La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Asti, 22 marzo 2006 Asti, 22 marzo 2006 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Direzione Finanziamenti Pubblici Il prodotti e i servizi offerti da CDP.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Asti, 22 marzo 2006 Asti, 22 marzo 2006 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Direzione Finanziamenti Pubblici Il prodotti e i servizi offerti da CDP."— Transcript della presentazione:

1 Asti, 22 marzo 2006 Asti, 22 marzo 2006 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Direzione Finanziamenti Pubblici Il prodotti e i servizi offerti da CDP

2 Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 Fondo rotativo alla progettualità Prestito Flessibile di Scopo I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Appendice Lista Contatti I programmi di rimodulazione

3 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Ai sensi dellArticolo 5 del D.L. 239/2003, Cassa depositi e prestiti S.p.A. (CDP) ha assunto la sua attuale veste di Società per Azioni nel dicembre 2003, dopo essere stata unAmministrazione dello Stato sin dalla sua costituzione nel La trasformazione ha comportato la suddivisione delloperatività della CDP in due distinte divisioni, separate sotto il profilo contabile ed organizzativo: la Gestione Ordinaria e la Gestione Separata.

4 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Lattività di finanziamento dei gestori di servizi pubblici locali e di altre società della specie sarà sviluppata gradualmente con una logica di mercato nellambito della Gestione Ordinaria. La Gestione Separata rappresenta la continuità dellattività istituzionale della CDP, che si esplica nel finanziamento degli investimenti dello Stato, delle regioni, degli enti locali, degli enti pubblici e degli organismi di diritto pubblico.

5 CDP/Gestione Separata Il decreto del MEF del 6 ottobre 2004 definisce le condizioni generali ed economiche degli impieghi della gestione separata e ne riafferma la natura di servizio di interesse economico generale: Articolo 10, comma 1 I finanziamenti della gestione separata della CDP costituiscono un servizio di interesse economico generale e, in quanto tali,sono regolati in base a criteri che garantiscono accessibilità, uniformità di trattamento predeterminazione e non discriminazione.

6 I cambiamenti organizzativi La CDP ha intrapreso, già a partire dal 2004, un profondo processo di innovazione, nella struttura organizzativa e nei prodotti, finalizzato a garantire una risposta sempre più efficace alle esigenze della propria clientela istituzionale ed adeguata al contesto operativo in continuo mutamento. Nel corso del 2005, per rafforzare il suo ruolo di principale supporto e riferimento per le politiche di investimento degli enti territoriali, ha istituito due nuove direzioni DGSPS e DIGO ed istituito un settore interamente dedicato alla gestione delle relazioni con gli Enti Locali e allo sviluppo di nuovi prodotti. Nel 2005 la CDP ha concesso oltre 14 miliardi di euro di finanziamenti per la realizzazione di opere di interesse pubblico, con un incremento di circa il 50% rispetto al 2004.

7 Le innovazioni relative ai finanziamenti per gli Enti Locali La CDP, confermando la propria mission ha avviato una generale revisione dellattività di finanziamento agli Enti Locali. La trasformazione ha consentito più flessibilità e tempestività nella determinazione dei tassi, favorendo una maggiore adeguatezza alle condizioni di mercato e alle esigenze degli Enti. Con il 2005 si è realizzato: la revisione dei saggi di interesse è passata su base settimanale; 2 Programmi di rimodulazione (maggio-novembre) di cui il secondo interamente gestito telematicamente; il lancio del Prestito Flessibile (circ. 1263) ; lavvio della sottoscrizione di prestiti obbligazionari offerti in pubblica sottoscrizione; costituzione di un servizio di consulenza per la realizzazione di partenariati pubblico-privato.

