del proprio operato

5 LE STRATEGIE PER LORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO una più completa definizione del ruolo di DATORE DI LAVORO DIRIGENTI E PREPOSTI LAVORATORI lidentificazione di apposite figure/strutture IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL MEDICO COMPETENTE IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA lindividuazione di specifici momenti in cui queste persone si confrontano RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA (art. 35)

6 Organizzazione dell'azienda Datore di Lavoro Dirigente Preposto RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE CONSULENTI LAVORATORI incaricati della PREVENZIONE INCENDI LAVORATORI incaricati del PRONTO SOCCORSO LAVORATORI incaricati per LEMERGENZA

7 Sulla responsabilità penale Impreparazione tecnica o giuridica non esclude colpa a carico di un soggetto Individuazione di soggetti responsabili penalmente passa attraverso la qualificazione giuridica, organizzazione impresa, mansioni svolte o dietro incarico o di propria iniziativa Responsabilità penale è speculare ad un obbligo

8 … ancora sulle responsabilità La mansione formale non è sempre elemento essenziale conta anche quello che di fatto si compie Il datore di lavoro può assegnare compiti a persone dotate di specifiche competenze (anche tramite delega) In determinati casi può non configurarsi responsabilità del DL La condotta di un lavoratore può avere rilevanza dal punto di vista penale quando tutti i soggetti obbligati abbiano adempiuto ai loro obblighi La colpa del lavoratore non esclude a priori quella del datore di lavoro salvo che non sussistano i caratteri dellabnormità ed assoluta imprevedibilità

9 Il datore di lavoro nelle norme di tutela della sicurezza e salute dei lavoratori Il datore di lavoro è il primo destinatario delle norme antinfortunistiche. È una figura originaria che non deve essere istituita da nessuno. Gli obblighi del DL non si esauriscono con indicare norme di prevenzione, ne va chiesta losservanza Il DL dispone ed esige losservanza delle norme di sicurezza e dei mezzi di protezione Il DL può avvalersi della collaborazione di altri soggetti È al vertice di una triade composta da datore di lavoro, dirigente/i, preposto/i.

10 DATORE DI LAVORO Chi e? SOGGETTO TITOLARE DEL RAPPORTO DI LAVORO CON IL LAVORATORE Il soggetto può dirsi responsabile dellimpresa o unità produttiva solo se titolare dei poteri decisionali e di spesa Cosa deve fare? (art. 18) individuare e valutare i rischi organizzare e gestire la prevenzione in azienda adottare le necessarie misure di sicurezza tecniche, organizzative e procedurali informare e formare i lavoratori sui rischi presenti in azienda

11 DIRIGENTE persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando lattività lavorativa e vigilando su di essa; SOVRINTENDE, ORGANIZZA, COORDINA E DISPONE NELLAMBITO DELLE COMPETENZE E DEI POTERI RICONOSCIUTIGLI Cosa deve fare? (art. 18) predisporre le misure di sicurezza in sintonia con il datore di lavoro impartire istruzioni e ordini precisi per la migliore esecuzione del lavoro vigilare affinché le istruzioni vengano eseguite incaricare i preposti affinché svolgano mansioni di controllo e vigilanza

12 PREPOSTO persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce lattuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa; con i corrispondenti poteri organizzativi e disciplinari senza i poteri/doveri di predisposizione di mezzi e strutture Cosa deve fare? (art. 19) segnalare le carenze o inefficienze dei sistemi di prevenzione e protezione far osservare le misure di prevenzione disposte dal datore di lavoro e dai dirigenti vigilare sui lavoratori

13 LAVORATORE persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Sono equiparati: i soci lavoratori di cooperative o di società; gli utenti dei servizi di orientamento o di formazione scolastica, universitaria e professionale avviati presso datori di lavoro; gli allievi degli istituti di istruzione ed universitari nei quali si faccia uso di macchine, apparecchi e attrezzature di lavoro in genere; i partecipanti a corsi di formazione professionale Cosa deve fare? (art. 20) osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro; non rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza, di segnalazione e di controllo; non compiere di propria iniziativa operazioni pericolose per la propria od altrui sicurezza; utilizzare correttamente i d.p.i.; segnalare immediatamente condizioni di pericolo; sottoporsi ai controlli sanitari

