La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Salute mentale: il modello territoriale. Le politiche per la salute mentale negli indirizzi dellOMS: la Dichiarazione di Helsinky. Università degli Studi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Salute mentale: il modello territoriale. Le politiche per la salute mentale negli indirizzi dellOMS: la Dichiarazione di Helsinky. Università degli Studi."— Transcript della presentazione:

1 Salute mentale: il modello territoriale. Le politiche per la salute mentale negli indirizzi dellOMS: la Dichiarazione di Helsinky. Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2010/2011

2 stop exclusion, dare to care contro lesclusione, il coraggio di prendersi cura myths hurt, face them facts help, use them le credenze feriscono, affrontale i fatti aiutano, usali (OMS – Giornata Mondiale della Salute Mentale, 2001)

3 Organizzazione Mondiale della Sanità Conferenza Ministeriale europea sulla Salute mentale Helsinki, Finlandia, gennaio 2005 Dichiarazione sulla Salute mentale per lEuropa Affrontare le sfide, creare le soluzioni i. la promozione del benessere mentale; ii. la lotta contro lo stigma, la discriminazione e l'esclusione sociale; iii. la prevenzione dei problemi legati alla salute mentale; iv. lassistenza alle persone con problemi di salute mentale, con lofferta di servizi ed interventi integrati ed efficaci, che prevedano la partecipazione e la possibilità di scelta dei pazienti e dei loro carers; v. il recupero e il reinserimento nella società di coloro che hanno sofferto di gravi problemi di salute mentale.

4 7. Offrire assistenza efficace in servizi di comunità alle persone che soffrono di gravi problemi di salute mentale Sfida In tutta la Regione si stanno compiendo progressi nel riformare l'assistenza nel settore della salute mentale. È essenziale riconoscere e sostenere il diritto delle persone a ricevere i trattamenti e gli interventi più efficaci e di essere esposti, al tempo stesso, ai minori rischi possibili, sulla base delle aspettative e delle esigenze individuali e tenendo nella debita considerazione la cultura e la religione di appartenenza, il sesso e le aspirazioni.

5 7. Offrire assistenza efficace in servizi di comunità alle persone che soffrono di gravi problemi di salute mentale (2) Le evidenze e le esperienze in molti paesi supportano la necessità di sviluppare una rete di servizi di comunità, che includono come ultima risorsa anche i letti d'ospedale. Nel ventunesimo secolo non c'è posto per trattamenti e cure inumane e degradanti nelle grandi istituzioni: un numero sempre crescente di paesi ha chiuso la maggior parte dei propri ospedali psichiatrici e sta attualmente realizzando efficaci servizi di comunità. Una considerazione particolare va data alle esigenze emotive, economiche ed educative delle famiglie e degli amici, che spesso si occupano in modo intensivo dellassistenza e della cura e che altrettanto spesso hanno bisogno a loro volta di essere sostenuti.

6 Azioni da considerare Potenziare le capacità dei pazienti e dei carers di accedere ai servizi di salute mentale e di prendersi la responsabilità per le proprie cure insieme ai professionisti coinvolti. Progettare e realizzare servizi specialistici di comunità accessibili 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, con équipes multidisciplinari, che possano prendere in carico persone con problemi gravi quali schizofrenia, disturbi bipolari, depressione grave o demenza. Garantire assistenza nelle situazioni di crisi, fornendo servizi nei luoghi in cui le persone vivono e lavorano, prevenendo ogni qualvolta sia possibile il peggioramento o lospedalizzazione, che va prevista esclusivamente per chi ha problemi molto gravi e/o rischia molto per la sua immagine, i suoi diritti, la sua dignità. Offrire in contesti di comunità trattamenti completi ed efficaci, psicoterapie e cure farmacologiche con il minor numero possibile di effetti collaterali, in particolare per i giovani che manifestano un primo episodio di disturbo mentale.

7 Azioni da considerare (2) Garantire alle persone con problemi di salute mentale l'accesso alle medicine necessarie a un costo sostenibile tanto dal sistema sanitario quanto dal singolo, al fine di raggiungere lappropiatezza della prescrizione e delluso dei farmaci. Sviluppare servizi di riabilitazione che mirino a migliorare l'inclusione delle persone nella società, e che siano al contempo attenti all'impatto delle disabilità correlate ai problemi di salute mentale. Offrire servizi alle persone con bisogni di salute mentale che si trovano in contesti non specialistici quali, ad esempio, ospedali generali o carceri. Offrire ai carers e alle famiglie una valutazione delle loro esigenze emotive ed economiche, e coinvolgerli nei programmi di cura.