8 CDP – Struttura organizzativa attuale La Direzione Finanziamenti Pubblici (DFP) svolge unattività dedicata al contatto con gli Enti, allo sviluppo di nuovi prodotti, alla concessione ed erogazione di finanziamenti. La Direzione Finanza (DF) si occupa di: strutturazione prodotti, coperture finanziarie e gestione operativa dei rischi, accesso ai mercati, raccolta sul mercato dei capitali presso investitori istituzionali, monitoraggio dei flussi di liquidità, gestione partecipazioni. La Direzione Infrastrutture e Grandi Opere (DIGO) cura la strutturazione di operazioni di finanziamento di opere e progetti infrastrutturali realizzati da soggetti non della P.A.. La Direzione Gestione e Supporto Politiche di Sviluppo (DGSPS) sviluppa e gestisce Fondi Speciali Rotativi e fornisce servizi di consulenza alla P.A. Presidenza e CDA Direzione Generale Direzione Finanziamenti Pubblici Legale e Affari Societari Amministrazione e Bilancio Risk Management Aree di staff Direzione FinanzaDirezione Infrastrutture Grandi Opere La relazione commerciale con gli Enti è centralizzata nella DFP, con lobiettivo di fornire alla clientela un interlocutore unico e con competenze trasversali sulla gamma dei prodotti. Direzione Gestione e Supporto Sviluppo

9 Direzione Gestione e Supporto Politiche di Sviluppo Attività di supporto alle Amministrazioni Pubbliche in unottica di sviluppo, rafforzamento e razionalizzazione della loro capacità dinvestimento. La consulenza si configura: -economico-finanziaria: valutazione di Business Plan, analisi di cash flow,supporto alle analisi di mercato, analisi dei rischi, valutazione analisi costi benefici -giuridico-amministrativa: verifica procedure amministrative, allocazione dei rischi, elaborazione di schemi di contratti e concessioni, analisi e verifica strutturazioni societarie

10 Consulenza

11 Contatti – Consulenza Bernardo BINI SMAGHI Responsabile Consulenza ad interim Ermanno CATELLA Settore Consulenza Tel.: Maria R. NUZZO Settore Consulenza Tel.:

12 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Raccolta postale CDP Finanziamenti Pubblici Regioni Stato Enti locali Organismi di diritto pubblico appartenenti alla PA (*) Enti pubblici Gestore A CDP Finanziamenti Infrastrutture Raccolta sul mercato dei capitali Gestore B Gestore C Gestore … (*) Classificati secondo i criteri di contabilità nazionale SEC 95 quali Pubbliche Amministrazioni – Manuale sul Debito Pubblico della Commissione Europea FONDI ex L. SPECIALI CDP Finanziamenti Pubblici Beneficiario A Beneficiario B Beneficiario C

13 Segmentazione clientela Al fine di rispondere in maniera mirata alle diverse esigenze degli Enti, la clientela è stata suddivisa in due categorie: Grandi Enti ed Enti. GRANDI ENTI Stato Regioni Province con popolazione > ab. Comuni con popolazione > ab. Enti pubblici Organismi di diritto pubblico ENTI Province con popolazione < ab. Comuni con popolazione < ab

14 Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 Fondo rotativo alla progettualità Prestito Flessibile di Scopo I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Appendice Lista Contatti I programmi di rimodulazione

15 Prestito Flessibile: unico nel suo genere Si tratta di una modalità di prestito a medio-lungo termine, che consente di contrarre un debito per un ammontare in linea con le esigenze di finanziamento in funzione dello stato di avanzamento lavori. Principali vantaggi della flessibilità: Oneri finanziari calcolati solo sulla somma effettivamente erogata. P ossibilità di riduzione dellimporto del finanziamento in relazione alleffettiva spesa di investimento. Possibilità di rinuncia a costo nullo in caso di non realizzazione dellopera. Possibilità di allungare la durata del pre- ammortamento fino a 5 anni. Opzione per trasformare, con cadenza annuale, il tasso dinteresse da variabile a fisso.

16 Prestito Flessibile Ambito Soggettivo Il Prestito Flessibile di Scopo sarà inizialmente disponibile per comuni e province a copertura di soli investimenti o piani integrati di investimento. -Si può chiedere il finanziamento per la realizzazione di una singola opera oppure di un insieme di opere integrate, ossia funzionalmente e unitariamente orientate alla soddisfazione di una esigenza o di un bisogno (es.: scuola - strada di accesso - palestra), per i quali siano stati approvati i progetti definitivi/esecutivi. È ammesso il caso in cui lente beneficiario sia diverso dal pagatore purché il soggetto pagatore sia unico. Per il futuro è intenzione di consentire la fruibilità dello strumento anche ad altri soggetti debitori attualmente non compresi: Regioni e altri soggetti pubblici.

