La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luca 13, 22-30 // 21 Tempo Ordinario –C- Autrice: Asun Gutiérrez. Musica: Bach. Concerto Violino e Orchestra. Adagio. Per entrare nel Regno, si deve passare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luca 13, 22-30 // 21 Tempo Ordinario –C- Autrice: Asun Gutiérrez. Musica: Bach. Concerto Violino e Orchestra. Adagio. Per entrare nel Regno, si deve passare."— Transcript della presentazione:

1

2 Luca 13, // 21 Tempo Ordinario –C- Autrice: Asun Gutiérrez. Musica: Bach. Concerto Violino e Orchestra. Adagio. Per entrare nel Regno, si deve passare per la porta del Vangelo, andare verso Gesù che ci dice (Gv 10,7.9) che la porta è Lui.

3 Passava per città e villaggi, insegnando, mentre camminava verso Gerusalemme. Nei Vangeli, il viaggio verso Gerusalemme manifesta la decisione di Gesù di compiere fedelmente la missione datagli dal Padre di annunciare e dare la vita: la buona Notizia fino alle ultime conseguenze.

4 Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Gesù non risponde direttamente alla domanda. Come fa di solito, dirá quanto è utile e conveniente a chi lo ascolta. Non risponde su quanti si salvano, ma dice che cosa si deve fare per la salvezza. La salvezza non è tanto questione di volontà e di dovere quanto di dialogo e di desiderio. E accogliere Gesù, lasciarsi salvare, amare, illuminare da Lui. Seguire i suoi passi

5 Rispose: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi, ma non ci riusciranno. Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: Signore, aprici. Ma egli vi risponderà: Non vi conosco, non so di dove siete. Lo sforzo per entrare per questa porta non consiste nello stretto rigorismo, sterile, opprimente e superficiale, proprio dei farisei, che Gesú condanna tante volte. Gesù chiama alla radicalità – andare alla radice -, alla conversione. Ci invita allimpegno per vivere una nuova vita, un nuovo modo di entrare in relazione con le cose, con le persone e con Dio. Sforzarci è mettere in pratica il messaggio liberatore di Gesù. Accogliere la Parola. Vivere il suo Vangelo. Gesù è lunica Porta, sempre aperta. Non ce nè altre. Betlemme. Porta dellUmiltà

6 Dice Gesù che per entrare nel Regno bisogna passare per la porta stretta; la porta per la quale si passa uno alla volta, uno dietro laltro.Passare uno per volta aiuta a capire i veri motivi per cui cerchiamo di entrare nel Regno, a rispondere personalmente allinvito, a convincerci che chi porta molto bagaglio non passa per questa porta.Passare uno dopo laltro dice che non siamo soli, che qualcuno è davanti e ci può dare una mano e che posso aiutarne altri porgendo la mia mano. La porta è stretta perché entrano per essa quanti diventano come bimbi, i semplici, i piccoli. E la porta che ci libera, ci riempie di fiducia, di attesa e di speranza. E la porta che ci conduce alla gioia.

7 Allora comincerete a dire: Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze. Ma egli dichiarerà: Vi dico che non so di dove siete. Allontanatevi da me voi tutti operatori d'iniquità! Là ci sarà pianto e stridore di denti quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio e voi cacciati fuori. Il Regno di Dio segue un protocollo inverso rispetto alle società della terra. Qui i privilegi non contano, né le tradizioni, ma la disponibilità di ognuno. La fede in Gesú non richiede di essere segnati in un libro né di partecipare a cerimonie religiose. Davanti a Dio conta solo la fedeltà al messaggio di Gesù tradotto in opere, lamore che si rende visibile nel quotidiano. Le parole di Gesù chiedono di sostituire i sacrifici antichi con la fede, i comandamenti di Mosè con il Vangelo, di essere cristiani che scoltano la parola e la mettono in pratica. Lassenza di impegno personale provoca lautoesclusione dal Regno.

8 Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, ci sono alcuni tra gli ultimi che saranno primi e alcuni tra i primi che saranno ultimi». Gesù usa spesso limmagine del banchetto. E un modo per chiarire che il Regno è pienezza, gioia, accoglienza, solidarietà, fratellanza...Linvito è una offerta per tutti. Il Regno non è il patrimonio di alcuni, né si raggiunge con il potere o con i privilegi. E un dono che godono quanti lavorano per lui, credenti o no. Credersi in possesso del Regno o della verità, con il diritto di giudicare, scomunicare ed emarginare altri, è vivere fuori della dinamica del Regno. Gesù parla, una volta di più, del fatto che ci attendono grandi sorprese. Per fortuna, i criteri del Regno sono del tutto diversi dai nostri. Ci saranno invitati che, quanti si consideravano i primi, non pensavano di trovarvi.

9 Crediamo che la nostra terra, la nostra città, il nostro quartiere e la nostra comunità sono state e ancora sono dimora di Dio tra noi. Crediamo che Egli asciuga le lacrime dei poveri e degli emarginati del mondo. Crediamo che Dio è il principio e il fine delle nostre vite. Crediamo che Egli ci dona acqua viva, che ci fa figli e figlie suoi. Crediamo che avrà per i deboli e gli oppressi cieli e terra nuovi, senza dolore né pianto, con pace, giustizia e felicità. Crediamo che è questo è possibile, se ci impegniamo a farlo realtà. Ulibarri Fl. Ulibarri Fl.


Scaricare ppt "Luca 13, 22-30 // 21 Tempo Ordinario –C- Autrice: Asun Gutiérrez. Musica: Bach. Concerto Violino e Orchestra. Adagio. Per entrare nel Regno, si deve passare."

Presentazioni simili


Annunci Google