8 Azioni da considerare (3) Elaborare programmi in grado di migliorare le competenze e le capacità delle famiglie e dei carers. Verificare se i programmi d'assistenza sociale tengono conto del costo economico delle cure. Pianificare e finanziare programmi modello che possano essere utilizzati per la diffusione delle informazioni. Identificare e sostenere persone autorevoli e rispettate dai loro pari che possano diffondere pratiche innovative.

9 Azioni da considerare (4) Elaborare linee guida per le buone prassi e monitorarne la realizzazione. Introdurre diritti legali per consentire alle persone soggette a trattamenti non volontari di operare una autonoma scelta di tutela. Introdurre o rafforzare legislazioni e regolamenti che salvaguardino gli standard di qualità delle cure, inclusa la cessazione dei trattamenti e degli interventi disumani e degradanti. Attivare un sistema di vigilanza mirante a rafforzare le buone prassi e a far cessare gli abusi e l'indifferenza nel settore della salute mentale.

10 i numeri della salute mentale il 25 % dei cittadini soffre di disagio psichico rilevante il 2 % di disturbo mentale severo il 40 % di un disturbo mentale nellarco della vita nel 2000 un milione di persone si è tolta la vita! un gran numero di persone sono, ancora oggi, rinchiuse in manicomio

11 Scrive Michel Foucault:Per semplificare, lumanesimo consiste nel voler cambiare il sistema ideologico senza toccare listituzione; il riformismo nel cambiare listituzione, senza toccare il sistema ideologico. Lazione rivoluzionaria si definisce al contrario come una scossa simultanea della coscienza e dellistituzione

12 L organizzazione dei servizi per la salute mentale

13 lapplicazione della 180 ventennio 78-98: sperimentazione della riforma I o progetto obiettivo tutela salute mentale 1994 – tappa storica II o progetto obiettivo tutela salute mentale : - conferma i contenuti della legge il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) diventa la struttura organizzativa e di coordinamento

14 il il progetto obiettivo tutela salute mentale Utile allo sviluppo qualitativo e quantitativo dellassistenza psichiatrica per 5 ragioni fondamentali: 1)superamento definitivo OP 2)individua nel DSM il modello organizzativo più idoneo per continuità terapeutica e unitarietà degli interventi 3)definisce il DSM come un insieme integrato di strutture e servizi con una direzione ed un coordinamento unici 4)SPDC anche se collocato in un Ospedale generale, è parte intergrante del DSM 5)impone la verifica della qualità dei servizi e degli interventi

15 il dipartimento di salute mentale

16 compiti del DSM terapeutici riabilitativi di reintegrazione sociale

17 compito terapeutico attività psichiatriche ambulatoriali e domiciliari, interventi durgenza e di risposta alla crisi

18 compito riabilitativo agire per sviluppare le capacità della persona, poche o tante che siano, migliorare la sua autonomia e le sue relazioni

19 compito di reintegrazione sociale creare le condizioni necessarie per includere la persona nella vita collettiva (programmi terapeutici e riabilitativi, risorse economiche e relazionali, opportunità lavorative ed abitative)

20 le unità operative del DSM ( Progetto Obiettivo) Centro di Salute Mentale (CSM) Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) Strutture residenziali e semi- residenziali (SR)

21 il DSM di Trieste 4 CSM 24 h (2 x 8 p.l.territoriali, 2 x 6) 1 Clinica Psichiatrica Universitaria/CSM (8 p.l. di cui 4 territoriali) 1 Servizio Abilitazione e Residenze (SAR)(coordina le cooperative sociali, la formazione e linserimento lavorativo) 1 SPDC(6 p.l. presso lospedale generale)

22 il centro di salute mentale Luogo di accoglimento e di scambio, occasione di rapporto, possibilità di stare almeno temporaneamente fuori da una situazione familiare difficile

23 il csm per funzionare bene dovrebbe: Intervenire su una popolazione compresa tra i e gli abitanti Essere facilmente accessibile e raggiungibile senza difficoltà anche con i mezzi di trasporto pubblico