17 Prestito Flessibile di Scopo: LA STRUTTURA Bisogno Ente: Nellanno 2006 nasce per lEnte lesigenza di dare copertura finanziaria alla costruzione di una scuola. Costo di realizzazione stimato: complessivi euro 2, 5 mln Tempo di realizzazione stimato: 4 anni Ipotesi di richieste di erogazioni, in funzione del crono - programma dei lavori stimato, programmate come segue: - 25% nel primo anno (2007) - 25% nel secondo anno (2008) - 25% nel terzo anno (2009) - 25% nel quarto anno (2010) ipotesi di durata ammortamento: 24 anni Risposta Mutuo flessibile Caratteristiche: Finalità: finanziare opere infrastrutturali che richiedono un lungo periodo di realizzazione; Ammontare minimo: 2 milioni di euro; Durata complessiva: minimo 5 anni, massimo 30 anni; Rimborso: secondo un piano unico di ammortamento in relazione alla durata prescelta dal debitore; Durata pre-ammortamento: minimo 1 anno, massimo 5 anni dal 1° gennaio dellanno solare successivo alla stipula; Interessi: inizialmente a tasso variabile con opzione di trasformazione a tasso fisso.

18 Prestito Flessibile di Scopo: STRUTTURA gg/mm/aaaa (15/06/2006) DATA DI STIPULA TEMINE DEL PRE- AMMORTAMENTO 31/12/aaaa+4 (31/12/2010) PERIODO DI UTILIZZO PREAMMORTAMENTO (4 ANNI 6 mesi 15 gg) AMMORTAMENTO (24 ANNI) DURATA COMPLESSIVA DEL CONTRATTO tra 5 e 30 anni (28 anni 6 mesi e 15 gg) 31/12/aaaa+n (31/12/2034) ESEMPIO: copertura finanziaria alla costruzione di una scuola Le fasi: 1. STIPULA; 2. PRE-AMMORTAMENTO; 3. FINE DEL PERIODO DI UTILIZZO E DEL PRE-AMMORTAMENTO; 4. AMMORTAMENTO

19 Prestito Flessibile di Scopo: LA STIPULA Es :15/06/2006 La procedura per la contrazione del Prestito Flessibile di scopo ricalca quella prevista per il Prestito ordinario di scopo, descritta nella circolare CDP S.p.A. n. 1255/05.circolare CDP S.p.A. n. 1255/05 La documentazione per istruttoria è scaricabile dal sito internet della Cdp In questa fase lente determina: la durata del pre-ammortamento la durata dell ammortamento lammontare nominale del prestito. In questa fase viene inoltre fissato il piano unico di ammortamento e lo spread unico vigente nella settimana di perfezionamento del contratto. stipula

20 Prestito Flessibile di Scopo: FISSAZIONE DELLE CONDIZIONI stipula Es: 15/06/ gennaio del 1° anno solare successivo alla stipula (01/01/2007) 31/12 del 4° anno solare successivo alla stipula(31/12/2010) Il finanziamento nasce con una struttura a tasso variabile. Settimanalmente viene determinato lo Spread Unico, ossia la maggiorazione da applicare al parametro di riferimento (Euribor 6 mesi) per la determinazione del tasso di interesse variabile, per ciascuna combinazione di durata del preammortamento e dellammortamento.Spread Unico Pre-ammortamento

21 (*) Condizioni valide da: ore 12:00:00 del 17/02/06 a: ore 11:59:59 del 24/02/06 (**) Aumentati del periodo di tempo intercorrente tra la data di stipula del contratto e la fine del medesimo anno solare. Prestito Flessibile di Scopo: MATRICE SPREAD UNICI 0,218 p.p.a.

22 Prestito Flessibile di Scopo: COSE IL PIANO UNICO DI AMMORTAMENTO Il Prestito Flessibile prevede il rimborso del capitale in base al Piano Unico di Ammortamento, definito alla stipula del contratto.Piano Unico di Ammortamento Il Piano Unico individua in percentuale le quote capitale da corrispondere ad ogni scadenza della rata di ammortamento, indipendentemente dal regime degli interessi o dallandamento del mercato durante il periodo di pre-ammortamento. Ad ogni durata del periodo di ammortamento corrisponde un diverso Piano Unico di ammortamento.