14 IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (art. 31) Cose ? Insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni allazienda finalizzati allattività di prevenzione e protezione dai rischi professionali Il responsabile del SPP deve avere attitudini, capacità e formazione adeguate

15 SPP può essere interno o esterno allazienda SERVIZIO INTERNO e composto da una o più persone designate dal datore di lavoro, in numero sufficiente e con le capacità necessarie Il datore di lavoro può svolgere anche direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione nel caso di: 1. Aziende artigiane e industriali (1) fino a 30 addetti 2. Aziende agricole e zootecniche fino a 30 addetti 3. Aziende della pesca fino a 20 addetti 4. Altre aziende fino a 200 addetti SERVIZIO ESTERNO deve essere adeguato come capacità, conoscenze e numero degli operatori alle caratteristiche dellazienda che lo incarica

16 Compiti del servizio di prevenzione e protezione (art. 33) individuazione dei fattori di rischio valutazione dei rischi individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, elaborazione delle misure preventive e protettive e dei sistemi di controllo di tali misure; elaborazione delle procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; proposte di programmi di informazione e formazione dei lavoratori; partecipazione alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica informazioni ai lavoratori

17 Medico competente Medico in possesso di: specializzazione in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica; docenza in medicina del lavoro o in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia e igiene del lavoro o in clinica del lavoro; autorizzazione di cui allarticolo 55 del decreto legislativo 15 agosto 1991, n. 277; specializzazione in igiene e medicina preventiva o in medicina legale. nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto.

18 Compiti MC (art. 25) Sorveglianza sanitaria Collaborazione alla prevenzione Informazione formazione educazione alla salute

19 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (art. 47) Chi è ? persona o persone elette o designate, in tutte le aziende o unità produttive, per rappresentare i lavoratori relativamente agli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro aziende che occupano sino a 15 dipendenti viene eletto direttamente dai lavoratori al loro interno può essere individuato per più aziende nellambito territoriale o del comparto produttivo aziende che occupano più di 15 dipendenti viene eletto o designato dai lavoratori: nellambito delle rappresentanze sindacali in azienda al loro interno (in assenza delle rappresentanze sindacali).

20 Novità sul RLS Potenziamento delle attribuzioni in materia di promozione e controllo Tentativo di definizione della competenza rappresentativa del RLST e di sito produttivo. Introduzione del cosiddetto election day (settimana europea per la salute)

21 Formazione del RLS Corsi da 32 a 64 ore, più aggiornamenti annuali Formazione RLS deve garantire acquisizione: di competenze tecnico – scientifiche per comprensione e corretta gestione del ruolo e svolgimento attività capacità di svolgere ruolo attivo nel processo gestionale della SSLL (tenuto conto delle difficoltà)

22 Competenze di base RLS Normativa vigente Rischi aziendali Misure tecniche organizzative e procedurali DPI danni per SS connessi a rischi aziendali Modalità di analisi di infortuni accaduti e mancati

23 Ruolo RLS Ruolo attivo di tipo cooperativo-partecipativo che richiede di: Saper recepire ed evidenziare criticità e rischi connessi allambiente di lavoro Saper comprendere e organizzare segnalazioni dei colleghi di lavoro Saper gestire rapporti con organismi aziendali e non

24 Articolo 50 - Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni; b) è consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda o unità produttiva; c) è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente; d) è consultato in merito allorganizzazione della formazione; e) riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali; f) riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza;

25 Articolo 50 - Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza g) riceve una formazione adeguata h) promuove lelaborazione, lindividuazione e lattuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e lintegrità fisica dei lavoratori; i) formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti, l) partecipa alla riunione periodica m) fa proposte in merito alla attività di prevenzione; n) avverte il responsabile della azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività; o) può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro.


Scaricare ppt "I soggetti della prevenzione aziendale nel nuovo quadro legislativo."

Presentazioni simili


Annunci Google