24 Riconoscimento e gestione della crisi nel centro sulle 24 ore Programmi terapeutici riabilitativi individualizzati Protagonismo, partecipazione e coinvolgimento dellutenza In/formazione per i familiari funzioni, attivita, programmi del CSM

25 promozione di attività di auto aiuto facilitazione percorsi dellassociazionismo attività ricreative e ludiche attività di formazione di base, professionale e di impresa sociale, inserimento lavorativo servizio di consulenza in carcere integrazione con distretti sanitari

26 funzioni, attivita, programmi del CSM Coinvolgimento medico di famiglia (Tutor di salute) Prevenzione del disagio legato alla solitudine degli anziani (Progetto Amalia) Prevenzione suicidio (Progetto Telefono Speciale) Differenze di genere e salute mentale Rapporti con le agenzie culturali della città

27 il servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC) Linterfaccia tra ospedale e territorio

28 il servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC) struttura per le urgenze/emergenze collocato allinterno di un ospedale generale aperto 24h al giorno 7 giorni su 7 luogo di transizione (uso improprio in molte realtà) attua TSO e TSV in condizioni di ricovero consulenza psichiatrica alle altre divisioni ospedaliere e al p.s.

29 collegato al DSM " (amministrativamente, funzionalmente, operativamente) un p.l. ogni abitanti max 16 posti letto spazi adeguati per garantire il rispetto della privacy e dei diritti anche per le persone in TSO spazi per attività comuni porte aperte no contenzione il servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC)

30 S.P.D.C. ridurre la durata del ricovero ospedaliero, in linea con il principio della territorialità della cura ricovero mai sostitutivo della presa in carico del csm ma soltanto uneccezione motivata da esigenze del tutto particolari possibilita di mantenere contatti con il proprio ambiente per un piu agevole superamento delle situazioni di crisi garantire la presa in carico da parte del CSM, la continuità e la territorialità della cura

31 le Strutture Residenziali Rispondere al bisogno abitativo delle persone

32 le Strutture Residenziali (come previsto dal Progetto Obiettivo) Strutture extraospedaliere in cui si svolge parte del programma terapeutico, riabilitativo e di integrazione sociale Fornire rete di rapporti e opportunità emancipative non solo una soluzione abitativa Collocazone in aree urbanizzate e facilmente accessibili

33 le Strutture Residenziali (come previsto dal Progetto Obiettivo) Gestione DSM o Privato sociale e/o imprenditoriale (DSM titolare del progetto) Accesso e dimissioni in base a programma terapeutico personalizzato concordato con operatori CSM, operatori SR, persona, familiari e/o altre persone di riferimento 2 posti/ abitanti

34 - comunità terapeutica - gruppi appartamento - case alloggio o nuclei di convivenza le Strutture Residenziali

35 comunità terapeutica – struttura ad alta intensità terapeutico riabilitativa – operatori 24 h su 24 – particolarmente attivi programmi individuali abilitativi ed emancipativi le Strutture Residenziali

36 gruppi appartamento - operatori 12 h al giorno - persone con discreto livello di abilità e di autonomia - programmi individuali rivolti soprattutto allintegrazione sociale e a garantire una possibilità abitativa utile e dignitosa le Strutture Residenziali

37 case alloggio o nuclei di convivenza - più persone stimolate a vivere insieme e a condividere lappartamento e le spese di gestione - operatori solo alcune ore al giorno o per necessità - garantire integrazione con la struttura sociale circostante Assicurando loro un abitare dignitoso le Strutture Residenziali

38 : le Strutture Residenziali : cosa non dovrebbero essere Luoghi sostitutivi del manicomio Luoghi di abbandono passivo e cronico Luoghi di gestione della crisi psichiatrica

39 le strutture semiresidenziali Day Hospital (DH) Centro Diurno (CD)

40 Ospitano le persone di giorno Prevedono programmi terapeutico riabilitativi individuali e di gruppo Possono avere sede nella stessa struttura che ospita il CSM DH: Viene prestata particolare attenzione ai programmi terapeutici intensivi anche in condizioni di crisi CD: Viene prestata particolare attenzione ai percorsi di formazione e di socializzazione le strutture semiresidenziali


Scaricare ppt "Salute mentale: il modello territoriale. Le politiche per la salute mentale negli indirizzi dellOMS: la Dichiarazione di Helsinky. Università degli Studi."

Presentazioni simili


Annunci Google