23 Prestito Flessibile di Scopo: LA MATRICE DEL PIANO UNICO DI AMMORTAMENTO

24 Prestito Flessibile di Scopo: PIANO UNICO DI AMMORTAMENTO Le quote capitale da restituire saranno pari al prodotto tra il valore numerico inserito in percentuale nella tabella del Piano Unico di Ammortamento e limporto nominale del prestito (ovvero limporto nominale ridotto).

25 Prestito Flessibile di Scopo: IL PRE-AMMORTAMENTO stipula 15/06/2006 Inizio ammortamento (1/01/2011) Durante il periodo di pre-ammortamento lente paga semestralmente (31 luglio, 31 gennaio) gli interessi di pre-ammortamento solo sulle somme effettivamente erogate. Nellambito del periodo di preammortamento si definisce un periodo di utilizzo, che inizia dalla data di stipula del contratto e termina il 30 novembre precedente la data di fine periodo di preammortamento e durante il quale lente potrà richiedere erogazioni e prendere le proprie decisioni sul regime di interessi applicabile. Pre-ammortamento Periodo di utilizzo 30/11/2010

26 Lesercizio dellopzione di conversione tasso fisso Prestito Flessibile di Scopo: IL PRE-AMMORTAMENTO e lopzione di conversione tasso fisso Cosè? Su tutte le somme erogate e non opzionate fino a quel momento, per un minimo di ,00, durante il periodo di utilizzo (con esclusione dellultimo anno di pre-ammortamento), lente ha la possibilità di variare la struttura di tasso, passando dal tasso variabile al tasso fisso finanziariamente equivalente, per la durata residua del pre-ammortamento e dellintero ammortamento. Il calcolo degli interessi a Tasso Fisso avviene in termini di : Tasso Interest Rate Swap (IRS) + Spread Unico definito alla stipula del contratto Quando? Entro il 30 novembre di ogni anno solare. Lesercizio dellopzione avviene dietro formale richiesta dellente indirizzata alla CDP e diviene effettiva a partire dal 1° gennaio dellanno successivo allesercizio stesso.

27 Lesercizio dellopzione di inizio ammortamento Prestito Flessibile di Scopo: IL PRE-AMMORTAMENTO e lopzione di inizio ammortamento Cosè? Su tutte le somme erogate e/o da erogare non oggetto di precedenti opzioni a tasso fisso, lente ha la facoltà di variare la struttura di tasso, passando dal tasso variabile al tasso fisso finanziariamente equivalente per lintero periodo dammortamento. Quando? Entro la scadenza del periodo di utilizzo (30 novembre dellultimo anno del periodo di pre- ammortamento). Lesercizio dellopzione avviene dietro formale richiesta dellente indirizzata alla CDP e diviene effettiva a partire dal 1° gennaio dellanno successivo allesercizio stesso.

28 Prestito Flessibile di Scopo FACOLTA AL TERMINE PERIODO UTILIZZO PREAMMORTAMENTO E PERIODO DI UTILIZZO AMMORTAMENTO Ricognizione su: E=N E

29 Prestito Flessibile di Scopo FACOLTA AL TERMINE PERIODO UTILIZZO: 1. LA RIDUZIONE AUTOMATICA LA RIDUZIONE AUTOMATICA A COSTO NULLO Per beneficiare della riduzione automatica a costo nullo lente deve inviare a CDP una certificazione attestante che la somma già erogata è comunque sufficiente a realizzare lopera (oppure che a tal fine utilizzerà anche altri fondi presenti nel proprio bilancio, con la tassativa esclusione di fondi derivanti da eventuali altri finanziamenti contratti successivamente con altri istituti per lo stesso scopo). LA RIDUZIONE AUTOMATICA CON INDENNIZZO DI MANCATO UTILIZZO In assenza di tale certificazione CDP procederà ad una riduzione automatica applicando un indennizzo di mancato utilizzo. In entrambi i casi, la Somma Prestata sarà pari allimporto effettivamente erogato e le rate di ammortamento verranno calcolate solo su tale importo.

