La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Mauro Gori Responsabile Attività economico-finanziarie Legacoop Firenze – 9 Settembre 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Mauro Gori Responsabile Attività economico-finanziarie Legacoop Firenze – 9 Settembre 2009."— Transcript della presentazione:

1 AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Mauro Gori Responsabile Attività economico-finanziarie Legacoop Firenze – 9 Settembre 2009

2 Il Ministero dellEconomia e delle Finanze, lAbi ed associazioni imprenditoriali, tra cui Legacoop e Confcooperative, hanno sottoscritto il 3 agosto un Avviso Comune che offre la possibilità alle imprese di sospendere parte dei pagamenti e di allungare le scadenze del debito anche a breve termine Ladesione delle banche è volontaria e diventa operativa entro 45 gg. dalladesione (lelenco delle banche che hanno aderito è sul sito in unapposita sezione dedicata Avviso comune – sospensione debiti PMI). Le imprese possono presentare domanda alla banca a partire dalla data in cui la banca ha aderito allavviso. La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 30 giugno 2010.www.abi.it Laccordo fissa le condizioni minime, lasciando alle singole banche o ad accordi su basi territoriali (vedi quello della Campania) la definizione di eventuali condizioni migliorative. 2

3 A latere, il Ministero dellEconomia ha annunciato per settembre listituzione di un manuale concreto on line, da mettere in tutte le sedi bancarie, postali e delle associazioni di categoria, per attivare una serie di meccanismi che comprendono lintervento della CDDPP, della SACE e della BEI 3

4 O PERAZIONI P REVISTE sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale o delle rate del mutuo; sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni operazioni di leasing rispettivamente immobiliare ovvero mobiliare; allungamento a 270 gg delle scadenze del credito a breve termine per sostenere le esigenze di cassa, con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi ed esigibili (anticipo SBF, anticipi su fatture, tutte le operazioni di smobilizzo dei crediti). 4

5 O PERAZIONI P REVISTE non sono ammessi i finanziamenti su anticipazioni su contratti; non sono ammessi i mutui con agevolazione pubblica (conto interessi e/o capitale); non è ammesso il leasing operativo (il leasing finanziario sì). I crediti cartolarizzati non sono, in via di principio, esclusi, anche se lAvviso Comune è rivolto alle banche.. La banca potrà attivarsi verso la società veicolo, valutando caso per caso. 5

6 I MPRESE AMMISSIBILI Le piccole e medie imprese: come da normativa comunitaria (non più di 250 dipendenti a tempo indeterminato o determinato e un fatturato annuo minore di 50 milioni di euro – oppure un attivo totale di bilancio fino a 43 milioni); con adeguate prospettive economiche ed in grado di provare la continuità aziendale; in bonis con la banca alla data del 30 settembre 2008 (no sofferenze, partite incagliate, ristrutturate, scadute e/o sconfinanti deteriorate e non deteriorate); con rate in scadenza o già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da non più di 180 gg alla data di presentazione della domanda. 6

7 Durante e dopo la predisposizione dellAvviso comune Legacoop ha chiesto che siano considerate ammissibili anche le pmi che rispettano i limiti comunitari quanto a volumi di fatturato e non quanto a numero di addetti. LAvviso indica le condizioni di base, che il singolo istituto o accordi di altro tipo possono migliorare. 7

8 C ONDIZIONI Il piano di ammortamento viene traslato, ossia, la quota capitale non pagata nel periodo di sospensione, viene sommata al debito residuo in linea capitale, determinando il ricalcolo del piano di ammortamento. Il piano di ammortamento slitta in avanti per un periodo uguale alla sospensione accordata, senza alterare le sequenza e limporto delle quote capitali. Per quanto attiene agli interessi resta valido quanto contrattualmente concordato (tasso, periodicità, ecc.) 8

9 C ONDIZIONI Per il periodo di sospensione del mutuo si pagano gli interessi relativi alla prima rata sospesa. Le operazioni di sospensione delle rate (per quanto attiene al capitale) e lallungamento dei termini di scadenza non comportano laddebito di oneri, se non il rimborso delle eventuali spese vive sostenute dalla banca verso terzi. 9

10 C APITALIZZAZIONE Obiettivo: rafforzare patrimonialmente le pmi. Strumento: apposite linee di finanziamento per le imprese che realizzano aumenti di capitale. 10


Scaricare ppt "AVVISO COMUNE PER LA SOSPENSIONE DEI DEBITI DELLE PMI Mauro Gori Responsabile Attività economico-finanziarie Legacoop Firenze – 9 Settembre 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google