La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ciascun confusamente un bene apprende nel qual si quieti lanimo, e disira: per che di giugner lui ciascun contende (Purgatorio, XVII, 127-129) Santo Natale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ciascun confusamente un bene apprende nel qual si quieti lanimo, e disira: per che di giugner lui ciascun contende (Purgatorio, XVII, 127-129) Santo Natale."— Transcript della presentazione:

1 Ciascun confusamente un bene apprende nel qual si quieti lanimo, e disira: per che di giugner lui ciascun contende (Purgatorio, XVII, ) Santo Natale 2013

2 Natività, Palermo (rubata il 18 ottobre 1969) Non temete, ecco vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia. (Luca 2,10-12)

3 C'è un annuncio che corre per l'aria della storia e giungerà fino alla fine. È l'eco di un avvenimento, di un fatto talmente originale da non credergli: "Dio fatto uomo". Il Natale è l'annuncio dell'avvenimento più impensabile, più apparentemente irrazionale, più contraddittorio che abbia attraversato la storia. Se Dio, cioè il Mistero premuroso, con le sue mani crea le fattezze del piccolo uomo, perché questo stesso Dio non può - proprio come suo metodo sistematico - avere con l'uomo un rapporto familiare? Così che la sua conoscenza sia, innanzitutto, attenzione a questa presenza familiare piuttosto che un grintoso affronto di una realtà enigmatica e lontana. Perché non potrebbe essere così?

4 Adorazione dei pastori, Messina Allora i pastori dicevano fra loro: Andiamo fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere Andarono dunque senza indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, che giaceva nella mangiatoia. (Luca 2, 15-16)

5 Ora, proprio dal passato giunge una notizia: il Mistero, ciò che i popoli chiamano «Dio», ha voluto comunicarsi a tutti gli uomini come un uomo, dentro un pezzo di tutta la realtà. Il Mistero nascosto da secoli, il termine del desiderio di felicità, quello che il cuore da sempre confusamente attende - tanto che sobbalza continuamente, parendogli di intuirlo in ogni cosa, in ogni attrattiva – si è fatto uomo. Si chiama «Natale» l'iniziale attuarsi del metodo con cui il Mistero si manifesta comunicandosi nella vita: l'incarnazione di Gesù di Nazareth, come risposta all'attesa di ogni cuore umano in tutti i tempi, che ha avuto la prima e più dignitosa intuizione nel genio ebraico. Si è fatto uomo

6 Per quei pastori, duemila anni fa, il rapporto con Dio, con il Mistero che fa tutte le cose, con ciò che il cuore da sempre attende, divenne d improvviso semplicissimo: bastava guardare.

7 Il Mistero ha scelto di entrare nella storia dell uomo con una storia identica a quella di qualsiasi uomo. Ad un certo punto si è posto e per chi lo ha incontrato quello è stato il grande istante della sua vita e della storia tutta, il grande istante in cui il cuore dell uomo ha incontrato il bene confusamente atteso.

8 E il verbo si è fatto carne ed abita in mezzo a noi e noi abbiamo visto la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità. (Giovanni 1, 14) Madonna dei pellegrini, particolare, Roma

9 Il Mistero, la felicità, ciò che il cuore da sempre desidera, abita ora nelle nostre strade, si offre, tra le braccia di sua Madre, allo sguardo stupito dell uomo povero, di chi sente sé come pellegrino dell assoluto, di chi sente sé come cercatore della felicità...

10 …mendicante della felicità

11 L avvenimento del Natale, Dio che si fa uomo, continua ad irrompere nelle nostre strade, chiamando l uomo a sé e facendolo diventare se stesso. Si chiama carità questo compimento dell uomo, questa inattesa possibilità di amicizia tra gli uomini.

12 Vocazione di Matteo, Roma Gesù vide un uomo seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo, e gli disse: Seguimi. Ed egli si alzò e lo seguì. (Matteo 9,9)

13 Il Cristianesimo, oggi come duemila anni fa, è un Avvenimento che ha la forma di un incontro. E Cristo ha il corpo di Pietro, ha il corpo della Chiesa.

14 L Incarnazione non descrive solo l inizio del Cristianesimo, ma anche il metodo della sua permanenza nella storia. E attraverso una realtà umana che oggi Cristo si rende presente, proprio come duemila anni fa.

15 Nella sua concreta umanità Gesù non poteva vivere se non in una casa dove c'era un letto, dove c'erano tavoli e sedie, dove c'erano un padre e una madre: la casa di Nazareth, una presenza integralmente umana in cui c'è Dio. Questa è l'origine della «pretesa» cristiana, la Bibbia la chiama «dimora» o «casa di Dio».

16 E noi sappiamo quanto desideriamo anche inconsapevolmente un luogo in cui riposare e vivere rapporti in pace, cioè riscattati dalla menzogna, dalla violenza e dal nulla in cui tutto tenderebbe altrimenti a finire.

17 Il Natale è la buona notizia che questo luogo c'è, non nel cielo di un sogno, ma nella terra di una realtà carnale.

18 Cari auguri di un Santo Natale Viene il Natale per assicurare la gioia alluomo: luomo raggiungerà la felicità, che è lo scopo della vita. La sicurezza della gioia! La certezza di questo è necessaria per vivere, e la certezza cè quando si è in compagnia. Cristo è la suprema compagnia che Dio fa alluomo. (Don Luigi Giussani)


Scaricare ppt "Ciascun confusamente un bene apprende nel qual si quieti lanimo, e disira: per che di giugner lui ciascun contende (Purgatorio, XVII, 127-129) Santo Natale."

Presentazioni simili


Annunci Google