30 Prestito Flessibile di Scopo FACOLTA AL TERMINE PERIODO UTILIZZO: 2. LA CONVERSIONE Lente che non ha erogato lintero importo del prestito, può chiedere espressamente la concessione di un periodo di utilizzo aggiuntivo, coincidente con tutto il periodo di ammortamento. In tale periodo lente può avvalersi della facoltà di richiedere la messa a disposizione di: un importo pari alla differenza tra limporto nominale e quello erogato (conversione totale). un importo inferiore alla differenza tra limporto nominale e quello erogato (conversione parziale). In entrambi i casi anche limporto convertito si sommerà a quello già erogato costituendo la Somma Prestata, cioè l'importo che andrà in ammortamento alla data prestabilita. Sulle somme convertite e non ancora erogate nel periodo di ammortamento maturano interessi attivi calcolati come per i mutui ordinari della Cassa Depositi e Prestiti (circolare Cdp n. 1255).

31 Prestito Flessibile di Scopo AMMORTAMENTO PREAMMORTAMENTO E PERIODO DI UTILIZZO AMMORTAMENTO Gli interessi di ammortamento sono calcolati a tasso variabile e/o fisso a seconda dellesercizio delle opzioni nel periodo di pre-ammortamento. 3. PERIODICITA RATE Il pagamento delle rate di ammortamento avviene su base semestrale (il 30/6 ed il 31/12). Le Quote Capitale per il Periodo di Ammortamento sono linearmente crescenti al trascorrere del tempo (ammortamento alla francese). Ad ogni durata del periodo di ammortamento corrisponde un piano unico di ammortamento (da applicare a tutte le erogazioni). 2.CALCOLO DEGLI INTERESSI 1. TIPOLOGIA DI AMMORTAMENTO Lammortamento è pari ad un numero intero di anni solari (dal 1° gennaio al 31 dicembre), non inferiore alla durata del periodo di pre-ammortamento aumentata di 2 anni e, comunque, non inferiore a 4 anni. Il rimborso del capitale avviene in base al Piano Unico di Ammortamento, già definito alla stipula del contratto.Piano Unico di Ammortamento

32 Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 Fondo rotativo alla progettualità Prestito Flessibile di Scopo I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Appendice Lista Contatti I programmi di rimodulazione

33 Fondo per la Progettualità Finalità e Dotazione La L.549/95, successivamente modificata dall art. 70 L.Fin.289/02, ha istituito presso CDP il Fondo Rotativo per la Progettualità Gestione Accentrata in CDP SpA Destinazione della dotazione iniziale con riparto per finalità Meccanismo rotativo daccesso 400 mln Quota A fino al 30% 120 Mln Interventi Straordinari art.80 L.Fin 03 Piano straordinario edifici scolastici Quota B 42% 168 Mln Aree depresse Quota C 7% 28 Mln Infrastrutture Legge Obiettivo Quota D 21% 84 Mln Non Riservata

34 Fondo per la Progettualità Ambito Soggettivo Amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo Regioni e Province Autonome Province Comuni ed Unioni di Comuni Comunità Montane,Isolane o di Arcipelago Città Metropolitane Enti Pubblici ( consorzi,università, ACER/ATER) Enti locali Sono esclusi: Consorzi misti (pubblico-privato) Società per Capitali – Gestori Servizi Pubblica Utilità

35 Fondo per la Progettualità Ambito Oggettivo Spese finalizzate a studi per lindividuazione del quadro bisogni ed esigenze; studi di fattibilità; redazione progetti preliminari, definitivi, esecutivi; esperimento di concorsi di idee e progettazione. Limiti su quote B, C, D in termini di valore progetto comuni < 5000 ab.ti: min ; min per tutti altri beneficiari; ammontare massimo 10% del valore lavori e forniture. Non ammesse: spese per utilizzo risorse interne (spese correnti); spese per commissioni giudicatrici e relative ad atti per pianificazione o studi di fattibilità (urbanistica, piani dambito, STU).

36 Fondo per la Progettualità Fasi Progettuali e Spese Ammesse FaseSpesa Finanziabile Studio 1Studi ricognitivi bisogni/esigenze Documenti preparatori concorsi di idee Studio 2Studi di fattibilità Progettazione 3Documenti relativi progetti preliminari Documenti progetti /premio concorsi preliminari Progettazione 4Documenti componenti progetti definitivi Documenti progetti /premio concorsi definiti Progettazione5Documenti dei progetti esecutivi

37 Fondo per la Progettualità Termini e Condizioni Generali (*) Periodo Erogazione:entro 12 mesi dalla concessione per una fase; entro 18 mesi dalla concessione per 2 o più fasi; Riduzione:dufficio allo scadere del termine di erogazione Tasso dinteresse:a carico Stato Commissioninessuna Durata Anticipazione: Max. 3 anni dalla data di prima erogazione Rimborso: Unica soluzione entro il termine triennale; Mediante assunzione di mutuo CDP a 5 anni; Mediante addebito in conto del mutuo CDP di finanziamento dellopera. (*) circolare n.1250 del 25/3/2003

38 Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 Fondo rotativo alla progettualità Prestito Flessibile di Scopo I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Appendice Lista Contatti I programmi di rimodulazione

39 Finalità dei Programmi di Rimodulazione Attraverso lofferta su base ricorrente di Programmi di Rimodulazione CDP intende fornire agli Enti lopportunità di: gestire in modo attivo il proprio indebitamento; trarre vantaggio dal livello dei tassi di interesse riposizionando le rate del servizio del debito a livelli in linea con le condizioni del mercato corrente; rispondere ai criteri di convenienza economico-finanziaria; recuperare risorse finanziarie; modificare la durata del debito adeguandola alle proprie esigenze attraverso una modalità semplice e trasparente; modificare la struttura del debito tra tasso fisso/variabile, senza ricorrere a strumenti derivati; non interrompere lattività di erogazione sui finanziamenti interessati.

40 Programmi di Rimodulazione – Gestione Telematica Alla luce dellesperienza maturata, con la rimodulazione II/05, CDP ha introdotto una notevole innovazione procedurale. Per consentire una gestione più flessibile delle fasi di valutazione, analisi e adesione CDP ha creato nel proprio sito una apposita procedura telematica con accesso riservato ad ogni singolo ente destinatario dellofferta. Tale procedura attraverso una serie di finestre sequenziali consente di visualizzare le posizioni rimodulabili, effettuare delle simulazioni sulle variazioni della rate, selezionare tipologie di durata e tasso di interesse, stampare i contratti e lelenco delle posizioni prescelte. Attraverso il collegamento allambiente dedicato alla gestione personalizzata del proprio debito lEnte è in grado di ottenere tutti i parametri di valutazione con la trasparenza e predeterminazione tipica delle offerte CDP

41 Login di accesso Programmi di Rimodulazione – Gestione Telematica

42 Indice dei contenuti La nuova Organizzazione della CDP La gestione separata e la gestione ordinaria Le innovazioni 2005 Fondo rotativo alla progettualità Prestito Flessibile di Scopo I Nuovi Strumenti e Servizi per gli Enti Locali Appendice Lista Contatti I programmi di rimodulazione

43 Numero verde Indirizzo assistenza Web Supporto e assistenza - Riferimenti utili

44 Contatti – Grandi Enti Gianluca MANCA Gestore Grandi Relazioni Tel.: REGIONI Giancarlo AZZOLIN Gestore Nord Tel.: Fabio MAISTO Gestore Sud Tel.: Tiberio Gracco SPINELLI Gestore Centro Tel.: PROVINCE, COMUNI, ALTRI ENTI Tatiana DI TELLA Gestore Centro Tel.: Fabio MAISTO ad interim Gestore Sud Tel.: Marco VILLANI Gestore Nord-Est Tel.: Cristian VIRGILI Gestore Nord-Ovest Tel.: Luca SILLA Responsabile Gestori Grandi Enti Tel.:

45 Contatti – Assistenza Enti Fabrizio ALESSE Assistenza Clienti Basilicata Calabria Campania Tel.: Massimo CUNTO Assistenza Clienti Puglia Sardegna Sicilia Tel.: Stefano MARZULLI Responsabile Assistenza Clienti ad interim Anna DARI Assistenza Clienti Area Centro Tel.: Maria Rita STEFANO Assistenza Clienti Area Nord Tel.:


Scaricare ppt "Asti, 22 marzo 2006 Asti, 22 marzo 2006 Cassa depositi e prestiti S.p.A. Direzione Finanziamenti Pubblici Il prodotti e i servizi offerti da CDP."

Presentazioni simili


Annunci Google